VACCINI / PER PRODURLI ANCHE CELLULE DI FETI ABORTITI

Condividi questo articolo

Da molti anni si usano cellule di feto abortito per produrre vaccini. Ma pochi lo sanno.

I media, travolti nella scriteriata campagna Pro Vax senza se e senza ma, propagandando bufale e fake news d’ogni sorta, preferiscono ignorare e suonare le trombe.

Perchè gli scienziati taroccati e Big Pharma vengano regolarmente serviti, riveriti omaggiati.

Di Vaccini & Feti si è parlato in un recentissimo convegno a Roma sul tema “Fede, Scienza e Coscienza”, al quale sono intervenuti ricercatori i quali cercano, con gran fatica, di far conoscere agli italiani alcune verità nascoste sui vaccini, e soprattutto, su un loro razionale utilizzo.

Materia bollente, visti i muri di gomma innalzati da una classe politica sempre più genuflessa davanti ai mega interessi delle case farmaceutiche.

Sono intervenuti, tra gli altri, Debi Vinnedge, Martina Collotta, Stefano Montanari e Theresa Deisher.

Deisher afferma di aver trovato tracce di DNA fetale in alcuni vaccini e che questa presenza può spiegare lo scatenarsi di risposte autoimmuni.

Montanari rammenta che le linee cellulari fetali sono più di due: “Al momento – sostiene – esistono una trentina di vaccini realizzati con le due linee cellulari WI-38 e MRC-5, oltre a creme di bellezza. Ma sono in preparazione altre linee cellulari”.

Stefano Montanari

Collotta, dal canto suo, spiega come avviene un aborto. Osserva che quelli finalizzati alle linee cellulari “lasciano il feto integro. E il feto deve essere assolutamente sano”.

Per questo motivo gli interessi di Big Pharma non riguardano bimbi abortiti spontaneamente, che possono essere partoriti con qualche malformazione. Ma quelli abortiti per scelta, e quindi perfettamente sani. Come neanche gli ariani al tempo dei nazi.

Of course le industrie farmaceutiche che producono farmaci, vaccini & creme di bellezza hanno la vista lunga, pensano alle montagne di profitti e se ne strafottono della vita umana.

Su questi temi ha di recente “esternato” un medico ed ex consulente del colosso in pillole Sanofi-Pasteur. Dettagliando le incredibili ricerche portate avanti al Wistar Institute di Philadelphia per conto di Big Pharma. Al centro dell’interesse i feti, per produrre vaccini e cosmetici. Ne sono stati sacrificati ben 76 (di feti) stando alle sue solo conoscenze.

Ma ecco un altro raccapricciante racconto. “Per combattere una malattia esantematica, pericolosa solo per donne in gravidanza, si uccidono e fanno a pezzi i figli di chi rifiuta la maternità”.

Scrive un sito di controinformazione: “Ci chiediamo che senso abbia impedire l’uso delle cellule embrionali per la ricerca e usare, senza dichiaralo apertamente, quelle fetali per fabbricare sieri farmaceutici. Non è certo ‘tenendo nascosto’ un crimine che se ne perdono i risvolti morali”.

Racconta con grande amarezza una madre: “Ero all’oscuro di tutto questo al momento di vaccinare le mie bimbe e non mi sento, per questo, giustificata. Né la mia pediatra, né gli operatori della Asl mi avevano messa al corrente. Si obietterà che non vi è reato visto che quelle donne abortiscono volontariamente: loro sì, liberissime, ma chi è contrario all’aborto e ignora come vengono prodotti questi vaccini, compie una scelta che non gli appartiene, una scelta immorale. Diventa complice suo malgrado. Sono stata ingannata. E con me milioni di genitori”.

Condividi questo articolo

Lascia un commento