COVID 19 / DAGLI STATI UN APPELLO: NON VACCINATEVI

Condividi questo articolo

L’intrepido nuovo capo della Casa Bianca, Joe Biden, viene immortalato da tutte i fotografi e le televisioni del mondo mentre si fa iniettare il vaccino anti Covid del colosso farmaceutico a stelle e strisce Pfizer, che in partnership con la tedesca BioNTech ha tagliato per prima il traguardo della produzione del miracoloso vaccino.

La vaccinazione in diretta di Joe Biden

Ma certo non tutti la pensano così. Anzi. Molti medici e scienziati a stelle e strisce (e non solo) mettono in guardia da questi vaccini, non sufficientemente testati e quindi non sicuri, frutto solo delle speculazioni messe in campo da Big Pharma.

Abbiamo deciso di pubblicare due testi tratti da un documentatissimo sito di controinformazione statunitense, Global Research, nel quale è possibile trovare ogni giorno le tante verità occultate dai media di regime, sul vasto fronte delle politiche internazionali.

Ad animare il sito c’è in particolare una figura: quella di Michel Chossudowsky, economista canadese, docente all’Università di Ottawa e presidente del Center for Research on Globalization che ha sede a Montreal.

Potete leggere un “Appello” firmato da due scienziati di peso per sensibilizzare i cittadini sui rischi dovuti dall’assunzione di un vaccino non testato in modo adeguato, quindi insicuro, la cui accelerazione è dovuta solo ai mega interessi di Big Pharma.

Michel Chossudowsky

A seguire un altro servizio che analizza ancora i rischi che i cittadini corrono, soprattutto perché non è stato minimamente adottato, nella produzione dei taumaturgici vaccini, alcun principio di “precauzione”, fondamentale in questo campo e che mai andrebbe affossato.

Tanto da far ritenere tutti coloro i quali saranno sottoposti al vaccino delle vere e proprie “cavie”.

Ai confini della realtà.

 

 

 

 

 

80.000 persone firmano la petizione “Stop Clinical Trials of Corona Vaccines” 

Agenzia europea per i medicinali (EMA) Silenziosa.

Il dottor Wordarg e il dottor Yeadon vedono le principali minacce vaccinali per la popolazione

 

Wolfgang Wodarg, pneumologo ed ex capo di un dipartimento di salute pubblica, e il dottor Michael Yeadon, ex direttore della ricerca Pfizer per le malattie respiratorie, hanno presentato una petizione all’EMA, l’agenzia europea per i medicinali, il 1 ° dicembre 2020, per chiudere immediatamente gli studi clinici dei vaccini Corona.

La petizione è stata sostenuta da almeno 80.000 persone e può essere ulteriormente sostenuta. 

Il flusso di e-mail da parte di sostenitori preoccupati era così alto che durante i picchi il server dell’EMA era temporaneamente non disponibile. Tuttavia, a partire dall’11 dicembre 2020, non c’è stata alcuna risposta, nessun commento da parte dell’EMA sulla presentazione dei firmatari.

In risposta all’e-mail del firmatario, la sig.ra Irene Bachmann ( p2@bfarm.de ), in qualità di vice assente del sig. Enzmann, ha risposto affermando in sostanza che si presumeva che l’EMA avrebbe risposto ai firmatari sulla questione.

Come appreso da 2020News, la petizione non è stata ancora portata all’attenzione del personale competente delle entità responsabili delle decisioni sull’approvazione dei vaccini a livello nazionale – in Germania, ad esempio, l’Istituto Paul Ehrlich. Non è chiaro perché l’EMA non abbia cercato il dialogo sulle preoccupazioni sollevate con gli istituti degli Stati membri.

 

 

Il dottor Wordarg e il dottor Yeadon vedono le principali minacce vaccinali per la popolazione. 

Indicano il periodo estremamente breve delle sperimentazioni cliniche: i vaccini dovrebbero essere autorizzati in caso di emergenza dopo alcuni mesi di sperimentazione cliniche sull’uomo, mentre nel corso normale sono necessari dai cinque ai dieci anni affinché un vaccino sia sottoposto a tutti i test di sicurezza .

Ci sono preoccupazioni significative sulla possibile insorgenza di una risposta immunitaria esuberante, che, ad esempio, aveva portato alla morte di tutti i gatti in un vaccino Corona in fase di sviluppo per gatti.

Wolfgang Wodarg

Inoltre, si teme che il vaccino può rendere sterili le donne perché può innescare anticorpi che possono quindi attaccare non solo i Corona virus ma anche speciali proteine strutturalmente molto simili ai virus ed essenziali per la formazione di una placenta. Questi pericoli non possono essere esclusi a causa del periodo di osservazione estremamente ridotto, che, hanno detto i firmatari a 2020News, non è compatibile con il principio di precauzione europeo.

Nell’UE, il principio di precauzione si applica, tra le altre cose, l’approvazione dei farmaci. Un prodotto è approvato nell’UE solo se la sua innocuità è sostanzialmente dimostrata. Ciò corrisponde al livello relativamente basso di risarcimento per i danni fisici subiti. Se non puoi più usare il braccio perché soffri di paralisi a causa di un farmaco per il cuore, riceverai un massimo di circa 100.000 € a titolo di risarcimento per la perdita del godimento della vita da parte dell’azienda farmaceutica che ha causato il danno, se vinci la causa. Inoltre, la parte lesa deve pagare le risorse materiali ei costi per gli assistenti che si sono resi necessari a causa dell’evento dannoso.

Negli USA il principio di precauzione non si applica.

In questo caso, le normative relative ai prodotti potenzialmente pericolosi sono molto più amichevoli del produttore. L’approvazione del mercato è negata solo ai prodotti per i quali è già stato dimostrato il potenziale di danno. Tuttavia, le persone ferite negli Stati Uniti ricevono pagamenti di compensazione incomparabilmente più alti. Nel caso di un braccio paralizzato, negli Stati Uniti potrebbero essere dovuti risarcimenti per diversi milioni di dollari USA. Il timore di richieste di risarcimento elevato è un deterrente altrettanto efficace negli Stati Uniti quanto il principio di precauzione lo è in Europa.

Gli accordi commerciali TTIP, CETA, ecc. Avevano lo scopo di annullare il principio di precauzione per l’Europa a favore delle aziende, ma senza modificare le regole di compensazione. Avrebbero dato alle aziende il più vantaggioso dei due mondi: basse barriere all’ingresso nel mercato con pochi rischi di essere obbligati a pagare i danni da prodotti nocivi. Il TTIP non si è realizzato, ma il CETA è entrato in vigore, almeno provvisoriamente, sotto la pressione dei lobbisti. L’accordo di libero scambio strutturato in modo simile con il Giappone (JEFTA) è stato concluso. Resta da vedere in che misura questi accordi giocheranno un ruolo negli eventi Corona e lockdown.

Tuttavia, le vaccinazioni sono già una proposta a rischio molto basso sia negli Stati Uniti che nella regione europea. La responsabilità per i danni da vaccino è trasferita allo Stato in entrambi i sistemi legali. Di conseguenza, da un punto di vista economico, i produttori di vaccini hanno pochi motivi per investire in modo particolarmente massiccio negli studi o per astenersi dal commercializzare un vaccino potenzialmente tossico. È responsabilità delle autorità governative per prevenire danni alla popolazione mediante un attento esame e la prevenzione di influenze indesiderate sulle autorità chiamate a prendere decisioni.

Negli USA, l’Emergency Preparedness and Response Act (PREP) si applica in caso di danni causati dall’uso di farmaci, dispositivi medici e vaccini che, come i vaccini Corona, sono commercializzati con l’utilizzo per uso di emergenza. Ciò potrebbe comportare un’esenzione completa dalla responsabilità per le società di produzione.

 

 

 

Migliaia di americani “influenzati negativamente”

a seguito della vaccinazione COVID-19

 

CDC pubblica nuove linee guida, lancia Probe

By Zero Hedge

Global Research, December 21, 2020

 

 

Migliaia di persone non sono state in grado di lavorare o svolgere attività quotidiane, o hanno richiesto cure da un professionista sanitario, dopo aver ricevuto il nuovo vaccino COVID-19, secondo i nuovi dati dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

Al 18 dicembre, 3.150 persone hanno segnalato ciò che l’agenzia definisce “eventi di impatto sulla salute” dopo essere stati vaccinati.

La definizione del termine è: “incapace di svolgere le normali attività quotidiane, incapace di lavorare, cure richieste da un medico o da un operatore sanitario”.

Come riporta Zachary Stieber di The Epoch Times, le persone che hanno segnalato gli effetti negativi li hanno segnalati tramite V-safe, un’applicazione per smartphone. Lo strumento utilizza messaggi di testo e sondaggi web per fornire controlli sanitari personalizzati e consente agli utenti di comunicare rapidamente al CDC se stanno riscontrando effetti collaterali.

Il CDC e la Pfizer, che produce il vaccino con BioNTech, non hanno risposto alla richiesta di commenti.

L’informazione è stata presentata sabato dal Dr. Thomas Clark, un epidemiologo del CDC, al Comitato consultivo sulle pratiche di immunizzazione, un gruppo indipendente che fornisce raccomandazioni all’agenzia.

Il CDC ha affermato che 272.001 dosi del vaccino sono state somministrate a partire dal 19 dicembre. Ciò significa che la maggior parte delle persone vaccinate non ha avuto effetti negativi.

Il CDC ha identificato sei casi clinici di anafilassi, o grave reazione allergica, che si sono verificati in seguito alla vaccinazione con il nuovo vaccino, ha riferito Clark. Altri casi clinici sono stati esaminati e determinati per non essere di anafilassi.

In un aggiornamento di venerdì, l’agenzia ha sottolineato che chiunque abbia mai avuto una grave reazione allergica a qualsiasi ingrediente di un vaccino COVID-19 non dovrebbe ottenere quel vaccino. Le persone con gravi reazioni allergiche ad altri vaccini dovrebbero consultare il proprio medico per ottenere il nuovo vaccino, mentre quelle con una storia di anafilassi non correlata ai vaccini “possono comunque essere vaccinate”.

I primi difetti emergono nel lancio di COVID-Vax; L’operatore sanitario dell’Alaska soffre di “grave reazione allergica”

“Il CDC raccomanda che le persone con una storia di gravi reazioni allergiche non correlate a vaccini o farmaci iniettabili – come allergie a cibo, animali domestici, veleno, ambiente o lattice – possano comunque essere vaccinate”, ha detto il CDC.

“Le persone con una storia di allergie ai farmaci orali o una storia familiare di gravi reazioni allergiche, o che potrebbero avere un’allergia più lieve ai vaccini (nessuna anafilassi) – possono anche essere vaccinate”.

Chiunque soffra di anafilassi dopo aver ricevuto il primo vaccino non dovrebbe ottenere il secondo colpo, ha detto il CDC. I vaccini COVID-19 devono essere somministrati in due dosi, distanziate di circa tre settimane l’una dall’altra.

Almeno cinque operatori sanitari in Alaska hanno avuto reazioni avverse dopo aver ricevuto il vaccino Pfizer, secondo quanto riportato dall’Anchorage Daily News. Una delle due reazioni avverse al Bartlett Regional Hospital ha richiesto un trattamento in ospedale per almeno due notti.

Un ospedale dell’Illinois ha interrotto le vaccinazioni dopo che quattro lavoratori hanno subito reazioni avverse.

Il dottor Peter Marks, direttore del Centro per la valutazione e la ricerca biologica della Food and Drug Administration, ha detto ai giornalisti in una telefonata giovedì sera che l’agenzia sta lavorando con il CDC e colleghi nel Regno Unito per sondare le reazioni allergiche.

“Analizzeremo tutti i dati che possiamo da ciascuna di queste reazioni per capire esattamente cosa è successo. E cercheremo anche di capire quali componenti del vaccino potrebbero aiutare a produrli “, ha detto.

Notando che stava speculando, Marks ha detto che è noto che il polietilenglicole – un componente presente sia nel vaccino Pfizer che in uno di Moderna che i regolatori hanno approvato all’inizio della giornata – può essere associato, in modo insolito, a reazioni allergiche.

“Quindi potrebbe essere un colpevole qui. Ed è per questo che guarderemo da vicino “, ha detto. “Ma a questo punto non lo sappiamo.”

Entrambi i vaccini hanno “effetti collaterali sistemici”, che sono “generalmente lievi”, ha detto Marks.

Se ne vanno dopo un giorno. Secondo il sito web della FDA, gli effetti collaterali più comunemente riportati includono stanchezza, mal di testa, dolori muscolari e brividi. L’agenzia ha detto che se ne andranno dopo diversi giorni.

Un volontario nello studio clinico in fase avanzata di Pfizer ha sperimentato una reazione allergica. Due persone nella sperimentazione clinica di fase 3 di Moderna hanno sperimentato reazioni anafilattiche, ha detto la società durante un incontro giovedì. Ma i dati hanno mostrato che i benefici superano il rischio, hanno detto i funzionari della FDA, poiché hanno concesso l’autorizzazione per l’uso di emergenza ai vaccini a circa sette giorni di distanza.

Le persone che ricevono un vaccino COVID-19 devono essere monitorate per almeno 15 minuti dopo essere state vaccinate, secondo il CDC.

Se qualcuno sperimenta una grave reazione allergica contro l’ottenimento di un vaccino COVID-19, i fornitori di vaccinazioni dovrebbero fornire cure rapide e chiamare i servizi medici di emergenza. La persona deve continuare a essere monitorata in una struttura medica per almeno diverse ore.

 

Condividi questo articolo

Lascia un commento