Vaccini – Decessi sottostimati: sono molti di più

Secondo il Dr. Peter McCullough i decessi causati dai vaccini COVID potrebbero essere molto superiori ai dati ufficiali

“Finora siamo a più di 5.000 morti e a circa 15.000 ricoveri. Stiamo lavorando con i dati del Center for Medicaid (CMS), e abbiamo forti sospetti che i numeri reali siano dieci volte tanto.”

 

In una straordinaria intervista della scorsa settimana, il dottor Peter McCullough, professore americano di medicina e aiuto di medicina interna alla Baylor University, ha dichiarato che il mondo è stato sottoposto ad una forma di bioterrorismo e che la soppressione dei trattamenti precoci per la COVID-19 – come l’idrossiclorochina – “è strettamente correlata allo sviluppo di un vaccino.”

Il Dr. McCullough ha rilasciato questi esplosivi commenti l’11 giugno scorso, durante un webinar con il Dr. Reiner Fuellmich, un avvocato tedesco che crede che la pandemia sia stata pianificata e che sia “un crimine contro l’umanità.”

Il processo di Norimberga 2.0 è in preparazione: L’OMS e i leader mondiali dovranno rispondere di ‘crimini contro l’umanità’. [Sulla class-action patrocinata da Fuellmich c’era già stato un articolo su CDC]

Secondo McCullough questo atto di bioterrorismo si sarebbe sviluppato in due fasi – la prima ondata era stata la diffusione del coronavirus, la seconda il lancio [e la promozione forzata] di questi pericolosi vaccini, che, a suo avviso, sarebbero responsabili della morte di un numero enorme di Americani, forse anche 50.000.

Il dottor McCullough che è specialista in medicina interna e in cardiologia, è l’editore di Reviews in Cardiovascular Medicine, senior editor dell‘American Journal of Cardiology, editore del libro di testo Cardiorenal Medicine, e presidente della Cardiorenal Society.

La prima ondata di bioterrorismo era stata caratterizzata da un virus respiratorio diffusosi in tutto il mondo e che aveva interessato relativamente poche persone – circa l’uno per cento in diverse popolazioni – ma che aveva generato grande paura,” ha spiegato McCullough durante un webinar di Oval Media con altri medici. Ha fatto notare che il virus aveva preso di mira “soprattutto le persone fragili e anziane, ma che nelle persone comunque in buona salute causava una patologia molto simile al comune raffreddore.”

Peter McCullough

Il Dr. McCullough ha poi detto di aver curato molti pazienti con la Covid, di aver scritto articoli su di essa, di averla contratta e di aver avuto un lutto in famiglia proprio a causa della COVID.

È del parere che la paura del virus sia stata usata sin dall’inizio come pretesto per attuare politiche, come l’imposizione di draconiani lockdown, che avrebbero avuto un enorme impatto sulla qualità della vita.

Tutto quello che è stato fatto nel campo della salute pubblica in risposta alla pandemia ha peggiorato la situazione,” ha sottolineato.

McCullough ha spiegato che, all’inizio, come medico responsabile del trattamento di pazienti affetti da COVID, aveva messo a punto un regime terapeeutico di primo intervento che aveva ridotto le degenze ospedaliere di circa l’85% e che aveva iniziato a pubblicare articoli sulla sua esperienza. Aveva però “incontrato forti resistenze a tutti i livelli” sia per il trattamento vero e proprio dei pazienti che per la pubblicazione dei suoi articoli.

Fortunatamente avevo abbastanza carisma e questo mi aveva permesso di pubblicare gli unici due articoli in tutta la letteratura medica dove si insegna ai medici come trattare i pazienti COVID-19 a domicilio per prevenire l’ospedalizzazione,” ha detto.

Quello che abbiamo scoperto è che la soppressione del trattamento precoce era strettamente legata allo sviluppo di un vaccino, e l’intero programma (in un certo senso la fase uno del bioterrorismo) era stato portato avanti proprio per mantenere la popolazione terrorizzata e in isolamento e per prepararla ad accettare il vaccino, che sembra essere la fase due di questa operazione di bioterrorismo.”

McCullough ha spiegato che sia il coronavirus che i vaccini “introducono nell’organismo, la proteina spike, il vero guadagno di funzione di questa operazione bioterroristica.

Ha riconosciuto che non poteva andare in pubblico e dire tutto questo sui canali della TV nazionale a causa della martellante campagna propagandistica portata avanti dell’establishment medico.

Quello che abbiamo imparato col tempo è che non potevamo più comunicare con le agenzie governative. In realtà non potevamo comunicare nemmeno con i nostri colleghi già vittime della propaganda nei principali centri medici, sembravano tutti sotto un incantesimo, come se fossero stati ipnotizzati.

Dei bravi medici stanno facendo cose impensabili, come iniettare nelle donne incinte un RNA messaggero biologicamente attivo che produce questa proteina spike patogena. Penso che quando questi medici si sveglieranno dalla loro trance, rimarranno scioccati nel pensare a ciò che hanno fatto alla gente,” ha aggiunto, ribadendo ciò che, insieme al dottor Harvey Risch, professore alla Yale School of Public Health, aveva detto il mese scorso alla conduttrice di Fox News, Laura Ingraham, durante un’intervista.

McCullough ha poi detto a Fuellmich che la scorsa estate aveva messo a punto un protocollo di trattamento precoce per evitare l’ospedalizzazione dei pazienti COVID che aveva comportato l’organizzazione di diversi gruppi di medici negli Stati Uniti e all’estero.

McCullough ha notato che alcuni governi avevano cercato di impedire a questi medici di fornire i trattamenti, ma che, con l’aiuto della Association of Physicians and Surgeons, erano stati in grado di pubblicare una guida per i pazienti domiciliari e, negli Stati Uniti, avevano organizzato quattro diversi servizi di tele-medicina e quindici servizi regionali di tele-medicina.

In questo modo, ha spiegato, le persone colpite dalla COVID-19 erano state in grado di utilizzare questi servizi e ottenere i farmaci di cui avevano bisogno dalle farmacie locali o dalle farmacie che utilizzavano la distribuzione per corrispondenza.

Senza che il governo capisse davvero cosa stava succedendo, abbiamo schiacciato la curva dell’epidemia negli Stati Uniti,” ha affermato McCullough.

Verso la fine di dicembre e nel mese di gennaio, ci siamo fondamentalmente occupati della pandemia, con circa 500 tra medici e servizi di telemedicina e, ad oggi, trattiamo circa il 25% della popolazione statunitense affetta da COVID-19 effettivamente ad alto rischio, quella oltre i 50 anni con problemi medici che provocano una sintomatologia grave.”

Il medico ha detto che il fatto di essere convinto che la soppressione del trattamento precoce fosse “strettamente legata” ai vaccini, era ciò che lo aveva convinto che la cosa più importante era mettere in guardia il pubblico proprio sui vaccini.

Sappiamo che questa è la fase due del bioterrorismo, non sappiamo chi c’è dietro, ma sappiamo che vogliono un ago in ogni braccio per iniettare RNA messaggero o DNA adenovirale in ogni essere umano,” ha detto. “Vogliono ogni singolo essere umano.”

Il medico ha poi avvertito che i vaccini sperimentali potrebbero, nel lungo periodo, portare a tumori e alla sterilizzazione delle giovani donne.

 

 

FONTE

articolo di

Debra Heine

per
humansarefree.com

 

pubblicato in

COVID-19FARMACI ALTERNATIVIVACCINI

da Markus

per comedonchisciotte.org

 


Scopri di più da La voce Delle Voci

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento