METEO TG. COME TI FACCIO SPARIRE IL SUD. MA RESTA IL SOLE DI CROCETTA…

Condividi questo articolo

TG3, meteo delle 14 e 45, vigilia dell’Immacolata. L’Italia si ferma lungo la linea del Garigliano. Sole, mezzo sole e nuvole al centro nord; al Sud il nulla. Meteo leghista? Previsioni firmate Matteo Salvini? Il primo effetto del voto francese che incorona signore e signorine di casa Le Pen? Forse. Fatto sta che in quel meteo il Mezzogiorno scompare del tutto: niente soli, niente nubi, niente piogge: zero assoluto. “Un meteo come quello già del tutto inutile adesso diventa perfino ridicolo”, commentano alcuni, ricordando come, per fare un solo esempio, mentre le previsioni Sky sono a 24-48 e anche più ore, quelle targate Rai raccontano nel pomeriggio quel che è successo la mattina, con la sera ad illustrare le impervie previsioni per il pomeriggio già trascorso. Ma lo paga qualcuno, quel meteo? O almeno viene fornito gratis, o chi lo elabora paga a sua volta per irradiarlo, in perfetto stile masochista? (ma per il popolo bue tutto fa brodo).

Secondo alcune malelingue, invece, dietro all’arcano c’è un’attenta regia: lo stesso giorno, infatti, il governatore della Sicilia Rosario Crocetta, imbufalito per “l’isola di merda” appioppato da Roberto Vecchioni, ha deciso “un tuffo nel mare incontaminato di Tusa, giornata bellissima”, immortalato dai media come una sirenetta sulla splendida spiaggia di sassolini bianchi. Stile playboy, occhiali scuri, fisico tirato a lucido, una Gazzetta della Sicilia come fazzoletto a coprirne gli attributi, il governatore tutto d’un pezzo ha così risposto “a quanti parlano male della Sicilia”, come il cantautore, che con ogni probabilità, da perfetto meneghino, ce l’ha “fisiologicamente” con le razze sudiste. Tre anni fa, incaricato di dirigere il “Forum Universale delle Culture” a Napoli, se ne andò sbattendo la porta perchè il cachet era basso: un’iniziativa, poi, abortita in una festa di paese (doveva durare 100 giorni con le capitali del mondo in prima fila, un giorno a testa…). “Meglio oscurare i soli dalla Campania in giù”, hanno pensato forse a viale Mazzini, “ci vuole un meteo asettico, più britannico”.

A questo punto, perchè sulle frequenze Rai, per alleggerire i climi via gossip, nessuno ha pensato di paparazzare l’amico del cuore del governatore, l’ex toga rossa Antonio Ingroia, stipendiato d’oro (via super consulenza) della giunta siciliana? Il grande Risanatore dei conti isolani ha infatti una nuova compagna, il volto tivvù Giselle Oberti. E’ grazie a lei che ora ha aperto cuore e occhi: “è successo anche alla mia compagna: con certe indagini si offrono scalpi all’opinione pubblica. Ieri non vedevo, oggi sì”. E la super toga riflette: “la mia è una seconda vita nella quale metto a frutto gli errori della prima e anche i sacrifici, l’orgoglio, le vittorie che l’hanno segnata”. Lontani i tempi dell’esilio in Val d’Aosta, dopo il flop elettorale del suo movimento che doveva rivoluzionare l’Italia… E lontani anni luce i tempi delle inchieste bollenti sui clan mafiosi… Meglio la nuova vita da consulente e, soprattutto, la nuova toga da avvocato. Caso mai per difendere qualche capo clan di rango e di cervello: come don Augusto la Torre da Mondragone, un impero familiare che arriva fino in Scozia.

 

Nella foto Rosario Crocetta

 

Condividi questo articolo

Lascia un commento