SANREMO / LA GRAN PEZZA A COLORI PER MARIO ORFEO

Condividi questo articolo

Spopola trasversalmente Beppe Fiorello a Sanremo, osannato da tutti i critici destri centro e sinistri. Ottima pezza a colori, colta al volo dal direttore di Rai1 Mario Orfeo per coprire magagne, problemi e flop di ascolti.

“Il gran successo di Sanremo è la dimostrazione dello straordinario lavoro di squadra che è stato svolto”, esulta dopo il primo gol Orfeo. Come quando Maradona segnava in rovesciata facendo dimenticare una penosa prestazione della sua formazione.

Ma tant’è. ‘O direttore, Orfeo, dovrà pensare anche al voto. E glielo ha ricordato il super protagonista della prima serata con il possibile arrivo dopo il 4 marzo del “toy boy di Orietta Berti”, al secolo Luigi Di Maio. Quando non pochi dovranno far fagotto.

Al ‘sondaggio’ per alzata di mano, poi, Fiorello ha ricordato al direttore di non poterla issare per tutti e tre in contendenti.

Passò alle cronache, un paio d’anni fa, uno scazzo tra Orfeo e i 5 Stelle, con i grillini che chiesero  le sue dimissioni dalla poltrona di direttore del Tg2, ancor prima cioè di essere catapultato su quella di Rai1.

Da Pd a Forza Italia fino a tutti i media uniti in coro, invece, sempre un coro di yes per il “culo di pietra” partenopeo, come veniva coloritamente dipinto dai primi colleghi della redazione di Itinerario, la patinata rivista del cuore di Paolo Cirino Pomicino in cui s’è fatto le ossa – a metà anni ’80 – Orfeo. Un lancio sponsorizzato dallo zio, Vincenzo Maria Greco, il super faccendiere del dopo terremoto e su tutto il fronte delle opere pubbliche, a cominciare dall’alta velocità, e storico uomo ombra di ‘O ministro.

Da allora un itineraio solo rose e fiori. Subito il balzo alla redazione romana di Repubblica, quindi a tutto Mattino alla corte dei Caltagirone e poi in Rai, seguito da un fedelissimo, Gennaro Sangiuliano, esordi come portaborse (letterale) di Sua Sanità Francesco De Lorenzo e passato ai vertici redazionali di mamma Rai, a lungo vice di Vate Orfeo al Tg2.

 

In apertura Mario Orfeo e Paolo Cirino Pomicino

LEGGI ANCHE

Condividi questo articolo

Lascia un commento