Vaccini – Rockefeller contro la “disinformazione”

Il Chirurgo Generale degli Stati Uniti ha emesso un avviso invitando le aziende tecnologiche a reprimere ciò che l’ufficio ha definito «disinformazione» sui vaccini. Lo stesso giorno, la Fondazione Rockefeller ha annunciato 13,5 milioni di dollari in nuovi finanziamenti per combattere la «disinformazione e le informazioni fuorvianti» sui vaccini.

 

Il Chirurgo Generale degli Stati Uniti, il dott. Vivek Murthy, ha divulgato un avvertimento al pubblico americano sulla «minaccia incombente» di informazioni fuorvianti e disinformazione sanitaria che hanno «minacciato la risposta degli Stati Uniti al COVID-19 e continuano a impedire agli americani di vaccinarsi, prolungando la pandemia e mettendo a rischio la vita».

 

L’avviso di 22 pagine invita Big Tech e le società di social media ad assumersi maggiori responsabilità per fermare la diffusione online della disinformazione in materia sanitaria.

 

Nell’avviso si accusa la «disinformazione» di aver indotto le persone a rifiutare i vaccini COVID, a rifiutare misure di salute pubblica come l’uso delle mascherine e il distanziamento fisico e l’utilizzo di trattamenti non provati.

«Possiamo migliorare significativamente l’ambito delle informazioni sanitarie anche senza una definizione unanime di disinformazione»

Murthy, che opera sotto il Dipartimento della salute e dei servizi umani (HHS), ha dichiarato in un comunicato stampa: «come Chirurgo Generale, il mio lavoro è aiutare le persone a rimanere al sicuro e in salute, e se non limitiamo la diffusione della disinformazione sanitaria, le vite americane sono a rischio».

 

Secondo il comunicato stampa dell’HHS, se la «disinformazione sulla salute» è falsa, imprecisa o fuorviante sarà determinato dalle «migliori prove disponibili».

 

L’avviso ha inoltre definito lo standard delle «migliori prove disponibili» come il punto di riferimento preferito perché «le affermazioni possono essere altamente fuorvianti e dannose anche se la scienza su un problema non è ancora definitiva».

 

«Possiamo migliorare significativamente l’ambito delle informazioni sanitarie anche senza una definizione unanime di disinformazione», ha affermato Murthy.

 

L’intero avviso fornisce raccomandazioni per famiglie, operatori sanitari, ricercatori, educatori, media, finanziatori, piattaforme governative e tecnologiche e sollecita le persone ad assumersi la responsabilità di limitare la diffusione della disinformazione.

 

L’avviso chiede alle società di media e social media di aumentare il personale per moderare i post, amplificare le voci preferite, migliorare gli algoritmi per affrontare la disinformazione, moderare i live streaming e imporre «chiare conseguenze per gli account che violano ripetutamente le politiche della piattaforma».

 

Le scuole e le istituzioni educative sono incoraggiate a reprimere la disinformazione educando le persone sulle «tattiche utilizzate da coloro che negano il consenso scientifico sui problemi di salute» e «parlano di cospirazioni».

Le scuole e le istituzioni educative sono incoraggiate a reprimere la disinformazione educando le persone sulle «tattiche utilizzate da coloro che negano il consenso scientifico sui problemi di salute» e «parlano di cospirazioni».

 

In un’intervista con NPR, Murthy ha affermato che gli americani devono fare la loro parte per combattere la disinformazione. «Il COVID ha davvero messo a fuoco l’intera portata del danno che la disinformazione in materia sanitaria sta provocando», ha affermato Murthy prima della pubblicazione dell’avviso.

 

Gli avvisi del Chirurgo Generale sono riservati a problemi significativi per la salute pubblica che richiedono un’attenzione immediata.

 

In una conferenza stampa della Casa Bianca, l’addetta stampa Jen Psaki ha puntato il dito contro Facebook mettendo in evidenza la necessità di fare di più per combattere la disinformazione sul vaccino COVID sulla sua piattaforma.

 

«Facebook deve muoversi più rapidamente per rimuovere i post che violano le regole», ha affermato Psaki. «I post che rientrano nelle politiche di rimozione spesso rimangono attivi per giorni. È troppo. Le informazioni si diffondono troppo rapidamente», ha detto.

 

Una fonte della CNN ha affermato che i funzionari di Biden hanno comunicato a Facebook le loro preoccupazioni sulla disinformazione riguardo i vaccini e hanno concluso che il gigante della tecnologia o non le stava «prendendo molto sul serio, o stanno nascondendo qualcosa» per quella che considerano la riluttanza di Facebook ad affrontare la disinformazione sui vaccini.

 

La fonte ha indicato come Robert F. Kennedy Jr., cofondatore e presidente di Children’s Health Defense, sia stato bandito da Instagram, che è di proprietà di Facebook, ma non da Facebook stesso.

 

Il portavoce di Facebook ha dichiarato alla CNN: «Non disattiviamo automaticamente gli account nelle nostre app, perché gli account potrebbero pubblicare cose diverse sui nostri diversi servizi».

 

In un’intervista rilasciata oggi a The Defender, Kennedy ha dichiarato:

 

«Sono molto felice di discutere con il Chirurgo Generale o di confrontare i miei fatti con i suoi e consentire al pubblico di giudicare chi di noi è la fonte della disinformazione – chi è la fonte di tutta la disinformazione, l’informazione fuorviante e l’offuscamento sui vaccini. Vorrei anche ricordare al Chirurgo Generale che la censura da parte del governo non è solo antiamericana, è incostituzionale, e dovrebbe avere fiducia nelle sue politiche nel mercato delle idee e non dover fare affidamento sulla coercizione».

 

Kennedy ha affermato che non spetta al governo o alla CNN decidere. Ha detto:

«È un cammino pericoloso per la democrazia quando permettiamo ai funzionari del governo e alla CNN, che è completamente dipendente dalla pubblicità farmaceutica, di dire agli americani che non sono autorizzati a criticare i prodotti farmaceutici: nessuna responsabilità, prodotti farmaceutici sperimentali» Robert F. Kennedy

 

«È un cammino pericoloso per la democrazia quando permettiamo ai funzionari del governo e alla CNN, che è completamente dipendente dalla pubblicità farmaceutica, di dire agli americani che non sono autorizzati a criticare i prodotti farmaceutici: nessuna responsabilità, prodotti farmaceutici sperimentali».

 

Psaki ha chiesto a Facebook di rendere pubbliche più informazioni su chi e quante persone vedono e interagiscono con ciò che l’amministrazione definisce «disinformazione» sul COVID.

 

La fonte della CNN ha affermato che i funzionari dell’amministrazione erano frustrati da ciò che considerano i fallimenti di Facebook nel sostenere le proprie politiche sulla disinformazione riguardante i vaccini: la società spesso non agisce abbastanza velocemente o è incoerente nella sorveglianza della violazione dei contenuti, lamentano i funzionari.

 

 

La Fondazione Rockefeller investe 13,5 milioni di dollari per una campagna di disinformazione

Lo stesso giorno in cui il Chirurgo Generale ha emesso il suo avviso, la Fondazione Rockefeller ha diramato un comunicato stampa che annunciava nuovi finanziamenti per 13,5 milioni di dollari, tra le altre cose, per «contrastare le informazioni fuorvianti e la disinformazione sanitaria – informazioni confuse, imprecise e dannose che si diffondono a un ritmo senza precedenti» per velocità e portata e minaccia la salute e il benessere delle comunità di tutto il mondo.

 

La Fondazione ha citato l’appello del Chirurgo Generale per uno «sforzo dell’intera società» in modo che le persone di tutto il mondo sappiano cosa fare e che possano fidarsi delle fonti che ascoltano durante un’emergenza di salute pubblica, come la pandemia di COVID.

 

«Identificando la disinformazione e le informazioni fuorvianti come una sfida per la salute collettiva, la guida del Chirurgo Generale rafforza il ruolo della Fondazione Rockefeller nell’investire in interventi di salute pubblica basati sui dati per affrontare le sfide uniche dell’ambiente mediatico odierno», ha affermato Bruce Gellin, direttore della fondazione che si occupa della strategia globale per la salute pubblica.

Lo stesso giorno in cui il Chirurgo Generale ha emesso il suo avviso, la Fondazione Rockefeller ha annunciatonuovi finanziamenti per 13,5 milioni di dollari per «contrastare le informazioni fuorvianti e la disinformazione sanitaria»

 

La fondazione ha affermato che il finanziamento «servirà per la progettazione e la valutazione di interventi, strumenti e metodi per creare fiducia negli sforzi di vaccinazione contro il COVID e contrastare informazioni e ricerche imprecise al fine di comprendere come le informazioni sanitarie inaccurate influiscano sui comportamenti online e offline, il vero costo di informazioni errate e della disinformazione sugli esiti sanitari ed economici e quali strategie potrebbero essere più efficaci per contrastare e gestire informazioni imprecise e dannose provenienti da fonti malevole».

Informazioni dettagliate dovrebbero essere divulgate entro la fine del 2021, ha affermato la fondazione.

 

 

FONTE

articolo  di

Megan Redshaw

per 

Children’s Health Defense.

Tradotto e pubblicato da

Renovatio 21  

 


Scopri di più da La voce Delle Voci

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento