INFLUENZA ‘AVIARIA’ / ECCO L’ALLARME LANCIATO DA ‘FDA’ PER TERRORIZZARE IL MONDO

A lanciare l’allarme, stavolta, è la ‘Food and Drug Administration’ (FDA) statunitense che parla di prossima pandemia di influenza aviaria, molto più terribile di quella da Covid-19 e con un tasso di mortalità addirittura del 25 per cento.

E’ solo l’ultimo SoS, dopo quelli lanciati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), prima per la stessa aviaria lo scorso anno, e poi a gennaio 2024 per la terrificante Malattia X. Subito amplificata dalle virostar di casa nostra: come, per fare un solo esempio, la veterinaria Ilaria Capua.

Settimane fa, poi, è stata la volta di un altro misterioso quando orripilante virus, il KP2, che ha riempito le cronache per alcuni giorni e poi sparito (per ora) dai radar.

La sede della FDA. Nel fotomontaggio di apertura, Robert Califf

Tutto fa brodo per coltivare, come un perfetto virus da laboratorio, tipo Wuhan, un clima che più di panico & terrore non si può.

Ossia quello studiato ‘scientificamente’ in occasione, quasi quattro anni e mezzo fa, del Covid-19: ottimo e abbondante per ottenere dai cittadini una totale sudditanza e resa senza condizioni, fino ad accettare dei vaccini sperimentali, poco efficaci e soprattutto poco sicuri. Come quelli resi addirittura obbligatori, in modo nazista, dai governi.

La prova del 9 si ha oggi, con la marea crescente di effetti avversi che stanno colpendo la popolazione di mezzo mondo, in un terrificante crescendo di ‘morti improvvise’ e un aumento esponenziale di patologie cardiache e tumorali.

Quella ‘strategia del terrore’ (e della tensione, si sarebbe detto un tempo) è stata illustrata subito, quindi in tempi non sospetti, a pochi mesi dallo scoppio della pandemia, ed in modo scientificamente inoppugnabile, da uno dei pochi virologi autentici in circolazione in Italia (ma anche a livello internazionale), ossia Giulio Tarro, che a giugno 2020 ha firmato un mitico ‘Covid 19 – Il virus della paura’, di cui la Voce ha tante volte scritto.

Anthony Fauci

Una strategia adottata a cominciare dagli Stati Uniti, gran regista Anthony Fauci, sotto inchiesta da due anni e mezzo sia per quella ‘campagna di paura’ e di pressione sui social media, sia per la Wuhan Connection, come ha perfettamente illustrato un’altra mosca bianca della contro-informazione scientifica, Robert Kennedy junior, autore nel 2021 di ‘The Real Anthony Fauci’ e due anni dopo di ‘Wuhan – The Cover Up’, ossia il grande Depistaggio.

 

FDA SUPERSTAR

E riprendiamo il filo proprio dagli Usa.

Dove poche ore fa ha lanciato il drammatico sos il Commissario che da un paio d’anni ormai è al timone del principale ente regolatore e di controllo negli Usa, FDA appunto, cui spetta la supervisione su alimenti, farmaci e tabacco.

Si tratta di Robert Califf, il quale ha appena testimoniato davanti ad una Sottocommissione del Senato a stelle e strisce, incaricata di studiare gli stanziamenti nello strategico settore agricolo, particolarmente a rischio con in tempi di pandemie.

Il libro pubblicato da Giulio Tarro nel giugno 2020

Senza peli sulla lingua, il commissario Califf ha parlato dei prossimi rischi pandemici. “L’influenza aviaria sarà di 10 volte peggiore di quella provocata dal Covid-19”, ha sentenziato, aggiungendo un dato che fa gelare il sangue: “Avrà un tasso di mortalità pari al 25 per cento”.

Ed ha aggiunto: “La FDA deve essere pronta a tutte le azioni per limitare la diffusione del virus, che ha fatto il giro del mondo più volte in molte specie diverse. Bisogna adottare tutte le contromisure necessarie e soprattutto farsi trovare con un vaccino pronto”.

Alcuni, per la verità, hanno tirato un respiro di sollievo: per il semplice fatto che un analogo sos‘aviaria’ lanciata un anno fa dall’OMS, paventava addirittura una tragica percentuale stimata al 50 per cento.

 

Ancora notizie dagli Usa.

Il Dipartimento per l’Agricoltura, con ogni probabilità fiutata l’aria che tira, settimane fa ha varato un provvedimento ‘storico’, scarsamente attenzionato dai media.

Robert Kennedy Jr.

Si tratta di un finanziamento da non poco, ossia quasi 30 mila dollari per tutti gli agricoltori a stelle e strisce che investiranno per “rafforzare le misure di protezione e i test per verificare i virus dell’influenza aviaria anche nelle mucche da latte”.

Le parole del numero uno della potentissima FDA, Califf, hanno subito fatto drizzare le antenne di ‘The Defender’, il sito dell’associazione ‘Children’s Health Defence’ fondato e animato da Robert Kennedy junior, ora in corsa per le presidenziali Usa come candidato indipendente, vero vaso di coccio da quelli di ferro, ma con tutte le ragioni, soprattutto in tema di difesa della salute pubblica e dell’ambiente.

The Defender, infatti, ha intervistato due ricercatori di fama, due Ph.D del valore di David Belle eBrian Hooker, per chiedere un parere sul drammatico sos lanciato da Califf.

Lo hanno bollato, senza troppi giri di parole, come ‘esagerato’ e ‘farsesco’.

Ecco il testo pubblicato dal meritorio sito e ripreso, in Italia, da ‘Renovatio 21’ il 13 maggio, titolato  L’influenza aviaria potrebbe essere ‘10 volte peggiore del COVID 19’ – Nuovo allarmismo epidemico del commissario FDA

 

MEDIA NOSTRANI A RIMORCHIO

Lanciato il sasso nello stagno, vediamo le reazioni mediatiche di casa nostra.

Ecco come titola ‘il Sole 24 Ore’ del 14 maggio: “Influenza aviaria. Cresce l’allarme: la situazione, i rischi, la salute”.

E poi: “In Usa, dopo il latte trovate tracce anche nelle acque reflue. Scienziati preoccupati che il bestiame diventi serbatoio di H5N1, trasformandosi in ‘incubatore’ in cui i virus influenzali si scambiano materiale genetico fino a trasmettersi all’uomo”.

Segue un reportage degno del copione di ‘Contagion’, il film cult firmato da Steven Soderbergh che nel 2011 descrisse con largo anticipo il copione della pandemia da Covid-19.

Ecco l’incipit del pezzo messo in rete da ‘Virgilio Notizie’ il 13 maggio: “L’influenza aviaria H5N1continua a far paura negli Stati Uniti, dove sta colpendo diverse specie di animali, dai bovini agli orsi. Il virus si sta espandendo e cresce quindi il rischio di trasmissione all’uomo dagli animali infetti, dopo il caso segnalato nel Texas. Per questo l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha lanciato l’avvertimento sul consumo del latte crudo”.

Infine da ‘Terranostra news’ del 14 maggio: “Influenza aviaria, si alza l’asticella dell’attenzione. Secondo ‘Nature’, gli scienziati temono che il ceppo H5N1 diventi endemico dai bovini, favorendo la diffusione tra gli esseri umani”.

 

OMS & FDA, ATTENTI A QUEI DUE

Per capire e ‘decodificare’ meglio quanto sta succedendo, vi consigliamo di leggere quanto ha scritto la Voce in questi 4 anni abbondanti di pandemia, soprattutto per quanto concerne OMS eFDA.

I cui comportamenti la dicono lunga sulle logiche perverse (e affaristiche, a discapito della salute dei cittadini di tutto il mondo) dei due grandi ‘organismi’ internazionali.

Il primo, ossia l’OMS, ha sulla coscienza una serie di errori, orrori & omissioni.

A cominciare dal mancato accertamento della vera origine della pandemia: proprio per non ‘toccare’ gli Usa, i grandi registi con Fauci in cabina, per la ‘Wuhan Connection’.

Bill Gates

E poi, ora, ha sulla coscienza quel ‘Trattato Pandemico’ che sta per essere attuato da tutti i suoi paesi aderenti (quasi 200), e attraverso il quale ogni nazione perderà ogni autonomia decisionale, delegandola all’OMS, per le ‘future pandemie’.

Da tener sempre presente che l’OMS è ormai ‘eterodiretta’ da Bill Gates, il fondatore di ‘Microsoft’ e più grande latifondista negli Usa, oggi.

Riesce a manovrarne tutte le decisioni, super Bill, perché ne è il più grande finanziatore, solo alle spalle degli Usa e ben davanti a nazioni del calibro di Francia, Regno Unito e Germania.

Ed in occasione dello storico ‘World Economic Forum’ a Davos nel 2010, proprio Gates lanciò il primo, storico allarme: il prossimo decennio sarà quello delle devastanti pandemie e quello successivo quello degli ancor più catastrofici cambiamenti climatici.

Aveva davvero la palla di vetro…

Passiamo, per chiudere il cerchio, alla FDA.

Un controllore ferreo, fino a qualche anno fo.

Cioè fino alla pandemia, quando quella rigidità si è per incanto sciolta come neve al sole davanti ai voleri dei colossi di Big Pharma: ed in particolare delle regine dei vaccini, ossia Pfizer & Moderna.

Primo step: il totalmente anomalo ok concesso, addirittura a pochi mesi dallo scoppio della pandemia, agosto 2020, ai primi vaccini griffati Pfizer e Moderna, appunto.

Scott Gottlieb

Nonostante i test per le sperimentazioni, i ‘trials’, fossero stati del tutto taroccati, letteralmente truccati. Come ha documentato per filo e per segno il ‘British Medical Journal’ (BMJ) a pochi giorni da quell’incredibile autorizzazione agostana, con un reportage al calor bianco più volte ripreso dalla Voce.

E lo stesso BMJ, pochi mesi dopo, a gennaio 2021, clamorosamente bocciò quei vaccini, mettendo nero su bianco un’efficacia che non superava il 20 per cento, contro il 93-94 per cento sbandierato dalle due case farmaceutiche che hanno truffato il mondo e mandato al massacro milioni di vite umane.

Da Norimberga.

Eppure nessuno se ne fotte di mandare alla sbarra i responsabili di tali crimini in tempo di pace: si fa per dire, in epoca di genocidio a Gaza.

Sulle più che ‘anomale’ decisioni prese dai vertici collusi (con Big Pharma) di FDA, ecco il link di due pezzi, sui ‘commissari’ in palese conflitto d’interessi: Scott Gottlieb e l’attuale, Robert Califf.

Leggere per credere, messo dalla Voce in rete il 31 agosto 2021,

SANITA’ AMERICANA / ECCO L’UOMO PIU’ POTENTE, SCOTT GOTTLIEB. E IN COLOSSALE CONFLITTO D’INTERESSE

E, poi, pubblicato il 16 dicembre 2021,

FOOD AND DRUG ADMINISTRATION / ARRIVA ROBERT CALIFF, RE DI BUSINESS IN PILLOLE E MAXI CONFLITTI

 

Per ritrovare notizie e inchieste pubblicate dalla Voce in questi 4 anni e passa di pandemia, e per saperne di più sui protagonisti di fatti & misfatti, basta andare alla casella CERCA, che si trova in alto a destra della nostra home page. E quindi digitare nomi e cognomi dei personaggi (da ANTHONY FAUCI a BILL GATES, da ROBERT KENNEDYjunior a GIULIO TARRO, per fare solo alcuni esempi) o delle sigle che vi interessano (OMSo FDA, oppure per esteso), per saperne molto di più.


Scopri di più da La voce Delle Voci

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento