‘BRITISH MEDICAL JOURNAL’ / RIFLETTORI SULL’INFLUENZA, SCRIVE GIULIO TARRO

Riflettori puntati sull’influenza, nelle varie forme in cui si presenta.

Lo fa, con il consueto rigore scientifico, la prestigiosa rivista ‘The British Medical Journal’ che proprio in questi giorni pubblica un’intervista al direttore del ‘Worldwide Influenza Centre’ di Londra, Nicola Lewis, e uno studio del nostro virologo Giulio Tarro, l’allievo prediletto di Albert Sabin che per primo scoprì il vaccino antipolio. La ‘Voce’ negli scorsi mesi ha pubblicato ben 7 interventi firmati da Tarro: li potete trovare andando nella casella CERCA (in alto a destra della nostra home page) e digitando BRITISH MEDICAL JOURNAL.

Una rivista non solo autorevole per il suo rigore scientifico, appunto, ma anche per le denunce che ha avuto il coraggio di lanciare durante la pandemia, attaccando frontalmente sia ‘Pfizer’, la prima a tagliare il traguardo sul fronte del vaccino anti covid, sia la potente ‘Food and Drug Administration’, che ha concesso disco verde ai vaccini di ‘Pfizer’ e ‘Moderna’ dopo appena otto mesi di ‘sperimentazioni’ taroccate. Troverete anche gli articoli della ‘Voce’ che documentano i j’accuse griffati BMJ e spesso firmati dal suo coeditore e direttore scientifico Peter Doshi.

Ecco quindi, di seguito, l’intervento di Tarro e il link che porta all’intervista a Lewis.

 

 

Stagione occidentale con influenza epidemica

ceppi Omicron SARS-CoV-2 e hRSV

 

di Giulio Tarro

Presidente della T.&L. de Beaumont Fondazione Bonelli per la ricerca sul cancro, Napoli, Italia

 

Il professor Giulio Tarro

ABTRACT

La scorsa stagione Autunno/Inverno non c’era solo il fantasma del COVID-19 in circolazione, ma erano presenti molti altri agenti microbici respiratori con il ritorno dei virus influenzali e dell’RSV, inoltre è da citare la famiglia degli adenovirus e persino lo streptococco emolitico. Il motivo principale di questo lavoro è la descrizione di quanto accaduto con l’obiettivo finale di essere preparati ad una diagnosi precoce e ad una terapia tempestiva che metta in primis la prevenzione con vaccini specifici quando ve ne sia la possibilità.

 

 

 

 

 

 

INTRODUZIONE

Le infezioni respiratorie causate da virus di tipo influenzale, di cui fa parte anche il virus sinciziale, sono fenomeni stagionali che si ripetono ogni anno nei nostri climi all’inizio dell’inverno: si tratta principalmente di infezioni benigne che possono colpire fino al 50% dei bambini e che nella maggior parte dei casi si limitano ad un’infiammazione delle prime vie respiratorie che dura 5-7 giorni; in una minima percentuale di casi l’infezione può estendersi ai bronchi e ai polmoni e la malattia che poi si sviluppa è grave e, soprattutto per i bambini nei primi sei mesi di vita, può essere pericolosa, tanto che in quasi tutti i paesi occidentali dal 1 al 5% dei neonati affetti da bronchiolite muoiono o entrano in coma a causa della mancanza di ossigeno che arriva al cervello a seguito di un malfunzionamento dell’apparato respiratorio (1).

I virus hRSV (Virus respiratorio sinciziale umano) hanno un ciclo biologico di 4 – 5 anni, nel senso che il maggior numero di pazienti si verifica dopo 3-4 anni. Così era stato anche a Napoli dove, ad esempio nel 1975, si era registrata una morbilità e una mortalità per malattie respiratorie del tutto simili a quelle del 1978. Nel 1975 però nessuno parlava di “Male Oscuro”, forse per la dispersione sul territorio dei bambini morti per malattie respiratorie, forse perché allora non c’era la volontà – probabilmente presente nel 1978 – di creare un clima di panico ostentando un “Male Oscuro” foriero di nuovi finanziamenti alle strutture sanitarie.

 

 

METODI

Per l’emergenza creata dall’epidemia di “influenza dei maiali” in Messico era giusto non creare allarmismi essendo vittime di una cattiva informazione. La possibilità che il virus arrivi in altre parti del mondo è reale come per tutti i tipi di virus influenzali. Affinché un ceppo abbia un’ampia distribuzione, le sue caratteristiche antigeniche devono garantire che sfugga alla neutralizzazione degli anticorpi dell’ospite e della popolazione circostante. Quindi i focolai avverranno con quei ceppi che hanno antigeni dominanti che si adattano alla carenza, o meglio, alle assenze di anticorpi nella popolazione. Sembra, in conclusione, che il virus dell’influenza dimostri una capacità e un’attitudine alla sopravvivenza costruite sulla possibilità di emergere di nuovi modelli che permettano di confondere facilmente il virus attraverso popolazioni ancora in parte immuni a forme antigeniche pregresse. Secondo questa visione, i cambiamenti nell’influenza A possono essere concepiti in un unico significato, nel contesto di un principio e di un progresso evolutivo, da Burnet denominato deriva immunologica o immunologia guida. I farmaci antivirali (inibitori della neuraminidasi, recettore della superficie del virus) vanno assunti entro 48 ore dalla comparsa dei sintomi influenzali e per i soggetti che hanno avuto un contatto stretto con persone contagiate dal virus influenzale. La vaccinazione contro l’influenza è il metodo più efficace per prevenire la malattia. Dal momento in cui riscontriamo l’isolamento di un nuovo virus influenzale, dobbiamo attendere la preparazione di un nuovo vaccino specifico che sarà pronto per la prossima stagione influenzale in autunno (2).

 

RISULTATI

Con l’approvazione dei vaccini bivalenti da parte della Food and Drugs Administration (FDA) e dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC), sembra che finalmente abbiamo un vantaggio con i vaccini COVID-19, in quanto sono in grado di neutralizzare il BA circolante.4/BA .5 ceppi (3). Mentre non ci sono altre varianti trasmissibili ancora in circolazione. Il CDC raccomanda un intervallo di sei mesi dopo un precedente richiamo o un’infezione naturale perché i nuovi vaccini soddisfano una popolazione che ha già avuto un’infezione post-vaccinale con le varianti di omicron quest’anno e quindi hanno una forte protezione continua nei confronti della reinfezione con BA. 5 (4).

Secondo recenti studi un richiamo ora protegge per almeno sei mesi. Un altro studio ha dimostrato che i livelli di anticorpi si stabilizzano da sei a nove mesi dopo la vaccinazione per i soggetti con o senza precedente infezione (5).

 

 

 

DISCUSSIONE

La storia dei virus influenzali insegna che l’influenza ha origine da animali uccelli, genericamente acquatici, poi trasferita all’uomo attraverso il salto nei maiali. La promiscuità degli armenti, così come è in uso in Asia, determina questo passaggio e quindi la diffusione. L’influenza spagnola (1918, H1N1), quella dell’ASIA (1957, H2N2), quella di Hong Kong (1968, H3N2) e così via hanno avuto questa origine (6).

I ceppi comuni in alcuni anni possono avere rapporti anche con quelli di altri anni.

Le persone per lo più anziane hanno anticorpi diretti verso gli antigeni più importanti dei ceppi con cui sono stati in contatto. Con il progredire dell’età si ha uno spettro più ampio di immunità che si riflette in anticorpi polivalenti realizzati attraverso il contatto con molti antigeni primari e secondari presenti nei ceppi che si incontrano durante gli anni successivi.

Ma ogni contatto successivo con un virus influenzale di tipo A comporta non solo di anticorpi specifici, ma anche un aumento di quelli diretti verso il ceppo responsabile della prima infezione influenzale del soggetto (fenomeno di Davenport o dottrina del peccato originale). In questo modo, l’immunizzazione ad un particolare ceppo, diffuso in un certo periodo, comporta difficoltà progressivamente crescenti nella sua ulteriore diffusione e crea il vantaggio selettivo, per qualche variante del virus, di moltiplicarsi e diffondersi. I nuovi ceppi saranno in condizioni di aumento dei visitatori, indipendentemente dal fatto che abbiano o meno un’esperienza immunologica con i ceppi precedenti. In conseguenza di ciò, poco dopo la comparsa di un nuovo tipo, le vecchie forme scompariranno e la nuova famiglia diverrà dominante per un periodo che, in genere copre 10-20 anni, in cui vi è, per l’emergere di minori variazione antigenica, la suddivisione in vari sottotipi.

L’affioramento di un nuovo ceppo epidemico può quindi essere considerato come un processo di sviluppo che interessa le caratteristiche del ceppo e la suscettibilità della popolazione. Affinché un ceppo abbia un’ampia distribuzione, le sue caratteristiche antigeniche devono garantire che sfugga alla neutralizzazione degli anticorpi dell’ospite e della popolazione circostante. Quindi i focolai avverranno con quei ceppi che hanno antigeni dominanti che si adattano alla carenza, o meglio, alle assenze di anticorpi nella popolazione. Sembra, in conclusione, che il virus dell’influenza dimostri una capacità e un’attitudine alla sopravvivenza costruite sulla possibilità di emergere di nuovi modelli che permettano di confondere facilmente il virus attraverso popolazioni ancora in parte immuni a precedenti forme antigeniche. Secondo questa visione, i cambiamenti nell’influenza A possono essere concepiti in un unico significato, nel contesto di un principio e di un progresso evolutivo, da Burnet detto deriva immunologica o immunologia guida. Molto importante ricordare che è stata dimostrata la presenza di anticorpi verso i ceppi più recenti dell’influenza asiatica del 1957 (A2) nella fascia più anziana di quella popolazione: nell’influenza asiatica c’erano ovviamente ceppi con caratteri dominanti, diversi da quelli che avevano caratterizzato la precedente anni, più o meno, ma simili a quelli dei ceppi diffusi molto prima (pandemia 1889-90).

Per l’emergenza creata dall’epidemia di influenza aviaria in Asia era giusto non creare panico vittime di una cattiva informazione (7). La possibilità che il virus aviario entri in altre parti del mondo era come del resto per tutti i tipi di virus influenzali. È chiaro che l’animale morto è innocuo, e quindi ci sono altri interessi veterinari e agricoli C’è un potenziale rischio di ricombinazione genetica con virus influenzali umani che potrebbero esitare a fare una variante virale capace di una trasmissione da uomo a uomo.

Nel corso dell’epidemia di influenza aviaria che ha colpito nel 2005 10 paesi asiatici (Cina, Pakistan, Tailandia, Cambogia, Indonesia, Corea del Nord – Corea del Sud, Taiwan, Laos, Vietnam) con 80 milioni di polli morti o sacrificati e 42 casi umani mortali è stato identificato l’H5N1 come agente eziologico, lo stesso che nel 1997 aveva provocato un focolaio epidemico a Hong Kong con 18 soggetti umani contagiati e 6 morti e con il sacrificio di 1,5 milioni di polli (8).

epidemie di influenza aviaria con coinvolgimento di ceppi virali come H9N2 nel 1999 hanno infettato due bambini e altri individui e nel 2003 hanno infettato un ragazzo a Hong Kong, mentre l’H5N1 ha colpito tre soggetti di una famiglia uccidendone due nel 2003. Allo stesso tempo nei Paesi Bassi un’epidemia di virus dell’influenza aviaria H7N7 colpì 83 persone e portò alla morte un veterinario.

Nel 2005 negli USA sono stati individuati focolai di influenza aviaria in Texas e in Delaware (virus H7N2), e in quest’ultimo Stato insieme ai territori del Maryland e della Virginia lavorano 14.000 persone e 1.900 famiglie che producono l’8% della carne di pollame americano, con un budget di un miliardo e mezzo di dollari. Nel 2003 l’export americano in Europa ha raggiunto la quota di otto milioni e ottocentomila uova e 452mila pulcini, rispettivamente per 20 milioni e 3 milioni di euro .

Per l’emergenza creata dall’epidemia di “influenza dei maiali” in Messico è giusto non creare allarmismi essendo vittime di una cattiva informazione (9). La possibilità che il virus arrivi in altre parti del mondo è reale come per tutti i tipi di virus influenzali (10). Per la SARS era necessario un contatto diretto, in pratica le cosiddette goccioline di Pflugge, per questa influenza suina è diverso, infatti si diffonde anche per via aerea a distanza. Ed esiste un rischio potenziale di una sindrome di panico che spesso si manifesta attraverso una cattiva informazione o una scarsa conoscenza del fenomeno. Poi niente allarmismi perché il numero delle vittime è decisamente inferiore ad altre pandemie (11).

 

 

CONCLUSIONE

La vaccinazione contro l’influenza è il metodo più efficace per prevenire la malattia. Dal momento in cui riscontriamo l’isolamento di un nuovo virus influenzale, dobbiamo attendere la preparazione di un nuovo vaccino specifico che sarà pronto per la prossima stagione influenzale in autunno.

I farmaci antivirali (inibitori della neuraminidasi, recettore della superficie del virus) vanno assunti entro 48 ore dalla comparsa dei sintomi influenzali e nei soggetti che hanno avuto un contatto stretto con persone contagiate dal virus influenzale.

In conclusione la storia dei virus influenzali insegna che l’influenza origina dagli uccelli, solitamente acquatici, poi si trasmette all’uomo attraverso la lea pinto ai maiali. La promiscuità degli armenti, facilita questo passaggio e quindi la diffusione. Tre pandemie causate da virus influenzali di tipo A, verificatesi nel XX secolo, hanno tutte avuto questa origine: la “spagnola” (1918, H1N1), la “asiatica” (1957, H2N2) e la “Hong Kong flu” (1918, H1N1). 1968, H3N2).

Il virus dell’influenza H1N1 del 2009 ha agito durante l’inverno in Australia e Nuova Zelanda producendo un effetto modello per il trattamento dei pazienti durante l’inverno nell’emisfero settentrionale. Le prestazioni del test diagnostico rapido per il rilevamento del nuovo virus dell’influenza A (H1N1) sono state valutate dal Center for Disease Control and Prevention (12,13).

Il riscontro di grave malattia respiratoria in concomitanza con la circolazione dell’influenza H1N1 è stato dimostrato dal suddetto test. Anche il potenziale impatto dell’influenza pandemica durante il pellegrinaggio dell’Hajj è stato preso in considerazione per ridurre l’effetto sostanziale sulla folla di diffondere l’infezione.

Ogni volta che si verifica la prossima influenza pandemica, molte più vite potrebbero essere a rischio. Ascoltando le lezioni della pandemia H1N1 del 2009, la comunità internazionale sarà in grado di far fronte con maggior successo la prossima volta (14).

Naturalmente è molto importante, se la ricerca potesse produrre un vaccino contro l’influenza universale (non ceppo-specifico), duraturo, sicuro ed efficace in modo che la frenesia annuale dell’azione contro l’influenza si trasformi in un efficiente, lungo- programma di prevenzione a termine (15,16,17).

Finalmente dopo l’ambiente globale con il COVID-19, la scoperta di una terapia sistematica di SARS-CoV-2 (18), i “pro e contro” dei vaccini COVID-19 (19), possiamo tornare alle priorità e minacce di resistenza agli antibiotici come priorità assoluta dell’American Society of Microbiology (20).

 

 

RINGRAZIAMENTI

L’autore ringrazia per il sostegno: Fondazione T. & L. De Beaumont Bonelli per la Ricerca sul Cancro. Napoli, Italia.

 

 

 

 
Riferimenti
  1. Tarro G. L’epidemia di bronchiolotis nei bambini. Messina Medica 2.0. 9 gennaio 2023.
  2. Tarro G. Virus influenzali epidemici. Microbiologia CE 15.4 (2019): 304-308.
  3. Collie S e Nayager J. Efficacia e durata del vaccino BNT162b2 contro le sottolinee Omicron in Sud Africa. New Engl J Med 387;14. 6 ottobre 2022.
  4. Malato J, Gomes MC e Graca L. Rischio di infezione BA.5 tra persone esposte a precedenti varianti SARS-CoV-2. New Engl J Med 387;10. 8 settembre 2022.
  5. Tarro G. Alla fine di un incubo (COVID-19). Il ruolo del sistema immunitario. Giornale britannico della sanità e della ricerca medica – vol. 9, n. 6. 25 dicembre 2022.
  6. Zimmer SM e Burke DS. “Prospettiva storica – Emergenza dei virus dell’influenza A (H1N1)”. New England Journal of Medicine 361.3 (2009): 279-285.
  7. Enserink M, Cohen J (2009) Virus dell’anno. La nuova influenza H1N1. Scienza 326: 1607.
  8. Tarro G, Esposito C. agenti virali emergenti a rischio negli approcci di salute globale alla diagnosi precoce e alla terapia tempestiva. Conferenza internazionale di bioinformatica e biologia computazionale. Pressa rossa CS. Las Vegas USA 2011.
  9. Chowell G, Bertozzi SM, Colchero MA, Lopez-Gatell H, Alpuche-Aranda C, et al . ) Grave malattia respiratoria in concomitanza con la circolazione dell’influenza H1N1. N Engl J Med 361: 674-679, 2009.
  10. Dawood FS, Jain S, Finelli L, Shaw MW, Lindstrom S, Garten RJ, Gubareva LV, Xu X, Bridges CB, Uyeki TM. Emersione di un nuovo virus dell’influenza A (H1N1) di origine suina nell’uomo. N Engl J Med 360:2605–2615, 2009
  11. Lister P, Reynolds F, Parslow R, Chan A, Cooper M, et al. Virus dell’influenza di origine suina H1N1, virus dell’influenza stagionale e malattia critica nei bambini. Lancetta 374: 605-607, 2009.
  12. ANZIC Investigatori sull’influenza: Webb SA, Pettilä V, Seppelt I, Bellomo R, et al. Servizi di terapia intensiva e influenza H1N1 del 2009 in Australia e Nuova Zelanda. N Engl J Med 361: 1925-1934, 2009.
  13. Valutazione dei centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) dei test diagnostici rapidi dell’influenza per il rilevamento del nuovo virus dell’influenza A (H1N1) – Stati Uniti, 2009. MMWR Morb Mortal Wkly Rep 58: 826-82, 2009.
  14. Esposito C, Di Spirito A, Cuomo N, Tarro G et al. Monitoraggio del virus dell’influenza H1N1 2009 nella regione italiana Campania. Giornale di fisiologia cellulare. Vol 227: 2813-2817, luglio 2012.
  15. Tarro G. Analizzare il rischio di influenza per comprendere una migliore prevenzione. Conferenza internazionale sull’influenza. Chicago, USA 8-10 giugno 2015.
  16. Tarro G. Virus influenzali emergenti a rischio nella salute globale. 2a conferenza internazionale sull’influenza. San Francisco, USA, 28-30 novembre 2016.
  17. Tarro G. Virus emergente dell’influenza A H1N1 e sua prevenzione specifica. 13th Annual Congress on Vaccines, Therapeutics & Travel Medicine: Influenza and Infectious Disease, Atlanta, USA, 01/02 dicembre 2016.
  18. Tarro G. Ambiente e interazioni virali: verso una terapia sistematica della SARS-CoV-2. Giornale britannico della sanità e della ricerca medica – vol. 9, n. 4, 25 agosto 2022.
  19. Tarro G. Pro e contro dei vaccini COVID-19. Giornale britannico della sanità e della ricerca medica – vol. 10, n. 1 25 febbraio 2023.
  20. Tarro G. Priorità e minacce della resistenza agli antibiotici. Giornale britannico della sanità e della ricerca medica – vol. 10, n. 2 del 5 aprile 2023.

 

 

SCARICA IL PDF DELL’ARTICOLO ORIGINALE

BJHMR-14548 Camera Ready

 

 

LINK

Inside the Worldwide Influenza Centre: monitoring the constant threat of flu and other viruses

 

 

Lascia un commento