VACCINI E AUTISMO / LE RICERCHE ALLA KEELE UNIVERSITY

Condividi questo articolo

Ricordate le feroci polemiche ad inizio gennaio per una ricerca su alcuni lotti di vaccini parzialmente finanziata dall’Ordine Nazionale dei Biologi? Si scatenò un putiferio perché i risultati iniziali erano da brividi, un autentico polverone sollevato da un gruppo di ricercatori capitanato dal padre di tutti i Pro Vax, Roberto Burioni.

In quei lotti venne trovato di tutto e di più, compresi addirittura i nocivi glifosati.

Alla Keele University, invece, proseguono in tutta tranquillità gli studi di una equipe coordinata dal professor Chris Exley, docente in chimica bio-organica. Si tratta di una delle più prestigiose università britanniche, a pochi chilometri da Newcastle.

Nel 2017 l’equipe ha pubblicato uno studio sull’alluminio trovato nei tessuti cerebrali di cinque piccoli pazienti affetti da autismo. Le conclusioni della ricerca sottolineavano come anche piccole quantità di alluminio contenute in alcuni vaccini inattivati – ad esempio quello per l’HPV, vale a dire il papilloma virus – possono causare “le più severe e disabilitanti forme di autismo”.

E’ uno dei nodi sui quali la comunità scientifica internazionale dibatte da anni. L’equipe del professor Exley, dopo quella ricerca, ha deciso di continuare ad approfondire la delicatissima materia.

Per questo motivo alla Keele Universityhanno attivato una piattaforma destinata alle donazioni su questi fronti avanzati della ricerca, una sorta di crowdfundingper contribuire a finanziare quegli studi.

Ma alla Keele– come risulta da un ampio reportage effettuato dal Guardian– tengono a sottolineare l’alto profilo scientifico delle ricerche che possono attivarsi attraverso il portale. “Siamo convinti della necessità e grande utilità sociale dei vaccini oggi – sottolineano – ma altrettanto convinti che su questo terreno vadano promosse le più ampie ricerche. E noi intendiamo garantire la qualità scientifica degli studi che possono essere aiutati dalle donazioni”.

La ricerca di Exley ha ricevuto una sorta di marchio di garanzia assegnato dal “Children’s Medical Safety Research Institute” statunitense, un alto organismo americano che si occupa della sicurezza nei vaccini.

“I danari che riceviamo – osserva Exley – servono per supportare i costi di base e far funzionare i nostri laboratori, a prescindere dal tipo di ricerca da svolgere”.

Le ultime donazioni ammontano ad un totale di circa 22 mila sterline. La gran parte di importo inferiore alle 100 sterline ciascuna.

Il nuovo sistema di donazioni brevettato alla Keeleè finalizzato – sottolineano i promotori universitari – a garantire “il massimo grado possibile di trasparenza”.

Condividi questo articolo

Lascia un commento