Joe Biden e le “Idi di marzo 2021” del Pentagono: il mese migliore per entrare in guerra?

Condividi questo articolo

.Sono in corso minacce militari USA-NATO contro un gran numero di paesi tra cui Russia, Cina, Venezuela, Iran, Corea del Nord. È prevista una guerra sponsorizzata da Stati Uniti e NATO per le Idi del marzo 2021?

Un anno fa, nel marzo 2020, sotto la presidenza Trump, USA-NATO ha schierato 37.000 soldati al confine russo nel contesto dei loro giochi di guerra intitolati “Defender Europe 2020”.

Dal suo insediamento, il presidente Joe Biden è impegnato a estendere la militarizzazione dell’Europa orientale, dei Balcani, del bacino del Mar Nero, del Medio Oriente più ampio e del Mar Cinese meridionale e orientale. 

Non dimentichiamo che Joe Biden era un convinto sostenitore dell’invasione dell’Iraq sulla base del fatto che Saddam Hussein “aveva armi di distruzione di massa”. “Il popolo americano è stato ingannato in questa guerra”, ha detto il senatore Dick Durbin . Non lasciarti ingannare di nuovo da Joe Biden.

In Medio Oriente, Joe Biden è impegnato a estendere l’egemonia degli Stati Uniti con la partecipazione diretta di Israele al Comando Centrale degli Stati Uniti (USCENTCOM).

Attualmente l’esercito americano è coinvolto in Afghanistan, Siria, Iraq, Yemen. La guerra illegale di aggressione contro la Siria è in corso segnata dai bombardamenti diretti USA-Israele.

Il prossimo obiettivo militare degli Stati Uniti è l’Iran.

“Confront China Agenda” di Biden 

L’ agenda cinese di Biden è andata ben oltre quella del suo predecessore:

“Affronteremo gli abusi economici della Cina; contrastarne l’azione aggressiva e coercitiva ; respingere l’attacco della Cina ai diritti umani, alla proprietà intellettuale e alla governance globale ”

Leggi tra le righe della dichiarazione di politica estera “America’s Place in the World” di Joe Biden :

L’America è tornata. L’America è tornata. La diplomazia è tornata al centro della nostra politica estera.

Come ho detto nel mio discorso inaugurale, ripareremo le nostre alleanze e ci impegneremo ancora una volta con il mondo , non per affrontare le sfide di ieri, ma quelle di oggi e di domani. La leadership americana deve affrontare questo nuovo momento di avanzamento dell’autoritarismo, comprese le crescenti ambizioni della Cina di rivaleggiare con gli Stati Uniti e la determinazione della Russia a danneggiare e interrompere la nostra democrazia. (Enfasi aggiunta)

Il rafforzamento della presenza militare statunitense nei mari della Cina orientale e meridionale (ECS e SCS) sarà esteso a nuovi livelli.

 

Il Corona “Blame Game” contro la Cina

Eppure c’è un altro elemento strategico che si sta costruendo e che potrebbe essere utilizzato come “arma ibrida” dall’amministrazione Biden-Harris contro la leadership cinese.

Chi c’era dietro la crisi economica e sociale guidata dal blocco dell’11 marzo 2020 che ha accelerato la destabilizzazione dell’economia globale?

L’amministrazione Biden è intenzionata a lanciare un Corona blame Game contro la Cina che cerca miliardi di dollari di “risarcimento” dalla Cina per i presunti impatti distruttivi di “V the Virus”.

Già nel marzo 2020, in seguito al blocco, l’establishment della politica estera statunitense chiedeva ” Sì, incolpa la Cina per il virus”. 

Se la Cina avesse avuto un governo diverso, il mondo avrebbe potuto essere risparmiato da questa terribile pandemia… [D] e dobbiamo ritenere responsabili i politici responsabili di peggiorare le cose, primo fra tutti il ​​presidente cinese Xi Jinping. Non ha creato il nuovo coronavirus, ma i passi falsi del suo governo sono responsabili della sua trasmissione globale e della sua diffusione incontrollata “. ( Politica estera, rapporto di marzo).

 

 

Cosa accadrà nel corso delle Idi di marzo 2021?

Biden è impegnato a condurre le cosiddette “guerre eterne” sotto un’etichetta umanitaria?

Come ricordiamo, il   Progetto per il Nuovo Secolo Americano aveva  definito “la lunga guerra dell’America”

Noi “combattere e vincere in modo decisivo multipli, simultanei principali teatri di guerra”.

Durante la cosiddetta Era del dopoguerra: le guerre guidate dagli Stati Uniti sono state in gran parte “consecutive”: Vietnam, Afghanistan, Jugoslavia, Iraq, Siria, Libia, Yemen … (tutte lanciate durante il mese di marzo).

La guerra nucleare preventiva è  stata proposta per la prima volta dall’amministrazione Bush come mezzo di autodifesa del “primo colpo”. E poi, sotto Obama, è  stato lanciato un programma di armi nucleari da 1.200 miliardi di dollari con un mezzo per difendere la patria …

 

È una semplice coincidenza?

Nella storia recente, dalla guerra del Vietnam ad oggi, il mese di marzo è stato scelto dai pianificatori militari del Pentagono e della NATO come il “mese migliore” per entrare in guerra.

Con l’eccezione della Guerra in Afghanistan (ottobre 2001) e della Guerra del Golfo del 1990-91, tutte le principali operazioni militari USA-NATO e alleate hanno condotto per un periodo di oltre mezzo secolo, dall’invasione del Vietnam da parte delle forze di terra statunitensi. 8 marzo 1965– sono iniziate nel mese di marzo.

 

 

Le Idi di marzo (Idus Martiae) sono un giorno del calendario romano che corrisponde ampiamente al 15 marzo. Giulio Cesare fu assassinato nel 44 aC.

Per non dimenticare, il mese di marzo (nel calendario romano) è dedicato a Marte (Martius), il dio romano della guerra.

Per i romani, il mese di marzo (Martius) segnava “il momento di iniziare nuove campagne militari”.

Come nel periodo di massimo splendore dell’Impero Romano, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha il mandato di pianificare e attuare una precisa “cronologia” delle operazioni militari.

Il mese di marzo – identificato dai romani come un “buon momento” per iniziare nuove imprese militari – ha una relazione con la dottrina militare contemporanea?

Nel corso della storia, le stagioni, compreso il passaggio dall’inverno alla primavera, hanno svolto un ruolo strategico nella tempistica delle operazioni militari.

 

 

I pianificatori militari del Pentagono favoriscono il mese di marzo?

Anche loro – in qualche modo misterioso – “idolatrano” Marte, il dio romano della guerra?

Il 23 marzo è stato il giorno in cui “i romani celebravano l’inizio della campagna militare e la stagione dei combattimenti”.

“È stato reso omaggio a Marte, il dio della guerra, con feste e banchetti. … Per i romani il 23 marzo era una grande festa conosciuta come Tubilustrium ”.

Durante queste festività che celebravano il dio romano della guerra, gran parte del mese di marzo “era dedicato alla celebrazione e alla preparazione militare”.

Cronologia degli interventi militari statunitensi di marzo (1965-2020)

La storia recente conferma che, ad eccezione dell’Afghanistan (ottobre 2001) e della Guerra del Golfo del 1990-91, tutte le principali operazioni militari USA-NATO per un periodo di oltre mezzo secolo, dall’invasione del Vietnam da parte delle forze di terra statunitensi a marzo 8, 1965– sono state iniziate nel mese di marzo.

La guerra del Vietnam

Il Congresso degli Stati Uniti adottò la risoluzione del Golfo del Tonchino, che autorizzava il presidente Lyndon Johnson a inviare forze di terra in Vietnam l’ 8 marzo 1965.

L’8 marzo 1965, 3.500 marines americani furono trovati nel Vietnam del Sud, segnando l’inizio della “guerra di terra americana”.

La guerra della NATO alla Jugoslavia

La guerra della NATO alla Jugoslavia è stata lanciata il 24 marzo 1999.

Il bombardamento NATO della Jugoslavia, chiamato in codice dall’operazione americana “Noble Anvil”. è iniziato il 24 marzo 1999 ed è durato fino al 10 giugno 1999.

La guerra in Iraq

La guerra in Iraq è stata lanciata il 20 marzo 2003 (ora di Baghdad)

L’invasione dell’Iraq guidata dagli Stati Uniti e dalla NATO è iniziata il 20 marzo 2003 con il pretesto dell’Iraq possedeva armi di distruzione di massa (WMD).

(La guerra del Golfo contro l’Iraq del 1991 è iniziata il 17 gennaio. Tuttavia, dopo che il cessate il fuoco del 28 febbraio è stato concordato e firmato – a seguito del massacro di soldati in ritirata e civili in fuga il 26/27 febbraio a Bassora Road – la 24a divisione di fanteria meccanizzata degli Stati Uniti ha massacrato migliaia di persone. 2 marzo. “)

La guerra segreta alla Siria

La guerra segreta USA-NATO alla Siria è iniziata il 15 marzo 2011 con l’incursione di mercenari e squadroni della morte affiliati ad Al Qaeda nella città meridionale di Daraa, al confine con la Giordania.

I terroristi sono stati coinvolti in atti di incendio doloso e uccisioni di civili. Questa incursione di terroristi è stata fin dall’inizio sostenuta segretamente dagli Stati Uniti, dalla NATO e dai suoi alleati del Golfo Persico: Arabia Saudita e Qatar.

La guerra “umanitaria” R2P della NATO alla Libia

La NATO ha iniziato i suoi bombardamenti sulla Libia il 19 marzo 2011 . Il 26 febbraio 2011 il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato una prima risoluzione (risoluzione 1970 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite) (adottata all’unanimità).

Una successiva risoluzione 1973 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite è stata adottata il 17 marzo 2011. Ha autorizzato l’istituzione di “una no-fly zone” sulla Libia e l’uso di “tutte le misure necessarie” “per proteggere le vite dei civili “.

La Libia è stata bombardata senza sosta dagli aerei da guerra della NATO a partire dal 19 marzo 2011 per un periodo di circa sette mesi.

Yemen

Il 25 marzo 2015 una coalizione internazionale guidata dall’Arabia Saudita e sostenuta dagli Stati Uniti ha lanciato attacchi aerei contro il gruppo armato Huthi nello Yemen.

Coincidenza; 

Le Idi di marzo, 15 marzo 44 aC, furono anche il giorno in cui l’imperatore   Giulio Cesare fu pugnalato a morte dal Senato romano.

 

 

FONTE

 

Prof Michel Chossudovsky

per Global Research, 27 febbraio 2021

Condividi questo articolo

Lascia un commento