MIRELLA GREGORI / IN USCITA UN LIBRO SULLA SUA SCOMPARSA

Condividi questo articolo

Già si parla troppo poco del caso di Manuela Orlandi. Ma ancor meno del giallo di Mirella Gregori.

Ora finalmente esce un libro “Mirella Gregori, storia di una scomparsa”, autore il giornalista Mauro Valentino e prefazione di Pietro Orlandi, il fratello di Manuela.

Il solito quesito che in questi casi ci si pone: potrà servire a far riaprire le indagini? Come scalare l’Everest, visto che l’omologa vicenda di Manuela Orlandi, che pure ha visto negli ultimi mesi grosse novità (la permanenza a Londra a metà anni ’90 pagata dal Vaticano), non fa segnare per ora nessuno sviluppo sotto il profilo giudiziario, con una procura capitolina del tutto inerte.

Mostra però ottimismo l’autore: “Credo che nel libro ci siano alcuni elementi importanti per riaprire il caso. Riportando le indagini a livelli più credibili, lontani quindi da quegli scenari internazionali e vicende vaticane in cui si è impantanata”. Ci sorge qualche perplessità, a tal proposito, visto che quella di Manuela è invece tutta dentro le mura vaticane con ovvie implicazioni estere.

Ma proseguiamo. “A cominciare dal luogo della scomparsa – osserva Valentino – dalla citofonata con cui Mirella viene attirata nella trappola. Si dovrebbe tornare a quel maledetto 7 maggio 1983, a ciò che accadde in quei minuti. Credo che gli attori possibili di questo crimine siano pochi e tutti legati a quel crocicchio di vie divise dalla statua del Bersagliere (a piazzale di Porta Pia, ndr), dove Mirella disse di avere un appuntamento”.

E aggiunge: “Mesi fa ci furono delle rivelazioni di un monsignore novantenne, anonimo, il quale raccontò che Mirella sarebbe fuggita di casa con la promessa di restare nascosta per qualche giorno, e in cambio avrebbe avuto in regalo un motorino Ciao. Sarebbe rimasta in un appartamento all’Anagnina, poi uccisa e il cadavere gettato nel fiume”. Una vicenda, francamente, poco verosimile.

nella foto Mirella Gregori e, a destra, Emanuela Orlandi

Condividi questo articolo

Lascia un commento