Per Napoli. Per il Napoli

Claudio è un napoletano che ha raccontato la sua città con il cuore gonfio di orgoglio, di musicista creativo, autore di rara qualità narrativa. “Scugnizzi” con ‘La Gatta Cenerentola’ di De Simone ha titoli per competere con i favolosi musical di Broadway. Claudio Mattone partenopeo nell’anima, nel cuore, ha riempito di magie il Paese di poeti, navigatori, cantanti anche da Roma, che ha catturato la sua genialità musicale, senza mai distanziarlo da Napoli. Il terzo scudetto ha ispirato il musicista napoletano. Mattone ha scelto di nuovo il teatro Augusteo di Napoli.  Domani, 17 maggio, alle 21 l’evento di beneficenza riproporrà i protagonisti delle diverse edizioni di “C’era una volta… Scugnizzi” per registrare in coro la canzone “Napule mia”, scritta e dedicata a Napoli e al Napoli. Non uno spettacolo, una serata molto particolare, di amore per la città e gli azzurri. Ci saranno Sal Da Vinci, Andrea Sannino, Serena Rossi, Pietro Pignatelli, Massimiliano Gallo a Stefania De Francesco, protagonisti delle diverse edizioni di “Scugnizzi”, per un inno alla gioia in chiave partenopea. Un canto trattenuto in gola per 33 anni. Mattone: “Non so se diventerà un inno, ma certamente è una dichiarazione di appartenenza alla mia meravigliosa città. In ogni caso, sarà bellissimo riabbracciare tutti”. E Scugnizzi? “Lo rivedrete, è in previsione”.

Il terzo scudetto degli azzurri ha ispirato questo canto di amore per Di Lorenzo, Kim, Lobotka, Osimhen, Kvaratskhelia, Spalletti, per tutti gli azzurri, per lo splendore di una città che conosce un nuovo ‘rinascimento’:

Napule, Napule mia! Canta na squadra e canta na città tenìmmoce chiù astritte e chiù vicine cu ‘e mmane dint’ ê mmane, cu ‘e mmane dint’ ê mmane Napule, Napule mia!
È na passione ca nun se po’ spiegà…me tremma sempe ‘o core a ogni partita ma pure chest’ è vita… e pure chest’ è vita…
E mo… e mo nun me scetà! E mo famme sunnà! ‘O ssaje, ‘o ssaje ca sto’ vulanno i’ ovèro sto’ vulanno  e tengo ‘o core mparaviso Napule, Napule mia! So’ nnammurato e che ce pòzzo fà?  Tengo na malatia ca nun se sana: io so’ napulitano… i’ so’ napulitano
.

5 euro per partecipare alla serata, saranno devoluti all’orchestra Sinfonica dei Quartieri Spagnoli.

Lascia un commento