GIULIO TARRO / IL J’ACCUSE CONTRO L’OBBLIGO DEI VACCINI

Condividi questo articolo

Lo scandalo sulla obbligatorietà dei vaccini continua.

Un forte j’accuse, super attrezzato sotto il profilo scientifico, arriva da Giulio Tarro, il ricercatore napoletano insignito a fine 2019 del titolo di “miglior virologo mondiale” a New York. Allievo di Albert Sabin che scoprì il vaccino antipolio, due volte nella cinquina del Nobel per la Medicina, Tarro ha appena scritto un pamphlet consigliato a tutti i cittadini e alle famiglie che vogliono districarsi nella giungla informativa – o meglio disinformativa – che ruota intorno ai vaccini e non solo.

Emblematico già il titolo, “Una medicina per la gente – Dal Male Oscuro alla imposizione delle vaccinazioni”, che segue ad un anno di distanza “10 cose da sapere sui vaccini”, teso ad evidenziare tutte le assurdità del decreto Lorenzin sul folle obbligo vaccinale.

Un libro storico e anche autobiografico, attraverso cui si leggono pagine di scienza, di medicina e di vita vissuta, le prime ricerche con il maestro Albert Sabin; ma anche vicende personali, per fare un solo esempio la storia dell’amatissima gattina Venerina, che fin da giovane gli fece capire la totale assurdità delle pratiche di sperimentazione animale, le atrocità e la completa anti-scientificità della “vivisezione”.

 

QUEGLI SCIENZIATI CIUCCI & PRESUNTUOSI

Ma andiamo al cuore del problema, le vaccinazioni.

Una foto d’epoca che ritrae Giulio Tarro in laboratorio con Albert Sabin.I n apertura Tarro e la copertina del suo nuovo libro

Da gustare l’incipit, una frase di Bertrand Russell: “Il problema dell’umanità è che gli stupidi sono sempre sicurissimi, mentre gli intelligenti sono pieni di dubbi”. Una frase – commenta Tarro – “completamente sbagliata se con il termine di ‘intelligenti’ si intende ‘scienziati’. Mai conosciuta una categoria più arrogante e arruffona, capace di qualsiasi infamia pur di preservare miserabili privilegi”.

Quale l’odierno portabandiera di questa kasta? Lo ‘scienziato’ (sic) che va per la maggiore nei salotti tivvù, il ricercatore via facebook, il più ‘gettonato’ a botte di like. Si tratta di Roberto Burioni, massone del Grande Oriente d’Italia a sua insaputa (nega di essere iscritto ad alcuna loggia), in palese conflitto d’interessi, dal momento che sforna brevetti per le aziende di Big Pharma, ad esempio quella di lady Diana Bracco. E’ stato autore, un anno e mezzo fa, di un epico “La congiura dei Somari”, l’incappucciato Burioni, per discreditare tutti quelli che non la pensano come lui sul bollente tema dei vaccini.

Come, per fare un nome, il Nobel Luc Montagnier, che osa attaccare l’obbligatorietà vaccinale e dimostrare – documenti scientifici alla mano – tutte le cautele che bisogna adottare per evitare di finire nelle grinfie di Big Pharma.

Somari oppure, commenta Tarro, “‘Asini’, termine entrato in auge grazie alla davvero scandalosa ospitalità concessa dalla TV ad un ormai famigerato personaggio che si erge a ‘Sacerdote della Scienza’”.

Beatrice Lorenzin

Racconta Tarro: “Per me il, il 2018 è stato l’anno della rinascita. Mi mancava il gusto della polemica, che mi aveva animato sin dai tempi del ‘Male Oscuro’. Per mia fortuna, nel 2018 fui risucchiato nella tempesta scatenata dalla sbalorditiva campagna vaccinale imposta dal ministro della Sanità Beatrice Lorenzin. Su questa ho pubblicato ‘Dieci cose da sapere sui vaccini’ (edito dalla Newton Compton) che voleva essere al di sopra delle parti: non già un libello ‘pro o contro’ ma una panoramica a 360 gradi sulla questione vaccini indirizzata anche ai miei colleghi medici che, spesso, soprattutto quando rivestono una qualche carica accademica, finiscono per aggrapparsi pervicacemente alle proprie ‘convinzioni’. Il ‘nocciolo’ consisteva in una tabella che schematicamente sintetizzava ‘i pro e i contro’ di ognuno dei vaccini resi obbligatori dalla legge 119 del 28 luglio 2017”.

IL MAESTRO ALBERT SABIN

Seguiva un anno fa, e segue anche nel fresco di stampa, una densa carrellata sui vaccini, con tanto di aspetti favorevoli e sfavorevoli; quindi tutte le precauzioni da prendere prima dell’uso oppure farmaci da non assumere perché del tutto inutili, e comportanti rischi di gran lunga maggiori dei possibili benefici.

S’interroga lo scienziato di origini siciliane e partenopeo d’adozione: “Perché mai una persona come me, spesso etichettato come ‘il figlioccio di Sabin’ (il quale deve la sua fama alla vaccinazione antipoliomielitica) si mette a scrivere un libro che pone dei dubbi sulle vaccinazioni? Sabin era una persona eccezionale talmente convinto della bontà del suo vaccino da testarlo, nel 1953, dapprima su se stesso e poi sulle sue figlie Debby e Amy. Questa sua certezza, comunque, non sconfinò mai nel fanatismo e nonostante l’innegabile superiorità del suo vaccino rispetto a quello ideato da Salk (quest’ultimo sponsorizzato da già allora potenti lobbies farmaceutiche), ebbe sempre un profondo rispetto per le opinioni di ricercatori ‘filo-Salk’, che mai e poi mai si permise di additare come ‘asini’”. Come, purtroppo, succede oggi.

Eccoci ad una drammatica storia che Tarro rammenta. “Nel 1980, a Verona, mi imbattei nella tragedia dei fratellini Tremante. Due morti dopo una vaccinazione, il terzo – dopo la stessa vaccinazione che era stata sciaguratamente imposta dalle ‘autorità sanitarie’ – ridotto alla paralisi. Dopo aver visitato il bambino ‘superstite’, letto le cartelle cliniche e innumerevoli analisi, il mio responso fu inequivocabile: encefalopatia da poliovirus vaccinico. La tempesta che si scatenò dopo quella diagnosi la potete leggere nel mio libro sui vaccini; qui mi basti dire che quella vicenda mi permise di conoscere un collega davvero eccezionale che aveva assistito il padre dei fratellini Tremante nella sua odissea: Roberto Gava, per il quale, quarant’anni dopo, mi è toccato di scrivere una relazione presentata in sua difesa nei confronti dell’Ordine dei medici di Treviso che ne aveva decretato l’espulsione”.

 

MEDIA ALLINEATI E COPERTI

Roberto Burioni

Prosegue il virologo: “Ma la campagna terroristica scatenatasi a seguito del Decreto Lorenzin non ha riguardato solo medici come Roberto Gava. No, la protervia del ‘mondo scientifico’ (e dei relativi sponsor) ha travolto anche i biologi. E’ di questi giorni il linciaggio mediatico contro l’Ordine dei Biologi ‘colpevole’ di aver, parzialmente, finanziato (10 mila euro su 50 mila) una ricerca portata avanti da una associazione – Corvelva – e affidata a prestigiosi laboratori al di sopra di ogni sospetto. Date una occhiata ai titoli della stragrande maggioranza dei giornali: ‘Le fake news fanno danni’, ‘Allarmismo ingiustificato’. ‘Questo tipo di analisi è inutile e pretestuoso’, ‘Nella produzione dei vaccini sono previsti centinaia di controlli, cui si aggiungono quelli a campione delle istituzioni nazionali ed europee’, ‘Un concentrato di sciocchezze ed errori sperimentali, dei quali qualcuno dovrà presto vergognarsi’… Nessuno, o quasi, che si degni di riportare COSA abbiano evidenziato quelle analisi: decine di impurità e di sostanze potenzialmente tossiche e/o nocive. Uno scandalo – come evidenziato del Presidente dell’Ordine Nazionale dei Biologici Vincenzo D’Anna – pari alla mancata pubblicazione degli esami di certificazione e di qualità che sono per legge propedeutici alla commercializzazione di medicinali come, appunto, i vaccini”.

Conclude, con amarezza, Tarro: “Servirà almeno questo scandalo a far riflettere l’opinione pubblica e il ‘mondo politico’ su una ‘campagna vaccinale’ come quella imposta dalla legge 119 del 2017? Sarei lieto se almeno servirà a far riflettere il mondo medico. Ma su quello, ormai, nutro sempre meno speranze”.

 

P.S. In un prossimo servizio documenteremo cosa Tarro pensa e scrive a proposito della “sperimentazione animale”, alias “vivisezione”, nel suo “Una medicina per la gente”.

Un’altra lezione di scienza – quella vera – e di civiltà.

 

LEGGI ANCHE

VACCINI / IL MANUALE ANTI FAKE NEWS FIRMATO DAL VIROLOGO GIULIO TARRO

 

Condividi questo articolo

Lascia un commento