SUSAN SARANDON / LICENZIATA PERCHE’ PARLA DI ‘GENOCIDIO’: NEGLI USA TORNA LA CACCIA ALLE STREGHE?

Attori e soprattutto attrici negli Usa come ai tempi nel maccartismo, con quella famigerata ‘caccia alle streghe’. Messi al bando allora perché ‘non anticomunisti’, adesso solo perché sostengono la causa palestinese contro il genocidio perpetrato dalla banda Netanyahu.

L’ultimo caso è quello di una delle star più luminose e sempre in prima linea sul fronte dei diritti civili, Susan Sarandon. E’ infatti stata appena licenziata dalla ‘Unite Talent Agency’ (UTA) alla quale aderiva da molti anni per aver criticato i vertici israeliani nel corso di una manifestazione pro-Palestina e per aver condiviso post, sui social, firmati dal fondatore dei ‘Pink Floyd’, Roger Waters, anche lui da sempre uno strenuo difensore di tutti gli oppressi.

Ecco alcune frasi pronunciate da Sarandon che non sono andate giù ai vertici di UTA.

“Ci sono molte persone che hanno paura di essere ebree in questo momento, e stanno avendo un assaggio di cosa vuol dire essere musulmano in questo Paese”.

“Le persone si pongono domande, le persone si alzano in piedi, le persone si istruiscono, le persone si stanno allontanando dal lavaggio del cervello iniziato quando erano bambini”.

Dicevano, non si tratta certo di un caso isolato.

Maha Dakhil

In un’altra grossa agenzia americana per talenti, la ‘CAA’, un suo importante dirigente, Maha Dakhil, si è appena dimesso per aver usato la parola ‘genocidio’ nel definire il comportamento israeliano. Dopo i fatti del 7 ottobre la ‘CAA’ aveva rilasciato una dichiarazione in cui affermava solennemente di “stare dalla parte del popolo di Israele” e condannava quelli che definiva “orribili atti di terrorismo”.

Due riviste specializzate nel settore dello spettacolo, ‘Variety’ e ‘Hollywood Reporter’, raccontato la fresca storia di Melissa Barrera, che era stata scelta per un ruolo da protagonista nel film horror ‘Scream VI’: ebbene, di punto in bianco, appena prima del ciak, la produzione l’ha licenziata solo per aver postato un brevissimo messaggio: “Anch’io vengo da un Paese colonizzato”. Aggiungendo un “La Palestina sarà libera”.

La mannaia colpisce anche le sorelle Hadid, che sostengono da tempo la causa palestinese. Il celebre marchio ‘Dior’ a quanto pare ha deciso di sostituire una delle sue testimonial, Bella Hadid, con una modella israeliana.

Mentre Gigi Hadid ha ricevuto minacce addirittura da un account ufficiale delle autorità di Tel Aviv che così, in modo molto british, le scrivono: “ti vediamo”.

Melissa Barrera

Intanto, nella Striscia di Gaza il genocidio continua, giorno dopo giorno. Non solo via missili, bombe & tank, ma soprattutto nella più crudele maniera possibile: tagliando alimenti, farmaci e acqua ai palestinesi.

Giustamente uno dei più stimolanti siti di contro-informazione, ‘Responsible Statecraft’, titola un suo reportage del 22 novembre, firmato da Daniele Larison, “La Guerra della Fame – L’eccidio ucciderà i civili palestinesi e, non facendo nulla, gli USA lo sostengono” (“The warfore of starvation – The siege will kill Palestinian civilians and by doing nothing, The US is supporting it”).

A seguire, quindi, vi proponiamo l’articolo tradotto in italiano, mentre cliccando sul link in basso potete leggerne la versione originale.

E poi, i link per due pezzi pubblicati da un altro ottimo sito, stavolta francese, ‘Obsvervateur Continental’.

Il primo si intitola: “Guerra tra Israele e Hamas: gli Stati Uniti hanno dimenticato l’avvertimento Brzezinski” (“Guerre Israele et Hamas: les Etats-Unis ont oubliè l’avertissement de Brzezinski”).

Il secondo riguarda il fronte bellico che rischia fortemente (e presto) di aprirsi tra Usa e Iran: “Gli Stati Uniti lanciano una guerra per procura contro l’Iran” (“Les Etats-Unis se lancent dans une guerre par procuration contre l’Iran”).

P.S. Siamo basiti di fronte alle parole usate dall’Associazione Rabbini Italiani (ma che sarà mai?) per attaccare Papa Francesco il quale, dopo aver incontrato sia familiari degli ostaggi che palestinesi, ha espresso orrore per le tragedie del 7 ottobre e quella in atto da un mese e mezzo a Gaza. “Mette sullo stesso piano aggressori e aggrediti. La sua equidistanza non è affatto equa”, sbottano i rabbini.

Ma come fanno i folli rabbini a ricordare solo e unicamente quella data, il 7 ottobre, e dimenticare totalmente la strage che dura da quel giorno ad oggi (e rischia di non fermarsi) di migliaia e migliaia di palestinesi (ormai ben oltre i 10 mila) e, soprattutto, il genocidio che va avanti da oltre mezzo secolo di occupazione criminale perpetrata da tutti i governi-killer di Tel Aviv? Ai confini della realtà…

 

La guerra della fame

L’assedio ucciderà i civili palestinesi e, non facendo nulla, gli Stati Uniti lo sostengono.

DANIELE LARISON

22 NOVEMBRE 2023

Il taglio di cibo, acqua e carburante imposto a Gaza ha creato condizioni terribili per i palestinesi solo nelle ultime sei settimane. Presto potrebbero morire di fame.

Il rivolo di aiuti concesso sotto la pressione internazionale non è nemmeno lontanamente sufficiente a sostenere la popolazione civile. Secondo il Programma alimentare mondiale , solo il 10% del cibo necessario entra nella Striscia di Gaza e le persone che vivono lì si trovano ora di fronte a una “possibilità immediata di morire di fame”. Il WFP avverte inoltre che “le infrastrutture alimentari a Gaza non sono più funzionanti” e che quel poco cibo disponibile viene venduto a prezzi gonfiati e gran parte di esso non può essere utilizzato perché le persone non hanno i mezzi per cucinarlo.

C’è una catastrofe umanitaria che si sta svolgendo davanti ai nostri occhi a Gaza. Le persone non stanno semplicemente morendo di fame, stanno morendo di fame e ciò avviene con il sostegno del nostro governo.

Human Rights Watch e studiosi di diritto affermano che Israele sta commettendo crimini di guerra intraprendendo una “guerra di fame” contro i civili a Gaza. Nella misura in cui Washington continua a sostenere la campagna militare e il blocco di Israele, sta contribuendo a consentirlo.

Le magre quantità di aiuti umanitari che l’amministrazione Biden si vanta di aver facilitato sono solo una goccia nell’oceano di ciò di cui la popolazione ha bisogno e, ai ritmi attuali, non possono evitare la perdita su larga scala di vite innocenti. La necessità di un cessate il fuoco e di uno sforzo di soccorso d’emergenza è innegabile e la resistenza di Washington ad esso rappresenta una potenziale condanna a morte per migliaia di persone.

La fame è stata usata come arma con una frequenza preoccupante in diversi conflitti nell’ultimo decennio, dalla Siria e dallo Yemen al Tigray e al Sud Sudan. I governi in genere utilizzano la guerra economica e i blocchi fisici per raggiungere i propri fini. L’attuale blocco di Gaza comporta sia la chiusura effettiva dell’economia di Gaza, sia l’interruzione delle forniture esterne.

La fame forzata di una popolazione civile è una forma di punizione collettiva. Israele ha l’obbligo, ai sensi della Quarta Convenzione di Ginevra, “di garantire il cibo e le forniture mediche alla popolazione”. Ovviamente il governo israeliano non sta adempiendo a tale obbligo, anzi ha fatto il contrario.

Non sorprende che il presidente Biden non abbia avuto nulla di serio da dire al riguardo nel suo recente editoriale sul Washington Post. Il presidente ha riconosciuto che molti palestinesi innocenti sono stati uccisi nella guerra, ma non ha detto nulla sui responsabili della loro uccisione. Biden insiste sul fatto che non ci deve essere “nessun assedio o blocco” finché entrambi sono in corso. Non ha menzionato alcuna conseguenza se il governo israeliano ignora la sua lista di cose che “non devono” accadere. L’amministrazione Biden potrebbe aver “chiesto al rispetto del diritto internazionale umanitario”, ma non agisce per sostenerlo e non ritiene responsabili i trasgressori.

Il presidente ha respinto ancora una volta l’opzione di un cessate il fuoco: “Finché Hamas si aggrappa alla sua ideologia di distruzione, un cessate il fuoco non è pace”. Ciò non prende sul serio le conseguenze devastanti che il proseguimento della guerra avrà per tutte le parti. Nessuno immagina che un cessate il fuoco risolverà il conflitto o creerà immediatamente le condizioni per una soluzione permanente, ma è imperativo per proteggere la vita e la salute di milioni di persone che rischiano di morire per fame, malattie e conflitti.

Come ha spiegato la politologa Sarah Parkinson su Foreign Affairs, “un cessate il fuoco è l’unica politica politicamente ragionevole, di rafforzamento della sicurezza e moralmente difendibile da sostenere, soprattutto se Washington ha qualche speranza di rimanere un attore rispettato in Medio Oriente”. Opporsi al cessate il fuoco in questa guerra è un profondo errore strategico e morale che costerà caro agli Stati Uniti nei mesi e negli anni a venire.

Biden sottolinea che gli Stati Uniti stanno aiutando Israele nella sua autodifesa, ma l’autodifesa non dà a uno Stato il diritto illimitato di fare tutto ciò che vuole. Adil Ahmad Haque ha scritto un articolo incisivo sull’autodifesa e la proporzionalità su Just Security all’inizio di questo mese, in cui ha affermato quanto segue: “Secondo la legge sull’autodifesa, anche uno scopo legittimo deve essere messo da parte se è controbilanciato dal dannoso effetti della forza necessaria per raggiungerlo. Anche se viene esercitato il diritto di autodifesa di Israele, l’attuale esercizio di tale diritto è sproporzionato”.

Se questa guerra si svolgesse quasi ovunque e se non coinvolgesse uno stato cliente degli Stati Uniti, è molto probabile che il nostro governo insisterebbe sulla necessità di un cessate il fuoco e i funzionari statunitensi ripeterebbero che non esiste una soluzione militare. È solo quando sono gli Stati Uniti o un governo sostenuto dagli Stati Uniti a combattere che Washington non vede alcun merito nell’adesione al diritto internazionale. Sfortunatamente, sembra che gli Stati Uniti siano meno interessati a fermare le guerre sulle quali hanno una notevole influenza, e siano più espliciti nel chiedere cessate il fuoco nelle guerre in cui hanno poca o nessuna influenza.

Se milioni di persone dovessero affrontare una minaccia immediata di fame in qualche altro conflitto, gli Stati Uniti farebbero appello ai belligeranti affinché depongano le armi e facciano tutto il possibile per facilitare la consegna di aiuti salvavita. Questo è esattamente ciò che il nostro governo dovrebbe fare ora in questa guerra. Brevi pause nei combattimenti non saranno sufficienti a garantire la consegna sicura e coerente degli aiuti.

Agire per legittima difesa non libera un governo dai suoi obblighi ai sensi del diritto internazionale, e l’autodifesa non è una scusa generica per violare la legge. Alcuni obiettivi politici e militari non possono essere raggiunti a un costo accettabile. Gli effetti dannosi di questa guerra sono già troppo grandi per giustificarne la continuazione, e non potranno che peggiorare quanto più a lungo si permetterà a questa guerra di continuare.

 

 

 

 

LEGGI ANCHE

Guerra tra Israele e Hamas: gli Stati Uniti hanno dimenticato l’avvertimento di Brzezinski

 

 

 

 

Gli Stati Uniti lanciano una guerra per procura contro l’Iran

Lascia un commento