Insulti di decelebrati

La premessa è d’obbligo. Orde di neofascisti, malavitosi e violenti repressi, s’intrufolano nel marasma incontrollato delle tifoserie, ne diventano padroni, provocano risse e gareggiano nel turpe esercizio di insulti razzisti. Il fenomeno è prevalente in stadi del nord, in città che discriminano nel terzo millennio i meridionali, per idiozia preconcetta e in qualche caso, non sporadico, perché infastiditi dalle qualità in tutti i campi della gente del Sud. Non ne è esente neppure la tifoseria notoriamente fascista della Lazio e l’ennesima conferma è cronaca di questi giorni. Un calciatore di straordinarie doti, qual è l’albanese ormai italianizzato Hysaj, dopo aver regalato al Napoli anni di produttività calcistica ad alto livello, ha indotto la Lazio a ingaggiarlo per dare solidità al suo reparto difensivo. Hysaj, bravo terzino e persona irreprensibile, per essersi presentato cantando ‘Bella ciao’ è stato insultato sui social dai tifosi biancocelesti. Inserito nel collettivo allenato da Sarri, come fanno molti milioni di amanti della libertà in tutto il mondo, singolarmente o i gruppi sociali coesi, durante la cena di presentazione ai compagni ha intonato ‘Bella ciao’ (cantare una canzone del nuovo venuto è un rituale consolidato). Solo i nostalgici del Ventennio insultano come inno comunista un brano fortemente anti-fascista, un canto tradizionale italiano della Resistenza, in difesa dei valori della libertà e della lotta agli invasori. I compagni di squadra ha pubblicato il video di Hysaj e la feccia della tifoseria notoriamente di estrema destra della Lazio si è prodotta in un delirante campionario di insulti. I meno vietati dalla decenza: “Preferisco giocare in 10“. “Magari se spacca un crociato”. “A 5 anni de contratto anch’io divento comunista forte”. Per fortuna le risposte danno ragione a chi pensa a ‘Bella ciao’ come un canto di libertà: “Bella ciao antifascista, come è la Costituzione a cui ogni tanto vi appellate per i vostri porci comodi”. “La Lazio è la Lazio, la politica è la politica. Tenerle ben separate dovrebbe essere una regola aurea. E voi avete colto l’ennesima occasione per farci travolgere da una valanga di sterco”. “Ignoranti decelebrati”. “Quando si dice la Lazio è altro, appunto, la Lazio è altro. Non è fascista come voi. Topi de fogna”. “Quindi, o cambiate idea su cosa è il fascismo, oppure andate a tifare la Roma, creata dal vostro Mussolini. Fuori i fascisti dalla tifoseria!

“Una mattina / mi son svegliato / o bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao…” Il calcio ha un giustificato, globale ascendente emotivo su qualche miliardo di appassionati, ma anche buchi neri, degenerazioni, intrusioni di mascalzoni a distanza siderale dallo spirito affratellante dello sport. Questa volta è toccato subirli a un bravo e corretto calciatore albanese, molte, troppe altre, a campioni che esaltano con la loro classe il livello qualitativo dei nostri campionati e solo perché è nero il colore della loro pelle. Giusta la condanna del cincischiare degli azzurri al momento di inginocchiarsi per dimostrare di schierarsi contro ogni discriminazione.


Scopri di più da La voce Delle Voci

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento