la CIA adatta il software di database chiamato PROMIS con backdoor per lo spionaggio informatico

La CIA ha mentito, ingannato e tradito i suoi amici e partner commerciali in modi che persino Donald Trump avrebbe potuto invidiare? Uno scandalo dell’intelligence in rapida evoluzione indica che la risposta è sì. Il mondo oscuro dello spionaggio dell’era informatica è in piena evidenza nello scandalo in corso che coinvolge la CIA e Crypto AG, la società di crittografia con sede a Zugo, in Svizzera.
Il giornalista investigativo del Washington Post Greg Miller, attingendo a un rapporto della CIA di 96 pagine, ha rivelato che Crypto AG era stata acquistata segretamente nel giugno 1970 dalla CIA e dal BND, l’allora servizio di intelligence straniera della Germania occidentale, per 5,75 milioni di dollari.
Il BND ha venduto la sua quota in Crypto alla CIA nel 1993. Crypto AG, che ha anche collaborato strettamente con la National Security Agency, è stata liquidata nel 2018. [1]
Crypto AG ha venduto macchine di crittografia a più di 100 governi in cerca di protezione per comunicazioni diplomatiche e altri documenti sensibili.

 

 

 

Miller ha spiegato a “Fresh Air” della National Public Radio che la macchina di crittografia mescola i messaggi e li codifica e poi li decodifica all’arrivo in modo che i governi non possano ascoltare ciò che stai dicendo ai tuoi diplomatici o ai tuoi militari o alle tue spie. È progettata per proteggere la segretezza delle comunicazioni dei paesi. Ma i clienti di Crypto AG non sapevano che la società di crittografia che avevano assunto per salvaguardare i propri record sensibili li scaricava segretamente su CIA e BND.

La CIA ha chiamato la storia dell’operazione Crypto l’ha “il colpo di stato dell’intelligence” del 20 ° secolo, vantandosi che “i governi stranieri pagavano un bel po’ di soldi agli Stati Uniti e alla Germania occidentale per far leggere le loro comunicazioni più segrete da almeno due … paesi stranieri. Secondo la CIA, “le macchine crittografiche fornirono circa il 40 percento di tutte le comunicazioni estere che i decodificatori statunitensi elaboravano per l’intelligence”. [2]
Con l’emergersi dello scandalo Crypto AG, l’emittente pubblica svizzera SRF ha rivelato che anche Omnisec, una seconda società di crittografia svizzera, condivideva i segreti dei propri clienti governativi con la CIA e il BND.

 

 

La Radio-TV svizzera ha referito che, “come Crypto, Omnisec aveva venduto attrezzature manipolate a governi ed eserciti stranieri”, e inoltre che “Un’indagine del Parlamento svizzero … ha concluso … che il servizio di intelligence della Svizzera aveva beneficiato delle informazioni raccolte dalle sue controparti straniere attraverso la società di crittografia”. Omnisec, uno dei maggiori concorrenti di Crypto AG, ha anche venduto dispositivi di crittografia “manipolati” a UBS, la più grande banca svizzera. [3]
Nel frattempo, CovertAction Magazine ha ottenuto nuove prove nel caso del software PROMIS, uno scandalo correlato allo spionaggio informatico durante l’amministrazione Reagan. La nuova prova riguarda un piano segreto degli Stati Uniti a metà degli anni ’80 per distribuire i database PROMIS, con “una porta sul retro”, per raccogliere informazioni in Medio Oriente. Copie modificate del database hanno consentito alla CIA di scaricare dai paesi segreti archiviati su PROMIS.
Una lettera datata 14 maggio 1985, del procuratore generale aggiunto William Bradford Reynolds al procuratore degli Stati Uniti William F. Weld a Boston, delinea un piano segreto per distribuire i database PROMIS con “un’unità speciale di recupero” in Medio Oriente.
Lettera del procuratore generale aggiunto William Bradford Reynolds al procuratore degli Stati Uniti William F. Weld a Boston, che delinea un piano segreto per distribuire database PROMIS adattati con “un’unità di recupero speciale” [leggi: porta di servizio] da utilizzare in operazioni segrete dell’intelligence statunitense. [Fonte: Jack Colhoun]

Reynolds scrive: “Come concordato, i signori Manucher Ghorbanifar, Adnan Khashoggi e [il segretario aggiunto per la difesa] Richard Armitage medieranno la transazione del software Promise [ sic ] allo sceicco Khalid bin Mahfouz per la rivendita e la distribuzione generale o come regali nella sua regione . ” E continua: “La Promise [sic] deve avere un atterraggio morbido. Niente pratiche, dogana o ritardi. ” E aggiunge enfaticamente, “Deve essere equipaggiato con la speciale unità di recupero. Come prima, devi accompagnare gli esperti finanziari attraverso il Credit Suisse fino alla National Commerce Bank “. [4]
Procuratore generale aggiunto William Bradford Reynolds. [Fonte: news.yahoo.com ]

Ghorbanifar, un iraniano, e Khashoggi, un saudita, erano trafficanti di armi. Mahfouz, un finanziere saudita, rappresentava la National Commerce Bank. [5]

A differenza di Crypto AG o Omnisec, Inslaw, Inc., che sviluppò il software PROMIS all’inizio degli anni ’80, non era di proprietà della CIA e del BND. Inslaw, che era di proprietà privata, ha affermato che alti funzionari dell’amministrazione Reagan hanno cospirato con il Dipartimento di Giustizia per acquisire PROMIS illegalmente guidando la società in bancarotta. Inslaw ha anche affermato che il PROMIS modificato è stato utilizzato in operazioni segrete dell’intelligence statunitense.

The Inslaw Affair, un rapporto investigativo del settembre 1992 del Comitato giudiziario della Camera, ha trovato credibili le affermazioni della piccola società di software di Washington, DC.

Il rapporto della commissione giudiziaria affermava: “Sembrnoa esserci pesanti indizi, cone risulta da due procedimenti del tribunale federale e dall’indagine della commissione, che il Dipartimento di Giustizia ‘ha agito volontariamente e fraudolentemente’ e ‘ha preso, convertito e rubato “il PROMIS modificato di Inslaw con “raggirii, frodi e inganni “. Il rapporto afferma inoltre che “Sembra che queste azioni contro Inslaw siano state attuate … sotto la direzione di funzionari di alto livello del Dipartimento di Giustizia”. [6]
Non c’è stata un resoconto ufficiale completo della vicenda PROMIS. Tuttavia la lettera del maggio 1985 del vice procuratore generale Reynolds al procuratore degli Stati Uniti Weld su PROMIS è un buon punto di partenza.

[1] Greg Miller, “The Intelligence Coup of the Century”, Washington Post , 20 febbraio 2020; Intervista a Greg Miller, “Fresh Air”, National Public Radio, 20 marzo 2020; per informazioni su Crypto AG, vedere Wayne Madsen, “Crypto AG: The NSA’s Trojan Whore?” Rivista CovertAction , inverno 1998.
[2] Intervista a Greg Miller, National Public Radio, 20 marzo 2020; Greg Miller, “Swiss Report: CIA’s Ownership of Crypto Jeopardized Neutrality”, Washington Post , 11 novembre 2020.
[3] “Report Claims CIA Controlled Second Swiss Encryption Firm”, Agence France-Presse, 27 novembre 2020; “Seconda azienda svizzera presumibilmente vendette dispositivi di spionaggio con crittografia truccata”, SWI della televisione pubblica svizzera, 26 novembre 2020.
[4] Lettera del procuratore generale aggiunto William Bradford Reynolds al procuratore degli Stati Uniti William F. Weld, Boston, 14 maggio 1985.
[5] Peter Truell e Larry Gurwin, False Profits: The Inside Story of BCCI, the World’s Most Corrupt Financial Empire (Houghton Mifflin, Boston 1992), 37, 134-36; Jonathan Beaty e SC Gwynne, The Outlaw Bank: A Wild Ride into the Secret Heart of BCCI (Random House, New York 1993), 172, 328, 348, 352.
[6] The Inslaw Affair, An Investigative Report of the House Judiciary Committee, 10 settembre 1992, 4-6.

 

FONTE:

Articolo di Di Jack Colhoun del 23 febbraio 2021 per CovertAction Magazine 

Home

 

Jack Colhoun è uno storico e giornalista investigativo veterano di CovertAction Information Bulletin e CovertAction Quarterly, autore di molti articoli tra cui “Israeli Arms to the Contras” e “US Supports Khmer Rouge”.
È anche l’autore di Gangsterismo: The United States, Cuba, and the Mafia, 1933-1966.

 

 

CovertAction Magazine è reso possibile da abbonamenti , ordini e donazioni di lettori come te.Quando fai una donazione a CovertAction, stai sostenendo il giornalismo investigativo. I vostri contributi vanno direttamente a sostenere lo sviluppo, la produzione, il montaggio e la diffusione della Rivista.

CovertAction Magazine non riceve sponsorizzazioni aziendali o governative e non vende pubblicità. Tuttavia, manteniamo un impegno costante a fornire compensi agli scrittori, supporto editoriale e tecnico. Il tuo supporto aiuta a facilitare questa compensazione e ad aumentare il calibro di questo lavoro.

Effettua una donazione facendo clic sul logo della donazione in alto e digitando l’importo e i dati della tua carta di credito o di debito.

CovertAction Magazine, CovertAction Quarterly e CovertAction Information Bulletinsono progetti di Covert Action Publications, Inc. , un’organizzazione senza scopo di lucro costituita nello Stato di New York.
Ti ringraziamo sinceramente per il tuo supporto.
Disclaimer: I contenuti di questo articolo sono di esclusiva responsabilità degli autori. Covert Action Publications, Inc. (CAP), compreso il suo consiglio di amministrazione (BD), il comitato editoriale (EB), il comitato consultivo (AB), il personale, i volontari e i suoi progetti (inclusa la rivista CoverAction ) non sono responsabili per qualsiasi inesatto o errato dichiarazione in questo articolo. Questo articolo, inoltre, non rappresenta necessariamente le opinioni di BD, EB, AB, personale, volontari o qualsiasi membro dei suoi progetti.
Ripubblicazione: CovertAction Magazine (CAM) concede l’autorizzazione a pubblicare articoli CAM su siti Internet di comunità senza scopo di lucro a condizione che la fonte venga citata insieme a un collegamento ipertestuale all’articolo originale di CoverAction Magazine . Inoltre, faccelo sapere a info@CovertActionMagazine.com . Per la pubblicazione di articoli CAM in formato cartaceo o in altre forme, inclusi siti Internet commerciali, contattare: info@CovertActionMagazine.com .
Utilizzando questo sito, accetti questi termini sopra.


Scopri di più da La voce Delle Voci

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento