VACCINI / NEGLI STATI UNITI 2000 MORTI FETALI

Le ultime notizie in arrivo dagli Stati Uniti sul fronte dei vaccini anti covid sono non poco allarmanti.

Prendiamo un solo aspetto: le conseguenze sulle madri in stato di gravidanza.

Ebbene, gli ultimi dati elaborati dai CDC, ossia i ‘Centers for Desease Control and Prevention’, attraverso i report sui cosiddetti ‘eventi avversi’ messi a punto dal sistema ‘VAERS’ (‘Vaccine Adverse Event Reporting System’), parlano di quasi 2000 ‘morti fetali’ in seguito alla somministrazione di vaccini anti covid: per la precisione 1.969.

Sono gli stessi ‘Center’ a documentare come nell’arco degli ultimi 30 anni  le morti fetali dopo l’inoculazione di un vaccino tradizionale sono state di poco superiori alla stessa cifra: per la precisione 2.183. Lo ribadiamo, in trent’anni!

Ricordate l’ultima del super virologo de noantri (ma è solo un allergologo…), al secolo Roberto Burioni, nel corso della fresca comparsata domenicale organizzata per Rai3 (una corazzata pubblica, non una tivvù rionale) dal sempre più canuto e bianco Fabio Fazio?

Ebbene, il Mago-Massone di Provette & Capucci ha annunciato al mondo la novella del secolo, anzi del millennio: fino ad oggi si è registrato un solo morto al mondo, 1 di numero, in seguito alla somministrazione di un vaccino anti covid.

Peccato che a Stoccolma la notizia non sia giunta appena qualche ora prima: altrimenti l’assegnazione del Nobel per la Medicina sarebbe stata più che mai ovvia e scontata, finendo dritta tra le braccia dell’allergologo. E chissenefrega se è anche in palese conflitto d’interesse, sfornando brevetti per le case farmaceutiche a bordo della sua Pomona.

A proposito: i nostri morti per covid, secondo il Verbo del Vate, non esistono. Sono semplici fantasmi, come nel caso di Camilla.

E i feti morti? Le 2000 creature americane finite all’altro mondo anzitempo? A quanto pare, ugualmente, non esistono, sono realtà assolutamente metafisiche, secondo il Burioni-pensiero.

O no?


Scopri di più da La voce Delle Voci

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento