Nota semiseria post pasquale

In assenza dei quotidiani per la sosta pasquale delle redazioni, domina l’informazione on line. Nessun dubbio, la notizia di apertura di questa rassegna spetta a Diletta Leotta e al compagno Karius. Nel giorno di Pasqua hanno rivelato al ‘globo terraqueo’ il sesso del futuro nascituro. Sarà femmina. L’annuncio accompagnato da palloncini e una torta in forma di cicogna con in bocca un fagottino, il tutto in rosa. Avete esultato? Nooo? Siete cattivacci!

Elementare riflessione: l’Italia ha bisogno di almeno 500mila lavoratori, lo dicono perfino gli xenofobi, ma nulle si fa per cancellare lo scandalo del centro accoglienza ‘lager’ di Lampedusa che solo nella notte scorsa ha dovuto accogliere altri mille migranti. La nave ong tedesca Resqship ne ha salvati 22. Una barca è partita dalla Libia con 400 persone a bordo in pericolo. “Abbiamo informato le autorità” scrive Alarm Phone che raccoglie gli sos dei migranti “ma non c’è stata nessuna operazione di salvataggio”.

Sondaggi: FdI inizia a perdere terreno e un altro balzo in avanti del Pd di Elly Schlein a meno di dieci punti di distanza da Fratelli d’Italia. In calo 5Stelle (15,7%). Politici in tv: fuori quota la Meloni, onnipresente nei Tg con una rassegna personale di foto, video e citazioni (se sbadiglia tre volte di seguito, beve il caffè amaro, o legge ancora Topolino), il primatista delle presenze televisive è Calenda, chissà perché, (appare almeno una volta ogni tre giorni). È ospite quasi fisso di Tagadà, L’aria che tira, Piazza Pulita e Dimartedì. Inseguono Fratoianni, Conte, Schlein.

La muta di Palazzo Chigi, al secolo “Yo soy Giorgia”. continua a fingere di ignorare il proliferare impunito di episodi di neofascismo: a Monte San Giovanni Campano, in provincia di Frosinone, nel giorno di Pasqua, ignoti, divelti i tappetini in gomma di protezione per i giochi dei bambini, hanno tracciato in terra, in una piazzetta, una gigantesca svastica.

I manichini di Vladimir Putin e Xi Jinping, Giorgia Meloni e Pedro Sanchez, Donald Trump e Jair Bolsonaro, dell’ex leader della Catalogna Puigdemont, fuggito in Belgio, degli ex ministri Ponsatì e Comìn sono stati bruciati, come da tradizione, nel ‘rogo di Giuda’, evento che va in scena durante la Settimana Santa in Spagna e si propone di porre fine al male e ai traditori, a personaggi considerati ‘cattivi’. La presidente italiana del Consiglio Meloni appariva in veste di Giulietta.

Dire che il fenomeno preoccupa è riduttivo. Nell’area ‘esplosiva’ dei Campi Flegrei la terra continua a tremare. L’ultima scossa alle 5 e 54: 2.7 a 3 chilometri di profondità. È l’ultima di una lunga preoccupane scia sismica.

Riceverà l’onorificenza per meriti di patriota? Un giovane imprenditore di Sora, in controtendenza rispetto al deficit di nuove nascite, nel tempo minimo di un anno ha reso gravide tre dipendenti. Due hanno già partorito, la terza è incinta. Meno degno è il rifiuto del tombeur de femme di riconoscere i figli. Finisce per essere processato. Che dire “ingratitudine umana”, l’esuberante giovanotto si dichiarerà, innocente, benemerito (!!!) per aver procreato a favore della natalità in pericolosa decrescita.

Lascia un commento