MEZZOBUSTI / L’ERUTTANTE RASSEGNA STAMPA DEL TGCOM24

Erano in parecchi a scegliere, tra le rassegne stampa tivvù, quella del Tgcom24.Un po’ faziosa, visto che gli editoriali di Feltri o di Sallusti, spesso e volentieri vengono letti per intero. Comunque generalmente ben fatta, rapida, succosa.

Ma da un anno è successo qualcosa. Spesso, di notte come di mattina, capita di imbattersi in un mezzobusto tutto leccatino, barbetta e capelli al vento. Che quando va in onda dà vita ad una sequela interminabile (i venti minuti della rassegna) di rumori e rumorii che emanano dal cavo orale: sorte di rutti e ruttini, tirate su di naso, sospiri, mugolii, gorgogli, colpi di tosse, insomma una rassegna di emissioni che farebbe la gioia di qualsiasi otorinolaringoiatra.

Sorge spontaneo l’interrogativo: vuoi vedere che è una missinscena per far sentire a proprio agio chi ascolta in tempi di Covid?

E ce lo siamo chiesti tante volte: ma non si accorgono di niente i responsabili del Tgcom24? Non guardano e, soprattutto, non sentono?

A quel punto ti viene l’ovvia considerazione. Visto che resta inchiodato alla sua rassegna, ormai da un anno abbondante, vuol dire che il “raccomandante” è un pezzo da novanta. Al quale nulla si può obiettare e al quale occorre solo obbedire.

Ma ecco la scoperta. Alcuni giorni fa, alla rassegna stampa domenicale, l’eruttante mezzobusto fa sapere a tutti la sua identità. E’ il compagno di Giorgia Meloni, dalla quale ha avuto una figlia. Coglie l’occasione, il tenero compagno, per esternare il suo pensiero su quanto è successo in occasione degli insulti rivolti dal docente dell’Università di Siena al segretario di Fratelli d’Italia.

Ecco le sue accorate parole: “Per coloro che non lo sapessero, sono il compagno di Giorgia Meloni, la madre di mia figlia. Sono molto fiero di quello che ha fatto nella sua vita”.

E prosegue: “Non mi permetto di commentare le parole del professore perché ci sono altri luoghi dove verranno commentate e sentenziate in altri termini. Mi permetto solo di dire che ci sono dei minori che leggono certe schifezze. Io spiegherò a mia figlia quanto sua madre sia valorosa e meritevole di ciò che ha fatto nella sua vita”.

Il finalino: “Mi auguro, professore, ammesso che lei abbia figli, che i suoi figli possano dire altrettanto dei suoi commenti misogini, indegni e vergognosi”.

Miracolo, neanche un gargarismo.

Ah, dimenticavamo un dettaglio. Il mezzobusto si chiama Andrea Giambruno.

 

 

 

nella foto Andrea Giambruno


Scopri di più da La voce Delle Voci

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento