GIALLO ALPI / ENNESIMO DEPISTAGGIO: TORNA IL MISTER X COPERTO DAL SISDE

Condividi questo articolo

Dopo ventiquattro anni di interminabili attese, di giustizia negata, di clamorosi depistaggi di Stato, di vertici istituzionali che hanno remato palesemente contro, pur tra non pochi chiaroscuro si accende un barlume di speranza per far luce sull’assassinio di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin a Mogadiscio.

Il gip della procura di Roma, Andrea Fanelli, che avrebbe dovuto decidere sulla archiviazione tombale dell’inchiesta, così come per due volte chiesto dal pm Elisabetta Ceniccola con la strategica controfirma del procuratore capo Giuseppe Pignatone, ha ottenuto altri sei mesi di indagini per focalizzare alcuni punti bollenti e capire se una verità processuale è ancora alla portata di un Paese che osa definirsi civile.

Tutta la vicenda, anche negli ultimi sviluppi, è coperta da un totale silenzio mediatico: solo i siti scrivono qualcosa, i media di regime, Repubblica e Corsera in testa, calano il consueto muro di gomma. I sindacati, dal canto loro, inscenano qualche ‘girotondino’, niente di più.

L’ORDINANZA DEL GIP FANELLI

Il Tribunale di Roma. In alto
Ilaria Alpi

Ma partiamo dalle 14 pagine dell’ordinanza pronunciata il 26 giugno dal gip Andrea Fanelli.

In primo luogo la toga ritiene che l’incompetenza territoriale di Roma, come chiesto dagli avvocati di parte civile, non sia fondata. Eppure c’era il clamoroso precedente della sentenza pronunciata circa un anno fa da Perugia che, nel prosciogliere da ogni accusa il povero Hashi Omar Hassan che ha scontato ben sedici (16) anni di galera da innocente, aveva scritto espressamente di “Depistaggio di Stato” per l’immensa mole di prove raccolte su infedeli servitori dello stato e inquirenti tutti tesi ad incastrare il somalo innocente, addirittura costruendo a tavolino un teste taroccato, Ahmed Ragi, alias Gelle.

In un lungo excursus storico-processuale, il gip ricostruisce le prime vicende della story, quando il fascicolo processuale venne letteralmente scippato dalle mani dell’unico pm che voleva far luce sul giallo, Giuseppe Pititto, come del resto hanno sempre sostenuto i genitori di Ilaria. 

Fanelli scrive di “rapporti molto tesi all’interno dell’ufficio della Procura di Roma” e in particolare fra l’allora procuratore capo Salvatore Vecchione e lo stesso Pititto. Un braccio di ferro che vede evidentemente soccombere il subordinato Pititto, il quale per la consueta “incompatibilità ambientale” viene allontanato da Roma: pur potendo contare su una serie di ragguardevoli risultati in breve raggiunti, come l’attivazione di contatti con la Digos di Udine che aveva raccolto materiali non poco scottanti. Materiali che, evidentemente, era meglio mettere a marcire nei cassetti, coperti di polvere.

Giuseppe Pititto

L’inchiesta passa al più malleabile Andrea De Gasperis, il quale non brillerà certo per attivismo negli anni successivi. Lo stesso Fanelli rammenta, nella sua odierna ordinanza, le forti lamentele di Pititto a proposito della revoca dell’incarico, proprio mentre aveva intenzione di ascoltare testi da non poco. Scrive Fanelli: “In definitiva, secondo Pititto, per conoscere la causa della morte di Ilaria Alpi bisognava partire dal motivo per il quale l’indagine gli era stata sottratta”. Se vi par poco…

Minimizza comunque Fanelli: l’esclusione di Pititto dalle indagini non era dovuta a motivi di “merito”, ossia ad un dissidio sulle indagini, ma circa le “modalità” nell’organizzazione del lavoro d’ufficio.

Alcuni anni fa lo stesso Pititto ha scritto un thriller che sembra il copione perfetto del caso Alpi: una giornalista indaga su strani traffici di armi in un paese africano e viene eliminata. A capo della band c’era nientemeno che il ministro degli Interni (italiano) che nel frattempo diventerà capo dello Stato. Un ‘giallo’ non poi troppo di fantasia. Una seconda edizione, annunciata per la scorsa estate e già prenotata dalle librerie, stranamente, non ha mai visto la luce. Misteri nei misteri.

TOGHE CONTRO TOGHE 

Ma non è certo finita la catena delle toghe che si sono interessate al caso. Fa capolino anche il nome di Franco Ionta, su cui però Fanelli mette la mano sul fuoco: “ha proseguito le indagini rispettando il medesimo programma tracciato dallo stesso Pititto”, afferma con sicumera. Perchè non domandare a Pititto se è dello stesso avviso?

Prosegue Fanelli: “Nè sussistono elementi per ritenere che il depistaggio sia stato posto in essere dal pm Ionta al momento dell’audizione di Gelle, il quale – nel corso della successiva escussione avvenuta a Birmigham il 31 marzo 2016 in sede di rogatoria (e prima ancora nel corso dell’intervista rilasciata alla giornalista Rai Chiara Cazzaniga) – ha smentito le dichiarazioni rese al pm Ionta, addirittura disconoscendo la sottoscrizione dei verbali ed affermando che essi sarebbero stati in parte alterati: ebbene, tali dichiarazioni, già di per sé poco verosimili, sono rese ancor più inattendibili dal fatto che il Gelle è risultato essere un soggetto complessivamente non credibile, avendo reso, nel corso del tempo, versioni sempre diverse tra di loro e sempre rispondenti al proprio interesse”.

Franco Ionta

Alla fine del tortuosissimo ragionamento viene così sottolineato: “si conferma l’assenza di elementi per poter sostenere il coinvolgimento di un magistrato nella decisione del Gelle di accusare ingiustamente Hashi Omar Hassan”.

Un ragionamento che fa letteralmente a pugni con quello portato avanti dai pm perugini e che ha finalmente portato al proscioglimento di Hashi Omar Hassan per quelle accuse taroccate e poi ritrattate davanti alla giornalista Cazzaniga, elemento cardine per la sentenza di Perugia che ha completamente ribaltato il precedente scenario processuale.

Sorge a questo punto un conflitto ‘istituzionale’? Perugia crede al Gelle che ritratta, mentre Roma crede prima a Gelle per condannare Hashi e poi ne fa un unico fagotto etichettandolo come “non credibile”? Altri incredibili misteri nei misteri.

Passiamo alla seconda parte dell’ordinanza firmata Fanelli e che concerne il versante delle indagini inviate dalla procura di Firenze a quella capitolina e che sono servite per “non far chiudere” tombalmente il caso.

Eccoci alle intercettatazioni telefoniche tra somali nel 2012. Nelle conversazioni si parla dei due giornalisti italiani uccisi. Viene fatto cenno alla famigerata informazione “che Ilaria Alpi era stata uccisa da militari italiani”. Torna alla ribalta il ruolo di un faccendiere della prima ora, il cui nome era subito salito agli onori delle cronache, anche perchè era stato l’ultimo a vedere viva Ilaria, Giancarlo Marocchino. Infine si parla ad una somma corrisposta all’avvocato di Hashi Omar Hassan, Douglas Duale, che dopo anni di battaglia legale è riuscito a far scagionare il suo assistito.

PARLA L’AVVOCATO DOUGLAS DUALE

Abbiamo raggiunto telefonicamente l’avvocato Duale al suo studio romano, nei pressi di piazza Cavour

Cade dalle nuvole, Duale, quando sente che il gip Fanelli intende procedere alla sua “nuova escussione”.

Giancarlo Marocchino

“Ma se io non sono mai stato sentito – balza sulla sedia – quale nuova escussione! Sono l’avvocato di Hashi, mi sono prodigato per lui, ma non sono mai stato sentito in nessun modo per altre ragioni”.

E sulle somme percepite racconta: “Io non ho mai avuto contatti con il governo somalo, nè con alcun suo rappresentante. Ho soltanto avuto contatti con i familiari del ragazzo. Del resto sapete come funziona la società somala, basata su clan e tribù. E’ stata fatta una raccolta di fondi per fronteggiare le spese, in tempi brevi ho ricevuto il minino, lo stretto necessario, 2000-3000 euro. Il resto della somma è stata raccolta in molti mesi e anni successivi ma sempre attraverso i familiari, gli amici, i conoscenti, quelli delle tribù. Ho ricevuto i soldi con quei money transfer da Mohamed Gedi Bashi. In tutto 29 mila euro che per un processo penale di quel calibro e durato più di vent’anni è poca roba”.

Si tratta di uno dei nomi, quello di Bashi, che vengono fatti nell’ordinanza di Fanelli. Dell’altro, Abdi Badre Hayle, l’avvocato Duale dice di non saperne nulla.

A proposito di Marocchino e della fonte confidenziale dei Servizi – a questo punto strategica per dipanare la matassa – nota Duale: “Di Marocchino si è parlato fin da subito. Poi il silenzio. La fonte del servizio segreto civile è stata ritenuta fondamentale. Ma è subito calata la scure del ministero degli Interni, che esattamente dieci anni fa, nel 2008, ha comunicato che quella fonte andava tutelata in maniera assoluta”.

Come, del resto, il ministero degli Interni ha coperto tutta la “Gelle story”: dal taroccamento del teste al suo perfetto addestramento, dalle confessioni al primo pm, fino alla strategica fuga che ha impedito la rituale verbalizzazione in dibattimanto, tanto che la sentenza – incredibile ma vero – è stata pronunciata a carico del giovane somalo senza che Gelle abbia riconfermato in aula le sue accuse.

Non è certo finita: perchè Gelle è stato poi protetto e nascosto dalla polizia (evidentemente su input del Viminale) per alcuni mesi, gli hanno perfino trovato lavoro presso un’officina meccanica romana, lo sono andati a portare la mattina al lavoro e a prendere la sera: servizi perfetti. Fino a che non è stato spedito libero come un fringuello in Germania, e poi in Inghilterra.

Se ne è mai fregato qualcuno dei nostri Vertici Istituzionali di andarlo a cercare? Macchè. Lo ha fatto ed è riuscita a scovarlo e intervistarlo, certo non potendo disporre di grandi mezzi d’intelligence, Chiara Cazzaniga di Chi l’ha Visto.

Ai confini della realtà.

ARIECCO GIANCARLO MAROCCHINO

Passiamo alla terza parte dell’ordinanza firmata Fanelli, in cui si parla di un’anomalia temporale, riemerge la “fonte confidenziale” e torna alla ribalta la figura del faccendiere Giancarlo Marocchino.

Cominciamo dall’informativa partita dalla procura di Firenze. Nota il gip: “ebbene, effettivamente appare anomalo che la nota della Guardia di Finanza di Firenze sia stata materialmente inviata alla procura di Roma oltre 5 anni dopo il provvedimento di trasmissione da parte del dott. Squillace Greco, cosicchè è necessario effettuare i dovuti accertamenti sul punto”

Luciana Riccardi con Hashi

E continua: “Passando ora ad esaminare le richieste istruttorie contenute nell’atto di opposizione all’archiviazione, deve ritenersi che l’unica indagine che appare rilevante sia quela relativa all’escussione della fonte confidenziale citata nella relazione del Sisde del 3 settembre 1997 (da cui emergerebbe il coinvolgimento di Giancarlo Marocchino nell’omicidio Alpi-Hrovatin nonchè in traffici di armi), previa nuova richiesta al direttore pro tempore del Sisde in ordine all’attuale possibilità di rivelarne le generalità: tale atto istruttorio era già stato richiesto nella prima opposizione all’archiviazione”.

Destinatario il gip Emanuele Cersosimo a dicembre 2007: ma il ministero dell’Interno aveva risposto, mesi dopo, che “perduranti esigenze di tutela della fonte non consentivano di fornire elementi atti a rivelarne l’identità”. Continua Fanelli: “A distanza di oltre 10 anni appare utile verificare la persistenza delle ragioni di segretezza addotte dal Sisde”.

Altrimenti, di tutta evidenza, ci troveremmo di fronte ad un secondo, clamoroso “Depistaggio di Stato”.

Questo il punto nodale della richiesta Fanelli. Il quale invece non ritiene utile sentire alcuni testi invece strategici: come l’ambasciatore italiano all’epoca a Mogadiscio, Giuseppe Cassini, che secondo la sentenza di Perugia sa molto e può ancora raccontare circostanze da non poco; così come dovrebbero fornire tutte le spiegazioni del caso quei vertici di polizia che hanno dato una “manina” a Gelle nella sua latitanza prima e fuga all’estero poi.

La Voce ha più volte scritto a proposito di Giancarlo Marocchino e della sua opaca figura. Ma a questo proposito è d’obbligo scorrere alcuni passaggi del volume “Giornalismi & Mafie”, curato da Roberto Morrione ed uscito esattamente 10 anni fa, maggio 2008.

Un capitolo scritto da Giorgio Alpi, Luciana Riccardi (padre e madre di Itaria) e da Mariangela Gritta Grainer si intitola “L’Omicidio di Ilaria Alpi. Alta mafia fra coperture, deviazioni, segreti”. Una lettura oggi più che mai appropriata, anche in memoria di Luciana, che si è spenta – senza che Giustizia sia stata fatta – un mese fa.

Ecco uno stralcio: “E’ utile aggiungere che altri testi sentiti dal dottor Pititto avevano sostenuto ipotesi simili anche se non sono stati ritenuti credibili. Ci sono, altresì, alcune informazioni che sono in sintonia con l’ipotesi sostenuta dal colonnello Ali Jiro Shermarke (nell’attività investigativa della Digos di Udine, nell’attività d’intelligence del Sisde e nell’attività della Digos a Roma emergono tre fonti confidenziali diverse a quanto appreso dalla commissione – che ha individuato e interrogato quelle di Udine – che sollevano interrogativi sull’intera vicenda e sul ruolo di Marocchino in quel che accadde quel 20 marzo)”.

E ancora: “Su Marocchino, sfiorato da pesanti sospetti relativi a presunti traffici illeciti, di armi e di rifiuti tossici, anche prima del duplice delitto, non è mai stata fatta una indagine, un approfondimento serio neanche dalla Commissione d’inchiesta che ha scelto di avvalersene come collaboratore, senza approfondire nemmeno la circostanza che fu Giancarlo Marocchino ad arrivare per primo sul luogo dell’agguato, proveniente dal compound americano e diretto verso la sua abitazione. Si è sottovalutata, anzi ignorata, la circostanza che Giancarlo Marocchino sia arrivato sul luogo dell’agguato circa due ore dopo che Ilaria e Miran sono arrivati da Bosaso all’aeroporto di Mogadiscio”.

Un “sospetto” che diventa “collaboratore” di una Commissione che indaga sul caso, e quindi ovviamente sul ruolo da lui svolto! L’avevate mai sentito?

Condividi questo articolo

Lascia un commento