DIS-INFORMAZIONE USA / IL CANALE ‘ABC NEWS’ CENSURA ROBERT KENNEDY JR.

Clamoroso negli Stati Uniti, faro di democrazia (sic) e di libertà dell’informazione.

Uno dei più famosi canali televisivi, ‘ABC News’, ha appena censurato un’intervista con Robert Kennedy junior, candidato per le prossime primarie democratiche in vista delle presidenziali, e quindi principale ‘competitor’ di Joe Biden. I vertici della tivvù, infatti, hanno incredibilmente deciso di ‘tagliare’ di netto tutta la parte dell’intervista dedicata ai vaccini e alle critiche di Kennedy per la gestione governativa della pandemia.

Ecco come ha cercato di piazzare una pezza a colori sulla gravissima censura la giornalista della ABC Linsey Davis, dopo aver mandato in onda la sua intervista ‘monca’: “Dovremmo notare che durante nostra conversazione, Kennedy ha fatto false affermazioni sui vaccini Covid-19”. “Affermazioni fuorvianti”, ha rincarato la dose. E ancora: “Abbiamo usato il nostro giudizio editoriale per non includere parti di quello scambio nella nostra intervista”.

Uno dei passaggi bollenti riguardava anche i rapporti tra vaccini (quelli tradizionali) e l’autismo. Davis, infatti, ha sostenuto che le passate affermazioni di Kennedy sui vaccini che causano l’autismo erano state totalmente ‘smentite’ da alcuni studi.

“Quali studi?”, ha osato controbattere Kennedy, che ha poi cominciato a spiegare perchè è convinto che i principali organismi di sanità pubblica, come i ‘Centers for Deseases Control’ (CDC) siano ‘captured’, ossia totalmente asserviti al potere politico e soprattutto a quello di Big Pharma. E, of course, questo fondamentale passaggio per la comprensione di tanti fatti & misfatti della pandemia, è stato ‘cassato’, privando gli ascoltatori di un loro preciso diritto ad essere informati.

Sempre provocatoria, nel corso dell’intervista ‘autorizzata’, Linsey Davis, la quale ha ricordato che alcuni membri della famiglia Kennedy non sono d’accordo con le sue opinioni sui vaccini. E ha cercato in ironizzare: “Sono solo curiosa, se non riesce a convincere le sue sorelle a votare per lei come presidente, come può fare questo appello agli elettori americani?”.

E Kennedy: “Questo è qualcosa che penso sia una lezione che dovremo imparare per questo Paese. Possiamo essere in disaccordo l’uno con l’altro senza odiarci l’un l’altro, senza emarginarci a vicenda”.

Va rammentato che Robert Kennedy ha ben sette fratelli e due sorelle (figli del mitico Robert, che da ministro della Giustizia voleva riportate entro i confini istituzionali lo strapotere della CIA): e due fratelli erano presenti al discorso di lancio della sua candidatura, un paio di settimane fa.

Dopo l’intervista ‘tagliata’, Robert Kennedy ha ricordato che la legge federale proibisce alle televisioni di censurare i candidati alla presidenza degli Stati Uniti e ha sbottato: “Invece del giornalismo, il pubblico ha visto un lavoro di ascia”, riferendosi ai clamorosi ‘tagli’. E ha aggiunto: “Invece di informazioni, hanno ottenuto diffamazione e massicce dosi di propaganda farmaceutica. Gli americani meritano di ascoltare l’intervista completa in modo tale che possano prendere una decisione. Come può funzionare la democrazia senza una stampa libera e imparziale?”.

Un fresco sondaggio di una delle emittenti più seguite negli Usa, ‘Fox News’, registra che Kennedy sta progressivamente aumentando, giorno dopo giorno, la percentuale di consensi: due settimane fa, appena dopo il lancio, aveva ottenuto il 14 per cento, passato, dopo appena dieci giorni, al 19 per cento. Di questo passo, può davvero farcela. Mentre l’ok a Joe Biden è in progressiva, costante decrescita, e ora non arriva neanche al 60 per cento (persi 10 punti nell’ultimo mese).

E’ fondatore e animatore da anni, Robert Kennedy junior, dell’associazione ‘Children’s Health Defence’ (di cui la ‘Voce’ ha più volte scritto) che si batte per la tutela della salute dei più indifesi, i bambini. Ha sempre messo in guardia le famiglie sull’uso dei vaccini, da somministrare con cautela e seguendo il principio di ‘massima precauzione’: come del resto hanno fatto scienziati quali il francese Luc Montagnier, Premio Nobel per aver scoperto il virus HIV, e il nostro Giulio Tarro, l’allievo prediletto di Albert Sabin che inventò il vaccino antipolio.

Robert kennedy e il suo libro su Fauci. Sopra, l’intervista alla ABC

Ovviamente molto critico sui vaccini anti-covid, Robert Kennedy,

nei confronti delle star di Big Pharma, ‘Pfizer’ e ‘Moderna’ in pole position, e degli enti, organismi e agenzie di controllo che hanno chiuso non uno ma due occhi, come la ‘Food and Drug Administration’ (FDA) e i ‘CDC’ che ha citato nella parte ‘censurata’ dell’intervista.

E’ feroce nei confronti dei ‘padri’ economici e scientifici dei vaccini anti-covid, Bill Gates e Anthony Fauci.

Il primo, in pratica, controlla l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) essendo il suo principale finanziatore, solo alle spalle degli Stati Uniti e ben davanti a nazioni come Germania, Francia e Gran Bretagna. E gran regista del ‘Great Reset’ progettato dal ‘Word Economic Forum’ (WEF) col suo fondatore, il banchiere tedesco di vecchie simpatie nazi, Klaus Schwab.

Il secondo, Fauci, è stato il regista della politica governativa sulla pandemia e ha lautamente finanziato, tramite il ‘National Institute for Allergy and Infectuose Deseases’ (NIAID) guidato dal 1984 al 2022, l’Istituto di Virologia di Wuhan per le sue famigerate ricerche (vietate negli Usa) sul ‘gain of function’. E Robert Kennedy ha firmato, a novembre 2021, un imperdibile ‘The Real Anthony Fauci’.

Per saperne di più e leggere quanto ha scritto la ‘Voce’, come al solito, basta andare alla casella CERCA in alto a destra della nostra home page, e digitare ‘Robert Kennedy junior’, oppure

Children’s Health Defence’ o ancora ‘Anthony Fauci’.


Scopri di più da La voce Delle Voci

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento