ANDREA MARCUCCI / AFFARI, CONFLITTI & MISTERI DEL SUPER RENZIANO NEO CAPOGRUPPO PD

Condividi questo articolo

 Quale mai sarà la ricetta magica inventata da Andrea Marcucci per sedurre a tal punto l’ormai ex premier e segretario del Pd Matteo Renzi da volerlo così fortissimamente come capogruppo al Senato, tanto da sacrificare la testa del fedelissimo Lorenzo Guerini alla Camera?

Solo una questione di toscanità? O forse c’entrano i grandi affari di casa Marcucci che ruotano  intorno alla corazzata Kedrion, quinto player mondiale e primo in Italia nel ricco settore degli emoderivati?

E pensare che – al voto del 4 marzo – Marcucci ha fatto una figuraccia, ancora peggio del ‘compagno’ Marco Minniti che a Pesaro è stato stracciato da un inesistente 5 Stelle. Lui, il prode Andrea, è stato ridicolizzato nei suoi feudi di Massa e Lucca sia da Maurizio Mallegni, di Forza Italia, che da Sara Paglini dei 5 Stelle. Poi ripescato grazie al solito proporzionale salvatutti. E adesso, invece di essere cacciato a pedate da quel Senato, è stato addirittura investito della strategica carica – soprattutto in questo delicato frangente politico – come capogruppo. Misteri di casa Pd.

Cerchiamo di ripercorre la sfolgorante carriera del pasdaran di Matteo, il suo storico braccio destro a palazzo Madama.

SOTTO L’ALA PROTETTIVA DI SUA SANITA‘ DE LORENZO

Francesco De Lorenzo al tempo del processo. In alto Matteo Renzi e Andrea Marcucci

Politicamente nasce sotto la più che protettiva ala di Franco De Lorenzo, all’epoca ministro della Sanità e con il ciclone di Mani pulite condannato per la Farmatruffa e la maxi tangenti da 600 milioni di lire per favorire i vaccini (anche allora per decreto reso obbligatorio, quello per l’epatite B) della SmithKline: mazzetta spartita con il re mida Duilio Poggiolini.

Al voto del 5 aprile 1992 Andrea Marcucci diventa il più giovane parlamentare italiano, appena 25 anni: “sotto il vessillo tricolore dell’Altissimo (Renato, all’epoca segretario del Pli, ndr). E l’amico De Lorenzo, non a caso, si è presentato proprio nel collegio di Firenze: ‘si sono dati un buon aiuto scambievole – raccontano in ambienti politici fiorentini: i Marcucci hanno appoggiato De Lorenzo, il ministro ha sponsorizzato il giovane rampollo’. Missione compiuta, con reciproca gran soddisfazione”.

Sono alcuni stralci dal libro “Sua Sanità – Viaggio nella De Lorenzo spa, un’azienda che scoppia di salute”, edito dalla Voce con la trentina Publiprint a febbraio 1993, appena qualche mese dopo lo scoppio della Tangentopoli partenopea (settembre 1992, con una maxi inchiesta sul voto di scambio).

Così continuava “Sua Sanità”, circa gli stretti rapporti – politici e finanziari – tra la dinasty dei Marcucci e quella dei De Lorenzo. “Il legame, comunque, è di vecchia data. Anche con Renato De Lorenzo, che ha fatto capolino nello staff di vertice della Sclavo, la perla farmaceutica del gruppo Marcucci, 40 miliardi di capitale, quartier generale a Siena e diramazioni operative un po’ in tutta la penisola”.

Quella Sclavo che, negli anni seguenti, passerà dai Marcucci alla già citata Smithkline, la quale poi – per completare il giro di valzer – finirà nelle ricche braccia di Glaxo, oggi leader mondiale sul fronte dei vaccini, come la Voce ha documentato nell’inchiesta che potete leggere cliccando sul link in basso.

Protagonista ai giorni nostri, Glaxo, di un incredibile conflitto d’interessi, visto che un autorevole membro del cda della sua Fondazione è al tempo stesso al vertice di una strategica direzione al ministero della Sanità: proprio quella che ha di recente varato la normativa per l’obbligatorietà dei dieci vaccini! Ai confini della realtà.

UN CONFLITTO CHIAMATO KEDRION

Una sede della Kedrion.

E non meno ai confini della realtà è un altro conflitto d’interessi alto come un grattacielo. Quello cresciuto proprio a casa Marcucci, sotto il vigile sguardo del senatore Andrea. Un conflitto che coinvolge in pieno la corazzata di famiglia, Kedrion.

Un’azienda che scoppia di salute, proprio come la De Lorenzo spa un tempo: e sei anni fa oltre tutto miracolata. Non solo un mega cadeau natalizio deciso dal governo Monti, ma addirittura l’entrata in partecipazione della Cassa Depositi e Prestiti, un altro regalo da 100 milioni di euro. Un nuovo Iri – quello targato Cassa – oggi guidato dal super renziano (un tempo prodiano) Claudio Costamagna, in scadenza di mandato: un autentico carrozzone che distribuisce soldi non alle imprese in difficoltà o realmente innovative, ma agli amici degli amici.

Andrea Marcucci occupa la sua dorata poltrona all’interno del cda di Kedrion, ed è perfino presidente della controllata americana, Kedplasma Llc. Sul ponte di comando, fino a tre anni fa, il patriarca Guelfo Marcucci, il quale ha poi passato il testimone all’altro rampollo di famiglia, Paolo, mentre la sorella Marialina, coeditore dell’Unità nel 2000-2001, poi impegnata fra antenne e tivvù, è oggi al timone della Fondazione che si occupa del Carnevale di Viareggio.

Appena un anno dopo l’ingresso della prodiga Cassa nell’azionariato di Kedrion, i ‘compagni’ del Pd al Senato hanno pensato bene di elaborare un progetto di legge anti conflitti, in tema di “incompatibilità parlamentare”: in soldoni, il ddl targato Pd puntava ad evitate che deputati e senatori potessero avere “interessi rilevanti e determinanti nelle imprese che sono in rapporti con la pubblica amministrazione”: proprio il caso di Kedrion, che punta molto, in Italia, sulle ricche convenzioni con Asl e Regioni per la vendita dei suoi emoderivati. Quel disegno riguardava, in particolare, i rappresentanti legali e dirigenti di imprese “costituite in qualsiasi forma, anche a partecipazione pubblica”, come Kedrion in legami con la Cdp.

Valeria Fedeli

Firmato da big con la casacca Pd, come Luigi Zanda (il capogruppo uscente di palazzo Madama) e Valeria Fedeli (altra super trombata al voto del 4 marzo proprio in Toscana, e ripescata come Marcucci), il ddl non venne firmato da Marcucci, che in quel frangente dimostrò un minimo di ‘coerenza’ (sic). Quel ddl, comunque, non venne mai approvato: solo fumo negli occhi, tanto per far finta di combattere i conflitti d’interesse, come a suo tempo faceva finta Massimo D’Alema super impegnato a non ostacolare Silvio Berlusconi nelle sue gestioni Fininvest.

Una ‘coerenza’ – quella di Marcucci – che va a farsi benedire quando, pochi mesi fa, sempre a proposito di quei conflitti dei quali farebbe meglio a non parlare, ha attaccato Casaleggio e i 5 Stelle. Su Facebook, infatti, così scriveva: “Avanza un gigantesco conflitto di interessi”, perchè la Casaleggio Associati è “un’azienda che si alimenta con i soldi pubblici del M5S” e i cui “vertici non eletti ne determinano la linea politica”.

Tornando al glorioso pedigree griffato Andrea Marcucci, dopo le prime esperienze con i liberali dell’Altissimo e di Sua Sanità, ormai travolto il Pli dal ciclone di Mani puliti, appena germogliata la Margherita corre subito alla corte dell’amico Francesco Rutelli. Quindi nel 2006 diventa sottosegretario per i beni culturali nel governo Prodi; poi eletto nel 2008 senatore con il Pd e segretario della quinta commissione di palazzo Madama per la pubblica istruzione e i beni culturali. Come senatore, i suoi biografi riescono a ricordare solo una risposta ad un collega, Mauro Bulgarelli, in tema di diritto d’autore. Non da Guinness.

Può quindi dedicare il suo tempo alle celebrazioni di Garibaldi: è infatti presidente del comitato nazionale per il bicentenario. Infine l’approdo alla commissione istruzione e cultura del Senato.

La Kedrion di famiglia, intanto, fiorisce sempre più rigogliosa e fa affari in mezzo mondo. Con 2200 dipendenti, di cui poco meno della metà in Italia, mette su 6 stabilimenti produttivi negli Usa, 3 in Italia (due in Toscana e uno in Campania, a Sant’Antimo), 3 in Ungheria. Sotto un’altra ala protettiva, quella del governo Renzi, Kedrion stipula un maxi accordo in Russia, proprio in occasione dell’incontro tra l’allora premier e Vladimir Putin.

 

QUELLA STRAGE PER SANGUE INFETTO

Ma c’è qualcosa che nessuno vuol ricordare a casa Marcucci: la tragedia del sangue infetto, le migliaia di vittime (5 mila secondo le stime più attendibili) immolate ai mega interessi di Big Pharma, quando per tutti gli anni ’70, poi ’80, fino almeno al ’91, i colossi degli emoderivati a stelle e strisce ed europei – in prima fila le aziende del gruppo Marcucci – importavano allegramente sangue senza controlli: dall’Africa fino alle carceri Usa, un sangue di ‘qualità’, evidentemente, non eccelsa.

Come sta dimostrando il processo cominciato vent’anni fa a Trento, passato dieci anni fa a Napoli e ora alle battute finali. Tra gli altri, ha testimoniato Kelly Duda, il regista americano che nel 2006 ha realizzato uno choccante docufilm “Fattore VIII – Il sangue infetto nelle carceri dell’Arkansas”.

Al processo partenopeo sono alla sbarra ex dirigenti, funzionari e dipendenti delle società un tempo Marcucci e oggi radunate sotto l’ombrello di Kedrion; nonché Duilio Poggiolini (Guelfo Marcucci, imputato, è nel frattempo deceduto). La sentenza è prevista per metà giugno.

 

 

 

  • LEGGI ANCHE

I BIG DEI VACCINI / GLAXO & C., MILIARDI & CONFLITTI SULLA PELLE DEI BAMBINI

23 marzo 2018

 

SANGUE INFETTO – 2 / LE PARTI CIVILI  CONTRO IL PM. E I MARCUCCI ATTACCANO LA VOCE

8 dicembre 2017

 

SANGUE INFETTO / DALLE GALERE DELL’ARKANSAS FINO AGLI STABILIMENTI DEI MARCUCCI A RIETI 

5 dicembre 2017

 

BUSINESS SANGUE / RENZI & PUTIN FOR MARCUCCI

23 giugno 2016

 

SANGUE & MILIARDI / ECCO PERCHE’ IL MONOPOLIO DELLA KEDRION DI CASA MARCUCCI NON AVRA’ MAI FINE

14 novembre 2015

 

Condividi questo articolo

2 pensieri riguardo “ANDREA MARCUCCI / AFFARI, CONFLITTI & MISTERI DEL SUPER RENZIANO NEO CAPOGRUPPO PD”

  1. G.carlo ha detto:

    Verso la fine degli anni ’80 correva voce di importazione in Italia di placente e di sangue dalla Unione Sovietica,senza troppi controlli, per la produzione di albumina e di Immunoglobuline. Non so se poi, dopo lavorazione, gli emoderivati finissero in Italia o tornassero in Russia.
    Il recente accordo Renzi Putin sarebbe coerente con una pratica già collaudata. Sarebbe interessante sapere,se la voce era vera,quale Ditta italiana faceva importazione e trasformazione. Io ho un sospetto..

Lascia un commento