CONSOB / PER I 650 DIPENDENTI 1.150 EURO AL MESE IN PIU’

Nel giorno in cui Papa Francesco decide il taglio agli appannaggi di vescovi e cardinali per raddrizzare i conti della Santa Sede, Mario Draghi vara l’aumento dello stipendio ai dipendenti della Consob: d’ora in poi, la loro busta paga cresce di 1.150 euro. All’anno? No, al mese. In questo modo, i loro guadagni saranno gli stessi di quelli dei dipendenti della Banca d’Italia. Tutti nababbi.

La strabiliante notizia arriva da ‘Wall Street Italia’. In un periodo di tragica crisi economica provocata dalla pandemia, con i negozi che chiudono uno dopo l’altro, gli esercizi commerciali al collasso, le piccole imprese votate al fallimento, le partite iva che affogano, i pensionati sempre più in miseria, l’esecutivo griffato Draghi non decide di tagliare i già sontuosi stipendi delle due grandi Cupole finanziarie del Paese, Bankitalia e Consob: ma addirittura opta per un pingue aumento.

Il governo Draghi, stavolta, getta la maschera. Un esecutivo genuflesso di fronte alla lobby più potenti, da quella di Big Pharma, come ampiamente dimostrato nella vergognosa gestione della pandemia, a quella finanziaria, come adesso attesta il caso Consob.

Altro che governo dei cittadini e per i cittadini! Sempre più calpestati, oltraggiati, massacrati. E ora anche derisi da tale provvedimento tutto pro Kasta.

Qualche dato in più sulla folle situazione. Lo stipendio medio annuale dei dipendenti Consob, d’ora in poi, raggiunge quota 167.692 euro. Il numero dei dipendenti è pari a 650 unità.

A quanto pare tutto era cominciato con una semplice richiesta di un’indennità una tantum a favore dei dipendenti. Il governo Conte l’aveva respinta perché riteneva che l’esborso di 25 milioni di euro per ‘costi del personale’ fosse eccessivo.

Un mese fa, poi, i cinque commissari interni a Consob sono tornati alla carica con una proposta di mediazione, senza mettere in mezzo la questione dell’indennità aggiuntiva.

L’appena insediato governo Draghi ha chiesto ulteriori informazioni per verificare la sostenibilità degli eventuali aumenti ‘a dieci anni’.

Qualche giorno fa l’accordo è stato raggiunto sulla base dei 1.150 euro in più ogni mese. E Babbo-Draghi in versione natalizia firma il provvedimento-cadeau.

Possono sparare i tric trac e organizzare una carovana a Rio de Janeiro, i 650 baciati dalla dea bendata.

Un vero Bingo per loro: deciso dal Gran Moralizzatore, il Salvatore della Patria.

Sulla pelle e sul sangue di tutti gli italiani.

A seguire vi proponiamo la lettura di un capitolo del volume “Bankster – Molto peggio di Al Capone i vampiri di Wall Street e Piazza Affari”, scritto undici anni fa da Elio Lannutti, senatore 5 Stelle e storico fondatore di Adusbef, l’associazione a tutela dei risparmiatori. Il capitolo s’intitola: “Le Grandi Cupole: la Consob”.

Oggi più Cupola che mai.

 

LEGGI il capitolo di BANKSTER, da pagina 305 a pagina 335

 

Bankster-Capitolo Consob

Lascia un commento