UN RISARCIMENTO PER LA MALA GESTIONE DELLA PANDEMIA

Dopo due milioni di morti, dobbiamo ottenere un risarcimento per aver gestito male la pandemia

L’assassinio è una parola emotiva. Per legge, richiede premeditazione. La morte deve essere considerata illegale. Come potrebbe “omicidio” applicarsi ai fallimenti di una risposta a una pandemia? Forse non può e non lo farà mai, ma vale la pena considerare. Quando politici ed esperti affermano di essere disposti a consentire decine di migliaia di morti premature per il bene dell’immunità della popolazione o nella speranza di sostenere l’economia, non è questa indifferenza premeditata e sconsiderata nei confronti della vita umana? Se i fallimenti delle polizze portano a blocchi ricorrenti e errati, chi è responsabile delle morti in eccesso non covid che ne derivano? Quando i politici trascurano volontariamente i pareri scientifici, l’esperienza internazionale e storica e le loro statistiche e modelli allarmanti perché agire va contro la loro strategia politica o ideologia, è legale? È inazione, azione? 1 Quanto è grande un’omissione non intervenire subito dopo che l’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato l’emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale il 30 gennaio 2020?

Per lo meno, covid-19 potrebbe essere classificato come “omicidio sociale”, come recentemente spiegato da due professori di criminologia. 2 Il filosofo Friedrich Engels ha coniato la frase descrivendo il potere politico e sociale detenuto dall’élite dominante sulle classi lavoratrici nell’Inghilterra del XIX secolo. La sua tesi era che le condizioni create dalle classi privilegiate portassero inevitabilmente alla morte prematura e “innaturale” tra le classi più povere. 3 In The Road to Wigan Pier , George Orwell ha fatto eco a questi temi descrivendo la vita e le condizioni di vita della classe operaia nel nord industriale dell’Inghilterra. 4 Oggi, “omicidio sociale” può descrivere la mancanza di attenzione politica ai determinanti sociali e alle disuguaglianze che esacerbano la pandemia. Michael Marmot sostiene che quando emergiamo dal covid-19 dobbiamo ricostruire più equamente. 5

Responsabilità internazionale

Una pandemia ha implicazioni sia per i residenti di un paese che per la comunità internazionale, quindi i governi sovrani dovrebbero probabilmente essere ritenuti responsabili nei confronti della comunità internazionale per le loro azioni e omissioni su covid-19. I crimini contro l’umanità, come giudicati dalla Corte penale internazionale, non includono la salute pubblica. 6 Ma David Scheffer, un ex ambasciatore degli Stati Uniti per i crimini di guerra, suggerisce che potremmo ampliare l’applicazione della negligenza sanitaria pubblica “per rendere conto dell’amministrazione della salute pubblica durante le pandemie”. 7 In tal caso, la negligenza sanitaria potrebbe diventare un crimine contro l’umanità, per i leader che intenzionalmente scatenano una malattia infettiva sui loro cittadini o stranieri. Altri hanno sostenuto in modo simile i crimini ambientali. 8

Se non è un omicidio o un crimine contro l’umanità, stiamo assistendo a omicidio colposo, cattiva condotta in uffici pubblici o negligenza criminale? Non sono progettate per reagire a eventi senza precedenti, ma poiché più di due milioni di persone sono morte, non dobbiamo guardare con impotenza poiché i rappresentanti eletti in tutto il mondo rimangono irresponsabili e impenitenti . In base a quale standard dovrebbero essere giudicati i leader? È il numero ridotto di morti in paesi come la Nuova Zelanda e Taiwan o lo standard più severo di zero morti in eccesso? Le morti non arrivano come singole spie ma come un battaglione di famiglie in lutto, vite distrutte, malattie a lungo termine e rovina economica.

 

 

Dagli Stati Uniti all’India, dal Regno Unito al Brasile, le persone si sentono vulnerabili e tradite dal fallimento dei loro leader. Gli oltre 400.000 decessi per covid-19 negli Stati Uniti, 250.000 in Brasile, 150.000 ciascuno in India e Messico e 100.000 nel Regno Unito costituiscono la metà del numero di morti covid nel mondo, per mano di sole cinque nazioni. 9 Donald Trump è stato un determinante politico della salute che ha danneggiato le istituzioni scientifiche. 10 Ha subito una sconfitta elettorale, ma Trump resta responsabile ora che è fuori carica? Bolsonaro, Modi e Johnson hanno messo in discussione la loro competenza in modi diversi, e McKee e colleghiengono che i leader populisti hanno minato le risposte pandemiche. 11 La prospettiva di responsabilità nelle autocrazie come la Cina e la Russia è ancora più lontana e si basa su forti istituzioni internazionali e sul coraggio dei cittadini.

Più di pochi paesi hanno fallito nella risposta al virus; i passi falsi globali sono molti e ben documentati dall’Independent Panel for Pandemic Preparedness and Response. 12 13 Il suo rapporto chiede un uso completo di interventi non farmaceutici – i mezzi, dicono, con cui questi interventi frenano una pandemia sono “ben noti” – e che i governi sostengono l’equità, reinventino e modernizzino il sistema di allarme pandemico globale , prendere minacce pandemiche seriamente e cooperare meglio con le altre nazioni e l’OMS. Agire con urgenza e collaborazione in queste aree consentirà al mondo di essere preparato al meglio per qualsiasi futura pandemia.

 

Scuse vuote

Ma il quadro globale non assolve i singoli leader e governi dalla responsabilità. 14 Molte conclusioni della giuria collocano la colpa direttamente sulla soglia dei governanti, anche se sarà difficile trovare un solo politico che abbia ammesso la responsabilità per l’entità della morte prematura, per non parlare delle dimissioni. Molti hanno espresso contrizione, ma “mi dispiace” suona vuoto quando le morti aumentano e le politiche che salveranno vite vengono deliberatamente evitate, ritardate o gestite male.

Altri dicono di aver fatto tutto il possibile o che la pandemia fosse un territorio inesplorato; non c’era nessun playbook. Nessuno di questi è vero. Sono bugie politiche egoistiche dei “gaslighters in chief” di tutto il mondo. 15 Alcuni tentano di difendere il loro record affermando che il loro paese ha fatto più test, conta meglio le morti o ha più obesità e densità di popolazione. Tutti questi fattori possono contribuire, ma i metodi di conteggio oi fattori della popolazione non spiegano l’entità della variazione delle prestazioni.

Se i cittadini si sentono impotenti, chi potrebbe ritenere responsabili i politici negligenti? Gli esperti in scienze potrebbero farlo, ma i consulenti scientifici ufficiali hanno spesso lottato per convincere i politici ad agire fino a quando non è troppo tardi o hanno taciuto per evitare critiche pubbliche. Così potrebbero fare i medici, con le loro responsabilità nei confronti della salute pubblica. 16

I media potrebbero aiutare qui, ricordando il loro dovere di dire la verità al potere, per ritenere responsabili i funzionari eletti. Eppure anche gran parte dei media è complice, intrappolata in silos ideologici che vedono la pandemia through una lente di tribalismo politico, preoccupati di raccontare verità pandemiche ai loro lettori e spettatori, proprietari e amici politici. In effetti, la verità è diventata superflua in quanto ai politici e ai loro alleati è permesso mentire, fuorviare e ridipingere la storia, con appena un accenno di sfida da parte di giornalisti ed emittenti. Chiunque osi dire la verità al potere è antipatriottico, sleale o un “intransigente”.

I ministri del Regno Unito, ad esempio, interagiscono con i media attraverso interviste sterilizzate, conferenze print gestite da palcoscenico, briefing non registrati ai corrispondenti preferiti e, quando il gioco si fa duro, semplicemente rifiutandosi di apparire. È questo ambiente che ha permesso il fiorire della negazione covida, affinché prevalesse l’irresponsabilità e che le grandi menzogne ​​delle risposte pandemiche del “mondo che batteva” fossero filate. “Le lezioni più importanti da questa pandemia”, sostengono Bollycky e Kickbusch, “riguardano meno il coronavirus stesso, ma ciò che ha rivelato sui sistemi politici che gli hanno risposto”. 17

Quante morti in eccesso ci vogliono dimettersi da un capo consulente scientifico o medico? Quanto tempo dovrebbe passare il test e rintracciare il pubblico prima che un ministro della salute o un consigliere capo si dimetta? Quanti contratti lucrosi per test diagnostici non scientifici che vengono assegnati a compari o errori nella politica educativa porteranno a un licenziamento ministeriale?

 

Ottenere un risarcimento

A chi dovrebbero rivolgersi i cittadini per la responsabilità, se non la trovano nei loro leader e non si sentono supportati dagli esperti e dai media? La legge rimane una forma di risarcimento, e in effetti alcune vie legali, tra cui negligenza penale e cattiva condotta negli uffici pubblici, sono state esplorate, 18 19 anche se dimostrare tali reclami sarà difficile e lungo. Ma la nozione di omicidio, almeno di “omicidio sociale”, è difficile da scuotere emotivamente e si rafforza con ogni negazione di responsabilità e ogni rifiuto di essere ritenuti responsabili o di cambiare rotta.

Ciò lascia tre opzioni. Il primo è spingere per un’indagine pubblica, come sostenevano il BMJ e altri nell’estate del 2020 20 , una revisione rapida e lungimirante piuttosto che un esercizio di attribuzione delle colpe che identificherà le lezioni e salverà vite. Il secondo è votare fuori leader eletti e governi che evitano la responsabilità e impenitenti. Gli Stati Uniti hanno dimostrato che una resa dei conti politica è possibile, e forse ne può seguire una legale, sebbene la ricerca suggerisca che la cattiva gestione di una pandemia potrebbe non perdere voti. 21Il terzo è per i meccanismi di governance globale, come la Corte penale internazionale, da ampliare per coprire le carenze statali nelle pandemie.

Nel Regno Unito, che è stato responsabile di circa l’1% dei decessi globali nella pandemia influenzale del 1918-19 e rappresenta ora il 5% con una percentuale minore della popolazione mondiale, 9 22 le elezioni sono a pochi anni di distanza. Poiché l’attuale governo detiene la funzione parlamentare, le vie di ricorso sembrano bloccate. Ciò che resta in queste circostanze è che i cittadini facciano pressioni sui loro rappresentanti politici per una rapida inchiesta pubblica; che i professionisti del diritto, della scienza, della medicina e dei media, nonché i titolari di cariche pubbliche, pongano il loro dovere nei confronti del pubblico al di sopra della lealtà verso i politici e si esprimano, dissentano legalmente, siano attivi nelle loro richieste di giustizia, soprattutto per i gruppi svantaggiati.

L ‘”assassinio sociale” delle era più di una reliquia di un’epoca passata. È molto reale oggi, esposto e ingrandito da covid-19. Non può essere ignorato o scartato. I politici devono essere tenuti a renderne conto con mezzi legali ed elettorali, anzi con ogni mezzo costituzionale nazionale e internazionale necessario. I fallimenti dello Stato che ci hanno portato a due milioni di morti sono “azioni” e “inazioni” che dovrebbero farci vergognare tutti.

Kamran Abbasi

 

FONTE

British Medical Journal

Lascia un commento