BILL GATES / IL SUO “GLOBAL EMPIRE” NEL J’ACCUSE DI VANDANA SHIVA

Condividi questo articolo

“L’Impero del filantro-capitalista Bill Gates mette a rischio il futuro del nostro pianeta”.

E’ il giudizio senza appello che emerge con forte evidenza nel ponderoso “Global Citizens Report” elaborato dall’associazione “Navdanya International” da anni impegnata per salvare il nostro ambiente e la salute dei cittadini, messa ancor più a repentaglio oggi, alle prese con il Coronavirus e con le finte-battaglie dei nostri governi. E, soprattutto, alle prese con le acrobazie messe regolarmente in campo dal “Sistema Gates”.

L’associazione è stata fondata ed è animata dall’attivista e fisica indiana Vandana Shiva; il Report è titolato, in mondo significativo, “Gates to a Global Empire” ed alla sua elaborazione hanno contribuito non pochi tra i massimi esperti e leader di movimenti della società civile. Eccone i nomi: Vandana Shiva, Farida Akhter, José Esquinas Alcàzar, Nicoletta Dentico, Fernando Cabaleiro, Seth Itzkan, Dru Jay, Satish Kumar, Jonathan Latham, Aidé Jiménez- Martínez, Chito Medina, Zahra Moloo, Silvia Ribeiro, Adelita San Vicente, Ali Tapsoba, Jim Thomas, Timothy A. Wise. 

Il documento conta sulla partecipazione di organizzazioni internazionali e movimenti nazionali, come ETC Group, Community Alliance for Global Justice / AGRA Watch, Soil4Climate, Bioscience Resource, GM Watch, Naturaleza de Derechos – Argentina, Masipag – Filippine, Terre à Vie – Burkina Faso, UBINIG – Bangladesh.

 

 

Così Vandana Shiva presenta il Rapporto: “Con il suo filantro-imperialismo Gates si sta affermando come il Colombo dell’era digitale, sta spingendo per affermare i fallimentari Ogm della nuova Monsanto e sta cercando di introdurre i nuovi Ogm basati sul gene-editing. Noi dobbiamo riprenderci le nostre sementi e il nostro cibo. Dobbiamo riprenderci la nostra vita e la libertà, la giustizia e la democrazia”.

“Nel rapporto sono raccolte evidenze scientifiche e le sue pagine gettano luce sul filantro-capitalismo che sta sostenendo e promuovendo l’accaparramento e la colonizzazione delle nostre sementi, dell’agricoltura, del cibo, della conoscenza e dei sistemi sanitari da parte delle multinazionali, manipolando l’informazione ed erodendo la democrazia. Negli ultimi trent’anni tutto ciò è emerso con sempre maggiore forza e sono riusciti a modificare persino l’agenda internazionale portando il nostro futuro e il futuro del nostro pianeta verso l’estinzione e il collasso ecologico”.

Illustra ancora Vandana Shiva. “Leggendo il rapporto ci si rende conto di come schemi e metodi del ‘soluzionismo’ tecnocratico, sostenuto dalla diabolica alleanza tra il grande capitale, le istituzioni scientifiche e tecnologiche e gli Stati, siano ben rappresentati e incarnati dalla Bill & Melinda Gates Foundation e di come stiano accelerando, grazie proprio allo ‘sviluppo filantropico’. Attraverso le sue numerose iniziative, le sotto-organizzazioni, gli schemi di sviluppo e i meccanismi di finanziamento, Gates tesse la sua intricata rete di potere ad ampio raggio e amplia la sua influenza, nascondendosi in tutte le separate derive che crea. Il rapporto esamina un’ampia parte di questa rete di potere. Un potere che ignora deliberatamente i passati fallimenti delle tecnologie che vuole spingere, e che si disinteressa di qualsiasi potenziale problema di cui è la causa, puntando con assoluta priorità al profitto e all’ampliamento del mercato”.

Parole che più chiare non si può.

Adesso passiamo ad una sintesi del “Global Citizens Report” presentato lo scorso 14 ottobre. Punto per punto, tema per tema, critica (feroce) per critica. Un rapporto che dovrebbero leggere soprattutto i giovani, anche attraverso la didattica a distanza inaugurata nella stagione del Covid.

 

 

 

STRATEGIE & TECNICA DELLA FONDAZIONE

 

Bill Gates, una delle due persone più ricche del pianeta con un patrimonio netto di quasi 117 miliardi di dollari, è ora diventato il più potente filantropo della storia moderna. Gates divenne noto per la prima volta per aver reso disponibile la tecnologia su vasta scala con la divulgazione del PC di casa attraverso la sua azienda Microsoft.
Recentemente, dopo aver fatto un passo indietro rispetto a Microsoft, Gates ha iniziato a reinventarsi come un filantropo benevolo che usa la sua influenza tecnologica e la sua conoscenza del mercato privato per risolvere i problemi più urgenti del mondo attraverso la fondazione sua e di sua moglie: The Bill and Melinda Gates Foundation. Ora è visto come un timido, generoso “ottimista impaziente” che cerca di mettere i suoi soldi per aiutare i poveri del mondo. Ma prima del suo completo rinnovamento nelle pubbliche relazioni e dopo molteplici cause legali antitrust, Gates deteneva la reputazione di uno spietato gigante della tecnologia, a disposizione dei poteri forti, schiacciare completamente i concorrenti e aprire la strada dall’impero monopolistico di Microsoft. Una strategia ora esportata per influenzare l’agenda di sviluppo globale in linea con i suoi interessi molto specifici.

Nato dal contesto neoliberista sia delle politiche di aggiustamento post-strutturale che hanno lasciato atrofizzati gli stati del Sud del mondo, sia dei fondi in costante diminuzione alle istituzioni internazionali dopo la fine della Guerra Fredda nel Nord del mondo, la porta è stata lasciata spalancata per Gates per rinvigorire la scena internazionale come generoso fornitore di capitali tanto necessari. Ma questo capitale è tutt’altro che puro.
Una volta che si attraversa la fitta nebbia delle pubbliche relazioni, inizia a emergere uno schema di consolidamento spietato dell’agenda e del programma di sviluppo. Una strategia di sviluppo basata su un consenso imposto in modo aggressivo attraverso un’influenza diretta su tutti gli attori del colosso dello sviluppo globale – comprese istituzioni internazionali, università e centri scientifici e di ricerca internazionali, società private e stati – e la mentalità secondo cui qualsiasi problema può (e deve solo ) essere risolto attraverso la tecnologia, l’innovazione, l’ingegneria e le regole del mercato privato. Questo vale per tutte le aree toccate dalla Fondazione Bill e Melinda Gates, da settori come l’alimentazione e l’agricoltura, alla salute, ai cambiamenti climatici, all’istruzione e ai media.

Bill e Melinda Gates. In apertura Bill Gates e Vandana Shiva

Lo schema di solito è più o meno questo: la Fondazione Bill e Melinda Gates, attraverso i loro media partner finanziati, solleva una questione di loro interesse per l’agenda globale con una soluzione tecnologica proposta. Una volta che la questione ha acquisito una sufficiente trazione, iniziano a fornire finanziamenti iniziali sotto forma di sovvenzioni a start-up, istituti di ricerca e dipartimenti di ricerca di società private al fine di sviluppare la tecnologia destinata a risolvere il problema sollevato. A volte (la maggior parte delle volte) questo si accompagna a sovvenzioni governative nei paesi in cui vengono lanciate le iniziative. Nel frattempo, le iniziative di Gates separate dalla fondazione, o quelle che finanzia nelle istituzioni internazionali, iniziano a fare pressioni e lubrificare il processo di regolamentazione per facilitare l’implementazione di questa tecnologia e della sua strategia di accompagnamento. Quindi, una volta completati questi due passaggi, inizia la commercializzazione e l’implementazione del prodotto o della tecnologia, rilevata da società private che hanno investito anche nella start-up o nel centro di ricerca.
In questo modo la fondazione di Gates modella direttamente il discorso pubblico, dirige l’immaginazione solo verso la sua soluzione proposta e apre mercati remoti per le aziende private con sussidi statali. Tutto questo è sottilmente velato dietro la retorica di una causa umanitaria e di sviluppo, come l’aumento del reddito per i piccoli agricoltori o la fornitura di soluzioni ai cambiamenti climatici, fornendo una giustificazione morale alla sua monopolizzazione dello sviluppo globale per lo sviluppo tecnologico personale.
Ma come descrive questo rapporto, questo consolidamento dello sviluppo globale ha enormi implicazioni. Come vedremo, incatenati alle sovvenzioni da un milione di dollari della Bill e Melinda Gates Foundation sono le società private e gli interessi del mercato privato, i circuiti di feedback negativi di un soluzionismo tecnologico e l’ulteriore decadimento della legittimità per le istituzioni internazionali.

Questa strategia di lavoro accelera efficacemente la ricerca tecnologica verso la pipeline di prodotti che avvantaggia solo le più grandi società private che detengono brevetti su tali tecnologie o hanno la capacità di commercializzarle. Come vedremo, questa nozione di accelerazione tecnologica cieca come unica soluzione ai problemi del mondo mantiene un punto cieco completo per i fallimenti passati, o per soluzioni completamente non sicure o non testate.
È una mentalità di determinismo tecnologico o muori. Il fatto che viene completamente ignorato è che queste soluzioni tecnologiche creano quasi sempre circuiti di feedback che peggiorano il problema originale.

Grazie alla crisi del Coronavirus, il marciume che esisteva nelle nostre attuali strutture mondiali è diventato ulteriormente evidente. A causa di una crisi climatica ed ecologica già in atto e delle disuguaglianze, ci siamo trovati al punto di ebollizione di molteplici problemi mondiali preesistenti. Ciò rende estremamente allettante cercare soluzioni immediate a queste crisi freneticamente e ciecamente. Ma questa mentalità risoluzionista tecnologica secondo cui la tecnologia sarà in grado di risolvere da sola problemi sociali complessi per creare un futuro utopico, si basa su una pesante negazione e dimentica di come la tecnologia ha creato e modellato questi problemi per cominciare. La retorica del “progresso” e dell ‘”innovazione” costanti richiede la mentalità bellicosa dei singoli obiettivi e risposte reazionarie superficiali che rendono invisibili gli errori del passato e irrilevanti i fallimenti del passato.
Ciò porta all’accumulo di 5 cicli di feedback negativi di tentativi infiniti di risolvere il problema che le soluzioni tecnologiche e industriali hanno creato in primo luogo, lasciando questi problemi strutturali irrisolti come un fantasma che continua a perseguitare, solo questa volta con una vendetta.

In tutto questo rapporto, vediamo questi schemi ripetersi ancora e ancora, e come questo risoluzionismo tecnocratico, alimentato da un’alleanza empia (o cieca) tra le istituzioni scientifiche e tecnologiche, gli stati e il grande capitale, sia incarnato dalla Fondazione Gates e pericolosamente messo in azione accelerata attraverso uno sviluppo filantropico.

Da nessuna parte questa negazione è più evidente che nelle iniziative di Gates sull’agricoltura e sull’editing genetico. Qualcosa possibile solo attraverso la sua erosione della legittimità degli accordi internazionali come la Convenzione sulla diversità biologica e il protocollo di Nagoya, così come il suo maggiore finanziamento e consolidamento del CGIAR. Tutto fatto per avere accesso alle informazioni genetiche dei semi del mondo; qualcosa di insostituibile per i suoi orizzonti di OGM e gene drive. Il rapporto inizia stabilendo i meccanismi per questo controllo sulle sementi, permettendoci anche di scrutare la visione futura del cibo e dell’agricoltura per la Bill and Melinda Gates Foundation.

 

 

 

 

 

Controllo sulle sementi

Il “fattore chiave della trasformazione agricola è un ambiente politico favorevole”, afferma il sito web della Bill and Melinda Gates Foundation. Un modo in cui la Bill and Melinda Gates Foundation garantisce questo “ambiente politico favorevole” è attraverso la loro diretta influenza sugli istituti di ricerca internazionali. È il caso del Gruppo consultivo per la ricerca agricola internazionale (CGIAR).
Al centro della strategia agricola della Fondazione Gates è l’aumento del finanziamento del CGIAR nel suo insieme, poiché attualmente la fondazione fornisce più di qualsiasi altro finanziatore a circa 105 milioni di dollari all’anno. Questo piano comprende anche la fusione dei vari centri CGIAR, attualmente indipendenti, in uno, diretto da un unico consiglio. La nostra prossima sezione intitolataOne Empire Over Seeds, Biodiversity and Knowledge, inizia con l’articolo di Vandana Shiva, One Empire Over Seed: Control Over the World’s Seed Banks, che denuncia le implicazioni delle intenzioni della fondazione Gates di centralizzare e aumentare i fondi per il sistema CGIAR , come iniziativa per consolidare ulteriormente il potere della Fondazione Gates sulla ricerca agricola.
Ma perché Gates sta cercando di consolidare le 15 più grandi collezioni di semi al mondo? Vandana Shiva ci mostra anche come, attraverso il finanziamento di iniziative globali come Diversity Seek (DivSeek), stiano cercando di copiare tutte le informazioni genetiche dei semi in deposito. In effetti, questo consente loro di sottoscrivere brevetti sulle informazioni genetiche raccolte, con conseguente biopirateria attraverso brevetti di semi. Una mossa vecchia quanto il gigante dell’agrobusiness.

Dove questo viene messo in funzione è in ogni singolo centro CGIAR, come l’International Rice Research Institute (IRRI) nelle Filippine. Con il loro finanziamento, e quindi la direzione della ricerca, influenzano e cooptano i sistemi nazionali di ricerca agricola e di estensione dei governi nella rete IRRI. Chito Medina, scienziato di Masipag ed ex coordinatore di Masipag, Filippine, entra in questi dettagli di come la fondazione di Gates ora fornisce fino al 15% del budget annuale totale per IRRI, oltre ad essere il secondo più grande donatore del gruppo consultivo internazionale Sistema di ricerca agricola (CGIAR), di cui IRRI fa parte nel suo articolo BMG Foundation e IRRI – Corporate Hijack of Rice Science. Per citarne alcuni, le loro sovvenzioni hanno incluso il finanziamento di: Golden Rice geneticamente modificato; il progetto “Realizing Enhanced Photosynthetic Efficiency” per cercare di aumentare la capacità di fotosintesi delle colture; il progetto Stress Tolerant Rice for Africa and South Asia (STRASA) incentrato sullo sviluppo di sistemi di semi tolleranti a siccità, alluvioni, salinità, freddo e stress biotico; Riso SwarnaSub1 destinato a sopravvivere alla sommersione e alla salinità dell’acqua; e l’Alleanza Accelerated Genetic Gain in Rice in South Asia and Africa (AGGRi) e così via. Ciò segue in linea con la storia dell’IRRI, sin dalla sua fondazione da parte della Fondazione Rockefeller, di promuovere la Rivoluzione Verde attraverso la modificazione genetica del riso, la raccolta di varietà di riso autoctone, tutto fatto per gli interessi delle società private attraverso la loro ricerca “commissionata”. Alla fine, provocando un’erosione della diversità delle colture e la privatizzazione dei semi degli agricoltori.

 

 

Un impero sull’agricoltura

Iniziamo a vedere la storia di come la Bill and Melinda Gates Foundation è stata coinvolta nell’arena alimentare e agricola attraverso la giornalista e direttore del programma sanitario globale della Società per lo sviluppo internazionale (SID), il pezzo di Nicoletta Dentico, Bill & Melinda Gates: la distopia della rivoluzione verde in Africa. Nel 2007, a partire dai soldi della bolla speculativa immobiliare, Warren Buffet è stato in grado di proteggere i suoi milioni di dollari in una nuova iniziativa lanciata dalla Fondazione Bill e Melinda Gates, insieme alla Fondazione Rockefeller: l’Alleanza per la Rivoluzione Verde in Africa o AGRA . Dentico ci mostra come, usando l’argomento secondo cui l’Africa è “indietro” dal punto di vista dello sviluppo a causa di un accesso insufficiente alla tecnologia, alle infrastrutture povere del paese e all’esaurimento del suolo, Gates, insieme alle aziende private, ha lavorato per ridisegnare completamente tutti i livelli del sistema alimentare africano a favore della chimica, dei monopoli agroalimentari degli OGM e dell’agricoltura digitale. Velato da una retorica sulla diminuzione della malnutrizione, della fame cronica e della povertà, Gates vede che l’unica soluzione a questo “deficit di produzione” sono le ideologie di mercato della Rivoluzione Verde, indipendentemente dalla devastazione passata causata da questi metodi chimici. Come mostrato in dettaglio da Dentico, tutto questo viene fatto attraverso una duplice strategia di lubrificazione finanziaria delle istituzioni pubbliche essenziali con sovvenzioni condizionali, nonché attraverso una serie di organizzazioni affiliate alla Fondazione Gates che forniscono attivamente raccomandazioni politiche agli africani.
Organizzazioni come la Global Alliance for Improved Nutrition (GAIN) che promuove la fortificazione degli alimenti sotto forma di OGM; L’African Agricultural Technology Foundation (AATF) che promuove la ricerca universitaria sugli OGM mentre negozia la partecipazione a brevetti per le multinazionali che promuovono la fortificazione alimentare e la digitalizzazione dell’agricoltura. Queste organizzazioni, insieme a tutti i loro progetti e filiali, agiscono come una manipolazione su più fronti della politica regionale e nazionale fornendo suggerimenti politici dai “dati” raccolti.

Tutto contrario alla resistenza locale e alle pratiche di agroecologia locale, che Dentico mostra anche essere completamente ignorate a favore di una competenza dall’alto verso il basso, con poca o nessuna partecipazione indigena. Un modello che Timothy Wise, consulente senior presso l’Istituto per l’agricoltura e la politica commerciale (IATP), mostra che ha completamente deluso i paesi africani, nel suo pezzo Green Revolution Fails Africa’s Farmers of Gates Foundation. Agendo come una valutazione generale, che non è mai stata fatta da AGRA, dei suoi obiettivi proposti per il 2020 di raddoppiare la produttività e il reddito per i piccoli agricoltori in 13 paesi africani, Timothy Wise mostra ancora una volta come questa mancanza di responsabilità nasconda il ripetuto fallimento della Rivoluzione Verde. Nel complesso la ricerca di Wise mostra come gli obiettivi fissati da AGRA nella sua fondazione non siano stati raggiunti né abbiano peggiorato la situazione in alcuni paesi. Ad esempio, dopo quasi 15 anni non ci sono prove di aumenti significativi della produttività e in termini di persone che soffrono di fame estrema, c’è stato un aumento del 30% nei paesi AGRA. Anche i livelli di povertà si sono attestati sullo stesso livello o sono aumentati dalla creazione dell’organizzazione nel 2007.

Qualcosa di molto problematico quando AGRA ha consumato così tante risorse e ha lavorato per rimodellare l’agricoltura africana in modo che dipenda da costosi input esterni guidati dalla tecnologia. Ma ciò non sorprende, poiché abbiamo visto come la Rivoluzione Verde originale sia fallita e abbia causato conseguenze più negative in Asia, America Latina, Stati Uniti e ora in Africa.

 

 

 

 

Questa amnesia e negazione di questi fallimenti diventa evidente con la nuova iniziativa AgOne della Fondazione Bill e Melinda Gates. Lanciata nel gennaio 2020 come parte del gruppo di iniziative sul cambiamento climatico di Gate. AgOne offre una nuova trasformazione tecnologica alle stesse strategie impiegate in altre iniziative agricole di Gates. Ciò significa un nuovo aggiornamento tecnologico degli agricoltori di data mining attraverso la tecnologia dei sensori, la tecnologia del gene drive CRISPR-Cas9 per semi e piante viventi, nuovi OGM, modelli predittivi di intelligenza artificiale e così via. In questo capitolo, Gates AgOne e la ricolonizzazione dell’agricoltura scritta dal Navdanya Team, mostra come le alleanze di Gates con aziende come Bayer, Monsanto, Syngenta, Corteva stiano lavorando a una nuova fase di digitalizzazione dell’agricoltura, basandosi sui metodi della Rivoluzione Verde. Questa critica di AgOne mostra come la retorica usata per giustificare la creazione dell’iniziativa sia completamente fuori dal contatto con qualsiasi vera esperienza degli impatti dannosi della prima Rivoluzione Verde. Contrariamente a quanto potrebbe pensare Bill Gates, i sistemi alimentari agroecologici sono complessivamente più produttivi, più resilienti ai cambiamenti climatici e forniscono una maggiore sicurezza di sussistenza. Fernando Cabaleiro, avvocato dell’organizzazione argentina Naturaleza de Derechos, ci mostra Gates AgOne in Argentina con uno sguardo più da vicino su come questa sta tentando di entrare in America Latina attraverso l’Argentina. Qui, con il nome di “AgTech”, Cabaleiro spiega come l’iniziativa guidata da Gates sia una convergenza dei grandi attori dell’agrobusiness e dell’Istituto interamericano di cooperazione sull’agricoltura (IICA). Un’iniziativa che da due anni pone le basi per la digitalizzazione dell’agricoltura attraverso un’alleanza IICA e Microsoft che utilizza l’Internet delle cose, l’intelligenza artificiale, il data mining. Fernando ci spiega come questi programmi non hanno nulla a che fare con il miglioramento dell’agricoltura per un clima che cambia o una popolazione in aumento, e hanno tutto a che fare con l’accumulazione di capitale, la concentrazione economica e l’appropriazione delle risorse genetiche e come intendono raggiungere questo obiettivo. Un processo che alla fine disumanizza ulteriormente l’alimentazione, l’agricoltura a scapito degli agricoltori che già soffrono, la salute pubblica e la regolamentazione del Paese. Un tema che si ripete con quasi tutti gli interventi di “sviluppo” di Bill Gates.

 

 

Golden Rice Hoax

Promuovere gli OGM non riusciti come mostra la storia della spinta per il Golden Rice, un riso OGM, diventato dorato grazie al beta-carotene biofortificato, finanziato tramite IRRI dalla Gates Foundation. Il riso è stato promosso dal 2000 come possibile soluzione alla cecità infantile. Vandana Shiva ci mostra come ciò si basi sull’ignoranza, poiché una varietà di riso geneticamente modificata non è necessaria per fornire vitamina A in Asia, poiché molte varietà locali di verdure ne forniscono quantità abbondanti. Questo ignorare le soluzioni basate sulla biodiversità alle carenze nutrizionali è un grave errore, dal momento che nel giugno 2018 la FDA ha concluso che il Golden Rice non soddisfa le sue affermazioni nutrizionali di fornire abbastanza beta-carotene giornaliero. Shiva ci mostra come l’insistenza di Gates con il risoluzionismo tecnologico, eclissa le soluzioni effettive ai problemi proposti, mentre contemporaneamente ne crea di nuove. Questa biopirateria e insistenza con false soluzioni di varietà GM si allineano quando Bill Gates ha regolarmente espresso il suo pieno sostegno ai semi OGM come “soluzioni tecniche necessarie” allo sviluppo agricolo. È qui che brilla la totale negazione da parte di Gate dei problemi, delle inefficienze e delle conseguenze degli OGM. Questo schema si ripete anche nel caso di Bt Brinjal (o melanzana). Farida Akhter, direttrice esecutiva fondatrice di UBINIG, Bangladesh, rivela nel suo pezzo Bt Brinjal: Alliance for Crooked Science & Corporate Lies come in Bangladesh sia diventato il banco di prova per Bt Brinjal attraverso l’Agricultural Biotechnology Support Project II finanziato da Cornell che è finanziato dalla Gates Foundation e USAID in collaborazione con Bangladesh Agricultural Research Institute (BARI). Espone le false affermazioni dei sostenitori di BT Brinjal secondo cui Bt Brinjal è diventato popolare tra gli agricoltori sia nella coltivazione che tra il pubblico nei mercati, per mostrare il successo del raccolto BT. Farida mostra invece come il raccolto non sia stato di fatto accettato prontamente dal popolo del Bangladesh e sia fallito nell’utilizzo in campo, a favore dei vitigni autoctoni, oltre che nelle vendite sul mercato. Mostrando come le corporazioni, con il brevetto Bt Brinjal e i suoi sostenitori, mentono attivamente per mantenere il discorso pubblico in loro favore.

 

 

 

Gene Drives e Cibo Falso

Ma perché altrimenti gli interessi privati, che includono moltissimo Bill e Melinda Gates Foundation, cercano di privatizzare i semi degli agricoltori? Ora, non è solo per lo sviluppo di varietà OGM. Il pezzo rivelatore del gruppo ETC delinea fino a che punto Gates e la Fondazione sono coinvolti nello stampaggio, nello sviluppo, negli esperimenti e nell’applicazione della tecnologia del gene drive con il pretesto dell’eradicazione della malaria in Africa.

Driven to Exterminate: Come Bill Gates ha portato la tecnologia Gene Drive Extinction nel mondo, attraversa la storia della Bill and Melinda Gates Foundation essendo i principali donatori, seguendo il gruppo militare statunitense DARPA, nello sviluppo della tecnologia del gene drive, a partire dal 2003 con enzimi di lievito, fino al 2015 con la scoperta di CRISPR. Una tecnologia proteica che segna la fase successiva della manipolazione genetica. Le unità geniche sono classificate come una forma di biologia sintetica (synbio) o OGM 2.0 in cui gli esseri viventi vengono ridisegnati per avere nuove capacità ridisegnando la loro struttura interna del DNA o altri componenti in un modo che esiste in natura, per creare ingredienti sintetici, sostanze chimiche , medicinali, prodotti alimentari coltivati ​​in laboratorio e manipolazione genetica dell’organismo. Tutto parte della “rivoluzione del cibo cellulare”, qualcosa che Vandana Shiva rivelerà in seguito. Come si può vedere, questo tipo di tecnologia del gene drive ha molte implicazioni e, sebbene la tecnologia sia ancora in fase di sviluppo, ETC spiega come la retorica dell’eradicazione della malaria serva da copertura per sviluppare ulteriormente questa tecnologia. La Fondazione Bill e Melinda Gates da allora ha plasmato il dibattito pubblico e le discussioni dei media sull’argomento attraverso il laboratorio multimediale del MIT, Cornell Alliance, e il loro finanziamento nascosto di Emerging Ag (una società di PR privata che ha radunato e infiltrato con “esperti ” assunti) , al fine di inondare istituzioni internazionali come la CBD delle Nazioni Unite con “esperti” piantati a favore della narrativa di Gates. Questa ondata di dibattito pubblico ha permesso il rilascio della prima zanzara GM dopo l’apertura dei laboratori in Burkina Faso, Mali e Uganda, nel 2014. Le zanzare progettate per estinguersi rendendo l’infertilità femminile geneticamente tramandata, consentendo la genetica manipolazione a un’estinzione di specie.

Scrive poi Ali Tapsoba, presidente di Terre à Vie, Burkina Faso, leader nei movimenti contro gli OGM e la zanzara genetica, Scientific Terrorism in Burkina Faso. Come voce per tutte le proteste attorno a questo movimento in Burkina Faso, Tapsoba denuncia la mancanza di consenso o considerazioni etiche sul rilascio di zanzare geneticamente modificate dal progetto Target Malaria, un’iniziativa finanziata da Gates. Sottolinea la protesta delle società civili contro il piano in tre fasi, o il rilascio di zanzare geneticamente modificate, e l’eventuale rilascio di zanzare geniche. la fase uno è già stata intrapresa con il rilascio di zanzare GM nel luglio 2019. Tapsoba spiega come questo progetto sia pieno di incertezze non considerate sull’impatto ambientale dell’eliminazione delle zanzare, nonché di palesi violazioni etiche che rendono le comunità del Burkina Faso come cavie per gli esperimenti di Gates. In questo senso Gates arriva con un nuovo “sviluppo di beneficenza ” in cui appare come il grande benefattore pronto a piombare per salvare i poveri dalle loro miserabili condizioni, con tecnologie che solo lui ei suoi esperti capiscono, ma sono abbastanza generosi da mettere a disposizione delle masse. Ma questa attività di beneficenza è esattamente questo, un’attività del salvatore bianco in cui i poveri diventano sempre più dipendenti dai ricchi. In altre parole, Gates spinge attraverso il suo filantrocapitalismo l’ulteriore decomposizione della società e il suo ulteriore consolidamento nei mercati privati. Come per ogni dollaro regalato come sovvenzione, molti altri milioni vengono investiti direttamente in queste startup, da lui, dai suoi fondi di investimento personali, dal fondo fiduciario della fondazione o da altre società private con le quali la fondazione o Microsoft hanno un rapporto privilegiato.

Anche se Gates sembra dare via i suoi soldi per una “causa di beneficenza”, il patrimonio netto di Gates è aumentato costantemente da quando è diventato un filantropo a tempo pieno. Ciò diventa evidente poiché l’interesse per lo sviluppo della tecnologia Crispr e del synbio ha molte implicazioni oltre alla semplice manipolazione genetica di intere popolazioni di zanzare per la loro estinzione. Attraverso il fondo di investimento personale di Gates, Breakthrough Energy Ventures, lui e altri miliardari come Jeff Bezos, Michael Bloomberg, Richard Branson, John Arnold e il principe saudita Al Weed Bin Jala, finanziano società di biotecnologia che sviluppano prodotti alternativi con tecnologie synbio in nome di sostenibilità climatica. Due esempi di questi prodotti includono Biomilq e Impossible Foods, che sviluppano alternative alimentari prodotte sinteticamente come latte materno sintetico e sostituti della carne, rispettivamente. In Lab Made Breast Milk e Lab Made Meat di Vandana Shiva sottolinea ancora una volta come attraverso i suoi investimenti e le sue iniziative tecnologiche, Gates sia stato: “Affrettato a trovare sostituti per i processi ecologici naturali e poi brevettare [come] è stata la tendenza per fare profitti dalla vita e i suoi processi viventi… ”visti attraverso la maggior parte degli interventi di aziende private. Shiva ci mostra con quanta chiarezza l’introduzione di alternative alimentari riguarda la brevettazione a scopo di lucro, nonché il ritorno sui loro investimenti iniziali. Per non parlare del fatto che questi cibi falsi dipendono da vaste monocolture di soia GM cucita con pesticidi e da processi chimici non testati. Ancora una volta lavorando per eclissare il vero cibo per la salute.

 

 

Influenza sulla salute, i media e l’istruzione

In tutti questi pezzi, gli sforzi “umanitari” forniscono un velo sottile alle vere priorità di espandere i profitti aziendali attraverso l’espansione del mercato e lo sviluppo tecnologico. Lavorando per creare il proprio mondo artificiale privo di processi di vita reale. Poiché ciò che viene utilizzato per creare questo nuovo e coraggioso mondo artificiale, è un modello di business monopolistico, la Fondazione Gates lavora per espandere il ‘consenso’ e un ambiente normativo amichevole per spingere le sue ‘innovazioni’ finanziate dal laboratorio al mercato il più rapidamente possibile, indipendentemente dai rischi, le conseguenze o i fallimenti passati. Ciò si manifesta in un aggressivo attacco tattico alle voci dissenzienti nel dibattito internazionale, con poca o nessuna responsabilità dei progetti e delle iniziative della fondazione. Nel tentativo di raggiungere questo consenso e “ambiente normativo amichevole”, finanzia tutto per allinearsi ai suoi interessi, dalla copertura dei media, alla ricerca, alle università, alle start-up, ai programmi e ai progetti di sviluppo, alle iniziative di ricerca presso istituzioni internazionali e ai programmi governativi. Come mostrato, spesso coinvestendo con altre aziende giganti come l’agribusiness, l’industria dei combustibili fossili, l’industria farmaceutica, Big Tech e così via. Nell’articolo Il monopolio filantropico di Bill e Melinda Gates, Nicoletta Dentico ripercorre la storia di come l’Impero di Bill e Melinda Gates è seguito e successivamente si è diffuso per monopolizzare la salute globale. A cominciare dalle pre-condizioni finanziarie che hanno dato origine al denaro che la Fondazione ha a sua disposizione tra cui fondi pubblici, evasione fiscale e fondi di investimento gonfiati. Ciò si riflette nella struttura del Bill and Melinda Gates Trust Fund che è gestito da Warren Buffet e detiene asset di investimento in società il cui lavoro è contrario agli obiettivi di sviluppo della fondazione, come Walgreens, Kraft Foods, Coca Cola e così via. Descrive in dettaglio come il suo stile filantropico sia simile ai metodi monopolistici viziosi eseguiti in Microsoft, formando una relazione tandem della fondazione che apre le porte ai mercati del nuovo paese per Microsoft e altre società private privilegiate. Lavorando efficacemente per diffondere la sua enorme influenza finanziaria su organizzazioni internazionali, media, paesi a reddito medio-basso e istituti di ricerca. Il luogo in cui questa strategia di lavoro si è manifestata per la prima volta è stato con le iniziative sanitarie di Bill e Melinda Gates, a partire dal 1998 con il programma di vaccini per bambini Bill e Melinda Gates e il programma di vaccino anti-polio.

Subito dopo, questa iniziativa ha lasciato il posto a GAVI, l’alleanza globale per le vaccinazioni vaccinali che ha segnato l’inizio del disfacimento del multilateralismo delle istituzioni pubbliche a favore di un modello pubblico-privato. La progressiva diminuzione dei finanziamenti delle istituzioni sanitarie internazionali dalla fine della Guerra Fredda, ha lasciato a Gates ampi spazi di manovra per rimettere sul tavolo le questioni sanitarie globali, attraverso una generosa iniezione di fondi. Ciò è evidente nel caso dell’OMS, per il quale la Fondazione Gates fornisce quasi il 20% dei fondi necessari per il proprio personale, servendo a fondere gli interessi dell’OMS con quelli della Fondazione Gates.
Dentico afferma: “[Gates} ha creato una costellazione sempre più complessa e diversificata di iniziative pubblico-private per ” sfruttare i progressi della scienza e della tecnologia per salvare vite nei paesi in via di sviluppo “, il che gli ha permesso di interfacciarsi in modo completo con la comunità scientifica e le organizzazioni non governative e istituzioni internazionali, formalizzando i partenariati pubblico-privato come modello centrale di salute globale “. L’altra area necessaria per l’influenza sono gli istituti di ricerca scientifica, ad esempio la Cornell University.

In the Messengers of Gates’ Agenda: How the Cornell Alliance Spreads Disinformation and Discredits Agroecology CAGJ / AGRA Watch fa luce sul vero funzionamento della Cornell Alliance for Science, finanziata dalla Bill and Melinda Gates Foundation. Lo scopo dell’Alleanza è depolarizzare il dibattito sugli OGM e creare un consenso scientifico e la promozione della biotecnologia.

Utilizza tre strategie di lavoro: a) stabilire una rete globale; b) “formazione con uno scopo”; e c)sviluppare comunicazioni multimediali sulla biotecnologia agricola. Ciò si traduce nella donazione di borse di studio ad altri istituti di ricerca, scienziati e giovani professionisti con l’obiettivo principale di modellare la politica, il discorso pubblico e scientifico e le aree di ricerca nel campo della biotecnologia a favore di quelle tecnologie che Gates ha promosso e in cui attivamente investe. Mostrando come nessuna sovvenzione (investimento) sia senza scopo per la sua più ampia agenda di profitto, sviluppo tecnologico e consolidamento del mercato.

Ma questa acquisizione dell’istruzione non si esaurisce solo con il finanziamento delle università. Satish Kumar, il fondatore dello Schumacher College nel Regno Unito, denuncia la retorica dell’apprendimento online attraverso la tecnologia come soluzione ai problemi dell’istruzione, nel suo pezzo Digital Dictators.
Spiega come l’educazione digitale, qualcosa a cui così tanti sono ora sottoposti a causa della pandemia del Coronavirus, nega l’educazione come forma di cura degli studenti al fine di far emergere qualità individuali uniche e diversità degli studenti. L’istruzione non può essere un sistema completamente centralizzato di curricula impersonali e totalmente predeterminati che vede i bambini come vasi vuoti da indottrinare. Un argomento tanto più rilevante in quanto una delle aree di lavoro della Fondazione Gates è lo sviluppo di strumenti per l’istruzione a distanza e basata sulla tecnologia. L’apprendimento digitale è davvero solo intellettuale, Ignora l’ambiente olistico della scuola in quanto responsabile anche dell’insegnamento delle abilità e dei valori sociali, non solo dell’elaborazione delle informazioni simile a una macchina. Per non parlare del fatto che un’ulteriore digitalizzazione e centralizzazione delle scuole potrebbe alla fine portare a un ulteriore stato di sorveglianza guidato da grandi aziende.

Alla base di tante giustificazioni di Gates per i suoi schemi di sviluppo c’è la questione del cambiamento climatico. Una crisi debitamente causata dall’industrializzazione e dai combustibili fossili utilizzati per alimentarla e da tutti i successivi consumi industriali / tecnologici di massa che hanno innescato la perdita di biodiversità, il degrado ecologico e la destabilizzazione del clima. Ciò significa che (si spera) la “bolla del carbonio” delle grandi industrie di combustibili fossili sta per esplodere. Ma l’articolo di ETC, The Sugar Daddy of Geoengineering: Bill Gates ‘fossil fuel interest and funding for global climate engineering, descrive in dettaglio gli ultimi sforzi delle grandi imprese per non perdere trilioni di dollari in attività attraverso il finanziamento della via di fuga nota come geoingegneria. Secondo Gates, la geoingegneria può servire come misura di emergenza per dare all’umanità più tempo per pompare carbonio nell’atmosfera attraverso il sequestro di massa del carbonio e il blocco della luce solare attraverso l’ingegneria solare. Indipendentemente dall’atteggiamento timido di Gates nei confronti della geoingegneria e dal suo apparente interesse a finanziare soluzioni per il cambiamento climatico, Gates è contemporaneamente il maggiore azionista di una delle più grandi compagnie petrolifere e del gas del Canada, la Canadian National Railway, mentre contemporaneamente investe nella ricerca di geoingegneria.

 

 

 

 

I legami che Microsoft ha anche con le industrie del petrolio e del gas

Gates si pone come il volto delle pubbliche relazioni degli interessi di geoingegneria delle industrie dei combustibili fossili che non possono mostrare attivamente il loro volto a causa del sospetto pubblico. Ciò monetizza efficacemente il marciume dei problemi della società attraverso la mentalità di non lasciare mai che una crisi vada sprecata, che ignora perennemente anche le vere cause della crisi in primo luogo. Il sequestro del carbonio finora non si è dimostrato efficace. Le diverse tecnologie finora utilizzate sono ad alta intensità energetica, producono più carbonio di quanto sequestrino o non sequestrano affatto carbonio. L’altra opzione proposta è quella dell’ingegneria solare, ovvero l’irrorazione di acido solforico nell’atmosfera per bloccare la luce solare e irradiarla nello spazio. Poiché la geoingegneria può essere implementata solo su vasta scala e intervenire in ecosistemi complessi che sono in gran parte ancora non completamente compresi, vi è un alto rischio di conseguenze irreversibili e non intenzionali. La geoingegneria promuove l’inerzia climatica e devia risorse, finanziamenti e sforzi di ricerca dall’azione di trasformazione e dal cambiamento di sistema urgentemente necessari, reali, precauzionali, ecologici e di trasformazione. Attraverso le sue varie iniziative, sotto-organizzazioni, schemi di sviluppo e meccanismi di finanziamento, i Gates tessono una complicata rete di potere e influenza internazionale, essa stessa oscurata attraverso tutti i fili separati. Questo rapporto Global Citizens cerca di affrontare almeno gran parte di questa rete di potere che i Gates stanno tentando di esercitare. Un potere che ignora completamente i fallimenti passati delle stesse tecnologie che desiderano spingere, un potere che vive nella negazione degli stessi problemi e conseguenze che le loro nuove iniziative potrebbero produrre, e un potere il cui unico interesse è il profitto e l’espansione del mercato. Non c’è niente di altruista, timido o “ottimista” in Gates e nella sua fondazione. Al contrario, è un prodotto della storia recente che induce la precarietà, e servirà solo a continuare a corrodere la vita in futuro. In altre parole, Bill Gates e i suoi colleghi partner d’affari privati, come sempre, continueranno a produrre problemi esponenzialmente peggiori di quelli che si propongono di “risolvere”, lavorando contemporaneamente per concentrare sempre più potere nelle mani delle aziende.

 

Condividi questo articolo

Un commento su “BILL GATES / IL SUO “GLOBAL EMPIRE” NEL J’ACCUSE DI VANDANA SHIVA”

Lascia un commento