G7: Alla disperata ricerca di rilevanza

Gli interessi dietro l’ologramma che va sotto il nome di “Joeden” hanno un chiaro programma generale: irreggimentare le democrazie industrializzate – specialmente quelle in Europa – e mantenerle in sintonia per combattere quelle sotto controllo “autoritarie nazionali” alla sicurezza degli Stati Uniti “maligni” Russia e Cina.

È come un ritorno a quei giorni così stabili della Guerra Fredda degli anni ’70, con tanto di James Bond che combatte i diavoli stranieri ei Deep Purple che sovvertono il comunismo. Beh, i tempi stanno cambiando. La Cina è ben consapevole che ora   il Sud del mondo  “rappresenta quasi i due terzi dell’economia globale rispetto a un terzo dell’Occidente: negli anni ’70 era esattamente il contrario”.

Per il Sud, ovvero la stragrande maggioranza del mondo, il G7 è in gran parte irrilevante. Quello che conta è il G20.

La Cina, la crescente superpotenza economica, proviene dal Sud del mondo ed è leader nel G20. Nonostante tutti i loro problemi interni, gli attori dell’UE nel G7 – Germania, Francia e Italia – non possono permettersi di inimicarsi Pechino in termini economici, commerciali e di investimento.

Un G7 riavviato come crociata sinofobica non avrà acquirenti. Compreso il Giappone e gli ospiti speciali in Cornovaglia: la potenza tecnologica della Corea del Sud e dell’India e del Sud Africa (entrambi membri BRICS), hanno offerto la carota penzolante di una possibile adesione estesa.

Il pio desiderio e l’offensiva di pubbliche relazioni di Washington si riduce a vendersi come il primus inter pares dell’Occidente come leader globale rivitalizzato. Il motivo per cui il Sud del mondo non lo sta comprando può essere osservato, graficamente, da ciò che è accaduto negli ultimi otto anni. Il G7, e in particolare gli americani, semplicemente   non sono stati in grado di rispondere  all’ampia strategia commerciale/sviluppo pan-eurasiatica della Cina, la Belt and Road Initiative (BRI).

La “strategia” americana trascurare – demonizzazione 24 ore su 24, 7 giorni su 7 della BRI come una “trappola del debito” e una macchina del “lavoro forzato” – non l’ha tagliata. Ora, troppo poco troppo tardi, arriva uno schema del G7, che coinvolge “partner” come l’India, per “sostenere”, almeno in teoria, vaghi “progetti di alta qualità” in tutto il Sud del mondo: è la   Clean Green Initiative  , focalizzata sviluppo sostenibile e transizione verde, da discutere sia al G7 che ai vertici USA-UE.

Rispetto alla BRI, la Clean Green Initiative si qualifica come una strategia geopolitica e geoeconomica. BRI è stato approvato e collaborato da oltre 150 stati-nazione e organismi internazionali, e questo include più della metà dei 27 membri dell’UE.

I fatti sul campo raccontano la storia. La Cina l’ASEAN stanno per un accordo di “partner strategico globale”. Il commercio tra la Cina ei Paesi dell’Europa centrale e orientale (CCEC), noto anche come gruppo 17+1, che comprende 12 nazioni dell’UE,   continua ad aumentare . La Via della Seta Digitale, la Via della Seta della Salute e la Via della Seta Polare Se ad avanzare.

Quindi ciò che resta è il rumoroso brontolio occidentale sui vaghi investimenti nella tecnologia digitale – forse finanziati dalla Banca europea per gli investimenti, con sede in Lussemburgo – per tagliare la “portata autoritaria” della Cina nel sud del mondo.

Il vertice UE-USA potrebbe lanciare un “Consiglio commerciale e tecnologico” per coordinare le politiche su 5G, semiconduttori, catene di approvvigionamento, controlli sulle emissioni e norme e standard tecnologici. Un gentile promemoria: l’UE-USA semplicemente non controlla questo ambiente complesso. Hanno un disperato bisogno della Corea del Sud, di Taiwan e del Giappone.

 

Aspetti un attimo, signor Taxman

Per essere onesti, il G7 potrebbe aver reso un servizio pubblico a tutto il mondo quando i suoi ministeri delle finanze hanno raggiunto un presunto accordo “storico” sabato scorso a Londra su una tassa globale minima del 15% sulle società multinazionali (MNC).

Il trionfalismo  era d’obbligo – con infinite lodi profuse su “giustizia” e “solidarietà fiscale” insieme a cattive notizie per i vari paradisi fiscali.

Beh, è ​​leggeremente più complicato.

Questa tassa è discussa ai massimi livelli dell’OCSE a Parigi per oltre un fiscali, soprattutto perché gli stati-nazione stanno   perdendo  almeno 427 miliardi di dollari l’anno in evasioni da parte di multinazionali e multimiliardari assortiti. In termini di scenario europeo che non tiene conto anche della perdita dell’IVA per frode, cosa praticata allegramente da Amazon, tra gli altri.

Quindi non c’è da meravigliarsi se i ministeri delle finanze del G7 avevano nel mirino Amazon da 1,6 trilioni di dollari   . La divisione cloud computing di Amazon dovrebbe essere trattata come un’entità separata. In questo caso il mega gruppo tecnologico dovrà pagare più tasse sulle società in alcuni dei suoi più grandi mercati europei – Germania, Francia, Italia, Regno Unito – se verrà ratificata la tassa globale del 15%.

Quindi sì, si tratta di questioni fiscali di Big Tech: esperti esperti in frode fiscale e trarre profitto da paradisi situazioni anche all’interno dell’Europa, come Irlanda e Lussemburgo. Il modo in cui è stata costruita l’UE ha consentito l’inasprimento della concorrenza fiscale tra gli stati-nazione. Discutere apertamente di questo a Bruxelles rimane un tabù virtuale. Nell’elenco ufficiale dell’UE dei paradisi fiscali non si trovano Lussemburgo, Paesi Bassi o Malta.

Quindi tutto questo potrebbe essere solo un colpo di stato di pubbliche relazioni? È possibile. Il problema principale è che al Consiglio europeo – dove i governi degli Stati membri dell’UE discutono le loro domande – hanno trascinato i piedi per molto tempo e hanno in qualche modo delegato l’intera faccenda all’OCSE.

Allo stato attuale, i dettagli sulla tassa del 15% sono ancora vaghi, anche se il governo degli Stati Uniti sta per diventare il più grande vincitore, perché le sue multinazionali hanno enormi profitti in tutto il pianeta sposta per evitare le tasse sulle società statunitensi.

Senza contare che nessuno sa se, quando e come l’accordo sarà globalmente accettato e implementato: sarà un concorso di Sisifo. Almeno se ne parlerà, ancora, al G20 di Venezia di luglio.

 

Quello che vuole la Germania

Senza la Germania non ci sarebbero stati reali progressi sull’accordo di investimento UE-Cina alla fine dello scorso anno. Con una nuova amministrazione statunitense, l’accordo è di nuovo in stallo. La cancellatrice uscente Merkel è contraria al disaccoppiamento economico Cina-UE, così come gli industriali tedeschi. Sarà un vero piacere guardare questa sottotrama al G7.

In poche parole: la Germania vuole continuare ad espandersi come potenza commerciale globale utilizzando la sua grande base industriale, mentre gli anglosassoni hanno completamente abbandonato la loro base industriale per abbracciare la finanziarizzazione non produttiva. E la Cina da parte sua vuole commerciare con l’intero pianeta. Indovina chi è il giocatore strano fuori.

Considerando il G7 come un raduno di fatto dell’Egemone con le sue iene, sciacalli e chihuahua, sarà anche un bel piacere osservare la semantica. Quale grado di “minaccia esistenziale” sarà attribuito a Pechino – soprattutto perché per gli interessi dietro l’ologramma “Biden” la vera priorità è l’Indo-Pacifico?

A questi interessi non frega niente del desiderio dell’UE di una maggiore autonomia strategica. Washington annuncia sempre i suoi diktat senza preoccuparsi di consultare preventivamente Bruxelles.

Quindi questo è ciò che sarà questa Trilice X di vertici – G7, NATO e UE-USA –: l’Egemone che fa di tutto per contenere/perseguitare l’emergere di una potenza in crescere arruolando le sue satrapie per “combattere” e preservare così il “ordine internazionale basato su regole” che ha progettato oltre settant’anni fa.

La storia ci dice che non funzionerà. Solo due esempi: gli imperi britannico e francese non riuscirono a fermare l’ascesa degli Stati Uniti nel 19 ° secolo; e ancora meglio, l’asse anglo-americano ha fermato l’ascesa simultanea di Germania e Giappone solo pagando il prezzo di due guerre, con l’impero britannico distrutto e la Germania di nuovo come la prima potenza in Europa.

Ciò dovrebbe conferire all’incontro di “America is Back” e “Global Britain” in Cornovaglia lo status di mera, bizzarra nota storica.

 

 

FONTE

articolo di di Pepe Escobar

per LewRockwell.com

ripubblicato da Global Research

 

 

Pepe Escobar , nato in Brasile, è corrispondente e redattore generale per Asia Times e editorialista per Consortium News e Strategic Culture a Mosca. Dalla metà degli anni ’80 ha vissuto e lavorato come corrispondente estero a Londra, Parigi, Milano, Los Angeles, Singapore, Bangkok. Ha coperto ampiamente il Pakistan, l’Afghanistan e l’Asia centrale fino a Cina, Iran, Iraq e il più ampio Medio Oriente. Pepe è l’autore di Globalistan – Come il mondo globalizzato si sta dissolvendo nella guerra liquida; Red Zone Blues: un’istantanea di Baghdad durante l’ondata. Ha collaborato alla redazione di The Empire e The Crescent e Tutto in Vendita in Italia. I suoi ultimi due libri sono Empire of Chaos e 2030. Pepe è anche associato all’Accademia Europea di Geopolitica con sede a Parigi. Quando non è in viaggio vive tra Parigi e Bangkok.

È un frequente collaboratore di Global Research.


Scopri di più da La voce Delle Voci

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento