OBBLIGO VACCINALE / IL “NO” DEI SANITARI IGNORATO DAL GOVERNO INGLESE   

Da pochi giorni il Parlamento inglese ha votato a favore della vaccinazione obbligatoria per tutti i lavoratori della sanità che sono a contatto diretto con i pazienti.

Il Segretario di stato per la Salute e gli Affari sociali, Sajid Javid, il 9 novembre aveva già annunciato che tutti i lavoratori del settore sanitario dovranno essere vaccinati al massimo entro l’1 aprile 2022 per “proteggere i pazienti, i colleghi e lo stesso sistema sanitario”.

Non sono state tenute in alcun conto le chiare prese di posizione espresse in un rapporto elaborato dalla “Secondary Legislation Committee” della

Camera dei Lord. Né quelle messe nero su bianco, in una lettera, da un nutrito gruppo di medici e sanitari britannici, la gran parte dei quali lavora proprio alle dipendenze del sistema sanitario inglese (pubblico).

Sia il rapporto della Commissione che la lettera dei sanitari sono stati pubblicati dall’autorevole ‘British Medical Journal’: si tratta, quindi, di due altrettanto autorevoli posizioni, peraltro totalmente ignorate dai parlamentari inglesi che hanno dato l’ok all’obbligo di vaccinazione in vigore dal prossimo primo aprile.

Rammentiamo ai lettori che il ‘British Medical Journal’ ha pubblicato forti e documentati interventi sui temi della gestione pandemica, alcuni dei quali firmati dal direttore scientifico e coeditore Peter Doshi. Un vero j’accuse nei confronti di Pfizer, poi, l’inchiesta sui metodi portati avanti nel corso dei contestati ‘trials’ per l’approvazione dei vaccini di Pfizer. Inoltre, pesanti critiche sono state rivolte, sempre dalle colonne del BMJ, alla ‘Food and Drug Administration’ per la sua approvazione-lampo degli stessi vaccini Pfizer il 23 agosto scorso, appena pochi mesi dopo quei già ‘anomali’ trials.

Di seguito, pubblichiamo i due importanti testi (il Rapporto della Commissione e la lettera dei medici inglesi), sia tradotti che nella versione originale pubblicata dal BMJ.

 

 

Il Rapporto della “Secondary Legislation Committee

 

Un comitato della Camera dei Lord ha sollevato diverse preoccupazioni sulla proposta di legge per rendere obbligatoria la vaccinazione contro SARS-CoV-2 per tutto il personale del SSN in Inghilterra, in particolare se i benefici della vaccinazione del restante 8% dei lavoratori del NHS fossero proporzionati e come il NHS sarebbe far fronte alla perdita del 5,4% che non vuole essere vaccinato. 1

La Commissione per l’esame della legislazione secondaria ha affermato che i piani del governo non erano stati studiati a fondo, lasciando la Camera dei Lord incapace di esaminare la proposta di legge.

Il 9 novembre il segretario per la salute e l’assistenza sociale dell’Inghilterra, Sajid Javid, ha annunciato che tutto il personale che lavora in strutture di assistenza sanitaria e sociale regolamentate dalla Care Quality Commission dovrà essere completamente vaccinato entro il 1° aprile 2022. 2 “Dobbiamo evitare danni prevenibili e proteggere i pazienti nel servizio sanitario nazionale, proteggere i colleghi del servizio sanitario nazionale e proteggere il servizio sanitario nazionale stesso”, ha affermato.

Ma in un rapporto pubblicato il 30 novembre il comitato ha affermato che il vantaggio di aumentare la protezione dal personale vaccinale che non aveva ancora accettato le offerte del vaccino “potrebbe essere marginale” e che il governo non aveva pubblicato alcun piano di emergenza su come farebbe fronte alla perdita di personale che non vuole il vaccino.

Il rapporto afferma che dei 208 000 dipendenti del SSN che non sono stati attualmente vaccinati 54 000 (26%) avrebbero accettato il vaccino secondo la legge e 126 000 (61%) avrebbero lasciato il lavoro.

“Dato che si prevede che la legislazione causerà £ 270 milioni in ulteriori costi di reclutamento e formazione e gravi interruzioni della fornitura di assistenza sanitaria e sanitaria alla fine del periodo di grazia, dovrebbero essere fornite prove molto forti a sostegno di questa scelta politica. Il DHSC [Dipartimento per la salute e l’assistenza sociale] non ha fornito tali prove”, ha affermato.

Il comitato ha anche criticato il dipartimento per non aver incluso nella legislazione dettagli pratici su come sarebbero applicate espressioni come “faccia a faccia” o “altrimenti impegnati”, riferendosi invece a linee guida da produrre in futuro.

Il presidente del comitato, Robin Hodgson, ha dichiarato: “Sosteniamo pienamente gli alti livelli di vaccinazione, ma il DHSC è responsabile nei confronti del parlamento per le sue decisioni e deve darci una chiara dichiarazione dell’effetto di questi regolamenti, dell’effetto del non fare nulla e di qualsiasi altre soluzioni prese in considerazione, così il parlamento comprende appieno tutte le conseguenze di ciò che gli viene chiesto di accettare. Ciò è particolarmente importante quando il SSN è già sotto tale pressione.

“Il DHSC non ha fornito una singola dichiarazione coerente per spiegare e giustificare la sua politica prevista, e questo mina la capacità della Camera di intraprendere un esame efficace della legislazione proposta”.

Questo articolo è reso disponibile gratuitamente per l’uso in conformità con i termini e le condizioni del sito Web di BMJ per la durata della pandemia di covid-19 o fino a quando diversamente stabilito da BMJ. È possibile utilizzare, scaricare e stampare l’articolo per qualsiasi scopo lecito e non commerciale (incluso l’estrazione di testo e dati) a condizione che vengano mantenuti tutti gli avvisi di copyright e i marchi.

 

LINK ARTICOLO ORIGINALE

https://doi.org/10.1136/bmj.n2957

 

 

 

LA LETTERA DEI MEDICI INGLESI

 

Caro editore,

In qualità di medici e operatori sanitari, molti dei quali lavorano nel SSN, vorremmo esprimere la nostra opposizione all’obbligo di vaccinazione anti-SARS-CoV-2 per qualsiasi gruppo di persone, compresi gli operatori sanitari. Siamo d’accordo con il comitato della Camera dei Lord che le prove non sono sufficienti per giustificare questa misura, ma il governo e il Parlamento non sembrano ascoltare e sembra probabile che i vaccini obbligatori per il personale del SSN vengano approvati questa settimana.

Non contestiamo che il covid-19 possa essere ed è stato un’infezione pericolosa e siamo d’accordo sul fatto che i vaccini siano efficaci in molte situazioni. Tuttavia, vi è una notevole incertezza sull’efficacia dei vaccini covid, alcune gravi complicazioni a breve termine e la mancanza di dati sui danni a lungo termine. In questa situazione, è imperativo che le persone siano in grado di fare una scelta pienamente informata sull’opportunità o meno di vaccinarsi.

È ampiamente accettato che gli studi randomizzati controllati siano l’unico mezzo per fornire dati affidabili sull’efficacia degli interventi medici perché i dati osservativi sono soggetti a pregiudizi incontrollati. Tuttavia, gli studi randomizzati sui vaccini contro il covid sono durati per un tempo molto breve e hanno solo il potere di fornire prove statistiche definitive sulla prevenzione delle “infezioni sintomatiche”, non sulla prevenzione dell’infezione di per sé, dell’ospedalizzazione o della morte. Gli studi non hanno inoltre fornito dati sul fatto che i vaccini riducano o meno la trasmissione, cose che abbiamo dovuto imparare a nostre spese, attraverso prove del mondo reale come la rapida diffusione delle varianti Delta e ora Omicron.

I risultati degli studi sui vaccini randomizzati pubblicati finora hanno suggerito che i vaccini erano efficaci nel ridurre le infezioni sintomatiche per alcune settimane. La durata media del follow-up per le persone nel primo rapporto dello studio Pfizer, su cui si basava la licenza, era, ad esempio, di soli 46 giorni. [1] Il recente rapporto sui dati di persone che erano state nello studio fino a 6 mesi ha rivelato che la durata media totale del follow-up per l’esito primario dello studio in doppio cieco era di 3,6 mesi per coloro che hanno ricevuto il vaccino e 3,5 mesi per quelli assegnati al placebo. [2] Inoltre, solo il 7% dei partecipanti è rimasto effettivamente nella sperimentazione in doppio cieco per 6 mesi. [3] I dati del mondo reale non sono coerenti con i risultati dello studio, con un numero elevato di casi in individui doppiamente vaccinati segnalati dal Regno Unito [4] e da Israele [5], ad esempio.Ciò suggerisce che gli effetti dei vaccini svaniscono rapidamente e/o che alcuni pregiudizi si sono insinuati nelle procedure di prova originali, probabilmente a causa dello smascheramento causato dalle reazioni al vaccino [6] o da altre irregolarità procedurali. [7] Gli stessi dati osservazionali suggeriscono che i vaccini possono ridurre il ricovero ospedaliero e la morte a causa dell’infezione da covid, ma, in assenza di dati da studi randomizzati, è difficile essere certi, poiché fattori sconosciuti possono influenzare i dati in entrambe le direzioni.in assenza di dati provenienti da studi randomizzati è difficile essere certi, poiché fattori sconosciuti possono distorcere i dati in entrambe le direzioni.in assenza di dati provenienti da studi randomizzati è difficile essere certi, poiché fattori sconosciuti possono distorcere i dati in entrambe le direzioni.

Più allarmante, il terzo e il quarto colpo di “richiamo” non sono stati testati in nessuno studio randomizzato e gli altri dati sull’efficacia e la sicurezza della somministrazione di ulteriori dosi sono scarsi.

In altre parole, i dati sull’unico esito adeguatamente testato negli studi randomizzati, la prevenzione dei casi mediante due vaccinazioni, appaiono inaffidabili, probabilmente a causa di effetti in rapida diminuzione o altri fattori, e altri esiti e procedure non sono stati studiati negli studi randomizzati, il che significa non ci sono prove sicure in entrambi i casi.

Per quanto riguarda la sicurezza dei vaccini, è chiaro che si verificano effetti avversi rari ma gravi e potenzialmente fatali, come trombosi e miocardite, [8] e che questi hanno richiesto mesi per essere identificati. I danni a lungo termine saranno difficili da rilevare a causa della breve durata degli studi randomizzati e diventeranno evidenti solo nei prossimi anni.

Non ci sono inoltre dati su gruppi che potrebbero essere particolarmente colpiti dal vaccino, come quelli con o a rischio di malattie autoimmuni, e ci sono pochi dati sugli effetti avversi dei colpi di richiamo, il che è significativo poiché esiste da tempo la sicurezza preoccupazioni circa l’esposizione ripetuta alla tecnologia dell’mRNA. [9] I vaccini di richiamo ripetuti rappresentano quindi un rischio cumulativo per un beneficio non testato.

Per i giovani gruppi di età, in cui la morbilità e la mortalità legate al covid è bassa, e per coloro che hanno già avuto l’infezione da covid 19 e sembrano avere una memoria immunologica di lunga data, [10] i danni dell’assunzione di un vaccino sono quasi certamente superiori ai benefici per l’individuo e l’obiettivo di ridurre la trasmissione ad altre persone a rischio più elevato non è stato dimostrato in modo sicuro. [11]

Il rispetto dell’autonomia e dell’integrità fisica delle persone è al centro dei diritti umani e dell’etica medica ei dati attualmente disponibili sui vaccini non giustificano in alcun modo il superamento di questi importanti principi. Sono necessarie più ricerche di buona qualità e accesso ai dati esistenti dalle sperimentazioni sui vaccini affinché le persone possano prendere decisioni pienamente informate sull’opportunità o meno di assumere questi vaccini. [12] Costringere le persone a sottoporsi a un vaccino contro il covid, o attraverso la minaccia di sanzioni legali o, nel caso di mandati per gruppi professionali, privando le persone dei loro mezzi di sussistenza e carriera, non è giustificato a causa della prevalente incertezza sui benefici complessivi dei vaccini, il rapporto rischio-beneficio sfavorevole per molti gruppi e, non ultimo, la mancanza di dati sui danni a lungo termine.

 

 LINK ARTICOLO ORIGINALE

https://doi.org/10.1136/bmj.n2957

Un commento su “OBBLIGO VACCINALE / IL “NO” DEI SANITARI IGNORATO DAL GOVERNO INGLESE   ”

Lascia un commento