Nucleare – Boris Johnson annuncia un aumento del 40% nell’arsenale britannico

Boris Johnson ha annunciato un aumento del 40% dell’arsenale nucleare britannico.

Oggi l’arsenale è di circa 200 testate nucleari. Ciascuno è circa 8 volte la potenza della bomba di Hiroshima che ha ucciso oltre 200.000 persone. Questa è una capacità di uccidere di centinaia di milioni. Come può Johnson ragionevolmente giustificare quell’arsenale, per non parlare di aumentarlo?

Una domanda chiave viene posta dai media e dal parlamento: è legale?

La risposta è un clamoroso No. L’aumento dell’arsenale nucleare della Gran Bretagna viola i nostri legali ai sensi del Trattato di non proliferazione nucleare, che la Gran Bretagna ha ratificato nel 1970. Il Trattato richiede che i paesi che hanno armi nucleari si disarmino e quelli che non le hanno non lo facciano. prendili. Non vi è alcun modo in cui aumentare un arsenale nucleare sia legittimo ai sensi del Trattato.

Ma non sono solo le nuove testate ad essere illegali, è anche l’intero progetto di sostituzione del Trident. Quando il governo di Blair ha perseguito per la prima volta la sostituzione del Trident nel 2005, Matrix Chambers ha fornito un parere legale che ha ritenuto che la sostituzione del Trident sarebbe stata una violazione del materiale del Trattato perché richiede ciascuna delle parti del Trattato si impegni a portare avanti i negoziati in buona fede su misure efficaci relativi alla cessazione anticipata della corsa agli armamenti nucleari e al disarmo nucleare.

Quindi non solo le testate aggiuntive sono illegali, ma la sostituzione del Tridente è illegale e il mancato disarmo delle nostre armi nucleari esistenti viola il Trattato.

Stranamente, i governi britannici si affermano sempre il loro fermo impegno nei confronti del TNP e la Revisione integrata non fa eccezione. Afferma: “Siamo fortemente impegnati per la piena attuazione del TNP in tutti i suoi aspetti, compreso il disarmo nucleare”.

Purtroppo, non è vero. In effetti il ​​nostro governo – con tutti i discorsi della sua Review sull ” ‘ordine basato su regole’ ‘, il super soft power della BBC, la sua leadership nella diplomazia – ignora completamente il Trattato, e la sua decisione questa settimana ha lanciato un missile Trident con qualsiasi pretesto contro adempiere ai propri legali. Ha aumentato le tensioni globali, presumibilmente per rafforzare l’immagine di Johnson di una “Gran Bretagna globale”, che colpisce al di sopra del suo peso ed è una forza nel mondo.

Nonostante la sua inosservanza del Trattato, la Revisione si affretta ad affermare che “non esiste una strada alternativa credibile al disarmo nucleare” eccetto il TNP. Questo è un riferimento sottilmente velato all’ostilità del governo nei confronti del nuovo Trattato delle Nazioni Unite sulla proibizione delle armi nucleari, entrato in vigore a gennaio. La decisione del governo di aumentare il suo arsenale nucleare dimostra molto chiaramente perché così tanti paesi – in gran parte del sud del mondo – hanno perso la speranza nel processo del TNP che è stato reso privo di significato dalle azioni di stati come il nostro.

La decisione di Johnson di aumentare l’arsenale nucleare britannico è un problema serio. Non è solo che preferiremmo che i soldi fossero spesi per qualcosa di più utile; o che questa flagrante violazione del TNP possa incoraggiare altri a perseguire armi nucleari; è una questione di quale tipo di mondo vogliamo vedere, quale ruolo vogliamo che la Gran Bretagna giochi e cosa rappresenta effettivamente. Il riarmo con armi di distruzione di massa non è qualcosa che possiamo accettare.

Dobbiamo trovare in noi stessi il rifiuto della pericolosa imbroglia del governo sulle armi nucleari, la loro affermazione che “il Regno Unito continuerà a lavorare a livello internazionale per ridurre il rischio di conflitto nucleare e rafforzare la fiducia e la sicurezza reciproca”. Questa è solo una sciocchezza e lo sappiamo. Invito tutti a unirsi a CND  e ad attivarsi: questo sta sfuggendo di mano.

 

 

FONTE:

 

Articolo di Kate Hudson

per Global Research, 18 marzo 2021

 

Lascia un commento