«Obsoleto, fuorviante»: medici denunciano il piano per il vaccino ai bambini

Condividi questo articolo
Pfizer e BioNTech stanno cercando l’autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) per un vaccino «richiamo» bivalente COVID-19 aggiornato per bambini di età compresa tra 6 mesi e 4 anni.

 

Lunedì Pfizer ha dichiarato che se il richiamo bivalente riceve EUA, i bambini in questa fascia di età riceveranno due dosi del vaccino COVID-19 originale, seguito da una dose del vaccino “aggiornato” mirato alle sottovarianti Omicron BA.4 e BA.5.

 

In precedenza, i bambini sotto i 5 anni potevano ricevere una serie di tre dosi del vaccino COVID-19 originale. Tuttavia, da quando le iniezioni hanno ricevuto l’EUA a giugno, solo il 2% dei bambini sotto i 2 anni e circa il 4% dei bambini di età compresa tra 2 e 4 anni hanno ricevuto le dosi primarie, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

 

Il vaccino bivalente è attualmente autorizzato come dose di «richiamo» negli Stati Uniti e nell’UE, per i bambini dai 5 anni in su.

 

 

I booster bivalenti sono «obsoleti», sono dotati di «effetti collaterali molto preoccupanti»

Dott. Peter McCullough, Meryl Nass e Michelle Perro sono stati critici nei confronti dell’offerta di Pfizer e BioNTech di ricevere l’EUA per il richiamo bivalente per i bambini piccoli.

 

Nass ha detto a The Defender:

 

«Non c’è mai stato nulla che raccomandasse i booster bivalenti prima che ricevessero un EUA per adulti il ​​31 agosto».

 

«È inconcepibile, dato quello che sappiamo sulle scarse prestazioni dei vaccini esistenti e sui loro effetti collaterali molto preoccupanti, che la FDA [Food and Drug Administration] e il CDC abbiano accettato i nuovi “booster” senza un solo test umano – e ora i produttori vogliono dare questi vaccini non testati a bambini di appena 6 mesi di età».

 

Senza prove umane per i «richiami», ha detto Nass, un internista con interessi speciali nelle malattie indotte da vaccini, era «garantito che nessuno avrebbe saputo quali fossero i loro problemi di sicurezza – facendo l’intero processo di consenso informato, che è legalmente necessario per i vaccini senza licenza – una farsa».

 

Perro, un pediatra , ha sottolineato che continuando a somministrare ai bambini i vaccini originali contro il COVID-19, i bambini stanno ricevendo un vaccino «per un virus che non è più in circolazione».

 

Perro ha dichiarato a The Defender: «Ci sono fattori chiave da prendere in considerazione sul motivo per cui l’autorizzazione della FDA per il vaccino «riorganizzato» Omicron sarebbe non solo fuorviante, ma maligna per i bambini».

 

«Se l’autorizzazione viene approvata, i bambini nella fascia di età da 6 mesi a 4 anni riceveranno due dosi della serie primaria del vaccino Pfizer-BioNTech originale derivato dalla variante Delta» ha aggiunto.

 

«Qualsiasi operatore clinico pediatrico saprebbe che il vaccino originale non è più di alcuna utilità poiché la variante ha subito innumerevoli variazioni dalla sua comparsa. Ora ci sono centinaia di nuovi lignaggi varianti , che variano in patogenicità e posizione, con le attuali varianti ora designate informalmente come “Coldvid” [«covinfluenza», ndt] a causa della loro natura relativamente benigna.

 

«Il punto è che il vaccino originale è stato creato per un virus che non è più in circolazione. Proseguire con il vaccino bivalente adattato da Omicron è altrettanto privo di senso per lo stesso ragionamento».

 

Allo stesso modo, McCullough, un cardiologo, ha messo in dubbio il richiamo bivalente per la fascia di età più giovane, dicendo a The Defender che sono «obsoleti» e «falliti in partenza»:

 

«Il richiamo bivalente non è riuscito a fermare Omicron BA.4/BA.5 negli animali, ma poiché è stato pre-acquistato, l’HHS [Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti] ha deciso di utilizzare il vaccino e il suo aumento di anticorpi surrogato, indipendentemente dalla sua efficacia fallita o mancanza di sicurezza dimostrata poiché non c’erano studi sull’uomo».

 

«Negli ultimi mesi BA.4/BA.5 si è spostato, lasciando il posto a BQ.1 e BQ1.1, quindi i booster bivalenti sono ormai obsoleti anche sul piano teorico. Senza alcun vantaggio teorico o effettivo e senza garanzie sulla sicurezza a breve o lungo termine, i booster bivalenti sono morti all’arrivo».

 

Nel mettere in discussione l’efficacia – e la necessità – dei «richiami», Nass ha fatto riferimento a un articolo del New York Times del 18 novembre sull’«impennata» delle malattie respiratorie negli Stati Uniti, che affermava:

 

«Le varianti più recenti, denominate BQ.1 e BQ.1.1, si stanno diffondendo rapidamente e i booster sembrano fare poco per prevenire le infezioni con questi virus, in quanto sono eccellenti evasori dell’immunità».

 

Affrontando l’aumento delle malattie respiratorie non COVID-19, Perro ha affermato che ciò è stato avviato con l’introduzione dei vaccini COVID-19.

 

«Forzare un programma vaccinale con terapie genetiche sperimentali per organismi che si sono trasformati dalla loro introduzione pone la domanda su quale sia la motivazione della causa principale, che sia monetaria o altro. Ogni malattia e la sua successiva terapia richiedono un rapporto rischio-beneficio nella valutazione dei bambini. In termini di COVID-19, stiamo somministrando un vaccino già obsoleto che non è stato studiato per una potenziale malattia che ha un rischio quasi nullo nei bambini» ha detto a The Defender.

 

«Il danno ai bambini derivante da questa terapia sperimentale di immunomodulazione genica è stato dimostrato dal nostro CDC, che documenta gravi malattie e morte nei bambini che hanno ricevuto questo vaccino non necessario. L’inserimento di questa serie nel programma di vaccinazione per i bambini dà a Pharma un pass di indennità».

 

«Mentre le agenzie governative stanno sollecitando ceppi virali sulle comunità di altri agenti patogeni (ad esempio, RSV e influenza), va sottolineato che questo tsunami virale è stato innescato dall’introduzione del vaccino COVID-19 che ha disarmato e disabilitato l’immunità innata delle persone a combattere questi altri agenti patogeni».

 

Nass ha affermato che la continua espansione dello stato di emergenza federale COVID-19 consente di continuare la somministrazione dei vaccini EUA.

 

«È solo continuando a dichiarare un’emergenza pandemica che questi vaccini EUA estremamente pericolosi e senza licenza potrebbero essere utilizzati», ha affermato. «Se il governo fosse onesto e ammettesse che l’emergenza era finita, per legge nessun vaccino EUA potrebbe essere somministrato a nessuno».

 

Invece, ha aggiunto Nass, i vaccini sono legalmente obbligatori, in molti casi per frequentare il college, «anche se i maschi in età universitaria sono a più alto rischio di miocardite e a un rischio estremamente basso di un caso grave di COVID».

 

«Il nostro istituto di sanità pubblica, sotto la guida di Tony Fauci , Robert Califf e Rochelle Walensky, è diventato un’impresa criminale», ha detto Nass.

 

Secondo Perro, «l’unica autorizzazione deve essere nessuna autorizzazione ed è tempo che la FDA faccia il suo lavoro».

 

 

Michael Nevradakis

Ph.D.

 

 

FONTE

Renovatio 21 ha tradotto e pubblicato questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense

Condividi questo articolo

Lascia un commento