VOLODYMYR ZELENSKY / ASSETATO DI ARMI SEMPRE PIU’ OFFENSIVE, E TUTTI DICONO OK

Un ricco week end di shopping militare, per il guitto-criminale presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Che dopo il ‘vaffa’ papale (“con il massimo rispetto per Sua Santità, non abbiamo bisogno di mediatori e la fine del conflitto si farà solo alle nostra condizioni”, incredibile ma vero), ha raccolto gli ok dalle nostre Autorità (sic) maxime e il plauso chez Vespa con i mezzibusti genuflessi.

Quindi è volato in Germania, accolto a braccia aperte da un Cancelliere Olaf Scholz ormai rincoglionito, il quale dopo i primi tentennamenti ha ormai allargato i cordoni della borsa e non vede l’ora di inviare sempre più massicci quantitativi di armi in Ucraina.

Zelensky con il premier britannico Sunak. Sopra, la stretta di mano con Scholz

E riesce a fare ancor meglio l’amico inglese, il premier Rishi Sunak che aveva già pronta come cadeau una interminabile lista di missili a lunga e lunghissima gittata e sofisticati droni killer: armi – come del resto tutte quelle inviate dagli alleati NATO – non più di ‘difesa’ (come nei primi mesi) ma ormai di ‘attacco’, per arrivare a quella Vittoria finale di cui parla in modo sempre più ossessivo l’invasato di Kiev.

E il servizievole Sunak, nella idilliaca quiete della sua residenza di campagna, ha promesso anche che presto, appena inizia l’estate, verranno addestrati i pilota ucraini per i caccia da guerra.

Il tour finisce a Parigi, dove quell’Emmanuel Macron che ha una montagna di problemi a casa sua con i cittadini ormai (per fortuna) in perenne mobilitazione, trova il tempo di dare il suo incondizionato appoggio al guitto-criminale.

Il quale, nelle stesse ore, riceve un sostegno, che più convinto e fattivo non si può, dal Commissario UE, Ursula von der Leyen: anche lei con le sue colossali gatte da pelare (in prima linea il ‘Pfizergate’ per il quale rischia l’osso del collo) eppure pronta a slanciarsi in ardite promesse altrettanto a lunga gittata: “saremo sempre al vostro fianco, anche ben oltre il 2023” e fino a quando non sarete entrati a pieno titolo nella NATO e nell’UE, fa chiaramente intendere l’ex ministro della Difesa (e scandali annessi) tedesco.

Di seguito vi proponiamo la lettura di un interessante intervento firmato, per il sito di contro-informazione ‘Renovatio 21’, da Gianandrea Gianani, esperto in analisi storico-strategiche, studi dei conflitti, dal 2020 direttore del sito ‘Analisi Difesa’. Per un anno (agosto 2018 – settembre 2019) Gianani ha ricoperto l’incarico di Consigliere per le politiche di sicurezza al Viminale. E’ autore di interessanti libri, come ‘Iraq Afghanistan, guerre di pace italiane’ e ‘Immigrazione, la grande farsa umanitaria’.

Cliccando sul link che segue, ecco il suo pezzo titolato “‘Posso vincere la guerra’, Zelensky chiede aiuti militari”.

 

LINK

«Posso vincere la guerra», Zelensky chiede aiuti militari

 

 


Scopri di più da La voce Delle Voci

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento