Pfizer / 33 miliardi di ricavi dai richiami e dalla vaccinazione dei bambini

Condividi questo articolo

Pfizer ha aumentato le sue proiezioni per i ricavi dai vaccini COVID, comunicando agli investitori questa settimana che si aspettano iniezioni di richiamo, un vaccino mirato alla variante Delta e che l’autorizzazione anticipata dei suoi vaccini per bambini di appena 6 mesi aumenterà i ricavi.

Le straordinarie vendite del suo vaccino COVID hanno aiutato Pfizer a quasi raddoppiare le entrate del secondo trimestre e ad aumentare i profitti del 59%, battendo le proiezioni di Wall Street e portando il gigante farmaceutico ad aumentare drasticamente le sue vendite e le previsioni di profitto per il 2021.

Pfizer ha comunicato agli investitori di aver aumentato la proiezione delle entrate, che ora dovrebbe essere compresa tra 78 e 80 miliardi di dollari
Durante una teleconferenza sugli utili del secondo trimestre del 28 luglio, Pfizer ha comunicato agli investitori di aver aumentato la proiezione delle entrate, che ora dovrebbe essere compresa tra 78 e 80 miliardi di dollari.

La società prevede che le entrate derivanti dal solo vaccino COVID raggiungeranno i 33,5 miliardi di dollari, un aumento del 29% rispetto ai 26 miliardi di dollari precedentemente stimati. Pfizer ha registrato 7,8 miliardi di dollari di vendite di vaccini COVID nel secondo trimestre, portando le vendite totali mondiali finora a $ 11,3 miliardi quest’anno.

La nuova previsione di profitto non include il contratto stipulato la scorsa settimana con l’amministrazione Biden per fornire ulteriori 200 milioni di dosi agli Stati Uniti

Un funzionario della Casa Bianca la scorsa settimana ha dichiarato alla CNN:

«Il governo federale sta esercitando un’opzione nel suo contratto con Pfizer per l’acquisto di 200 milioni di dosi del vaccino Pfizer da consegnare tra l’autunno 2021 e la primavera 2022 per prepararsi alle future esigenze di vaccinazione, compresi i vaccini per i bambini sotto i 12 anni e possibili dosi di richiamo se gli studi dimostreranno che sono necessarie».

La nuova previsione di profitto non include il contratto stipulato la scorsa settimana con l’amministrazione Biden per fornire ulteriori 200 milioni di dosi agli Stati Uniti
Il colosso farmaceutico prevede di fornire 2,1 miliardi di dosi quest’anno e ha la capacità di produrre 4 miliardi di dosi l’anno prossimo, ha affermato il CEO Albert Bourla durante la teleconferenza.

Gli Stati Uniti hanno sempre pagato 19,50 dollari per dose per il vaccino Pfizer-BioNTech, ma Pfizer ha recentemente aumentato il prezzo per il governo a 24 dollari per dose.

La settimana scorsa, un portavoce di Pfizer ha rilasciato una dichiarazione:

«Il prezzo di questo ordine rappresenta l’investimento aggiuntivo necessario per produrre, confezionare e consegnare nuove formulazioni del vaccino, nonché l’aumento dei costi associati alla consegna del vaccino in confezioni più piccole per facilitare la consegna presso gli uffici dei singoli fornitori, compresi i pediatri».

Pfizer ha basato il prezzo originale del vaccino sulla necessità per i governi di garantire le dosi e tenere sotto controllo il virus, ma il CFO Frank D’Amelio ha affermato a marzo che la società aveva pianificato di «aumentare il prezzo» una volta che la pandemia fosse placata e la società non fosse più in un «contesto di prezzi pandemici».

Pfizer assicura che stanno arrivando incentivi agli investitori
Il vaccino COVID di Pfizer è attualmente sulla buona strada per diventare il farmaco più venduto al mondo in tutti i tempi, ha riferito Axios – e ora la società sta spingendo le persone a ottenere una terza dose di «richiamo» del suo vaccino per combattere la variante Delta.

Il colosso farmaceutico prevede di fornire 2,1 miliardi di dosi quest’anno e ha la capacità di produrre 4 miliardi di dosi l’anno prossimo
Pfizer ha dichiarato che sono in corso discussioni con le agenzie di regolamentazione in merito a un potenziale terzo richiamo dell’attuale vaccino e, ipotizzando risultati positivi, anticipa una richiesta di autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) già ad agosto.

Bourla ha affermato che la società ritiene che «è probabile che possa essere necessario un terzo richiamo entro 6-12 mesi dopo la vaccinazione completa per mantenere i più alti livelli di protezione e sono in corso studi per valutare la sicurezza e l’immunogenicità di una terza dose».

Pfizer ha comunicato di essere in possesso di nuovi dati che mostrano che la terza dose del vaccino aumenta significativamente i livelli di anticorpi contro la variante Delta.

Ma gli epidemiologi hanno sottolineato che livelli di anticorpi più elevati non equivalgono a una protezione più elevata.

Il vaccino a due dosi di Pfizer è già efficace contro il COVID, inclusa la variante Delta, secondo David Dowdy, epidemiologo esperto di malattie infettive presso la Johns Hopkins. Solo perché una terza dose significa più anticorpi, non significa che sia necessaria, ha detto Dowdy.

Le agenzie sanitarie statunitensi hanno affermato all’inizio di questo mese che non ci sono prove che suggeriscano la necessità di un richiamo, ma potrebbe essere appropriato in futuro per determinati gruppi di rischio, compresi gli anziani e chi ha subito un trapianto. I funzionari federali della sanità pubblica hanno affermato che continueranno a monitorare la situazione.

I dirigenti Pfizer si sono incontrati privatamente con scienziati e regolatori senior statunitensi il 12 luglio, per sollecitare il loro caso per una rapida autorizzazione dei vaccini di richiamo COVID tra il rifiuto delle agenzie sanitarie federali.

I funzionari hanno affermato dopo la riunione che sarebbero necessari più dati – e forse diversi mesi – prima che i regolatori possano determinare se siano necessarie dosi di richiamo, minacciando il flusso di entrate multimiliardario del gigante farmaceutico .

Durante la videoconferenza, Pfizer ha anche annunciato l’intenzione di avviare uno studio su immunogenicità e sicurezza ad agosto per valutare una versione aggiornata del suo attuale vaccino. La nuova versione è specificamente progettata per colpire la variante Delta, in attesa di approvazione normativa.

Durante una videoconferenza sugli utili tenutasi in febbraio, Bourla ha detto agli analisti che la società potrebbe realizzare profitti significativi applicando prezzi più elevati e implementando dosi di richiamo di routine per nuove varianti del virus, assicurando agli investitori che la società non lo considerava un evento occasionale, ma «come qualcosa che continuerà per il prossimo futuro».

I vaccini per i bambini potrebbero fornire un flusso di entrate aggiuntivo.
Bourla ha anche affermato che entro la fine di settembre, i test su volontari di età compresa tra 5 e 11 anni produrranno i dati di sicurezza ed efficacia necessari per richiedere l’EUA in quella fascia di età e i dati dei test sui bambini da 6 mesi a 5 anni dovrebbero seguire subito dopo.

Questa settimana, Pfizer e Moderna hanno annunciato che amplieranno gli studi clinicisui loro vaccini mRNA, dopo che la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha dichiarato ai produttori di vaccini che le dimensioni e la portata dei loro studi pediatrici, come inizialmente previsto, erano inadeguate per rilevare gli effetti rari.

Espandere gli studi pediatrici significa che migliaia di bambini di appena 6 mesi potrebbero presto essere reclutati e arruolati negli studi sui vaccini COVID
I rari effetti collaterali citati dalla FDA includono miocardite, un’infiammazione del muscolo cardiaco, e pericardite, infiammazione del rivestimento intorno al cuore, hanno riferito al New York Times diverse persone che hanno familiarità con gli studi.

Espandere gli studi pediatrici significa che migliaia di bambini di appena 6 mesi potrebbero presto essere reclutati e arruolati negli studi sui vaccini COVID.

Il vaccino di Moderna è autorizzato per l’uso di emergenza nelle persone dai 18 anni in su e il vaccino di Pfizer è autorizzato per i bambini di 12 anni.

Nessun vaccino COVID ha ancora ricevuto l’approvazione EUA per i bambini di età inferiore ai 12 anni.

FONTE

articolo di
Megan Redshaw

per

Children’s Health Defense

Pubblicato da RENOVATIO 21

Condividi questo articolo

Lascia un commento