«Il vaccino uccide i bambini nel grembo materno»: parla Naomi Wolf

L’autrice e giornalista femminista Naomi Wolf ha continuato ad approfondire sue affermazioni precedenti riguardo la letalità del vaccino mRNA COVID per i bambini non ancora nati, che era conosciuta, dice, dai produttori prima di essere lanciata sul mercato. Lo riporta LifeSiteNews.

 

La Wolf, un personaggio afferente al Partito Democratico USA e ai Clinton che decenni fa sosteneva in modo controverso che l’aborto è un «male necessario», arriva a dichiarare che i documenti stessi dell’azienda produttrice mostrerebbero che il siero «uccide i bambini nel grembo materno».

 

La scrittrice ha condiviso la sua oscura conclusione riguardo le vaccinazioni durante il podcast War Room di Steve Bannon all’inizio di questo mese. Quando è stata sfidata da Bannon a sostenere il suo uso della parola «omicidio», che secondo Bannon suggerirebbe la presenza possibili «elementi criminali» nella diffusione del vaccino COVID, la Wolf è arrivata ad affermare che le prove supportano questo termine.

 

«Sì , abbiamo portato le ricevute», ha detto Wolf, indicando agli ascoltatori l’analisi del rapporto del produttore che ha condiviso sul suo sito web, incluso un rapporto pubblicato dall’ente di controllo del farmaco americano FDA sotto ordine del tribunale.

 

Amy Kelly, direttrice del programma War Room/DailyClout, ha definito le informazioni di questo lotto di documenti clinici, che includevano una «revisione cumulativa sulla gravidanza e l’allattamento», «tra le più terrificanti» che si potessero pubblicare.

 

Il documento rivelerebbe che nei suoi studi clinici, «eventi avversi» si sono verificati in oltre il 54% dei casi di «esposizione materna» al vaccino (anche attraverso rapporti sessuali, inalazione e contatto con la pelle); 53 donne (21%) nel suo studio hanno subito aborti spontanei in seguito alla vaccinazione mRNA; e sei casi di travaglio e parto prematuro hanno provocato la morte di due neonati.

 

La Wolf ha assicurato a Bannon che «si tratta sicuramente di bambini non ancora nati» che vengono uccisi, poiché implicano la morte di bambini del secondo e terzo trimestre, che anche molti sostenitori dell’aborto considerano «persone».

 

Nonostante la conoscenza di questi «terribili danni al feto e al neonato, inclusa la morte», causati dall’iniezione di mRNA per il COVID, aziende ed autorità «hanno avviato comunque una campagna aggressiva per far vaccinare le donne», ha osservato Wolf al momento della pubblicazione del rapporto, spiegando che il rapporto era stato inviato all’ente statunitense per il controllo epidemico CDC il 10 aprile 2021: il che significa che il CDC era certamente a conoscenza del fatto che il vaccino con mRNA aveva causato la morte di bambini non ancora nati.

 

Eppure, in quello che Wolf descrisse come un evento «scioccante», «tre giorni dopo», Rochelle Walesnky, allora direttrice del CDC, «tenne una conferenza stampa dalla Casa Bianca affermando che le donne incinte dovrebbero assumere il vaccino mRNA, che era sicuro ed efficace».

 

«Non sono stati osservati problemi di sicurezza per le persone vaccinate nel terzo trimestre o problemi di sicurezza per i loro bambini . Pertanto, il CDC raccomanda che le persone incinte ricevano il vaccino COVID-19» disse all’epoca la Walensky.

 

Infatti, come ha osservato la Wolf, la Walensky ha dichiarato che «non c’era un momento sbagliato per prenderlo”, anche prima, durante e dopo una gravidanza».

 

 

«Quindi questi sono criminali assoluti che si sono presi carico del trattamento e della cura della popolazione più vulnerabile, ovvero le donne incinte. E quando sei incinta, ti fidi del tuo ginecologo, fai quello che ti dicono», ha detto Wolf a Bannon.

 

«Ci siamo tutti chiesti… come hanno fatto a convincere così tanti medici e ospedali… ad abbandonare il loro giuramento di Ippocrate e la loro missione di curare le persone, e a fare cose che hanno danneggiato le persone?».

 

Wolf ha detto a Bannon che recentemente sono state raccolte prove che mostrano «esattamente come è successo», facendo luce sull’approccio del bastone e della carota utilizzato dall’establishment medico nei confronti dei medici.

 

«Ad esempio, le licenze mediche vengono ritirate a medici che contraddicono la posizione dell’establishment pro-Big Pharma e pro-mRNA al “vaccino”».

 

Wolf ha sottolineato che il dottor Peter McCullough e il suo collega John Leake hanno recentemente riferito nel loro Substack Courageous Discourse che il dottor Pierre Kory e il dottor Paul Marik, due dei più importanti medici «dissidenti» che hanno curato sia il COVID che le ferite da i vaccini COVID, sono state inviate «lettere disciplinari» dal comitato delle licenze mediche.

 

«Così sono stati avvisati che le loro licenze possono essere tolte se continuano a dire la verità e cercano di salvare le persone», ha osservato Wolf, spiegando che, d’altra parte, ha scoperto importanti incentivi per i medici per promuovere i vaccini con mRNA.

 

La Wolf come il dottor James Thorp e sua moglie abbiano ottenuto, attraverso il Freedom of Information Act (FOIA), comunicazioni tra il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani (HHS) e le organizzazioni non governative che rappresentano i ginecologi, dimostrando che «l’HHS era pagando milioni e milioni di dollari» a queste ONG, secondo i termini di un contratto che richiedeva ai ginecologi di «attenersi al copione dell’HHS sulla sicurezza e l’efficacia dell’iniezione di emergenza per le donne incinte».

 

Secondo Wolf, il contratto imporrebbe a questi medici ed enti di «restituire i soldi» se «iniziano a dire la verità alle donne incinte sui pericoli e sui rischi reali» dei vaccini COVID.

 

La scrittrice e giornalista sostiene che questi incentivi finanziari per «mentire» alle donne incinte sulla sicurezza dell’iniezione di mRNA e le «punizioni» finanziarie se dicono la verità, continuano ancora oggi.

 

La Wolf aveva iniziato a parlare apertamente dei rischi per la salute derivanti dalle iniezioni di mRNA non molto tempo dopo che furono rese pubbliche. Nel giugno 2021 è stata sospesa da Twitter dopo aver lanciato l’allarme sulle interruzioni del ciclo mestruale associate alle iniezioni.

 

L’anno scorso, aveva affermato che i vaccini hanno causato una «moria di bambini» su larga scala che equivale a un «genocidio», dopo che un team di 3.000 «medici, infermieri, biostatistici altamente accreditati» e «investigatori di frodi mediche» si sono affiliati con War Room di Steven Bannon e il Daily Clout, una società di media di cui Wolf ha co-fondato, ha iniziato a rivedere i 55.000 documenti del produttore di vaccini divulgati dalla FDA dopo un ordine del tribunale.

 

Sorprendentemente, il team ha scoperto da uno dei rapporti di prova rilasciati dalla farmaceutica che essa avrebbe «perso i registri» di 234 su 270 donne a cui è stato iniettato mRNA che hanno concepito un bambino, cosa che secondo Wolf è una violazione della legge.

 

Ancora più scioccante è che «delle 36 [rimanenti] donne le cui gravidanze sono arrivate a termine, oltre l’80% di loro ha perso i propri bambini [per] aborto spontaneo o aborto spontaneo», ha riferito.

 

Come riportato da Renovatio 21, la Wolf in passato si è scagliata contro Bill Gates e «lo Stato biosecuritario» avviato ovunque che sta mettendo in pericolo «libertà e diritti civili dell’Occidente».

 

In vari scritti recenti la Wolf ha lamentato di essere stata emarginata a a partire dal biennio pandemico da tutto il suo mondo, dagli amici e dai colleghi, a causa delle sue idee.

 

 

FONTE

RENOVATIO 21

 

 

LINK

Nuove varianti COVID, l’ente epidemico USA ammette che i vaccini e l’immunità naturale potrebbero essere entrambi inefficaci


Scopri di più da La voce Delle Voci

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento