LONDRA / ALLARME PER L’AUMENTO DELLA MORTALITA’. MA I MEDIA ‘OSCURANO’. E DA NOI…  

Allarme dall’Inghilterra per l’anomalo e sensibile aumento nel numero dei decessi.

Ma i media britannici snobbano il tutto e preferiscono dar risalto all’invio di missili a lungo raggio e droni-killer sempre più sofisticati a Kiev!

Eppure le cifre appena diramate da organismi pubblici come dall’Office for National Statistics e dall’Office for Health Improvement and Disparitiesparlano chiaro e sollevano (anzi, dovrebbero sollevare) più che inquietanti interrogativi.

La BBC tace. I grandi media non scrivono un rigo. Solo il tabloid ‘The Mirror’ sembra accorgersi del dramma e titola: “Gli inglesi stanno morendo a decine di migliaia”.

A livello internazionale solo il sito ‘The Defender’, ossia la costola informativa dell’associazione ‘Children’s Health Defence’ fondata e animata da Robert Kennedy junior (che ha da poco ufficializzato la sua candidatura per le primarie democratiche negli Usa, rivale di Joe ‘Sleepy’ Biden), fa rimbalzare la notizia, con un reportage firmato dal ricercatore e PhD Michael Nevradakis.

Il quale, appunto, illustra le drammatiche cifre: tra maggio e dicembre 2022 sono state registrati 32.441 decessi in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Decessi, si tenga ben presente, che escludono come causa il Covid-19.

E ancora, un ultimissimo dato. Nella sola settimana terminata il 21 aprile 2023, il numero dei decessi ha superato di ben il 22,1 per cento la media dell’ultimo quinquennio. Dati da brividi.

Nevradakis documenta che i decessi in più si sono verificati in tutte le fasce d’età e che sono dovuti soprattutto a patologie cardiovascolori; mentre sono in deciso regresso i decessi dovuti a problemi respiratori.

E intervista diversi operatori sanitari, tra medici e infermieri che praticamente all’unisono osservano: “La cifra di 4.190 morti in più in una sola settimana è un’enormità. Eppure nessuno dice niente. Se si fosse trattato di un atto terroristico avremmo titoli su tutti i giornali a caratteri cubitali, e invece niente”.

Una cifra, infatti, ben superiore, per fare un solo esempio, a quella dei morti alle Twin Towers, le Torri Gemelle, con quelle 3.000 vittime.

Osserva David Coleman, docente emerito di Demografia alla Oxford University: “dopo tante morti per Covid, dovrebbe esserci un periodo in cui il numero totale dei decessi decresce. E invece sta succedendo esattamente il contrario”.

Molta cautela sul perché, ma la forte richiesta di indagare, appunto, sui motivi. Che, di tutta evidenza, non possono che in gran parte essere riconducibili ai ‘vaccini’, le cui somministrazioni sono cominciate a dicembre 2020.


Vaccini
, lo rammentiamo sempre, ‘sperimentali’, ‘inefficaci’ e ‘insicuri’. E alla base di un numero spaventoso di ‘effetti avversi’ che, guarda caso, colpiscono soprattutto il sistema cardiovascolare con miocarditi, pericarditi, ictus, trombosi e infarti.

Perfino i sempre cauti ‘CDC’ (‘Centers for Deseases Control’) americani hanno reso noti i dati a fine settembre 2022: da brividi.

Infatti, gli effetti avversi registrati dal sistema di monitoraggio ‘VAERS’, ammontano addirittura ad oltre 10 milioni negli Stati Uniti da quando sono iniziate le somministrazioni di vaccini (dicembre 2020, appunto), dei quali il 50 per cento di grave entità e proprio il ‘cuore’ è il più colpito.

E da noi? Tutto tace… e degli effetti avversi nessuno vuole parlare. Anzi, le nostre Virostar continuano ad esaltare quei vaccini che hanno salvato l’Umanità.

Ma ci sono o ci fanno i Burioni, i Bassetti, i Crisanti & C.?

La politica, intanto, se ne strafotte.

C’è però chi protesta e denuncia, anche se oscurato dai soliti media censori di casa nostra.

Ad esempio il comitato ‘Ascoltami’, che raduna decine e decine di danneggiati dai vaccini e i loro familiari, ha deciso si scendere sul piede di guerra e ha presentato alla Procura di Roma un esposto contro l’ex ministro della Salute Roberto Speranza e l’ex direttore dell’AIFA (l’associazione italiana del farmaco) Nicola Magrini. In particolare, l’AIFA viene denunciata per aver insabbiato in modo sistematico tutti i dati che pur emergevano, durante la campagna vaccinale, sugli ‘effetti avversi’.

L’ex ministro Roberto Speranza

L’esposto, predisposto dagli avvocati Angelo Di Lorenzo e Antonietta Veneziano dell’associazione ‘Avvocati Liberi’, è stato sottoscritto anche dalla sigla ‘Operatori di Sicurezza Associati’, dal  ‘Sindacato Finanzieri Democratici’ (SFD), dal sindacato di Polizia ‘LES’ e dalla senatrice Laura Granato.

I legali, in via cautelare, chiedono di “sospendere immediatamente la somministrazione dei farmaci anti covid e il sequestro probatorio e preventivo delle fiale del vaccino Pfizer”.

Non pochi i reati ipotizzati: omicidio, lesione personale, somministrazione di medicinali in modo pericoloso per la salute pubblica, ma anche corruzione, falso ideologico e false dichiarazioni.

Se vi par poco…


Scopri di più da La voce Delle Voci

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento