GIALLO CINESE / MAXI AFFARI & CONNECTION DI JOE E HUNTER BIDEN. MENTRE LLOYD AUSTIN…

Una bomba ad orologeria sotto la strategica poltrona del Segretario della Difesa Usa, Lloyd James Austin, uno dei più accaniti guerrafondai nel conflitto ucraino in compagnia dei vertici del Dipartimento di Stato Antony Blinken e Victoria Nuland.

Una bomba ‘cinese’, visto che il più ‘fidato’ collaboratore di Austin, il suo ‘Assistente speciale’, è Kathy Chung, che ha maturato la sua esperienza politica in un decennio di stretta collaborazione a casa Biden: prima con il rampollo Hunter, poi con il vicepresidente Joe Biden nell’era Obama.

Lloyd J. Austin. Nel montaggio sopra, i Biden

Ed ora Kathy Chung è uno dei personaggi chiave per decodificare i miliardari ‘dirty business’ dei Biden in salsa cinese, sui quali da un paio d’anni sta indagando l’FBI (che però teme le reazioni del capo della Casa Bianca) e ora sono al vaglio della ‘Commissione di Sorveglianza’ della Camera guidata dal repubblicano James Comer.

Come abbiamo visto nella news di ieri, la Commissione ha infatti puntato i riflettori su vari fronti, a cominciare da quello ucraino, con l’inquietante presenza di Hunter Biden per anni nel CdA di ‘Burisma’, il colosso energetico di Kiev (l’equivalente del nostro ENI). Una ‘gola profonda’ – ritenuta ‘molto credibile e attendibile’ – ne ha raccontate di tutti i colori fin dal 2020, e solo ora la Commissione di Sorveglianza è riuscita a poter visionare le carte, nonostante tutti gli intralci posti dall’FBI, il cui direttore, Christoper Wray, è stato denunciato per oltraggio al Congresso.

E quei documenti, soprattutto finanziari e bancari, parlano di tangenti pro casa Biden per circa 10 milioni di dollari: non proprio noccioline…

Ma torniamo al giallo cinese.

Il ponderoso dossier vede svariati protagonisti in campo.

A cominciare proprio dalla ‘dama gialla’, Kathy S. Chung, appena interrogata dai membri della Commissione di Sorveglianza della Camera Usa. La quale, come detto, è in pratica il braccio destro del Segretario alla Difesa Austin.

Una presenza non poco ingombrante, ora, la sua: vista l’aria che tira, soprattutto i venti di guerra che già soffiano in direzione Pechino per il caso-Taiwan, qualsiasi sospetto sulla ‘fedeltà’ di Chung può essere deflagrante. E pur se non è ancora ‘ufficialmente’ sotto inchiesta, quanto ha fatto in questi anni – e ora passato ai raggi x – potrà riservare non poche, clamorose sorprese. Perché è una dei protagonisti del ‘Bidengate’ che porta in non poche stanze del potere a Pechino, fra business a molti zeri, spie e faccendieri d’ogni risma.

Kathy S. Chung

Come per l’Ucraina molto ruotava intorno a ‘Burisma’, stavolta il principale centro d’affari si chiama ‘CEFC China Energy’: tanto per cambiare siamo sempre nel dorato campo dei prodotti energetici.

E “CEFC è il braccio capitalista della ‘Belt and Road Initiative’ del presidente cinese Xi per diffondere l’influenza della Cina in tutto il mondo”, come sottolinea il reporter investigativo Paul Sperry.

Che aggiunge: “Tra i ‘contatti interni chiave’ (per portare avanti gli affari cinesi, ndr) c’erano il senatore democratico Chuck Schumer di New York; l’allora governatore democratico di New York Andrew Cuomo; l’ex governatore democratico della Virginia Terry McAuliffe; e l’allora senatore democratico Kamala Harris della California, che sarebbe diventato il vicepresidente di Joe Biden”.

Ce n’è davvero per tutti i gusti e per tutti i business a tanti zeri, nelle bollenti carte & documenti al vaglio della Commissione di Sorveglianza della Camera: e – se il Deep State non interviene ancora una volta per piazzare il solito coperchio – il Vaso di Pandora potrà finalmente essere aperto e gli sviluppi potranno essere dirompenti: un ‘Bidengate’ in piena regola e – come ha preconizzato mesi fa uno dei più noti anchorman a stelle e strisce, CarlsonTucher, proprio per questo appena licenziato dalla ‘FOX News’ di casa Murdoch – la prospettiva di un clamoroso impeachment.

Per finire, qualche altra parola sul Segretario della Difesa Austin.

E’ stato uno dei super generali nel corso della guerra in Iraq e ha supervisionato all’Operazione Iraqui Freedom: una delle tante operazioni ‘umanitarie’ per esportare libertà e democrazie finite in massacri e stermini della popolazione civile.

Nella sua carriera ha cumulato incarichi e acquisito ricche partecipazioni azionarie in molte società che hanno lavorato come ‘grandi appaltatori’ proprio per la Difesa americana: ad esempio ‘West Exec Advisors’, ‘Pine Island Capital Partners’ e il colosso ‘Raytheon’. Nel caso di ‘Raytheon’, per l’evidente conflitto d’interessi, ha provveduto a vendere dopo tre mesi dalla nomina a Segretario della Difesa la sua fetta azionaria, pari ad 1 milione e 700 mila dollari. Non male.

A questo punto, diamo la parola a un lungo, minuzioso reportage firmato dal giornalista d’inchiesta Paul Sperry, che negli anni ha scritto per il ‘New York Times’, il ‘Wall Street Journal’, il ‘New Jork Post’, lo ‘Houston Chronicle’. L’inchiesta, realizzata per ‘RealClear’, è stata ripresa da uno dei maggiori siti di contro-informazione negli Stati Uniti, ‘ZeroHedge’. Ne riproduciamo l’intero contenuto tradotto in italiano: noterete subito delle ‘imperfezioni’: come, appena all’inizio, ‘intervistata’ invece di ‘interrogata’, dovute al traduttore automatico. Ve la proponiamo quindi anche nella sua versione originale, che potete leggere cliccando sul link in basso.

E sempre in basso ecco un altro link, che vi fa leggere un interessante articolo pubblicato su un nostro sito di ottima contro-informazione, Renovatio 21’, dedicato alla sempre invasiva influenza della massoneria negli Usa, grazie alla loggia ‘Skull & Bones’ che ha ‘formato’ tanti presidenti Usa e tanta parte della nomenklatura a stelle e strisce, quel Deep State che da oltre vent’anni pesa sui destini americani.

 

L’attore chiave nella rimozione dei documenti di Biden

è stato coinvolto nello scandalo Chinagate

dell’era di Bill Clinton

 

DI Paul Sperry 

 

 

Il custode dei registri della vicepresidenza di Joe Biden, un testimone chiave nella sua indagine sui documenti riservati, è stato coinvolto in un altro scandalo sui documenti mentre lavorava al Dipartimento del Commercio durante l’amministrazione Clinton, rivelano i documenti del tribunale.

L’aiutante di lunga data di Biden e gatekeeper Kathy S. Chung, che è stata intervistata da pubblici ministeri federali e investigatori del Congresso nel caso Biden, faceva parte di una squadra sanzionata per aver trattenuto e persino distrutto documenti chiave nel caso federale che cercava documenti sensibili da una figura centrale nella cosiddetta indagine sulla raccolta fondi Chinagate della fine degli anni ’90, RealClearInvestigations ha appreso in esclusiva.

Un procuratore speciale sta ora indagando se Biden abbia gestito illegalmente materiali top secret all’inizio del 2017, quando ha incaricato Chung di rimuovere scatole contenenti documenti classificati dalla Casa Bianca e di conservarli in vari uffici privati a Washington, incluso il quartiere di Chinatown. Alcuni dei documenti altamente sensibili sono finiti anche a casa sua a Wilmington, Del.

Notando che Chung è entrato nell’orbita di Biden lavorando con il figlio del presidente, Hunter, durante gli anni ’90, gli investigatori del Congresso vogliono sapere se i rapporti della famiglia Biden in Cina hanno qualcosa a che fare con l’accumulo di documenti riservati. Notano che la cattiva gestione dei documenti della Casa Bianca è avvenuta durante il periodo di 14 mesi nel 2017-2018, quando i cinesi hanno trasferito quasi 6 milioni di dollari in pagamenti a Hunter e suo zio Jimmy Biden senza fornire alcun servizio legittimo noto. Hanno espresso preoccupazione per il fatto che i pagamenti, segnalati dal Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, facessero parte di un’operazione cinese di raccolta di informazioni.

Chung è al centro delle indagini del Dipartimento di Giustizia sulla violazione di documenti riservati da parte di Biden.

 

Il 4 gennaio, gli agenti federali hanno intervistato Chung mentre lavorava con una squadra investigativa guidata dal procuratore degli Stati Uniti John Lausch, incaricato di condurre un’indagine preliminare sulla violazione della sicurezza. Allarmato da ciò che i suoi investigatori gli hanno riferito sul ruolo di Chung nella possibile rimozione illegale e conservazione di segreti di stato, Lausch ha esortato il procuratore generale Merrick Garland a nominare un consulente speciale. Il giorno seguente Garland obbedì, nominando il veterano procuratore federale Robert K. Hur per assumere il caso penale come consigliere speciale. Secondo quanto riferito, l’ufficio di Hur ha ottenuto più di 100 pagine di documenti da Chung, comprese e-mail e messaggi di testo.

Mentre anche Donald Trump e Mike Pence sono sotto inchiesta per aver rimosso documenti riservati dalla Casa Bianca e averli conservati nelle loro residenze private, gli investigatori del Congresso del GOP affermano che i paragoni con Trump e Pence non colgono il punto. Nelle interviste con RCI, hanno insistito sul fatto che lo scandalo del documento di Biden è potenzialmente più grave del semplice maltrattamento dei segreti di stato. Sospettano che potrebbe trasformarsi in un caso di controspionaggio che coinvolge la Cina e la sicurezza nazionale, sebbene la Casa Bianca respinga tale speculazione come “priva di fondamento”.

L’avvocato di Chung, Bill Taylor, non ha restituito una richiesta di commento. Ma in una precedente dichiarazione, ha rimproverato i repubblicani per “suggerendo che qualcuno è un traditore senza alcuna prova”.

 

Il doppio ruolo di Chung – come assistente di Joe Biden quando era vicepresidente e amico di Hunter Biden, le cui e-mail mostrano di aver ricevuto informazioni sensibili da Chung dall’ufficio di suo padre – evidenzia ulteriormente l’etica oscura che esiste tra il servizio pubblico e gli affari della famiglia Biden interessi.

Hunter Biden e Chung hanno una lunga storia che risale ai tempi in cui lavoravano insieme al Dipartimento del Commercio durante la presidenza di Bill Clinton. Fu lì che Chung – un democratico di lunga data che lavorava nella burocrazia federale – divenne un testimone in un caso che coinvolgeva Jian-Nan “John” Huang, condannato per la raccolta fondi del Chinagate, che era un alto funzionario del commercio.

Nel 1993, il presidente Clinton nominò Huang, un amico banchiere nato in Cina di Little Rock, vice segretario aggiunto per gli affari economici internazionali al Commercio, dove era responsabile delle questioni commerciali asiatiche. Entro un mese, Huang ottenne un nulla osta di sicurezza top secret e ricevette briefing bisettimanali dell’intelligence dagli analisti della CIA. Allo stesso tempo, è stato poi rivelato, si incontrava regolarmente con diplomatici cinesi e altri funzionari legati a Pechino.

 

Il gruppo di sorveglianza Judicial Watch ha cercato documenti riguardanti l’accesso di Huang ai segreti commerciali e i suoi viaggi in Cina. Chung era uno degli amministratori responsabili della produzione di tali documenti ai sensi del Freedom of Information Act.

Ma il dipartimento è stato sanzionato per aver trattenuto e persino distrutto documenti chiave nel caso federale – Judicial Watch Inc. contro Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, et al – in cui Huang era elencato come imputato principale. Dopo che il giudice distrettuale degli Stati Uniti Royce Lamberth ha dichiarato la perquisizione di Commerce “gravemente inadeguata” e “illegale”, a Chung e ai suoi superiori è stato ordinato di condurre un’altra perquisizione. Tuttavia, Chung non è riuscita a produrre documenti relativi a Huang dal computer del suo capo, Melissa Moss, nell’Office of Business Liaison, secondo la sua dichiarazione giurata nel caso, una copia della quale è stata ottenuta da RCI. Nominato da Clinton come Hunter Biden, Moss ha lavorato con Huang in controverse riunioni di commercio asiatico e di altro tipo per i donatori democratici. È arrivata al Commercio dal Comitato Nazionale Democratico, dove aveva ricoperto il ruolo di direttore finanziario.

“Nell’esecuzione di questa ricerca, sono stato assistito da un dipendente dell’Help Desk informatico che mi ha informato che alcuni documenti non potevano essere aperti”, ha detto Chung alla corte nell’affidavit del 1999, che non è mai stato caricato su PACER, il registro elettronico del tribunale federale sistema. (Dopo diverse richieste al tribunale, Leayrohn King, archivista del tribunale distrettuale degli Stati Uniti per D.C., ha fornito a RCI una copia della dichiarazione di Chung e ha commentato che era strano che mancasse da PACER. Da allora il tribunale l’ha resa disponibile in il sistema di documentazione online.)

 

Chung, che ora lavora come assistente principale del Segretario alla Difesa Lloyd Austin, non è stato accusato direttamente di illeciti. Ma gli avvocati di Judicial Watch si sono lamentati che il suo dipartimento stesse coprendo Huang, che sospettavano stesse commerciando segreti governativi e accesso alla Cina.

Mentre Chung è rimasto al Dipartimento del Commercio, Huang è partito per lavorare per lo sforzo di rielezione di Clinton. Ha raccolto quasi 3 milioni di dollari per il DNC e Clinton nel 1996, la metà dei quali è stata successivamente ritenuta illegale o impropria e restituita perché le donazioni provenivano da fonti straniere, molte delle quali legate a Pechino.

Il Dipartimento di Giustizia, attraverso una task force appositamente nominata, ha indagato su Huang come possibile “agente di influenza” per la Cina. Nel 1999, Huang si è dichiarato colpevole di una violazione criminale delle leggi sul finanziamento della campagna elettorale per aver organizzato donazioni estere illegali. Anche se l’accusa di reato comporta una pena massima di cinque anni di carcere, è stato condannato a un anno di libertà vigilata e ha accettato di collaborare con i pubblici ministeri nelle indagini su diversi cospiratori.

 

Dopo che Hunter Biden ha lasciato il Dipartimento del Commercio nel 2001, dove ha ricoperto il ruolo di direttore esecutivo della politica di e-commerce, è entrato a far parte di uno studio legale di K Street fondato da William Oldaker, uno dei principali donatori politici di suo padre. I documenti ottenuti da RCI mostrano che gli avvocati di Oldaker, Biden e Belair LLP rappresentavano un altro capo di Chung presso il Dipartimento del Commercio nel caso FOIA in corso, che non fu risolto fino al 2004.

Un decennio dopo, Hunter ha raccomandato a suo padre di assumere Chung come suo assistente personale nell’ufficio del vicepresidente, secondo le e-mail trovate sul suo laptop abbandonato. A partire da luglio 2012, Chung è stato responsabile della supervisione degli affari dell’ufficio dell’allora vicepresidente Biden, inclusa la gestione dei suoi briefing book e la programmazione dei suoi viaggi all’estero. Ha gestito i dettagli del controverso viaggio di Hunter Biden a Pechino nel 2013 con il vicepresidente, durante il quale Hunter ha incontrato i partner di investimento cinesi e ha fatto in modo che suo padre stringesse loro la mano. Le e-mail mostrano che Chung ha anche invitato Hunter a partecipare a un pranzo del 2015 con il presidente cinese Xi Jinping al Dipartimento di Stato.

 

Nel gennaio 2017, quando Biden si è trasferito dalla Casa Bianca, Chung ha aiutato a imballare 13 scatole con i file dagli armadietti del suo ufficio e a conservarli in un ufficio di transizione nelle vicinanze, secondo una trascrizione parziale della recente deposizione di Chung fatta a porte chiuse al Campidoglio. Intorno a luglio 2017, Chung ha ricaricato le scatole nella sua auto e le ha trasferite in un ufficio privato che ha affittato nel quartiere di Chinatown a Washington, prima che finissero all’inizio dell’anno successivo al Penn Biden Center di Washington, finanziato dalla Cina, secondo il trascrizione.

 

Si è scoperto che le scatole contenevano dozzine di documenti altamente classificati, compresi quelli così segreti da poter essere visualizzati solo in un Sensitive Compartment Information Facility, o SCIF. Eppure sono stati trovati l’anno scorso in un ripostiglio aperto al centro che non richiedeva alcuna chiave per l’accesso. (La Casa Bianca inizialmente ha affermato, falsamente, che erano conservati in un “armadio chiuso a chiave”.) I pubblici ministeri stanno indagando sulla catena di custodia di quei documenti dell’intelligence conservati in modo approssimativo per determinare se qualcuno sia stato copiato o passato per mani straniere.

 

Chung, che deteneva un nulla osta di sicurezza Top Secret e aveva esperienza nella gestione e nell’identificazione di documenti classificati, ha detto agli investigatori del Congresso di non essere a conoscenza delle scatole che contenevano materiale classificato, anche se alcune delle cartelle di file nelle scatole erano decorate con copertine che affermavano che contenevano documenti segreti del governo. documenti. Ha insistito sul fatto di non aver mai notato alcun documento classificato o visto alcun segno classificato, anche se ha disimballato le scatole quando le ha trasferite al centro e poi le ha reimballate la scorsa estate su richiesta degli avvocati di Biden.

Al centro sono stati trovati almeno 20 documenti altamente classificati contrassegnati a livello di informazioni top secret/scompartimenti sensibili, che l’FBI ha perquisito all’inizio di quest’anno. Secondo quanto riferito, i materiali coprivano Ucraina, Iran e Regno Unito, tra altri paesi stranieri.

Chung ha aiutato Biden a ricercare il suo libro di memorie del 2017, “Promettimelo, papà”. Non è noto se Biden o Chung abbiano fatto riferimento a qualcuno dei materiali delle scatole per il suo libro, che è stato pubblicato nel novembre 2017 e ha rivelato resoconti privilegiati dei vari ruoli di Biden nella politica estera degli Stati Uniti, inclusa l’Ucraina. Biden ha elencato Chung al primo posto tra le persone che ha riconosciuto per i loro contributi: “Grazie per tutto questo, e molto altro, a Kathy Chung”.

 

Scandali sovrapposti?

Hunter ha contattato per la prima volta i dirigenti cinesi con CEFC China Energy, una presunta copertura dell’intelligence cinese, nel 2015. Le e-mail trovate sul laptop abbandonato di Hunter mostrano che un consulente CEFC ha organizzato una cena privata a Washington nel dicembre 2015 con Hunter e l’allora presidente del CEFC Ye Jianming, che secondo quanto riferito ha legami con l’esercito cinese.

In un’e-mail inviata da Chung a Hunter Biden quello stesso anno, includeva un elenco di numeri di cellulare personali di funzionari di alto profilo di Washington, tra cui l’allora capo dello staff della Casa Bianca Denis McDonough, l’allora procuratore generale Loretta Lynch e diversi segretari di gabinetto. , così come Bill Clinton, Hillary Clinton e un certo numero di potenti senatori e membri del Congresso.

Il presidente del comitato di supervisione della Camera James Comer ha ipotizzato che Hunter potrebbe aver cercato di “dimostrare il suo valore a queste persone che gli stavano pagando queste enormi somme di denaro”, in parte “mostrando loro che aveva numeri di cellulare per individui potenti”.

Chung ha continuato i suoi rapporti con Hunter Biden dopo aver lasciato la Casa Bianca. Il 2 febbraio 2017, poco dopo che Chung ha impacchettato i file della Casa Bianca di Biden, Hunter ha inviato un’e-mail a Chung per chiederle di “venire a lavorare con me … in modo che io possa fare soldi a tutti”. L’anno successivo, i messaggi trovati sul laptop di Hunter mostrano che Chung ha inviato ai membri della famiglia Biden un collegamento a un’app di messaggistica crittografata chiamata Signal e li ha esortati a installarla sui loro dispositivi elettronici.

Più tardi, nel febbraio 2017, Hunter ha ricevuto un diamante da $ 80.000 da Ye, che ha lasciato la gemma rara con un biglietto di ringraziamento nella camera d’albergo di Hunter dopo essersi incontrati a Miami. In un’intervista con la rivista The New Yorker, Hunter ha ammesso di aver preso la pietra costosa, anche se dice di dubitare che fosse intesa come una tangente.

 

Comer ha detto che sta indagando se i partner cinesi di Bidens “hanno avuto accesso ai documenti classificati trovati”. Ha notato che Hunter Biden, nel 2017, ha pianificato di condividere uno spazio per uffici a Washington con un altro dei suoi partner cinesi, Gongwen “Kevin” Dong, che era l’uomo dei soldi del CEFC che ha firmato i pagamenti tramite bonifico ai Biden.

“Questo livello di accesso e opportunità solleva interrogativi su chi ha avuto accesso ai documenti classificati”, ha affermato Comer.

Nel novembre 2017, un altro partner cinese di Biden, Patrick Ho del CEFC, è stato arrestato dagli agenti dell’FBI con l’accusa di corruzione e riciclaggio di denaro. Secondo i documenti federali ottenuti da RCI, l’FBI ha fatto irruzione negli uffici dell’area DC del CEFC poco dopo l’arresto di Ho e li ha perquisiti alla ricerca di prove. L’FBI aveva “monitorato elettronicamente” Ho come sospetta spia cinese ai sensi di un mandato di intercettazione del Foreign Intelligence Surveillance Act, rivelano ulteriormente i documenti.

Pochi mesi dopo aver appreso che il suo partner cinese era stato arrestato, i registri della proprietà mostrano che Hunter ha interrotto l’affitto del suo ufficio a Washington DC e ha chiuso la struttura, dove aveva realizzato le chiavi sia per Dong che per suo padre, Joe Biden, secondo le e-mail trovate sul suo computer portatile abbandonato. Nello stesso mese, febbraio 2018, l’ex vicepresidente ha aperto un ufficio DC per il Penn Biden Center finanziato dalla Cina, dove Hunter ha mantenuto l’accesso.

 

Non è noto se i documenti della Casa Bianca siano stati archiviati nell’ufficio di Hunter a Georgetown o trasferiti da lì al Penn Biden Center a circa quattro miglia di distanza. Il centro è ospitato dall’Università della Pennsylvania, che ha ricevuto diversi milioni di dollari da fonti cinesi anonime dall’apertura del centro. Ma l’accordo di Hunter con i suoi benefattori cinesi ha chiaramente sollevato allarmi di controspionaggio presso l’FBI, che ha iniziato a monitorare le loro comunicazioni. Per qualsiasi motivo, i Biden non sono mai stati perseguiti come agenti stranieri non registrati e i loro stessi uffici non sono mai stati perquisiti. La rimozione e l’archiviazione non autorizzate di informazioni riservate da parte di Biden sono passate inosservate, fino a dopo le elezioni del Congresso del 2022.

Chung, che ha lavorato alla campagna di Biden del 2020, è stata interrogata a Capitol Hill sul suo accesso e la gestione di informazioni riservate ad aprile. Ha dato testimonianza giurata al Comitato di supervisione della Camera per circa quattro ore a porte chiuse.

 

Comer ha suggerito all’inizio di quest’anno in un’intervista a Fox News che i suoi investigatori stavano esaminando possibili legami tra Chung e il Partito Comunista Cinese. La conduttrice della Fox Maria Bartiromo ha chiesto se Chung stesse “riferendo al PCC su qualcuno dei” documenti dell’ex vicepresidente, e Comer ha risposto: “Stiamo esaminando questo”.

Ha aggiunto Comer: “Stiamo esaminando almeno tre diverse persone con cui Hunter Biden era direttamente coinvolto che hanno legami molto stretti con il Partito Comunista Cinese”.

 

Legami con i comunisti cinesi

Comer ha osservato che quando Chung era alla Casa Bianca, ha fornito a Hunter Biden informazioni sensibili sui leader politici statunitensi che, secondo lui, Pechino avrebbe desiderato. Nella sua intervista del 4 aprile con gli investigatori della House Oversight, Chung ha negato di avere una relazione con il PCC, secondo estratti della sua testimonianza rilasciati dai Democratici all’inizio di questo mese.

Chung ha anche insistito sul fatto che non ha mai condiviso informazioni riservate con nessuno che non fosse autorizzato a leggerle, il che apparentemente includerebbe Hunter Biden. Il rappresentante Jamie Raskin, il democratico di rango nel pannello di supervisione, ha affermato che Comer stava diffondendo falsità basate su una “teoria del complotto bigotta”.

Gli investigatori della Camera vogliono sapere cosa hanno ottenuto i cinesi per i massicci pagamenti che hanno fatto al figlio, al fratello e a molti altri membri della famiglia del presidente Biden. Stavano usando i loro contatti con i Biden per raccogliere informazioni di intelligence statunitensi? C’erano documenti della Casa Bianca archiviati nell’ufficio di Hunter a Georgetown, a cui avevano accesso i suoi partner cinesi?

