Immettere un vaccino HIV sul mercato: è il vero obiettivo dietro il COVID?

Condividi questo articolo

 

Il vaccino COVID-19 sta causando un’immunodepressione simile all’AIDS, che aiuta a creare la percezione di avere un bisogno urgente di un vaccino contro l’HIV.

 

Il 25 luglio, i funzionari cinesi hanno concesso l’approvazione condizionata ad Azvudine, un farmaco per l’HIV, da utilizzare come cura per il COVID.

 

Come riportato da Reuters:

«La compressa di Azvudine, che la Cina ha approvato nel luglio dello scorso anno per trattare alcune infezioni da virus HIV-1, ha ricevuto un via libera condizionale per il trattamento di pazienti adulti con COVID” di tipo normale”,» ha affermato la National Medical Products Administration in una dichiarazione.

 

«COVID “di tipo normale” è un termine che la Cina usa per riferirsi alle infezioni da coronavirus che presentano segni di polmonite, ma i pazienti non hanno raggiunto uno stadio grave».

 

«In uno studio clinico in fase avanzata, il 40,4% dei pazienti che assumevano Azvudina ha mostrato un miglioramento dei sintomi sette giorni dopo l’assunzione del farmaco, rispetto al 10,9% nel gruppo di controllo».

 

L’uso del farmaco per l’HIV ha riacceso l’interesse sulle prime prove che suggeriscono che il SARS-CoV-2 sia un’arma biologica potenziata con parti del virus HIV.

 

 

Gli inserimenti di HIV evidenziati all’inizio del 2020

31 gennaio 2020, ZeroHedge ha pubblicato un articolo con i risultati dei ricercatori indiani, che hanno affermato che alcuni segmenti dell’RNA virale appaiono più strettamente correlati all’HIV rispetto ad altri coronavirus. I ricercatori hanno anche evidenziato che il SARS-CoV-2 ha risposto ai farmaci per l’HIV.

 

Secondo questo articolo, intitolato «Inquietanti somiglianze di inserti unici nella proteina spike del 2019-nCoV da HIV-1 gp120 e Gag», è improbabile che la presenza di inserti di HIV si sia verificata in modo naturale — l’implicazione è che il SARS-CoV-2 potrebbe essere un’arma biologica fuoriuscita dal laboratorio:

Secondo questo articolo, intitolato «Inquietanti somiglianze di inserti unici nella proteina spike del 2019-nCoV da HIV-1 gp120 e Gag», è improbabile che la presenza di inserti di HIV si sia verificata in modo naturale — l’implicazione è che il SARS-CoV-2 potrebbe essere un’arma biologica fuoriuscita dal laboratorio

 

«Abbiamo trovato 4 inserti nella glicoproteina spike (S) che sono uniche per il 2019-nCoV e non sono presenti in altri coronavirus. È importante sottolineare che i residui amminoacidici dei 4 inserti hanno identità o somiglianza con quelli presenti nella gp120 HIV-1 o nella gag HIV-1».

 

«È interessante notare che, nonostante gli inserti siano discontinui sulla sequenza amminoacidica primaria, la modellazione 3D del 2019-nCoV suggerisce che convergano per costituire il sito di legame del recettore».

 

«È improbabile che il ritrovamento di 4 inserti unici nel 2019-nCoV, che hanno tutti identità/somiglianza con i residui amminoacidici nelle proteine strutturali chiave dell’HIV-1 sia di natura fortuita».

 

In pochi giorni, l’articolo di ZeroHedge aveva attirato l’attenzione di Jeremy Farrar — direttore del Wellcome Trust — che lo inviò via e-mail al dottor Anthony Fauci.

 

L’articolo indiano è stato rapidamente ritrattato, ma non prima di aver attirato l’attenzione del defunto Luc Montagnier, virologo di fama mondiale vincitore del premio Nobel per la sua scoperta dell’HIV.

 

La sua convinzione che il SARS-CoV-2 contenesse sequenze di HIV è stata in parte il motivo per cui AP News lo ha nominato uno dei principali «super diffusori di disinformazione» sull’origine di SARS-CoV-2 nel 2021.

 

Montagnier ha insistito sul fatto che i ricercatori indiani avessero ragione nella loro valutazione ed erano stati costretti a ritrattare il documento «dopo un’enorme pressione».

 

 

La consapevolezza dell’AIDS torna «in voga»

Poi, nel mese di febbraio, l’AIDS ha improvvisamente spopolato. Sembra che i media abbiano abbandonato il COVID-19 da un giorno all’altro, puntando invece sull’AIDS, e quando tutti i media iniziano a sollevare un problema allo stesso tempo, di solito si tratta di una campagna coordinata diretta da una società di PR per conto di un cliente.

 

C’è una ragione per questo, e la ragione è seminare la narrativa desiderata nella mente delle persone. Piantano idee in modo che quando succede qualcosa, le persone siano già preparate con certi pregiudizi o supposizioni.

Quale potrebbe essere la ragione per cui tutti improvvisamente parlano di AIDS?

 

Quindi, quale potrebbe essere la ragione per cui tutti improvvisamente parlano di AIDS?

 

Nel dicembre 2021, il presidente Biden ha annunciato un piano della Casa Bianca per «porre fine all’epidemia di HIV/AIDS entro il 2030». Lo stesso identico piano era stato annunciato dalla British Health Security Agency una settimana prima.

 

Nel frattempo, il principe Harry era là fuori a sollecitare tutti a sottoporsi a un test per l’HIV e i ricercatori olandesi avevano annunciato la scoperta di un preoccupante ceppo di HIV.

 

Secondo i ricercatori, questo HIV mutato, soprannominato variante VB, è più infettivo e provoca malattie più gravi, il doppio più velocemente. All’inizio di febbraio, c’erano 109 casi noti della variante VB nei Paesi Bassi.

 

Curiosamente, gli scienziati hanno anche ammesso che la variante circolava da decenni. Allora, com’è diventata «notizia»?

 

Tutto questo accadeva nello stesso momento in cui COVID-19 stava iniziando a svanire. A quel tempo, Off-Guardian aveva avverito:

«Mentre cercano di gettare questa pandemia in una tomba poco profonda, stanno già preparando il pubblico per la prossima allerta sanitaria — l’AIDS»

 

«Solo perché stanno dando tregua al COVID non significa che l’agenda dietro il COVID sia terminata. Al contrario. In effetti, anche mentre cercano di gettare questa pandemia in una tomba poco profonda, stanno già preparando il pubblico per la prossima allerta sanitaria — l’AIDS».

 

 

Convergenza

Beh, neanche la paura dell’AIDS è durata a lungo. Nel giro di un paio di mesi, le varianti COVID-19 stavano riconquistando i titoli dei giornali e a maggio l’attenzione si è spostata sul vaiolo delle scimmie. Qui, più scenari, fatti, teorie, pericoli e rischi convergono improvvisamente per creare alcune possibilità piuttosto inquietanti.

 

Riassumendo:

 

  • Il vaccino COVID può causare una malattia simile all’AIDS azzerando la funzionalità immunitaria — questo non significa che il vaccino stia causando HIV/AIDS. Piuttosto, si riferisce alla scoperta che le persone che ricevono il vaccino COVID-19 sono — sei mesi dopo l’iniezione— a maggior rischio di COVID-19 sintomatico rispetto ai coetanei non vaccinati. Sono anche a maggior rischio di altre infezioni e malattie croniche, per lo stesso motivo. America’s Frontline Doctors ha suggerito che la miocardite e altri problemi di salute cronici associati ai vaccino potrebbero essere il risultato della sindrome da immunodeficienza acquisita con il vaccino o «VAIDS», che è simile all’AIDS in quanto comporta immunodeficienza. La differenza principale è l’innesco iniziale.

 

  • I ricercatori hanno avvertito che i vaccini COVID-19 di Janssen e AstraZenecapotrebbero aumentare il rischio di infezione da HIV — in parte perché questi vaccini COVID-19 utilizzano lo stesso vettore adenovirus (Ad5) di uno studio fallito in cui stavano cercando di creare un vaccino contro l’HIV. L’uso di AD5 come vettore per trasportare il materiale genetico dell’HIV in realtà ha aumentato il rischio di infezione da HIV anziché abbassarlo e i ricercatori hanno temuto che l’Ad5 potesse aumentare il rischio di infezione da HIV anche in coloro che ricevono iniezioni di adenovirus COVID-19.

 

  • Gli scienziati hanno avvertito che la vaccinazione di massa durante le epidemie attive provoca mutazioni — e, dal lancio dei vaccino COVID-19 nel dicembre 2020, il virus SARS-CoV-2 è effettivamente mutato per eludere gli anticorpi acquisiti tramite l’iniezione di mRNA e anche le ultime due iterazioni evitano l’immunità naturale.

 

  • È in corso uno studio umano per il vaccino mRNA HIV — il vaccino Moderna contro l’HIV avrà come bersaglio un certo sottogruppo di cellule B note per legarsi liberamente all’HIV. L’idea è che spingendo queste cellule B con istruzioni di mRNA, erogate attraverso una serie di iniezioni, potrebbero sviluppare la capacità di produrre anticorpi neutralizzanti contro l’HIV. La domanda è: se il vaccino COVID-19 può causare l’esaurimento immunitario dopo dosi ripetute, che tipo di disfunzione potrebbe scatenare una serie di vaccini anti-HIV? Inoltre, l’HIV, come il SARS-CoV-2, è un virus in rapida mutazione, quindi è probabile che un vaccino HIV inneschi mutazioni e resistenza, proprio come abbiamo visto con il vaccino contro il COVID-19.

 

  • Gli uomini gay e bisessuali stanno ricevendo un vaccino contro il vaiolo che può peggiorare l’infezione da HIV — il 23 luglio, il Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus ha dichiarato il vaiolo delle scimmie una «emergenza sanitaria pubblica di rilevanza internazionale» e i Centri statunitensi per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie stanno esortando coloro che potrebbero essere ad alto rischio di contrarre il vaiolo delle scimmie a vaccinarsi.

 

  • Il vaccino utilizzato è un vaccino del vaiolo che può o non può funzionare contro il vaiolo delle scimmie, siccome l’unico studio è stato effettuato nel 1988, utilizzando un vaccino del vaiolo non più in uso, contro un virus del vaiolo delle scimmie che da allora è mutato più volte. A New York City hanno iniziato a somministrare il vaccino contro il vaiolo alla fine di giugno, e dal 22 luglio, circa 18.000 newyorkesi hanno ricevuto la prima dose.

 

  • Non è chiaro quale dei due vaccini contro il vaiolo venga somministrato, ma sembra ragionevole supporre che stiano usando l’ultimo, Jynneos, che può essere somministrato a persone per le quali la versione precedente (ACAM2000) è controindicata. Jynneos ha anche una licenza specifica per prevenire il vaiolo delle scimmie, mentre ACAM2000 no.

 

  • Il punto chiave qui è che i soggetti sieropositivi che hanno partecipato agli studi clinici di Jynneos hanno visto un aumento della conta virale dell’HIV. Oggi, gli uomini gay sono i principali destinatari di questo vaccino, e sono anche un gruppo che tende ad essere più incline a contrarre l’HIV-AIDS. Inoltre, come gruppo, hanno un tasso di vaccinazione COVID-19 molto alto.

 

L’attenzione sui test HIV durante lo sviluppo di un «vaccino» mRNA per l’HIV potrebbe essere uno sforzo per nascondere il fatto che i vaccini COVID-19 stanno distruggendo la funzione immunitaria delle persone (e forse promuovendo l’infezione da HIV), producendo allo stesso tempo la percezione che abbiamo un urgente bisogno di un vaccino HIV?

 

  • Considerando che sia il vaccino COVID-19 sia Jynneos possono aumentare il rischio di infezione da HIV o peggiorare l’infezione esistente e che questi uomini sono già a maggior rischio di HIV e AIDS, il rischio complessivo e composto che questi uomini affrontano sembra essere notevolmente elevato, ma nessuno li sta avvertendo di questo.

 

  • Inoltre, ora abbiamo persone che hanno ricevuto sia il vaccino COVID-19 — che genera mutazioni e sopprime la funzione immunitaria — sia il vaccino del vaiolo. Quali mutazioni può innescare il vaccino del vaiolo nel virus SARS-CoV-2, se presente?

 

  • Il vaccino del vaiolo vivo può diffondere l’infezione da virus vaccinico — se si utilizza ACAM2000, il rischio per le popolazioni in generale inizia a salire alle stelle, poiché questo vecchio vaccino contro il vaiolo contiene virus vaccinico vivo, in grado di replicarsi. Quando si riceve, si è infettivi per circa un mese, e bisogna fare molta attenzione a non diffondere l’infezione. Se le persone ricevono ACAM2000 e non prendono precauzioni, potremmo essere di fronte a focolai di vaiolo. Per essere chiari, è altamente improbabile che ACAM2000 venga utilizzato, ma lo includo qui come uno scenario «e se?», osservando che gli Stati Uniti ne hanno una scorta enorme (circa 100 milioni di dosi), mentre Jynneos è ancora carente.

 

  • Il vaccino mRNA specifico contro il vaiolo delle scimmie è ancora in fase di sperimentazione pre-clinica – in marzo, Moderna ha annunciato che erano in corso analisi sui vaccini mRNA contro il vaiolo delle scimmie in fase pre-clinica Se il vaccino contro il COVID-19 compromette la tua funzionalità immunitaria e innesca le mutazioni, un vaccino mRNA contro il vaiolo delle scimmie funzionerà in modo diverso? Se un vaccino mRNA contro il vaiolo delle scimmie viene somministrato a persone che hanno già ricevuto il vaccino COVID-19, potrebbero combinarsi per creare un patogeno del vaiolo/COVID tipo Frankenstein?

 

L’elenco di cui sopra solleva diverse domande. Queste circostanze potrebbero innescare una nuova epidemia di AIDS o di malattia simile all’AIDS?

 

L’attenzione sui test HIV durante lo sviluppo di un «vaccino» mRNA per l’HIV potrebbe essere uno sforzo per nascondere il fatto che i vaccini COVID-19 stanno distruggendo la funzione immunitaria delle persone (e forse promuovendo l’infezione da HIV), producendo allo stesso tempo la percezione che abbiamo un urgente bisogno di un vaccino HIV?

 

 

La connessione Fauci

Per coincidenza, Fauci era una figura chiave durante l’epidemia di AIDS degli anni ’80, che ha portato a centinaia di migliaia di uomini gay a morire per il trattamento (AZT) che Fauci voleva che venisse utilizzato. È stato anche una figura chiave nella pandemia COVID-19, in cui le persone sono state nuovamente uccise in gran numero dagli stessi farmaci per cui Fauci ha un interesse acquisito.

 

Fauci è anche un collegamento tra i vaccini COVID-19 e il vaccino HIV

Fauci è anche un collegamento tra i vaccini COVID-19 e il vaccino HIV.

 

Non solo ha spinto per un vaccino contro l’HIV per la maggior parte della sua carriera presso i National Institutes of Allergy and Infectious Diseases — circa 36 anni — ma è anche stato un fervente sostenitore del passaggio dai vaccini convenzionali a questa nuova piattaforma di mRNA.

 

Nonostante decenni di sforzi, nessun vaccino contro l’HIV ha raggiunto il mercato. Ora che i vaccini COVID-19 hanno imposto la tecnologia mRNA alle masse, l’obiettivo di Fauci di lanciare un vaccino contro l’HIV è a portata di mano. Ma l’AIDS non è più la crisi di una volta. Si stima che 1,2 milioni di americani abbiano l’infezione da HIV, ma l’infezione da HIV non progredisce necessariamente verso l’AIDS a meno che non si abbia una coinfezione.

 

È possibile che un vaccino contro l’HIV sia il gioco finale che stanno cercando e che stiano «stimolando» l’emergere di malattie simili all’AIDS con le vaccinazioni COVID-19 per giustificare la vaccinazione di massa contro l’HIV? Non lo so, ma non è al di fuori del regno delle possibilità.

 

D’altra parte, l’immunosoppressione del vaccino COVID-19 potrebbe essere solo un effetto collaterale imprevisto che ha fortuitamente riaperto la porta ai vaccini contro l’HIV, utilizzando la piattaforma mRNA. In entrambi i casi, l’industria farmaceutica si è impegnata a creare rimedi per gli effetti collaterali causati dagli altri farmaci, e questo sembra essere più simile.

I vaccini COVID-19 creano una malattia simile all’AIDS e voilà, ecco che arriva un vaccino per l’HIV. Non siamo fortunati?

 

I vaccini COVID-19 creano una malattia simile all’AIDS e voilà, ecco che arriva un vaccino per l’HIV. Non siamo fortunati?

 

 

Vaccino HIV con vettore coronavirus

Per attirare ancora di più l’attenzione su COVID-19 e HIV, i ricercatori — a partire dal 2006 — stanno cercando di creare un vaccino contro l’HIV utilizzando un vettore coronavirus.

 

«Toward a Coronavirus-Based HIV Multigene Vaccine», pubblicato sul Journal of Immunology Research nel 2006, descrive l’utilizzo di un coronavirus (virus del raffreddore comune) come spina dorsale per contenere due glicoproteine dell’involucro dell’HIV, gp41 e gp120, per creare un prototipo di vaccino contro l’HIV-1.

 

Se gp120 suona famigliare, è perché l’ho menzionato all’inizio di questo articolo. I ricercatori indiani che hanno scoperto inserti di HIV nel SARS-CoV-2 hanno notato una «sorprendente somiglianza di inserti unici nella proteina spike 2019-nCoV con HIV-1 gp120…»

Quindi, per ricapitolare, il coronavirus sarebbe stato utilizzato nella ricerca sul vaccino contro l’HIV e in qualche modo parti dell’HIV sono finite in un coronavirus noto come SARS-CoV-2

 

Quindi, per ricapitolare, il coronavirus sarebbe stato utilizzato nella ricerca sul vaccino contro l’HIV e in qualche modo parti dell’HIV sono finite in un coronavirus noto come SARS-CoV-2.

 

E, mentre Fauci ha negato qualsiasi legame tra il SARS-CoV-2 e la ricerca sull’HIV, ci sono prove evidenti che non solo sapeva dell’esistenza di ibridi coronavirus-HIV, ma la sua agenzia ha inventato alcuni dei metodi utilizzati per realizzarle.

 

 

Monitoraggio e tracciamento ora includono l’HIV

Anche il monitoraggio e il tracciamento dell’HIV/AIDS sono in fase di rinnovamento. I Centri statunitensi per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie sorvegliano la diffusione dell’HIV monitorando i campioni di sangue raccolti di routine. Questa sorveglianza può quindi essere utilizzata per eseguire il tracciamento dei contatti.

 

Come riportato da Medscape:

 

«Robert Suttle ha visto in prima persona i rischi legali dei malati di HIV. Nel 2008, ha detto Suttle, un ex partner lo ha accusato di non aver rivelato di essere sieropositivo. È stato accusato ai sensi della legge della Louisiana di “esposizione intenzionale al virus dell’AIDS”».

 

«Suttle si è dichiarato colpevole, ha ricevuto una condanna a sei mesi di carcere statale e gli è stato richiesto di registrarsi come molestatore sessuale. «”Si può essere criminalizzati, certamente, per esistere come una persona che vive con l’HIV”», ha detto.

 

«Suttle (…) ha spiegato che la sua esperienza lo ha preoccupato per un nuovo strumento promosso dai funzionari federali per monitorare la diffusione dell’HIV (…) Suttle ha affermato che tali dati potrebbero essere utilizzati in casi come il suo».

 

«Con questa sorveglianza, potresti essere collegato a molte persone diverse o considerato la fonte che ha infettato tutte queste altre persone», ha detto.

 

«La sorveglianza molecolare ha incontrato una notevole opposizione da quando è stata implementata a livello nazionale. I fornitori di servizi, i sostenitori dell’equità sanitaria e le persone che vivono con l’HIV temono che i rischi dell’approccio superino i benefici e le loro preoccupazioni sono diventate più forti man mano che la consapevolezza dello strumento cresce».

 

«Alcuni hanno chiesto che la pratica venga bloccata fino a quando i funzionari sanitari federali non affronteranno le preoccupazioni sul consenso dei pazienti, sulla sicurezza dei dati e sul potenziale per la criminalizzazione dell’HIV».

L’idea e la possibilità della criminalizzazione dell’HIV si adattano bene anche a ciò che lo stato di biosicurezza globale ha in mente, cioè controllare le persone con ogni mezzo possibile

 

L’idea e la possibilità della criminalizzazione dell’HIV si adattano bene anche a ciò che lo stato di biosicurezza globale ha in mente, cioè controllare le persone con ogni mezzo possibile.

 

Alle persone infette da HIV potrebbe anche essere ordinato di astenersi dal sesso, per motivi di biosicurezza, il che contribuirebbe alla riduzione della popolazione — soprattutto se l’infezione da HIV fosse davvero diffusa — e questo sembra essere un obiettivo chiave della cabala tecnocratica e antiumana.

 

Spero di sbagliarmi sulla teoria che l’infezione da HIV e l’AIDS siano incoraggiati a giustificare la vaccinazione di massa contro l’HIV. Ma non penso che sia al di fuori del regno delle possibilità; quindi, tenete a mente i fattori convergenti mentre andiamo avanti, e vediamo cosa succede.

 

 

Joseph Mercola

 

Traduzione di Alessandra Boni

Pubblicato originariamente da Mercola.

 

FONTE

Renovatio 21 ha tradotto questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.  

Condividi questo articolo

Lascia un commento