RAI / BURIONI ATTACCA IL CANDIDATO FOA SUI VACCINI: UN CAVERNICOLO

Condividi questo articolo

Attacco su tutti i fronti a 360 gradi dai media di regime al candidato presidente Rai Marcello Foa. Da Repubblica al Corsera una velina pressocchè identica: “ultrà di Putin”, “contro le Ong”, “sovranista”, “no euro” e – tanto per aggiungere un ingrediente al minestrone che non guasta mai – anche “No Vax”.

Su quest’ultimo fronte entra in scena (anzi in sceneggiata) il solito scienziato (sic) pret a porter, Roberto Burioni, il Verbo Unico sul tema, il solo degno di dare il suo parere e gli altri tutti zitti, muti e “somari” (dal titolo della sua ultima illeggibile fatica letteraria), in ginocchio ad ascoltare il verbo del Vate.

In perfetto conflitto d’interessi, Burioni, come la Voce ha più volte documetato, per i suoi rapporti d’affari con svariate società farmaceutiche in tema di brevetti.

E già ce lo immaginiamo, Fratel Burioni, tra alambicchi & provette, cappucci & grembiulini per inventare le sue miracolose pozioni: visto è iscritto al Grande Oriente d’Italia. Il fatto è che Burioni se ne vergogna, non lo ammette, dice che non è vero. Mostrando un indomito coraggio che non sarà poi tanto gradito ai confratelli del GOI, fieri invece di esserlo.

Ma eccoci all’ultima polemica.

Roberto Burioni. In apertura, Foa

Scrive il Corsera: “ora riemerge dalla memoria della Rete un intervento assai dubbioso del giornalista italo svizzero sull’efficacia dei vaccini. Lo ha scoperto il virologo Roberto Burioni che ha ripescato un’intervista concessa al sito Informarexresistere in cui Foa ricorda che ‘in Svizzera i vaccini non sono obbligatori. La gente può scegliere di non vaccinarsi eppure la popolazione non è particolarmente malata”.

Suona la fanfara Repubblica: “Il 3 dicembre 2017 in una videointervista al videoblog ‘Crescere informandosi‘, Foa esprime un punto critico sull’obbligatorietà dei vaccini. ‘Iniettare 12 vaccini in un arco temporale di tempo molto stretto nel corpo di un bambino, provoca uno choc nel corpo. I vaccini dovrebbero esere limitati allo stretto indispensabile e solo per le malattie davvero gravi”.

Ecco i commenti di Mago Burioni via twitter alle estrapolazioni effettuate dai due media di Palazzo.

Scrivono sul quotidiano di via Soferino: secondo Burioni “il presidente Foa dice menzogne sui vaccini, quelle degli antivaccinisti cavernicoli, ignoranti ed egoisti. Sulla salute ci vuole corretta informazione, non la diffusione di balle mortali con i soldi del canone”. A valutare se siano o meno balle abbiamo un Giudice Unico, il Mago Burioni.

Più conciso il quotidiano diretto da Mario Calabresi: “Foa dice menzogne sui vaccini, quelle degli antivaccinisti cavernicoli, ignoranti ed egoisti”.

Come del resto “cavernicoli, ignoranti ed egoisti” sono il premio Nobel per la Medicina Luc Montagnier e il virologo Giulio Tarro, allievo di Albert Sabin, l’inventore del vaccino antipolio. Forse qualcosina in più di Burioni ne sanno (ce ne vuol poco, del resto), forse qualche titoluccio accademico in più lo hanno nel loro curriculum, forse quel diritto alla Verità che il solo Burioni si arroga andrebbe un momentino rivisto.

Sorge spontanea la domanda: ma come mai l’Onnisciente Burioni non accetta un confronto pubblico con Montagnier e Tarro? Ha paura di qualcosa? Teme una figura barbina? O si scopra che il re è nudo?

E non hanno diritto di parola coloro i quali non mettono in dubbio l’utilità dei vaccini, ma le modalità di produzione (lo abbiamo scritto altre volte) e di utilizzo, da effettuare basandosi nel modo più assoluto sul principio di “Precauzione”, come hanno stabilito un quarto di secolo fa la Nazioni Unite, ribadito 18 anni fa l’Unione Europea e ripetuto ad ogni convegno Montagnier, Tarro e altri scienziati che non la pensano come Mago Burioni.

 

 

Condividi questo articolo

Lascia un commento