GLIFOSATI / SONO CANCEROGENI, LO DENUNCIA UNA SENTENZA A SAN FRANCISCO

Condividi questo articolo

E’ stato il matrimonio del secolo, quello tra il pezzo da novanta di Big Pharma, la tedesca Bayer, e il colosso degli Ogm, la statunitense Monsanto. E ora si sta trasformando in un incubo.

Una fresca sentenza appena pronunciata dal tribunale di San Francisco, infatti, ha stabilito una volta per tutte che il diserbante Roundup – la specialità di casa Monsanto – è cancerogeno, così come la sostanza su cui si basa, il glifosato.

Pesante la condanna da 80 milioni di dollari, che ora mamma Bayer dovrà rimborsare ad un coltivatore californiano, Andrew Hardemann, che si è ammalato di tumore alla pelle.

Nella sua arringa finale, la legale di Hardemann, Jennifer Moore, ha sostenuto che “un’azienda responsabile avrebbe testato il suo prodotto”, e “avrebbe detto ai consumatori che poteva provocare un cancro”. Ma “Monsanto non ha fatto nessuna di queste due cose”. Per questo motivo Moore ha chiesto al tribunale di San Francisco di metter fine alle “menzogne di un gruppo interessato solo a fare soldi”.

Nella prima fase del processo, in particolare, l’attenzione è stata rivolta alle prove scientifiche per determinare, appunto, se potesse esistere un legame tra il Roundup e il linfoma non-Hodgkin contratto da Hardemann. Nella seconda fase, invece, i sei membri della giuria del tribunale di San Francisco hanno focalizzato la loro attenzione sulle specifiche responsabilità del colosso Monsanto.

La sentenza è “storica”, perché dimostra quel basilare nesso causale e quindi apre la strada ad un fiume in piena, ovvero alle centinaia e centinaia di cause intentate da agricoltori, coltivatori, chiunque a qualsiasi titolo lavori nei campi e abbia avuto a che fare con i glifosati.

Il prossimo processo negli Usa, per fare il primo esempio, sta per aprirsi ad Oakland: una coppia di settantenni, Alva e Alberta Pilloid, hanno utilizzato per anni il Roundup e sono stati entrambi colpiti dal linfoma non-Hodgkin. A seguire un’altra mezza dozzina di processi e, quindi, con ogni probabilità di sentenze arcimilionarie, visto che la strada è stata aperta dal provvedimento del tribunale di San Francisco.

Venendo a casa nostra ricordiamo un fatto estremamente inquietante e fino ad oggi non ancora chiarito. Alcuni mesi fa l’Ordine Nazionale dei Biologi ha cofinanziato una ricerca sui vaccini promossa dal Corvelva, l’associazione veneta costituita oltre vent’anni fa allo scopo di sensibilizzare i genitori per un uso consapevole dei vaccini.

Ebbene, quella ricerca ha avuto un esito dirompente: in due lotti di vaccini presi in esame, infatti, è stato trovato di tutto e di più, meno quello che ci si aspetta in un vaccino. Tra i composti principali i glifosati.

Ai confini della realtà.

Condividi questo articolo

Lascia un commento