Gli italiani così belli colorati

Giovanni Rossi, uno dei tanti, un giorno dopo la laurea era già alla Silicon Valley, ingaggiato dal colosso che produce una preziosa componentistica per auto a trazione elettrica. Con lui Leila, la giovane sposa e dopo un anno con loro il piccolo Federico, cittadino americano a pieno titolo. Il ‘fatto’ della premessa quasi in tutto il mondo è la normalità dello ius soli, ovvero del diritto a diventare americano, tedesco, norvegese, di chi nasce in un Paese o ne diventa stabile cittadino, dopo un certo numero di anni, parla la lingua del posto, studia e lavora al pari dei ‘locali’.Quasi tutti i paesi del continente americano applicano lo ius soli in modo automatico e senza condizioni. Oltre agli Stati Uniti, il Canada e quasi tutta l’America latina. In alcuni paesi europei (Francia, Germania, Irlanda e Regno Unito, Grecia, Portogallo) i figli di immigrati acquisiscono la cittadinanza se i genitori sono residenti da almeno 5 anni e ‘ius soli’ automatico alla terza generazione di immigrati. Con la seconda si può accedere alla cittadinanza dalla nascita, su richiesta. L’Italia un po’ razzista-un po’ fascista, si oppone tenacemente a  riconoscere  questo diritto universale, ma in splendida antitesi lo stesso Paese esplode in un gioioso, esuberante entusiasmo per Marcel Jacobs, re dell’atletica olimpica e impazzisce per le imprese calcistiche dei Lukaku, Koulibaly. Forse è per loro è solo tifo calcistico e non si traduce nel considerare italiani i giovani e giovanissimi talenti, estirpati dalla loro terra e portati in Italia come investimento a tempi medi e lunghi. Jacob non è il solo ‘straniero’ in patria, uno dei nostri che ama l’Italia come la sua patria. Nello sport (anche in atletica, oltre a Jacob) nello star system cinetelevisivo e con numeri crescenti nelle fabbriche, nelle campagne, la presenza di volti dal bel colore nero è la base primaria di sostegno a larga parte della nostra economia. A Tokio belli i volti raggianti, belle le lacrime di commozione e la mascherina che andava su e giù mentre Marcel intonava l’inno italiano. Sorprendente l’accoglienza al suo arrivo a Fiumicino, all’oro dell’atleta più veloce del mondo. Sarebbe bello, molto di più se Mattarella, che riceverà i nostri atleti di ritorno da Tokio, potesse unire alle congratulazioni l’annuncio che l’ostracismo della destra allo jus soli è stato sconfitto dalla ‘mejo gente (per dirlo alla romana) d’Italia, così da risarcire quanti scelgono il Bel Paese del lavoro, dello sport, dell’accoglienza e lasciano le loro tormentate terre d’origine. Grazie Jacobs, grazie a tutti voi in maglia azzurra, con il tricolore attorno alle spalle di atleti, negli occhi l’orgoglio di ringraziare così l’Italia che vi accoglie.


Scopri di più da La voce Delle Voci

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento