STATI UNITI / LA FAMIGLIA CRIMINALE BIDEN, IL J’ACCUSE DI JIM BOVARD  

Di seguito vi proponiamo la lettura di uno stimolante intervento firmato da Jim Bovard e pubblicato dal sito del ‘Libertarian Institute’, denso di interventi che vanno spesso contro-corrente.

E Bovard è decisamente un giornalista, scrittore ed editorialista contro quel ‘Deep State’ che da oltre vent’anni sta appestando gli Usa.

Prende di mira, Bovard, nei suoi documentati reportage di fuoco, soprattutto la corruzione dilagante, gli abusi di potere, sprechi e sperperi governativi, conflitti d’interesse. Ha scritto una decina di libri e per le maggiori testate, dal ‘Wall Street Journal’ al ‘Washington Post’ fino al ‘New York Times’. Proprio il NYT lo definisce ‘lo zar anti zar’, forse anche per la foltissima barba bianca; il W.P.parla di lui come “una squadra della verità composta da un sol uomo”.

In questo reportage fa letteralmente a pezzi la credibilità (o quel poco che ne resta) della dinasty dei Biden, dettagliando punto per punto, tappa per tappa, l’imprinting di autentica corruzione che è nel DNA della famiglia.

Leggere per credere. Già il titolo non lascia spazio ai dubbi: ‘La famiglia criminale Biden e i nostri aiuti esteri corrotti’ (‘The Biden Crime Family and Our Corrupt Foreign Aid’). Ve ne proponiamo il testo già tradotto: comunque, cliccando sul link in basso, potete consultate l’originale pubblicato dal sito di ‘The Libertarian Institute’.

 

 

 

La famiglia criminale Biden e i nostri aiuti esteri corrotti

 

di Jim Bovard  

Conosco la corruzione rumena. Quando stavo lasciando il paese dopo aver indagato sulla sua economia al collasso nel 1987, mi sono assicurato di corrompere ogni guardia che ha perquisito il mio bagaglio all’aeroporto di Bucarest con un pacchetto di sigarette Kent. Ma ho trascurato di dare un pacchetto al soldato sulla pista mentre camminavo verso il mio volo Lufthansa. Presto iniziò a urlare e ad agitare il suo mitra nella mia direzione. Ops.

Jim Bovard

Dopo la caduta del comunismo, il Dipartimento di Stato americano ha lanciato un programma per aiutare la Romania e altri governi dell’Europa orientale a ridurre la corruzione. Il vicepresidente Joe Biden ha ideato questo sforzo dal 2009 al 2016. Il programma è stato un successo strepitoso.

La Romania è rimasta profondamente corrotta, ma i membri della famiglia Biden hanno ricevuto più di un milione di dollari dall’uomo d’affari rumeno Gabriel Popoviciu . È stato condannato per corruzione anche se Hunter Biden è volato a Bucarest per testimoniare a suo nome davanti alla Direzione nazionale anticorruzione.

Il presidente del comitato di supervisione della Camera James Comer ha dichiarato mercoledì: “Mentre il vicepresidente Biden teneva conferenze sulla politica anticorruzione in Romania , in realtà era un cartellone pubblicitario ambulante per suo figlio e la sua famiglia per raccogliere denaro”. Comer ha osservato che “i soldi smettono di fluire dal cittadino rumeno subito dopo che Joe Biden ha lasciato la vicepresidenza”. L’ex funzionario del Tesoro degli Stati Uniti Phil Stephenson ha testimoniato nel 2017 che la “lotta stessa contro la corruzione rumena è stata corrotta “.

La Romania è solo la punta dell’iceberg dei profitti che la famiglia Biden, compresi i suoi nipoti, ha intascato da loschi stranieri. Un lungo promemoria del Comitato di supervisione della Camera mostrava “il modello di corteggiamento degli affari della famiglia Biden nelleregioni del mondo in cui l’allora vicepresidente aveva un ruolo fuori misura e influenzava la politica degli Stati Uniti”.

Il Comitato della Camera afferma che i Biden e i loro associati “hanno creato una rete di oltre 20 società” che hanno raccolto almeno 10 milioni di dollari dall’estero. Lo schema è stato nascosto fin dall’inizio: “I Biden hanno adottato misure per nascondere, confondere e nascondere i pagamenti ricevuti da cittadini stranieri”.

Come ha fatto Biden a farla franca per così tanto tempo?

Le normative statunitensi sul riciclaggio di denaro sono progettate per nascondere i crimini dei politici americani. Le agenzie federali richiedono alle banche di prendere molte più precauzioni quando gestiscono transazioni finanziarie che coinvolgono “persone politicamente esposte”, che include quasi tutti i politici stranieri, i loro familiari, amici, colleghi e chiunque altro possa prendere i soldi e scappare. Ma, come dichiarava un avviso normativo federale del 2020, le agenzie bancarie federali “non interpretano il termine ‘persone politicamente esposte’ per includere funzionari pubblici statunitensi “.

Banche e altri enti hanno presentato 170 segnalazioni di attività sospette (SAR) legate a pagamenti esteri ora presumibilmente ricevuti dalla famiglia Biden o dai loro associati. Ho predetto sul New York Post il 24 marzo che Biden avrebbe potuto “affrontare un pericolo molto maggiore” dal rilascio di quelle segnalazioni da parte del Dipartimento del Tesoro. Ma le bandiere rosse sono state ignorate perché Biden, come ogni altro politico americano, era presumibilmente innocente, secondo i regolamenti federali.

Nel giugno 2021, Biden ha annunciato: “Gli Stati Uniti daranno l’esempio… per combattere il flagello della corruzione” e “sostegno di cittadini coraggiosi in tutto il mondo che chiedono un governo onesto e trasparente “. Una dichiarazione della Casa Bianca ha promesso di “reprimere … il finanziamento illecito” che genera ” perniciosa influenza straniera”.

C’era un asterisco segreto che esentava qualcuno di nome Biden da quella repressione?

Denunciare la corruzione è il modo più semplice per i politici mascalzoni di apparire onesti. Le campagne anti-corruzione del governo degli Stati Uniti sono state una finzione perpetua o un pretesto per scosse.

I politici americani hanno alimentato la corruzione in tutto il mondo con programmi di aiuti esteri statunitensi. Come ha osservato un’analisi della Brookings Institution, “la storia dell’assistenza degli Stati Uniti è disseminata di storie di funzionari stranieri corrotti che usano gli aiuti per riempirsi le tasche, sostenere il rafforzamento militare e perseguire progetti di vanità”. È noto da tempo che gli aiuti esteri allevano cleptocrazie , governi di ladri. Un’analisi dell’American Economic Review del 2002 ha concluso che “l’aumento degli aiuti [esteri] è associato a un contemporaneo aumento della corruzione” e che “la corruzione è positivamente correlata con gli aiuti ricevuti dagli Stati Uniti”.

Nel 2002, il presidente George W. Bush ha promesso di risolvere il problema lanciando un nuovo programma di aiuti esteri, il Millennium Challenge Account (MCA). Bush ha annunciato con orgoglio, anche se incoerentemente: “Non investiremo denaro in una società che non è trasparente e corrotta”. (Probabilmente intendeva “senza corruzione”.) Ma l’amministrazione Bush ha continuato a distribuire miliardi di dollari in elemosine a molti dei regimi più corrotti del mondo . Nel 2004, il Dipartimento di Stato aveva codificato ciò che equivaleva a fare marcia indietro: ” L’MCA è un supplemento basato su incentivi ad altri programmi di aiuto statunitensi” che finanzia politici stranieri corrotti.

Nel 2009, il presidente Barack Obama ha inviato il vicepresidente Joe Biden in Afghanistan per ammonire il presidente Hamid Karzai a fermare la corruzione che stava destabilizzando quella nazione. Ma il problema è peggiorato. La corruzione pervasiva è stata una delle ragioni principali per cui i talebani stanno riconquistando più di quella nazione ogni anno. Nel principale ospedale militare dell’Afghanistan, alcuni soldati feriti sono morti di fameperché non potevano permettersi di corrompere il personale dell’ospedale per il cibo. Gran parte dell’esercito è praticamente senza stivali a causa di contratti disonesti che forniscono calzature scadenti che cadono a pezzi la prima volta che i soldati le indossano. L’ambasciatore di Obama in Afghanistan, Ryan Crocker, ha poi ammesso: “Il nostro più grande progetto singolo, purtroppo e inavvertitamente, potrebbe essere stato lo sviluppo della corruzione di massa”.

Nel 2010, il presidente Obama ha proclamato alle Nazioni Unite che il governo degli Stati Uniti “sta conducendo uno sforzo globale per combattere la corruzione “. Ma la sciarada delle riforme è stata smascherata l’anno successivo, quando l’amministrazione Obama ha resistito ferocemente agli sforzi del Congresso per frenare gli aiuti dispendiosi. Il segretario di Stato Hillary Clinton ha avvertito che limitare i sussidi alle nazioni che non superano i test anticorruzione “ha il potenziale per influenzare un numero impressionante di beneficiari di aiuti bisognosi”.

In un vertice anticorruzione del 2016 a Londra, il Segretario di Stato John Kerry si è lamentato: “Sono rimasto scioccato dal grado in cui trovo che la corruzione sia una pandemia nel mondo di oggi”. Kerry sembrava il detective francese di Casablanca che rimase ” scioccato ” nello scoprire il gioco d’azzardo. Kerry ha promesso: “Dobbiamo riunire la comunità globale e non avere impunità [sic] per la corruzione”. La conferenza di Londra ha prodotto una giornata di titoli positivi per Kerry e l’amministrazione Obama.

L’Ucraina è forse l’esempio più sfacciato di come le sovvenzioni del governo degli Stati Uniti promuovano la corruzione. In un discorso del 2015 al parlamento ucraino, Biden ha denunciato il “cancro della corruzione”. Ma l’anno precedente, suo figlio Hunter è saltato sul treno del sugo di Burisma, raccogliendo uno stipendio di un milione di dollari per una posizione cerimoniale. Biden ha dichiarato nel 2019: “Non ho fatto niente di male. Ho portato avanti la politica del governo degli Stati Uniti per sradicare la corruzione in Ucraina”. Ha fallito miseramente. Il Fondo monetario internazionale ha riconosciuto nel 2019 che i suoi $ 20 miliardi di prestiti aL’Ucraina è stata un fallimento grazie a decenni di “promesse non mantenute” e “corruzione sistemica” del governo. Alle udienze della Camera del 2019 sull’impeachment del presidente Trump, un testimone chiave era l’ambasciatore degli Stati Uniti in carica in Ucraina, William B. Taylor Jr. Il Washington Post ha salutato Taylor come qualcuno che ” ha passato gran parte degli anni ’90 a dire ai politici ucraini che niente era più fondamentale per la loro prosperità a lungo termine che sradicare la corruzione e rafforzare lo stato di diritto, nel suo ruolo di capo dell’assistenza allo sviluppo degli Stati Uniti per i paesi post-sovietici”. Taylor fallì miseramente ma era ancora un eroe all’interno della Beltway perché aveva un titolo di lavoro che suonava benevolo e recitava le frasi giuste. Inoltre, ha testimoniato contro Trump.

Corrompere politici stranieri per incoraggiare un governo onesto ha tanto senso quanto distribuire preservativi gratuiti per incoraggiare l’astinenza. Quanti abitanti di Washington hanno intascato stipendi a sei cifre per progetti di “Stato di diritto” in Afghanistan? Finché i consulenti possono permettersi le loro BMW, il patetico fallimento del programma era irrilevante.

Ma i politici di Washington hanno imparato dai decenni di scandali sugli aiuti esteri. Pertanto, l’amministrazione Biden e i loro alleati del Congresso hanno bloccato le proposte dei repubblicani di creare un ispettore generale speciale per sovrintendere ai 113 miliardi di dollari di aiuti per l’Ucraina di cui il Congresso si è appropriato finora. Il senatore James Risch ha giustificato l’opposizione alla creazione di un ispettore generale perché “non abbiamo riscontrato alcun prelievo di dollari USA”. Questa è la Beltway Logic al suo meglio. Questo è alla pari con il Pentagono che afferma che non ci sono state vittime civili per aver bombardato una nazione straniera perché si è rifiutato di contare i morti.

La Casa Bianca ei suoi alleati dei media stanno minimizzando l’ultima denuncia sulle tangenti straniere della famiglia Biden. La Casa Bianca ha persino un “portavoce per la supervisione e le indagini” ufficiale senza peli per proclamare ritualmente l’innocenza di Biden. Quel ragazzo, Ian Sams, ha twittato ieri che “le accuse dei repubblicani del Congresso contro il presidente non sono altro che insinuazioni e insinuazioni “.

Ma Rep. Comer ha affermato che la sua indagine è ancora nelle ” fasi iniziali ” e il suo comitato sta emettendo più citazioni in giudizio. Gli americani avrebbero imparato poco o nulla sulla macchina da soldi straniera di Biden se i repubblicani non avessero preso il controllo della Camera dei rappresentanti lo scorso novembre.

Le rivelazioni dell’indagine House Oversight hanno già cambiato la trama per quando, dopo cinque anni, il Dipartimento di Giustizia annuncia finalmente l’incriminazione di Hunter Biden. Su MSNBC venerdì scorso, Biden ha dichiarato: “Mio figlio non ha fatto nulla di male”. Ma il comitato della Camera ha dimostrato che Hunter e altri Biden hanno intascato milioni di dollari da losche fonti cinesi, nonostante la negazione di Biden nel dibattito finale con Trump che la sua famiglia avesse preso soldi dalla Cina. Il treno del sugo ucraino di Hunter Biden puzza fino al cielo. I guadagni inaspettati rumeni sono l’ultima prova della connivenza globale di Biden. Quando il presidente Biden cercherà di far girare l’accusa di suo figlio, inizierà con zero credibilità. Biden ha proclamato venerdì scorso di essere “onorevole”. Ma il suo stile d’onore dovrebbe essere uno zimbello ovunque oltre la Beltway.

“La corruzione è solo un’altra forma di tirannia”, ha detto Biden al parlamento rumeno nel 2014. Gli americani stanno ancora imparando come la nostra democrazia viene sovvertita da questa forma di tirannia di Biden. Una certezza è che c’è molta più “perniciosa influenza straniera” di quanto Washington ammetta.  L’altra certezza è che la Kleptocracy Asset Recovery Initiative del Dipartimento di Giustizia non toccherà mai nessuno di nome Biden.

 

LINK

The Biden Crime Family and Our Corrupt Foreign Aid

 

 


Scopri di più da La voce Delle Voci

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento