Chi è senza candidati impresentabili, scagli il primo sasso

Condividi questo articolo

Ci siamo, è l’ora ics, della cartina di tornasole pre-elettorale che dovrebbe far piazza pulita dei candidati cosiddetti impresentabili. Il condizionale è inevitabile: quale partito non inventa alibi, furbi escamotage per legittimare la presenza nelle liste di soggetti considerati dalla giustizia? Emblematica è la “de-escalation” dei 5Stelle in tema di eleggibilità e permanenza nel movimento. Prime esternazioni: “Si dimetta chi del Pd o di altri partiti riceve anche un semplice avviso di garanzia, o risulta iscritto nel registro degli indagati”. Il proclama ha retto fino a quando, chiamati a governare alcuni comuni (per fortuna pochi), i paladini della giustizia hanno smentito se stessi. Da indagati, i sindaci di Livorno, Parma e Bagheria continuano a cingersi della fascia tricolore. Al loro posto rimangono anche assessori e consiglieri pentastellati. Il culmine della contraddizione grillina ha però la faccia di bronzo (sempre sorridente e un giorno ci dirà perché) di Virginia Raggi, sindaca di Roma indagata e rinviata a processo per falso, costretta a smantellare l’esecutivo scelto da lei e dal Movimento, cacciati per arresti e indagini su temi vari.

Ma l’imminenza è la Sicilia, dove ci si appresta a votare per le regionali e dove il neo capo del Movimento, al secolo Di Maio, non dovrebbe poter contare sul primo cittadino di Bagheria, indagato sulla gestione rifiuti e sui quattordici rinviatio a giudizio per le firme false, in testa l’ex candidato a sindaco di Palermo Nuti (tre sono deputati nazionali, due regionali e un cancellieri di tribunale).

Finisce qui la debacle grillina? Ovvio, no. All’incompetenza e inconcludenza della Raggi, di cui i romani cominciano a essere stufi, si sovrappongono le inadempienze dell’Appendino, collega sindaca di Torino, sotto accusa per quanto successo in piazza San Carlo e ora per la valutazione dell’agenzia di rating Fitch, che declassa Torino, riduce la prospettiva da “stabile” a “negativa” per la zavorra da 3,5 miliardi del debito accumulato dal Comune e indica la minaccia del rischio da insolvenza. Identico il giudizio di Standard & Poor’s. L’analisi di Fitch ha un peso politico: valuta i limiti della azione della Appendino che deve affrontare un deficit di 316 milioni di euro. Durante il mandato della sindaca 5Stelle il debito è cresciuto fino ai 3,55 miliardi.

Non dimentichiamo la Sicilia. Liste pulite? È uno slogan comune, smentito da candidature viziate da problemi giudiziari, da nomi di condannati, imputati e indagati. Il caso più clamoroso a Siracusa. Forza Italia propone come candidato Antonello Rizza, sindaco berlusconiano di Priolo, un vero collezionista di capi d’imputazione, ne conta la “bellezza” di 22, in quattro processi per tentata concussione e concussione consumata, corruzione elettorale continuata, tentata violenza privata, associazione a delinquere, falso in atto pubblico, truffa, intralcio alla giustizia, tentata estorsione, turbata libertà di scelta del contraente. Sono numerose le proposte di berlusconiani condannati per corruzione elettorale e contiguità con capi mafia, parenti di boss latitanti, figli di condannati, fratelli di imputati. Qualche nome. Marianna Caronia è inquisita per gli appalti del trasporto marittimo, che hanno portato all’arresto dell’ex sindaco di Trapani Fazio; Giovanni Sciuto titolare di vecchi rapporti con Matteo Messina Denaro e Riccardo Pellegrino, consigliere comunale di Catania, fratello di Gaetano, imputato per mafia, considerato punto di riferimento del clan dei Carcagnusi“. Bella gente. A Siracusa l’Udc candida il notaio Giovan Battista Coltraro, rinviato a giudizio per falso in atto pubblico. I neo scudocrociati di Lorenzo Cesa candidano Giuseppe Sorbello, sotto processo per voto di scambio, mentre a Messina puntano tutto su Cateno De Luca, per il quale la procura peloritana ha chiesto una condanna a 5 anni. Ad Agrigento si candida Gaetano Cani, a processo con l’accusa di estorsione. Due condannati in primo grado sono nella lista Popolari e Autonomisti – Idea Sicilia. A Palermo si candida Roberto Clemente, condannato in primo grado a sei mesi per corruzione elettorale e prova a tornare in una lista di centro Roberto Corona, ex presidente di Confcommercio, condannato in primo grado a tre anni.  Da un lungo elenco, per brevità, mancano alcuni nomi, ma la sostanza non cambia.

E il Pd? Va meglio, non bene. A Siracusa i dem candidano Giovanni Cafeo inquisito per turbativa d’asta, a Palermo Giovanni Di Giacinto, processato per abuso d’ufficio, a Catania il sindaco Sinatra, indagato nell’inchiesta di Mafia Capitale, Giuseppe Picciolo condannato per calunnia e altri outsider cche vantano rapporti pregressi con personaggi politici come Cuffaro. Avrà lavoro a iosa Rosy Bindi, presidentessa dell’antimafia in missione siciliana.

In due parole

Grande euforia negli Stati Uniti, dopo la strage di Las Vegas. Esultano fabbricanti e venditori di armi e ringraziano Trump (“Non è il momento di parlarne”). Ricordate le risate telefoniche degli imprenditori che plaudivano al terremoto dell’Aquila ipotizzando lauti profitti con la gli appalti per la ricostruzione? Siamo lì.

Condividi questo articolo

Lascia un commento