PROCURA DI ROMA / I “MISTERI” DEL DOPO PIGNATONE

Condividi questo articolo

Valzer di nomine nelle procure italiane. Oltre un centinaio nei prossimi mesi, con un Csm super impegnato a ridisegnare la mappa del potere giudiziario in Italia.

Nel suo fresco numero l’Espresso, con un’inchiesta della firma antimafia Lirio Abbate, punta i riflettori e sciorina una sfilza di nomi e papabili per i prossimi, delicati incarichi, procura per procura.

Si parte, of course, dalla più bollente del nostro Paese, quella di Roma. Così dettaglia Abbate: “L’epicentro del terremoto è Roma. Giuseppe Pignatone andrà in pensione a maggio e il posto è già stato bandito per evitare di lasciarlo scoperto a lungo. I candidati sono tredici. Oggi piazzale Clodio non è più il ‘Porto delle nebbie’. Pignatone lascia a chi erediterà il suo ruolo una grande responsabilità. Vale a dire, continuare a tenere alto il livello della giustizia a Roma senza troppo rispetto per i potenti, come mai prima di lui era stato fatto nella Capitale. Qui sono state squarciate zone grigie, si è puntato dritto alle mafie, nazionali e internazionali” e via continuando con le grandi imprese targate ‘Mafia Capitale‘.

Proseguono le trombe di Abbate: “Ma anche sulla politica corrotta e collusa sono arrivate condanne e sequestri di beni, decisi e applicati per la prima volta nei casi di corruzione proprio dai pm guidati da Pignatone”.

Un paradiso in terra, la procura capitolina, un Eden dove finalmente i cittadini possono trovare i portoni spalancati per ospitare la Giustizia, quella vera. Altro che il famigerato ‘Porto delle Nebbie’!

A questo punto, prima di lasciare la procura tra inni e fanfare, non resta a Pignatone che risolvere qualche problemino lasciato ai posteri.

Prendiamo il caso Alpi. E’ fresca del 4 febbraio la firma apposta da Pignatone all’ennesima richiesta di archiviazione per l’omicidio di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin. La richiesta è del pm Elisabetta Ceniccola, che ancora una volta chiede al gip di turno (per un anno è stato Andrea Fanelli, chissà chi è il prossimo) di archiviare la “pratica”. Nonostante le clamorose evidenze emerse dal processo di Perugia, che un anno e mezzo fa non solo ha liberato dalla galera (vi ha trascorso 16 anni da innocente) Hashi Omar Assan, ma ha anche descritto il “depistaggio di stato” messo in atto da inquirenti e forze dell’ordine per proteggere e far scappare in Inghilterra il teste fasullo Ali Rage, alias Gelle.

Prima di lasciare Roma perchè il capo Pignatone non spiega la “non inchiesta” della sua procura, che si configura a questo punto come l’ennesimo depistaggio? Alla faccia di ogni ipocrita volontà di far Giustizia?

Passiamo all’eterno mistero che ancora avvolge la sparizione di Emanuela Orlandi e della sua amica Mirella Gregori. Mesi fa è sembrato che si aprisse uno squarcio, con il ritrovamento di misteriose ossa in Vaticano. Poi niente, erano ossa stravecchie.

Ma circa un anno fa avevano fatto capolino altre verità molto più clamorose: ossia tracce di una documentazione top secret e conservata nella super cassaforte del Vaticano, in cui venivano messe nero su bianco tutte le spese sostenute per nascondere Emanuela per un anno – a metà dei ’90 – in una residenza gestita da alcune suore a Londra.

Come mai quella pista non è stata mai battuta? Perchè la procura capitolina ha paura di ficcare il naso in Vaticano? Perchè si genuflette davanti ad ogni ostacolo? Misteri.

Come di misteri è avvolto, ancora oggi, il giallo sull’omicidio di Pier Paolo Pasolini. Senza che la procura di Roma alzi un dito, neanche mezzo.

Due anni fa l’avvocato della famiglia, Stefano Macioti, ha chiesto la riapertura dell’inchiesta basandosi su una prova inoppugnabile: quella del DNA, il cui test ha dimostrato come sulla scena del delitto non si trovasse solo Ignoto 1, ossia Pino Pelosi, ma anche un secondo e forse un terzo soggetto (Ignoto 2 e Ignoto 3). A questo punto Macioti ha semplicemente chiesto che quel test del DNA venisse esaminato e il caso venisse riaperto. Facile come bere un bicchier d’acqua.

Pensate che qualcosa si sia mosso? Neanche un battito d’ali. Il pm del caso, Francesco Minisci, s’è tuffato negli impegni sindacali, diventando presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati e certo non aveva tempo da perdere in bazzecole del genere.

D’accordo il capo Pignatone? Perchè non fa sapere qualcosa prima di godersi la dorata pensione?

Condividi questo articolo

Lascia un commento