In una recente lettera a Hunter Biden, Comer ha chiesto, sotto minaccia di citazione in giudizio, che il figlio del presidente fornisca tutti i documenti in suo possesso designati come proprietà del governo “classificata”, insieme a qualsiasi comunicazione con Dong, Ho, Ye e altri funzionari del CEFC. Separatamente, ha chiesto all’Università della Pennsylvania un elenco di persone che avevano accesso con chiave magnetica al Penn Biden Center. Ha anche chiesto agli amministratori di consegnare i registri dei visitatori per il centro.

 

“È imperativo capire se qualche membro o collaboratore della famiglia Biden abbia avuto accesso ai documenti classificati mentre erano conservati presso il Penn Biden Center”, ha affermato Comer.

Secondo le e-mail trovate sul laptop di Hunter, Joe Biden era un partner silenzioso nell’accordo CEFC che ha fruttato milioni a suo figlio e suo fratello. I documenti mostrano che Hunter afferma che il 10% dei pagamenti cinesi è stato accantonato per “il pezzo grosso”. L’ex partner Tony Bobulinski ha confermato che “il pezzo grosso” era Joe Biden.

Il CEFC è il braccio capitalista della “Belt and Road Initiative” del presidente cinese Xi per diffondere l’influenza della Cina in tutto il mondo, divorando i diritti su petrolio e gas. La Cina ha cercato di influenzare potenti funzionari, in particolare per ottenere l’accesso ai mercati energetici statunitensi, che sono fortemente regolamentati.

 

Tra i documenti riservati che Biden avrebbe rimosso dall’ala ovest ci sono sensibili briefing compartimentati sull’Iran, dove Pechino ha iniettato miliardi di dollari in investimenti esteri diretti per estrarre petrolio a buon mercato.

“Sarebbe ragionevole sospettare che Ye e i suoi soci intendessero utilizzare i loro contatti con Jim [Biden] e Hunter per raccogliere informazioni” su paesi stranieri così critici, ha affermato Ben Schreckinger, autore di “The Bidens: Inside the First Family’s Fifty- Anno di ascesa al potere.

Bobulinski afferma che i cinesi non stavano cercando di ottenere un “sano” ritorno sull’investimento, ma piuttosto stavano collaborando con i Biden “come investimento politico o di influenza”. Ha notato che i partner del CEFC erano l’intelligence cinese e ha compreso il valore del nome Biden.

In un’e-mail del maggio 2017, Jimmy Biden ha fornito a Hunter, Bobulinski e altri partner un elenco di contatti politici americani amichevoli che avrebbero potuto sfruttare per far avanzare la proposta di joint venture con i loro partner cinesi. Tra i “contatti interni chiave” c’erano il senatore democratico Chuck Schumer di New York; l’allora governatore democratico di New York Andrew Cuomo; l’ex governatore democratico della Virginia Terry McAuliffe; e l’allora senatore democratico Kamala Harris della California, che sarebbe diventato il vicepresidente di Biden.

I repubblicani hanno criticato Biden per essere stato tenero con la Cina. Quando Pechino ha fatto volare un gigantesco pallone spia attraverso gli Stati Uniti continentali e ha raccolto dati altamente sensibili dai siti militari statunitensi, Biden non ha ordinato al segretario alla Difesa Austin di abbattere il velivolo spia per diversi giorni, e solo dopo la protesta pubblica.

 

Nel luglio 2021, Biden ha nominato il suo fidato aiutante Chung uno dei migliori assistenti di Austin, dove ha accesso a informazioni sensibili del Pentagono. Il Pentagono e la Casa Bianca hanno rifiutato di rispondere alle domande sul livello di accesso di Chung all’intelligence militare classificata e sull’estensione del suo ruolo nella gestione di tale materiale.

 

 

LINK del testo originale

Key Player In Biden Documents Removal was Caught in Bill Clinton-Era Chinagate Scanda: Sperry

 

LINK

Le persone che appartengono alla Skull & Bones si uniscono per mantenere il potere sul popolo americano’, parla l’ex speaker della Camera Usa Gingrich

 


Scopri di più da La voce Delle Voci

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento