AMARA TERRA

Ma in che bolgia cosmica si rotola il pianeta Terra? Quale malefico dispetto della natura colpisce l’umanità fin dalle origini, con malformazioni congenite e diffuse di origine incerta e conseguenze certe? Nessun dubbio, il gene della violenza dei cavernicoli si è trasmesso di padre in figlio per milioni di anni, con uguale, più marcata e maledetta universalità. Una breve, parziale analisi di fatti e misfatti di giornata precede un lapalissiano teorema: se il mondo ha ricchezze di tale dimensione da soddisfare ogni domanda dei popoli, perché è vissuto nell’assurda, eterna discrasia benessere-sofferenza, ricchezze e povertà. Antidoti? Una leale, condivisa gestione di beni e risorse, sottratta a prevaricazioni, egoismi, ingiustizie. Ma è facile smantellare la carica fortemente idealista di questo progetto virtuale, i sogni di pura utopia divulgati da Cristo, Ghandi, Marx, ora da Francesco Bergoglio: sono voci nel deserto, coperte o spente dal fragore di nazionalismi aggressivi, strutturati in blocchi contrapposti del potere economico e militare. Titoli di questa domenica di fine maggo: Putin, invasore dell’Ucraina, responsabile di infinite morti di civili, di soldati russi e ucraini, di paesi e città, ospedali, scuole, rasi al suolo, reagisce con lancio do bombe su un centro commerciale di Kharkiv, con morti e feriti alla minaccia di Stoltenberg, che incita a usare armi Nato per colpire la Russia. E poi, la Corte penale dell’Aia chiede l’arresto di Netanyau e di Hamas, per crimini di guerra, ordina lo stop alla guerra in Palestina e la liberazione degli ostaggi catturati da Hamas.  All’indomani arriva il ‘me ne frego’ di Netanyau che continua a bombardare quel che resta di Gaza e nessuna risposta sugli ostaggi. Spaventano il rischio di guerra mondiale conseguente alla scoperta intenzione della Cina di annettere la Thailandia dei preziosi microchips e l’annunciata, dura risposta dell’America, pronta a difendere l’indipendenza thailandese. L’onda lunga di un pericoloso tsunami lambisce l’Europa, e non solo, spinta da venti di destra, che  operano per diffondere nel pianeta il peggio delle disumanità, ovvero l’ultimo stadio della malattia genetica mai estirpata da milioni di anni.


Scopri di più da La voce Delle Voci

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento