ALPI, BORSELLINO, PASOLINI, PANTANI, DAVID ROSSI / E’ GIUSTIZIA DESAPARECIDA

Condividi questo articolo

Buchi neri. Gialli mai risolti. Storie di omicidi o ‘suicidi’ che segnano – fino ad oggi – il crac della giustizia di casa nostra. Tempi biblici, indagini flop, archiviazioni ai confini della realtà. E un gigantesco senso di impotenza, trovarsi a combattere contro muri di gomma, cortine di omertà e soprattutto complicità & collusioni da brividi. E anche depistaggi di Stato, come emerge in modo clamoroso, per fare un solo esempio, nel caso di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin.

E poi l’ultima corsa di Marco Pantani, il tragico volo di David Rossi, le drammatiche sequenze di Pier Paolo Pasolini.

C’è ancora qualche spiraglio per far luce sul nero che appesta e ammorba la scena. Flebili speranze per dar volto ai killer e, soprattutto, ai mandanti. Vediamo, giallo per giallo, cosa sta succedendo.

 

ALPI – HROVATIN / 8 GIUGNO, LA PAROLA AL GIP

Dopo 24 anni di depistaggi, la parola definitiva ora passa al gip di Roma, Andrea Fanelli, che si dovrà pronunciare sulla richiesta di archiviazione tombale avanzata dal pm Elisabetta Ceniccola e controfirmata dal procuratore capo Giuseppe Pignatone.

Giuseppe Pignatone. Nel montaggio in alto, al centro, Ilaria Alpi. Sullo sfondo Paolo Borsellino, Marco Pantani, David Rossi e Pier Paolo Pasolini

Lo stesso gip dovrà valutare anche gli ultimi elementi emersi: ossia il fascicolo trasmesso dalla procura di Firenze riguardante un’inchiesta su traffici di armi e mezzi militari, comprese alcune intercettazioni risalenti al 2012 tra somali, in cui viene fatto riferimento all’omicidio di Ilaria e Miran.

Il gip, inoltre, dovrà tener presente una gran mole di elementi contenuti in un dossier redatto dai legali della madre di Ilaria, Luciana Riccardi, ossia Antonio D’Amati, Giovanni D’Amati e Carlo Palermo.

Sorge spontanea una domanda da novanta: come mai fino ad oggi la procura di Roma non ha tenuto in alcun conto la sentenza pronunciata dal tribunale di Perugia sulla non colpevolezza di Hashi Omar Hassan, il somalo che ha scontato 16 anni di galera da innocente?

Quella sentenza, emessa un anno fa, parla senza mezzi termini di “depistaggio di Stato”, perchè l’unico testimone d’accusa, Gelle, era taroccato, come ha scoperto l’inviata di “Chi l’ha vistoChiara Cazzaniga e ha certificato – con una pletora di riscontri e ulteriori prove – la clamorosa sentenza di Perugia. Sarebbe bastata quella sentenza, che parla da sola, per far riaprire immediatamente il caso alla procura capitolina, contenendo tra l’altro precisi, nuovi indizi e probanti chiavi di lettura.

E invece? A Roma il silenzio più totale, tanto da far pensare a un impetuoso ritorno di quella “procura delle nebbie” che ha caratterizzato tanti vergognosi anni del passato.

Chiara Cazzaniga

Incredibile ma vero, il copione si ripete in Sicilia, con l’eterno processo Borsellino. Solo un miracolo (le rivelazioni di Gaspare Spatuzza) ha consentito di far luce su un altro clamoroso depistaggio, stavolta il taroccamento a tavolino del super teste dell’accusa, Vincenzo Scarantino, la cui verbalizzazione fasulla ha fatto finire in galera, sempre per 16 anni, 7 innocenti. Come mai nessuno fino ad oggi ha acceso neanche un fiammifero per far luce sul ruolo svolto dai pm, ossia Anna Maria Palma e l’icona antimafia Nino Di Matteo?

Intanto si sta celebrando il Borsellino quater…

 

MARCO PANTANI / MADONNA FATE LUCE

E ci vorrebbe l’ennesimo miracolo, stavolta degno del miglior San Gennaro, per far luce su un altro giallo da brividi.

Alla procura di Napoli, infatti, si sta svolgendo l’ultimo atto in uno dei due filoni d’inchiesta sul giallo Pantani. Da un anno e mezzo la Direzione distrettuale antimafia – pm Antonella Serio – ha sul tavolo il fascicolo sul Giro d’Italia del 1999 che segnò la fine sportiva del campione di ciclismo Marco Pantani, squalificato per doping. L’esito della corsa venne pesantemente condizionato dalla camorra, che investì miliardi di lire sulla sconfitta del Pirata (“’O pelato non adda arrivà a Milano”, come volevano gli uomini dei clan). La procura di Forlì ha a lungo indagato sulla pista, potendo contare su una sfilza di verbalizzazioni di pentiti e collaboratori di giustizia che hanno fornito conferme e dettagli.

Ma niente. Fascicolo archiviato perchè “non c’è la prova di quelle minacce”, ossia le intimidazioni che hanno ‘convinto’ i medici dell’antidoping a taroccare (arieccoci) quelle analisi, che si svolsero a Madonna di Campiglio. Alla procura di Forlì, infatti, non hanno ben chiari i metodi persuasivi della camorra: e forse scambiano ancora pizzi per merletti…

L’avvocato Antonio De Rensis

Resta un’ultima chance: la procura di Napoli, appunto, cui si è rivolto il legale della famiglia Pantani, Antonio De Rensis, perchè fossero riaperte le indagini proprio per far luce sul Giro ’99 comprato dai clan. Ma è passato un anno e mezzo: fatte indagini? Effettuati riscontri? Qualche interrogatorio? Fino ad oggi, il silenzio più totale.

Atto secondo. Il processo per la fine di Marco al residence “Le Rose” di Rimini il 14 febbraio 2004. Una scena del ‘crimine’ che parla da sola, come ha dettagliato in un ponderoso dossier lo stesso De Renzis. Un centinaio di ‘anomalie’ che documentano come sia impossibile pensare ad un ‘suicidio’, ma si sia trattato di una vera e propria esecuzione: dalle ferite sul corpo di Marco, ai segni di trascinamento, ai mobili della stanza distrutti, agli evidenti segni di colluttazione.

Ma per i pm tutto ok. Il Pirata, evidentemente, era un masochista di razza e prima di ingerire la coca fatale ha voluto anche sfasciare tutto: e invece le ‘palline’ di pane e coca gli venne fatte ingurgitare con la forza.

Tutto da archiviare, per la procura di Forlì: un chiaro suicidio. E così anche ha ritenuto la Cassazione, che sulla fine del Pirata ha apposto il suo sigillo il 19 settembre 2016: giorno di San Gennaro.

 

DAVID ROSSI / QUEL VOLO DA PALAZZO SALIMBENI

Eccoci ad una scena del ‘crimine’ altrettanto zeppa di anomalie, quella dell’ufficio di David Rossi a palazzo Salimbeni, storica sede del Monte dei Paschi di Siena. Da lì è volato giù a marzo 2013 il responsabile delle relazioni esterne e della comunicazione dell’istituto di credito, all’epoca travolto dal crac. E guarda caso, il giorno seguente David era atteso in procura per verbalizzare proprio sugli affari che coinvolgevano Mps, a partire da quel ‘groviglio armonioso’ che avvolgeva la banca e tutta la città. Molto meglio che David non parlasse con gli inquirenti…

Altri inquirenti della stessa procura senese, del resto, non hanno avuto una gran voglia di indagare su quel tragico volo, chiedendo dopo un anno esatto l’archiviazione. Nonostante la gran mole di elementi tutti indirizzati a negare la pista del suicidio.

Elio Lannutti

A partire dalle tre perizie. Quella grafologica, infatti, escludeva che David avesse mai potuto scrivere spontaneamente i tre messaggi lasciati alla moglie, invece frutto di evidente coazione. Quella sul corpo, poi, ha documentato svariate ferite, soprattutto ai polsi e sulle braccia, segno di colluttazione e di trascinamento (proprio come nel caso Pantani). Infine, la dinamica della caduta dello stesso corpo fa a pugni con l’ipotesi del suicidio: il volo, invece, risulta frutto di una spintarella.

Senza contare svariati altri elementi: dal filmato e le riprese delle videocamere (tagliate e evidentemente taroccate, altra somiglianza col giallo Pantani), al cellulare, all’orologio caduto ‘in ritardo’, fino alla presenza di una persona nella stradina adiacente.

Tutto inutile. La procura per ben due volte ha chiesto l’archiviazione. E solo da pochi mesi si è aperto uno spiraglio alla procura di Genova, che finalmente ha inaugurato un fascicolo su errori, orrori & omissioni commessi dalle toghe senesi.

E’ uscito pochi mesi fa un libro scritto da Elio Lannutti, lo storico fondatore di Adusbef, l’associazione a tutela dei risparmiatori, e dal giornalista d’inchiesta Franco Fracassi: significativamente titolato “Morte dei Paschi”.

PASOLINI / PETROLIO BOLLENTE  

Pier Paolo Pasolini

Anche stavolta, un anno e mezzo fa una scintilla nel buio.

L’avvocato della famiglia Pasolini, Stefano Maccioni, ad ottobre 2016 chiede la riapertura delle indagini sull’omicidio di Pier Paolo. Si basa su un rapporto redatto dalla genetista forense Marina Baldi, attraverso cui sono state scoperte tracce di altri DNA sulla scena del crimine, oltre a quelle ovviamente di Pasolini e di Pino Pelosi. Almeno uno, denominato Ignoto 3, e con ogni probabilità un altro, Ignoto 4.

Il caso viene affidato al pm Francesco Minisci, che già anni prima aveva archiviato una analoga richiesta, anche se ovviamente per diversi motivi.

Francesco Minisci

Maccioni sottolinea il fatto che si tratta di un test ben preciso. E che a questo punto occorre effettuare una serie di indagini per verificare la paternità di quelle tracce di Dna. Caso mai circoscrivendo la ricerca, per non incorrere nell’errore commesso dagli inquirenti nel caso di Yara Gambirasio, con un test a pioggia in Lombardia. Secondo Maccioni l’indagine può essere ristretta agli ex malavitosi di quegli anni, gravitanti nell’orbita della banda della Magliana.

Ma fino ad oggi nessuna notizia. Forse il pm Minisci è troppo preso dai suoi freschi impegni associativi? Mesi fa, infatti, è stato nominato segretario dell’ANM, ossia la potente Associazione Nazionale Magistrati.

Un occhio al caso, comunque, non farebbe male a darlo. Soprattutto perchè lo ‘scenario storico’ è ormai chiaro. Altro che il solito delitto a sfondo passional-sessuale facile paravento per troppe inchieste! E’ palese la matrice politica dell’omicidio: che più di Stato non si può.

E c’è quel Petrolio bollente – l’ultima opera di Pier Paolo – come movente da novanta. Soprattutto il capitolo che manca all’appello delle bozze: le 60 pagine di “Lampi sull’Eni”, dedicate al poderoso sistema di potere che all’epoca ruotava intorno alla figura del numero uno della ‘Razza Padrona‘, al secolo Eugenio Cefis.

Da grande regista, poeta e genio a tutto campo (compreso quello pallonaro), Pasolini s’era anche trasformato in giornalista d’inchiesta, e di razza. Aveva scavato e scovato a proposito del delitto di Enrico Mattei (tanto che le bozze di Petrolio erano sulla scrivania del cronista dell’Ora di Palermo Mauro De Mauro, ucciso dalla mafia): e alla fine il suo mitico “Io so, ma non ho le prove”, si stava trasformando in “Io so e ho le prove”.

Per questo anche Pier Paolo “Doveva Morire”.

 

LEGGI ANCHE

ILARIA ALPI / 3 MILIONI AL SOMALO INNOCENTE. MA GIUDICI & DEPISTATORI NON PAGANO MAI 

   

GIALLO PANTANI / LA CASSAZIONE ARCHIVIA, NAPOLI NON SI MUOVE

DAVID ROSSI / ENNESIMA ARCHIVIAZIONE SU QUEL “GROVIGLIO” TRA MONTE PASCHI, AFFARI & MASSONI

GIALLO PASOLINI / DA UN ANNO LA PROCURA DI ROMA DORME: QUEL TEST SUL DNA NON S’HA DA FARE

Condividi questo articolo

Lascia un commento