Agi e disagi

Sold out negli ospedali, a Napoli nel Cardarelli e non solo. Gli strali di ‘Nerone’ con l’aggravante dell’afa fanno vittime tra i cosiddetti fragili: anziani, bambini, malati, che l’aria condizionata non sanno cos’è, operai costretti a lavorare in condizioni disumane. E questa è l’Italia delle povertà, della marginalità, dell’estremo disagio sociale, dei milioni di italiani estranei alla massa di vacanzieri, dei napoletani che si tuffano nel mare del “lido mappatella”, in acque a balneabilità sospetta, in mancanza d’altro. Conte (5Stelle) in vacanza di Ferragosto nel resort di extra lusso delle Terme di Saturnia. Costo delle camere da 600 a 1.400 euro, a seconda del trattamento. La Puglia accoglie la famiglia Meloni, in un lussuoso resort.  Insomma, il lato A del Paese è al riparo dal caldo torrido. Lo contrasta con aria condizionata casalinga, in auto, in albergo e perfino con trasferte in luoghi lontani del mondo dove il clima è primaverile. La politica istituzionale chiude Montecitorio, Palazzo Madama, Palazzo Chigi, come se anche i problemi andassero in vacanza. Non esiste una turnazione per presidiarli. Dunque resort più o meno lussuosi ed ogni comfort per chi se lo può permettere e in particolare per i politici. E c’è un caso da verificare. Dà luogo a denunce di scandalo, compensate da timide giustificazioni. In sostanza, si tratterebbe di “vacanze indimenticabili” a prezzi contenuti e in posti da sogno per magistrati che godono dell’ospitalità ‘del Pianosa resort’.

 

Inchiesta del quotidiano ‘Il Giornale’: magistrati in vacanza con pochi euro al giorno, via vai di donne per i detenuti, personaggi famosi visitatori privilegiati a bordo delle motovedette della Polizia Penitenziaria. Di notte, l’isola è popolata da una varietà di abitanti, tra cui falchi, poliziotti penitenziari, carabinieri, detenuti semiliberi. Il resort è riservato a magistrati che soddisfino determinati requisiti. Ogni anno, il numero di richiedenti per soggiornarvi supera ovviamente i posti disponibili. Le strutture in cui soggiornano i magistrati sono case affacciate sul mare, denominate foresteria. Il costo è minimo, tariffe da sette a dieci euro al giorno. Forza Italia annuncia un’interrogazione parlamentare. Porterà il presunto scandalo in Parlamento. Gridano allo scandalo politici di area centro destra (che vogliano condizionare la magistratura?).  Per fortuna ci sarebbe anche chi ha rinunciato a questa ‘pacchia’ per dirla alla Meloni. Un magistrato napoletano della Procura: “Opportuno svolgere accertamenti su responsabilità contabile. Chi paga la differenza tra sette euro e…? Trattandosi di un bene demaniale si potrebbe verificare un danno per lo Stato. Da un punto di vista morale se la denuncia si rivelasse fondata, la magistratura non ne uscirebbe certamente bene. L’uso di beni come casa vacanze da parte di singoli o di privati, in linea di principio, non è ammissibile”. I pro, i contro. Gasparri parzialmente comprensivo “Per alcuni magistrati particolarmente esposti, è forse una soluzione che contempera un meritato momento di riposo con condizioni di sicurezza e di tutela necessarie anche in un periodo di vacanza”. Il renziano Rosato, il meloniano Vinci (“che Pianosa torni un carcere funzionante”) e Pittalis, deputato di Forza Italia vicepresidente della Commissione Giustizia alla Camera, sono convinti accusatori.


Scopri di più da La voce Delle Voci

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento