Kenya – I medici cattolici sconsigliano il vaccino

Condividi questo articolo

La Kenya Catholic Medical Association ha messo in guardia contro l’assunzione dei vaccini sperimentali COVID-19, sostenendo che sono pericolosi e non necessari.

Il giorno dopo l’arrivo in Kenya della prima spedizione di 1 milione di vaccini del progetto globale COVAX, la Kenya Catholic Doctors Association (KCDA), guidata dal dottor Stephen Karanja, ha invitato le persone a rifiutare il vaccino.

 

La dichiarazione di dieci pagine  pubblicata il 3 marzo ha affrontato una serie di questioni, che vanno dalle iniezioni stesse ai test C-19e ai subdoli collegamenti con  il miliardario globalista Bill Gates

La dichiarazione di dieci pagine  pubblicata il 3 marzo ha affrontato una serie di questioni, che vanno dalle iniezioni stesse ai test COVID e ai subdoli collegamenti con  il miliardario globalista Bill Gates .

 

Nella sua dichiarazione, il KCDA ha affermato che esistono già trattamenti per il virus e che «sappiamo anche che la vaccinazione contro questa malattia è completamente inutile, il che rende sospetta la motivazione».

 

I medici hanno prima notato la stima molto esagerata dei casi di COVID, fatta dal direttore generale della sanità lo scorso anno, aggiungendo quella del numero effettivo di persone infette: «solo il 10% circa… sviluppa sintomi e deve consultare un medico».

 

I medici hanno prima notato la stima molto esagerata dei casi di COVID, fatta dal direttore generale della sanità lo scorso anno, aggiungendo quella del numero effettivo di persone infette: «solo il 10% circa… sviluppa sintomi e deve consultare un medico»

Invece, il KCDA ha consigliato diversi trattamenti alternativi per il virus, inclusa l’assunzione di ivermectina.

 

Infine, l’associazione dei medici ha consigliato alle persone di assumere quotidianamente idrossiclorochina, zinco e azitromicina, un’organizzazione descritta come il «trattamento di scelta per le donne incinte sintomatiche bisognose di cure».

 

Riferendosi ai dati sui decessi in Kenya, il KCDA ha commentato come il COVID fosse responsabile di «circa 1.800» morti. I medici lo hanno confrontato con i dati sulla mortalità per il 2019, dove ci sono stati 3.572 morti per incidenti stradali, circa 10.700 per malaria e circa 25.000 per AIDS.

 

Con un tasso di mortalità complessivo per COVID-19 di circa 0,03% e un tasso di mortalità specifico per il Kenya di 0,0036% il gruppo ha affermato che «il COVID-19 non sembra quindi giustificare le misure drastiche impiegate per il suo contenimento come consigliato da l’OMS».

 

Con un tasso di mortalità complessivo per COVID-19 di circa 0,03% e un tasso di mortalità specifico per il Kenya di 0,0036% il gruppo ha affermato che «il COVID-19 non sembra quindi giustificare le misure drastiche impiegate per il suo contenimento come consigliato da l’OMS»

Facendo eco a un avvertimento del suo inventore Kary Mullis, nonché di un  gruppo internazionale di scienziati, il KCDA ha affermato che il metodo di test COVID ampiamente utilizzato, il test PCR, «ha poco o nessun valore» per il medico in ambito ambulatoriale. Il test “non rileva il virus” ha avvertito il KCDA.

 

«Infine, i vaccini non sono mai stati usati per controllare le epidemie», dicono i medici kenioti. «La maggior parte delle epidemie come l’influenza spagnola, la MERS e la SARS sono scomparse naturalmente nel giro di pochi anni, senza trattamento e prima che potesse essere prodotto un vaccino. COVID-19 ha la particolarità di avere un trattamento efficace che consente di superare la malattia senza necessità di vaccinazione».

 

I medici notano inoltre: «È stato chiaramente stabilito che i vaccini sperimentali non fermeranno le infezioni e la trasmissione di SARS-CoV-2, ma ridurranno solo il rischio di malattie gravi e morte che il trattamento attuale può effettivamente fare. E in completa sicurezza. Inoltre, il tasso di mortalità in Kenya e Africa non giustifica la vaccinazione, per non parlare della vaccinazione di emergenza con vaccini sperimentali».

 

«Il tasso di mortalità in Kenya e Africa non giustifica la vaccinazione, per non parlare della vaccinazione di emergenza con vaccini sperimentali»

In chiusura della dichiarazione, il KCDA ha anche menzionato l’influenza di Bill Gates sulla campagna di immunizzazione globale, evidenziando i suoi commenti sulla riduzione della popolazione mondiale attraverso l’immunizzazione, nonché il suo desiderio di passaporti per i vaccini.

 

«Bill Gates non è un medico ma uno specialista in tecnologia. Sembra che ci sia qualcosa in cui Bill Gates ha investito che richiede che il mondo intero sia vaccinato per avere successo», hanno scritto i medici.

 

Parlando ad ACI Africa, uno dei firmatari della lettera, il dottor Karanja, ha definito le iniezioni «pericolose».

«Bill Gates non è un medico ma uno specialista in tecnologia. Sembra che ci sia qualcosa in cui Bill Gates ha investito che richiede che il mondo intero sia vaccinato per avere successo»

 

È ancora vivo nel mondo cattolico kenyota lo scotto del tremendo caso del supposto «vaccino sterilizzante». Nel 2015, vescovi cattolici e attivisti dei diritti umani, avevano accusato le agenzie della sanità pubblica di aver contaminato deliberatamente i vaccini antitetanici somministrati solo alle donne in età riproduttiva in Kenya.

 

Le organizzazioni della sanità pubblica avevano negato di aver avvelenato i vaccini antitetanici con l’ormone Beta gonadotropina corionica umana (Beta-hCG), che induce l’aborto spontaneo – un componente sterilizzante descritto nell’ampia letteratura medica riguardo la ricerca di un vaccino contraccettivo per controllare l’aumento della popolazione. I vescovi kenioti avevano insistito sul fatto che invece possedevano la prova di laboratorio.

 

Effetti sterilizzanti furono notati anche nelle campagne di vaccinazione contro il papillomavirus HPV. È utile notare che coloro che perseguono il fine della vaccinazione globale sono gli stessi che avanzano programmi e agende di riduzione della popolazione terrestre. Pensiamo Melinda Gates, che lanciò il suo «Family Planning Summit» nel 2012 con l’obiettivo di portare i contraccettivi ai poveri del mondo: «se guardate a quello che è successo in altre nazioni ove hanno avuto a disposizione i contraccettivi, li hanno usati loro prima di tutto e i tassi di nascita sono scesi» disse allora.

È ancora vivo nel mondo cattolico kenyota lo scotto del tremendo caso del supposto «vaccino sterilizzante»

 

Idealmente, un vaccino sterilizzante – come quello denunciato 6 anni fa dai vescovi kenyoti – è il prodotto ideale per far scendere la popolazione umana con una velocità sempre maggiore.

 

 

FONTE

Renovatio21

Condividi questo articolo

Lascia un commento