Il Corno d’Africa: la prossima primavera araba di Washington?

Il Dipartimento di Stato di Biden ha appena nominato il diplomatico di carriera Jeffrey Feltman inviato speciale per il Corno d’Africa. Data la polveriera geopolitica nella regione e data l’oscura storia di Feltman, specialmente in Libano e durante i famigerati interventi della Primavera Araba della CIA dopo il 2009, la questione rilevante è se Washington abbia deciso di far esplodere l’intera regione dall’Etiopia fino all’Egitto in un ripetere il caos siriano solo molto più pericoloso. E non sono solo gli Stati Uniti ad essere attivi nella regione. 

 

Il gruppo di Paesi africani che si estende da Etiopia, Eritrea, Gibuti e Somalia, a cavallo del Golfo di Aden e del Mar Rosso, geopoliticamente strategico, comprende il Corno d’Africa formale.

 

È esteso politicamente ed economicamente spesso per includere il Sudan, il Sud Sudan, il Kenya e l’Uganda. Questa regione è strategica tra le altre ragioni in quanto sorgente del Nilo, il fiume più importante dell’Africa, che scorre a circa 4100 miglia a nord del Mediterraneo in Egitto.

Questa regione è strategica tra le altre ragioni in quanto sorgente del Nilo, il fiume più importante dell’Africa, che scorre a circa 4100 miglia a nord del Mediterraneo in Egitto

 

Il Corno d’Africa è anche una porta di accesso ai principali flussi marittimi mondiali attraverso il Mar Rosso e il Canale di Suez verso il Mediterraneo. Il recente bizzarro blocco di un’enorme nave portacontainer che ha bloccato per giorni il canale, sostenendo una parte significativa del commercio mondiale, è indicativo dell’importanza della regione.

 

 

Un vulcano politico

Il Corno d’Africa sta chiaramente diventando il bersaglio di una nuova ondata di destabilizzazione aperta e nascosta. Ora che i Democratici hanno ripreso il controllo della Presidenza degli Stati Uniti, gli interventi nella regione che hanno raggiunto il culmine nel 2015, con la guerra per procura degli Stati Uniti in Siria e l’installazione di regimi dei Fratelli Musulmani sostenuti dagli Stati Uniti in Egitto, Tunisia, Libia nelle rivoluzioni colorate della primavera araba, denominate erroneamente, stanno apparentemente tornando una priorità assoluta di Washington.

 

La nomina delle Nazioni Unite del febbraio 2021 di Volker Perthes come rappresentante speciale delle Nazioni Unite per il Sudan e la nomina a giugno del Dipartimento di Stato dell’amministrazione Biden di Jeffrey Feltman come rappresentante speciale degli Stati Uniti per il Corno d’Africa segnalano che ciò viene messo in atto. Feltman e Perthes hanno lavorato a stretto contatto nelle operazioni nere durante la primavera araba per la distruzione del Libano e la destabilizzazione di Bashar al-Assad in Siria. Entrambi avrebbero lavorato a stretto contatto anche con la CIA.

 

Feltman e Perthes hanno lavorato a stretto contatto nelle operazioni nere durante la primavera araba per la distruzione del Libano e la destabilizzazione di Bashar al-Assad in Siria. Entrambi avrebbero lavorato a stretto contatto anche con la CIA

Accettando il suo nuovo incarico ad aprile, uscendo dal «semi-pensionamento», Feltman ha detto in particolare alla rivista Foreign Policy che la regione aveva il potenziale per trasformarsi in una crisi regionale in piena regola che avrebbe fatto sembrare la Siria un «gioco da ragazzi».

 

Feltman ha dichiarato: «L’Etiopia ha 110 milioni di persone. Se le tensioni in Etiopia dovessero sfociare in un conflitto civile diffuso che va oltre il Tigray, la Siria sembrerebbe un gioco da ragazzi al confronto». Ha delineato il suo obiettivo previsto: «In termini di attenzione immediata, senza dubbio, deve essere prestata attenzione al Tigrè», aggiungendo che le sue altre priorità principali erano la disputa sul confine Etiopia-Sudan e le tensioni sulla Grande diga rinascimentale etiope .

 

Ecco le premesse per la destabilizzazione dell’Africa e dell’intera regione.

 

Guerra del Tigrè

Le potenze occidentali, incluso il National Endowment for Democracy del governo degli Stati Uniti, stanno preparando silenziosamente la prossima destabilizzazione da diversi anni. Un passo chiave è stato il cambio di regime del 2018 in Etiopia.

 

Le potenze occidentali, incluso il National Endowment for Democracy del governo degli Stati Uniti, stanno preparando silenziosamente la prossima destabilizzazione da diversi anni. Un passo chiave è stato il cambio di regime del 2018 in Etiopia

In un complesso accordo, la coalizione al governo della minoranza di etnia tigrina ha deciso, dopo mesi di protesta ben organizzata, di cedere il potere a un’ampia coalizione che includeva i suoi acerrimi oppositori del gruppo etnico Oromo.

 

Il Tigrè nel nord contiene una minoranza del 6% in Etiopia e gli Oromo sono la minoranza più grande con il 34%. Nell’aprile 2018, sotto la grande pressione internazionale e il chiaro intervento di cambio di regime del NED, il Fronte di liberazione del popolo del Tigrè che aveva governato con pugno di ferro dal 2012, è stato costretto a dimettersi e concordare una coalizione di transizione fino alle elezioni che si terranno nel 2020. Abiy Ahmed dell’ampio Fronte Democratico Rivoluzionario del Popolo etiope e primo Oromo ad essere primo ministro, ha immediatamente iniziato a sostituire la coalizione EPRDF che è stata dominata dal TPLF con un nuovo Partito della Prosperità sotto il suo dominio.

 

Qui si complica. Uno dei suoi primi atti come Primo Ministro è stata una mossa mediata dagli Stati Uniti per porre fine a una guerra di 20 anni con la vicina Eritrea e firmare un trattato che ha fatto vincere il premio Nobel per la pace all’educato britannico Abiy. L’Eritrea ha combattuto una guerra di 30 anni fino al 1991 per l’indipendenza dall’Etiopia. Le controversie di confine tra la regione del Tigrè e l’Eritrea hanno mantenuto i due in guerra fino all’accordo di pace di Abiy.

 

Sospettosamente, Abiy ha escluso il TPLF dai colloqui di pace. Ora si sostiene che Abiy avesse un motivo sinistro per muoversi contro il ben armato governo regionale del Tigrè. In effetti, un volonteroso governo eritreo si era presto arruolato per creare un brutale assalto su due fronti alle forze del Tigrè.

 

In un complesso accordo, la coalizione al governo della minoranza di etnia tigrina ha deciso, dopo mesi di protesta ben organizzata, di cedere il potere a un’ampia coalizione che includeva i suoi acerrimi oppositori del gruppo etnico Oromo.

Nell’agosto 2020, quando Abiy ha rotto l’accordo di transizione per le elezioni nazionali, la regione del Tigrè ha ignorato il rinvio a tempo indeterminato e ha tenuto le elezioni regionali del Tigray, uniti dalle forze eritree contro i tigrini.

 

Il gruppo del Tigrè ha accusato il premio Nobel per la pace Abiy di essersi mosso per creare una dittatura Oromo. Il popolo Oromo era un obiettivo principale del governo del Tigrè prima di dimettersi nel 2018. L’accordo di transizione, un po’ come quello sotto Mandela in Sudafrica, era un accordo di riconciliazione nazionale nonostante le ingiustizie del passato.

 

Ha anche promesso alla regione del Tigrè l’autonomia politica e la protezione contro le forze straniere (cioè eritree). Ma piuttosto che prepararsi per libere elezioni per creare uno stato veramente federale come concordato, Abiy ha iniziato a «eliminare e perseguitare molti membri chiave del TPLF, inclusi generali dell’esercito e imprese. Ciò ha portato le élite del TPLF e della maggioranza del Tigrè a credere di essere state ingannate e a rinunciare al potere con false promesse», come ha descritto Jawar Mohammed, un architetto della riconciliazione e uno dei principali organizzatori delle proteste etiopi del 2016.

 

Questo è lo sfondo generale della situazione attuale. Jawar, un Oromo, ha coordinato le proteste dagli Stati Uniti, dove aveva sede il suo Oromia Media Network di TV satellitare con sede a Minneapolis. Dopo essere tornato ad Addis Abeba nel 2018 acclamato un eroe del movimento di liberazione, il Jawar istruito a Stanford è stato incarcerato nel settembre 2020 come terrorista con un falso pretesto da Abiy.

 

La tendenza di Abiy per il potere stava diventando chiara.

 

 

La maledetta diga

Mentre consolidava il potere, Abiy si rifiutò anche di negoziare un compromesso su una delle questioni più esplosive in Africa: la costruzione dell’enorme Grand Ethiopian Renaissance Dam (GERD) che, una volta completata, ha il potenziale non solo di generare elettricità per l’Etiopia, ma anche per tagliare l’acqua vitale dal Nilo al Sudan e all’Egitto. Per Abiy la diga GERD è un simbolo della sua spinta a creare un’unità nazionale attorno al suo governo.

 

Mentre consolidava il potere, Abiy si rifiutò anche di negoziare un compromesso su una delle questioni più esplosive in Africa: la costruzione dell’enorme Grand Ethiopian Renaissance Dam (GERD) che, una volta completata, ha il potenziale non solo di generare elettricità per l’Etiopia, ma anche per tagliare l’acqua vitale dal Nilo al Sudan e all’Egitto

La costruzione della Grande Diga Rinascimentale Etiope (GERD) sul Nilo Azzurro, che fornisce l’85% dello scarico del Nilo, è iniziata nel 2011 con un costo stimato di 4,9 miliardi di dollari. Dista circa 30 chilometri dal confine con il Sudan. Il regime di Abiy ha finora rifiutato ogni tentativo di negoziazione sulla diga con Egitto e Sudan.

 

Per circa 100 milioni di egiziani, le acque del Nilo sono la loro «unica fonte di sostentamento». Più del 90% dell’acqua in Egitto proviene dal Nilo Azzurro. L’Egitto ha chiesto l’intervento dell’Onu, che l’etiope Abiy respinge senza riserve.

 

Abiy ha iniziato a riempire la diga, un processo che richiederà circa 5-7 anni, senza alcuna consultazione sul tasso di riempimento o su altre caratteristiche vitali con il Sudan o l’Egitto. L’Egitto ha minacciato una possibile azione militare così come il Sudan.

 

 

Ecco Jeffrey Feltman

In questa regione esplosiva ora il Dipartimento di Stato di Biden ha inviato l’inviato speciale Jeffrey Feltman per occuparsi del Corno d’Africa.

 

Feltman, in collaborazione con l’allora capo del think-tank di politica estera finanziato dal governo tedesco, SWP, Volker Perthes, uno specialista della Siria, ha portato avanti la primavera araba Obama-Clinton in tutto il Medio Oriente, dal Cairo a Tripoli e oltre. Il loro obiettivo dopo il 2011 era rovesciare Bashar al-Assad in Siria e trasformare il Paese in macerie con il sostegno di Erdogan, Arabia Saudita e Qatar. Il loro scopo era portare al potere i Fratelli Musulmani (vietati in Russia) in tutto il Medio Oriente

Feltman ha una storia torbida, persino oscura. Secondo l’analista strategico francese Thierry Meyssan che viveva a Damasco, Feltman come ambasciatore degli Stati Uniti in Libano nel 2005 ha organizzato l’assassinio dell’ex primo ministro Rafic Hariri. Ha organizzato una commissione delle Nazioni Unite che ha suggerito che il siriano Assad fosse coinvolto nel crimine, parte di un piano degli Stati Uniti per dividere il Libano dalla protezione della Siria. Feltman ha quindi organizzato una rivoluzione colorata, soprannominata la rivoluzione dei cedri, chiedendo alle forze armate e di sicurezza siriane di lasciare il Libano.

 

Feltman, in collaborazione con l’allora capo del think-tank di politica estera finanziato dal governo tedesco, SWP, Volker Perthes, uno specialista della Siria, ha portato avanti la primavera araba Obama-Clinton in tutto il Medio Oriente, dal Cairo a Tripoli e oltre. Il loro obiettivo dopo il 2011 era rovesciare Bashar al-Assad in Siria e trasformare il Paese in macerie con il sostegno di Erdogan, Arabia Saudita e Qatar. Il loro scopo era portare al potere i Fratelli Musulmani (vietati in Russia) in tutto il Medio Oriente.

 

Feltman era allora assistente del segretario di Stato per gli affari del Vicino Oriente sotto il segretario Clinton. I due, Feltman e Perthes, hanno continuato la loro collusione sul cambio di regime sotto gli auspici delle Nazioni Unite dopo il giugno 2012, quando Feltman è stato nominato sottosegretario generale per gli affari politici, posizione che ha ricoperto fino all’aprile 2018.

 

Feltman alle Nazioni Unite aveva un budget di 250 milioni di dollari per intervenire laddove vedeva una necessità  «ONU», e la Siria era in cima alla sua lista. Il posto delle Nazioni Unite ha distolto l’attenzione dal ruolo di Washington nelle destabilizzazioni della primavera araba. Ha supervisionato il reclutamento di decine di migliaia di mercenari islamisti di Al Qaeda, ISIS (organizzazioni terroristiche, entrambe vietate in Russia) e altri terroristi stranieri per distruggere Assad e la Siria.

 

Faceva parte di una top secret Obama Presidential Study Directive-11 (PDS-11) del 2010 che chiedeva il sostegno di Washington alla setta paramilitare segreta fondamentalista dei Fratelli musulmani islamici in tutto il mondo musulmano del Medio Oriente e, con essa, lo scatenamento di un regno di terrore che avrebbe cambiato il mondo intero.

Feltman faceva parte di una top secret Obama Presidential Study Directive-11 (PDS-11) del 2010 che chiedeva il sostegno di Washington alla setta paramilitare segreta fondamentalista dei Fratelli musulmani islamici in tutto il mondo musulmano del Medio Oriente e, con essa, lo scatenamento di un regno di terrore che avrebbe cambiato il mondo intero

 

Feltman, lavorando in silenzio con Perthes che è diventato inviato speciale delle Nazioni Unite in Siria dal 2015 al 2016 sotto Feltman, ha organizzato l’opposizione siriana e il sostegno finanziario per reclutare ISIS e Al Qaeda dall’estero per distruggere il regime siriano aiutato dalla Turchia.

 

Il progetto ha incontrato un grosso ostacolo dopo il settembre 2015 quando la Russia, su richiesta del governo siriano, è entrata nella guerra siriana. Nel maggio 2021, l’Unione Europea ha rinnovato per un anno le sue sanzioni contro qualsiasi persona o impresa che partecipa alla ricostruzione della Siria, in conformità con le istruzioni segrete emesse, nel 2017, da Jeffrey Feltman quando era sottosegretario generale delle Nazioni Unite. Il documento è stato reso pubblico nel 2018 dal ministro degli Esteri russo Lavrov.

 

Ora Feltman è tornato nella regione come inviato nel Corno d’Africa. Il suo vecchio co-cospiratore, Volker Perthes, dal febbraio 2021 è ufficialmente Rappresentante Speciale delle Nazioni Unite del Segretario Generale per il Sudan.

 

Per completare la vecchia squadra per il cambio di regime, il Dipartimento di Stato di Biden ha nominato Brett H. McGurk capo del Consiglio di sicurezza nazionale per il Vicino Oriente e il Nord Africa. Quando Feltman stava organizzando la Primavera Araba e la distruzione della Siria, McGurk è stato Vice Assistente Segretario di Stato per l’Iraq e l’Iran dal 2014 a gennaio 2016. McGurk ha precedentemente lavorato come consigliere nel 2004 per l’ambasciatore iracheno John Negroponte e il generale David Petraeus per organizzare il Guerra civile tra sunniti e sciiti in Iraq che ha portato alla successiva creazione dell’ISIS.

 

 

E la Cina…

Il raggruppamento della squadra di Feltman ora nella regione del Corno d’Africa suggerisce che le prospettive per una pace e una stabilità durature sono davvero cupe.

Resta da vedere come la Cina, il Paese con i maggiori investimenti non solo in Etiopia, ma anche in Eritrea, Sudan ed Egitto, reagirà ai nuovi schieramenti statunitensi nel Corno d’Africa. Praticamente tutto il commercio marittimo tra la Cina e l’Europa passa dal Corno d’Africa lungo il Mar Rosso verso il Canale di Suez egiziano

 

Come ha detto Feltman, il Corno d’Africa potrebbe far sembrare la Siria un «gioco da ragazzi». Resta da vedere come la Cina, il Paese con i maggiori investimenti non solo in Etiopia, ma anche in Eritrea, Sudan ed Egitto, reagirà ai nuovi schieramenti statunitensi nel Corno d’Africa. Praticamente tutto il commercio marittimo tra la Cina e l’Europa passa dal Corno d’Africa lungo il Mar Rosso verso il Canale di Suez egiziano.

 

La Cina ha esteso ben oltre 1 miliardo di dollari in crediti per costruire la rete elettrica dalla diga GERD alle città dell’Etiopia. Pechino era di gran lunga il più grande investitore straniero durante il governo del TPLF del Tigrè con circa 14 miliardi di dollari in vari progetti a partire dal 2018.

 

Dall’accordo di pace con l’Etiopia, la Cina ha acquistato due importanti miniere in Eritrea per oro, rame e zinco.

 

In precedenza Pechino era il più grande investitore in Eritrea durante gli anni della guerra con l’Etiopia e ha investito nella modernizzazione del porto eritreo di Massaua per esportare rame e oro dalle miniere cinesi.

 

In Sudan, dove le compagnie petrolifere cinesi sono attive da più di due decenni, la Cina ha una quota importante sia in Sudan che in Sud Sudan.

In precedenza Pechino era il più grande investitore in Eritrea durante gli anni della guerra con l’Etiopia e ha investito nella modernizzazione del porto eritreo di Massaua per esportare rame e oro dalle miniere cinesi

 

In Egitto, dove il presidente Al-Sisi ha formalmente aderito alla Belt and Road cinese, ci sono anche importanti legami con investimenti cinesi nella regione del Canale di Suez, terminal portuali per container, telecomunicazioni, ferrovie leggere e centrali elettriche a carbone fino a 20 miliardi di dollari. E solo per aumentare la complessità, dal 2017 la Marina Militare dell’Esercito di Liberazione del Popolo cinese ha gestito la prima base militare cinese all’estero direttamente adiacente alla base della Marina Militare USA a Camp Lemonnier a Gibuti nel Corno d’Africa.

 

Tutto ciò crea un cocktail geopolitico di dimensioni inquietanti, e Washington non sta portando nei cocktail bar i diplomatici più onesti, ma piuttosto specialisti del cambio di regime come Jeffrey Feltman.

 

William F. Engdahl

 

 

FONTE

Renovatio 21 ha tradotto e pubblicato questo articolo di William F. Engdahl.

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richiest


Scopri di più da La voce Delle Voci

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento