A destra e sinistra

Condividi questo articolo
La domenica delle “brevi” (in gergo giornalistico le notizie flash).
La politica, ah la politica…Predica bene, razzola male. “Bravi ragazzi, viva il clima risanato, la vostra è una lezione per gli adulti”. Anche il premier Conte parla con contenuto entusiasmo di Greta e il milione giovani di tutto il mondo che hanno detto basta all’inquinamento, ma…ma il via al decreto clima slitta e chissà a quando.
Il deputato Comencini, leghista di solida convinzione, deve rispondere di vilipendio al presidente della Repubblica (“Mattarella mi fa schifo”) e Salvini lo difende con l’incredibile, becera motivazione ‘Indegno processare le idee’. A questo impresentabile figuro, che se ne frega delle leggi,  l’Italia ha rischiato di sottomettersi.
In Umbria è  quasi tempo di andare alle urne e la contesa è aperta tra candidati. Vincenzo Bianconi conta su cinque liste (M5Stelle, Pd, Bianconi per l’Umbria, Europa Verde, Sinistra Civica Verde). La Tesei per la destra  ha il sostegno di Fdi, Umbria Civica Tesei presidente,  Lega Salvini Umbria, Forza Italia Berlusconi per Tesei e Tesei presidente per l’Umbria. Gli altri sei candidati sono Emiliano Camuzzi, collegato alle liste di Potere al Popolo e del Pci; Martina Carletti (Riconquistare l’Italia); Giuseppe Cirillo (Partito delle buone maniere); Antonio Pappalardo (Gilet arancioni); Claudio Ricci (Ricci Presidente, Italia Civica Ricci e Proposta Umbria con Ricci); Rossano Rubicondi (Partito comunista).
Il rebus: l’alleanza cinquestelle-dem avrà la meglio sul ‘neo’ del Pd, colpa della governatrice colpevole di nepotismo? In caso di esito positivo inaugurerà la nuova stagione politica delle liste civiche e dell’oscuramento di candidati dei partiti?
Anche Zingaretti si è emozionato per la marea di giovani ambientalisti: “La tutela del pianeta dovrà far parte dei principi costituzionali se vogliamo cambiare davvero”. Dobbiamo investire 50 miliardi (Merkel docet) nei prossimi 15 anni per il verde, l’energia alternativa, la riqualificazione antisismica di edifici pubblici e privati, la mobilità sostenibile, le fonti rinnovabili e finanziare la ricerca per obiettivi di benessere. Si devono incentivare gli investimenti privati delle imprese, cogliere le opportunità di sviluppo e di innovazione, sbloccare i miliardi stanziati per opere pubbliche. Il Sud è emergenza se si continua ad ignorare il tema, opportunità se apriamo una nuova stagione di investimenti. Con gli alleati è importante discutere per costruire. L’Italia ha pagato troppe volte il prezzo dell’instabilità, delle polemiche, l’incertezza del prevalere dell’egoismo politico. Ora speranza all’Italia che soffre”.
In tre righe. Berlusconi: “Lega e fascisti non vincono senza Forza Italia”. Replica di Fratelli d’Italia: “Che tristezza leggere le sue parole”. Salvini: “Parlare di fascismo non ha più senso” Meloni: “Umbria. “Sinistra e M5S impresentabili”.
Di Maio ha invitato  Casaleggio all’Onu e Di Pietro commenterebbe “Ma che ci appizza?” Marcucci, Pd: “Conflitto d’interessi, è incredibile che parli a nome  dell’esecutivo”. Interrogazione al Senato di Forza Italia, Salvini “è una vergogna”.  Proteste anche della grillina Fattori. Altra espulsione di Di Maio? I 5Stelle: “Polemiche strumentali”.
Una donna sorda, in piazza Duomo  contesta Salvini. “Niente decreto legge a nostro favore, promesso un anno fa”.
Condividi questo articolo

Lascia un commento