LA FARSA DEI FALSI POSITIVI PER IMPRIGIONARE LA POPOLAZIONE

Il test PCR non identifica il virus: i “falsi positivi” Covid utilizzati per giustificare il blocco e la chiusura dell’economia nazionale.

 

Siamo portati a credere che l’epidemia di corona sia entrata in una seconda ondata e che il virus si stia diffondendo senza sosta. È una bugia. 

Il test PCR utilizzato per stimare i casi covid positivi è difettoso. Non c’è una seconda ondata.

Il test viene ampiamente utilizzato per aumentare i numeri al fine di giustificare il blocco con conseguenze sociali ed economiche devastanti, tra cui il fallimento ingegneristico dell’economia dei servizi urbani, del turismo e dei viaggi aerei. 

Confermato da eminenti scienziati e da organismi di sanità pubblica ufficiali tra cui l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e il Centro statunitense per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC). Covid-19 è un problema di salute pubblica ma NON è un virus pericoloso.

La verità non detta è che il nuovo coronavirus fornisce un pretesto e una giustificazione a potenti interessi finanziari e politici corrotti per far precipitare il mondo intero in una spirale di disoccupazione di massa, bancarotta, povertà estrema e disperazione. 

Più di 7 miliardi di persone in tutto il mondo sono direttamente o indirettamente colpite dalla crisi della corona.

Stime errate

Niente nel test della reazione a catena della polimerasi (PCR) e nelle “stime” che ne derivano giustifica la chiusura dell’economia nazionale al fine di risolvere una crisi di salute pubblica.

Inoltre, recenti rapporti scientifici tra cui una “Retrazione” del 20 gennaio 2021 dell’OMS confermano che il test PCR produce stime non valide. L’OMS afferma esplicitamente che è necessario ripetere il test. (vedi sotto)

Leggere attentamente: secondo Pieter Borger, Bobby Rajesh Malhotra, Michael Yeadon, Clare Craig, et al.   

“Se qualcuno viene testato dalla PCR come positivo quando viene utilizzata una soglia [di amplificazione] di 35 cicli o superiore (come nel caso della maggior parte dei laboratori in Europa e negli Stati Uniti), la probabilità che tale persona sia effettivamente infetta è inferiore al 3% , la probabilità che detto risultato sia un falso positivo è del 97% (Review Report of Corman-Drosten et al ) 

 

Un tampone. In apertura, stretta di mano fra il direttore dell’OMS Tedros Adhanom e Bill Gates

Identificazione del virus

Il test RT-PCR non identifica / rileva il virus. Ciò che rileva sono frammenti di viri . Secondo il famoso immunologo svizzero Dr B. Stadler

Quindi, se eseguiamo un test corona PCR su una persona immunitaria, non è un virus che viene rilevato , ma una piccola parte frantumata del genoma virale. Il test torna positivo fintanto che sono rimaste minuscole parti frantumate del virus. Anche se i viri infettivi sono morti da tempo, un test corona può tornare positivo, perché il metodo PCR moltiplica anche una piccola frazione del materiale genetico virale abbastanza [da essere rilevato].

La domanda è positiva per cosa ?? Il test PCR non rileva l’identità del virus, secondo il dottor Pascal Sacré,

questi test rilevano particelle virali, sequenze genetiche, non l’intero virus.

Nel tentativo di quantificare la carica virale, queste sequenze vengono poi amplificate più volte attraverso numerosi passaggi complessi che sono soggetti ad errori, errori di sterilità e contaminazioni.

RT-PCR positiva non è sinonimo di malattia COVID-19! Gli specialisti in PCR chiariscono che un test deve essere sempre confrontato con la cartella clinica del paziente in esame, con lo stato di salute del paziente per confermarne il valore [affidabilità]

I media spaventano tutti con nuovi test PCR positivi, senza alcuna sfumatura o contesto, assimilando erroneamente queste informazioni con una seconda ondata di COVID-19. (enfasi aggiunta)

The Covid-19 Numbers Game: The “Second Wave” is Based on Fake Statistics

Sebbene il test RT-PCR non sia mai stato inteso per identificare il virus, tuttavia costituisce fin dall’inizio della crisi (gennaio 2020) la pietra angolare delle stime ufficiali dei “positivi” del Covid-19. Inoltre, questi test PCR non sono abitualmente accompagnati da una diagnosi medica dei pazienti sottoposti a test.

PERCHÉ è stata adottata la RT-PCR ??

Il controverso studio Drosten RT-PCR

  1. William Engdahlin un recente articolo documenta come il test RT-PCR sia stato istituito dall’OMS all’inizio, nonostante i suoi evidenti difetti nell’identificazione del 2019-nCoV. Lo scandalo affonda le sue radici in Germania coinvolgendo “un professore nel cuore del gruppo consultivo corona di Angela Merkel”:

Il 23 gennaio 2020, sulla rivista scientifica Eurosurveillance , del Centro dell’UE per la prevenzione e il controllo delle malattie, il dottor Christian Drosten , insieme a diversi colleghidell’Istituto di virologia di Berlino al Charité Hospital, [insieme] al capo di una piccola Berlino La società biotech, TIB Molbiol Syntheselabor GmbH, ha pubblicato uno studio intitolato “Detection of 2019 novel coronavirus (2019-nCoV) by real-time RT-PCR” (Eurosurveillance 23 gennaio 2020).

Mentre l’ articolo di Eurosurveillance di Drosten et al   (realizzato in collaborazione con l’OMS) ha confermato che “diverse sequenze di genomi virali erano state rilasciate”, nel caso di 2019-nCoV, tuttavia, ” isolati di virus o campioni di pazienti infetti  non erano disponibili …” ( enfasi aggiunta):

“Le sequenze del genoma suggeriscono la presenza di un virus strettamente correlato ai membri di una specie virale chiamata CoV correlata alla sindrome respiratoria acuta grave (SARS), una specie definita dall’agente dell’epidemia di SARS del 2002/03 nell’uomo [ 3 , 4 ].

Segnaliamo l’istituzione e la convalida di un flusso di lavoro diagnostico per lo screening 2019-nCoV e la conferma specifica [utilizzando il test RT-PCR], progettato in assenza di isolati di virus disponibili o campioni di pazienti originali. La progettazione e la convalida sono state rese possibili dalla stretta parentela genetica con la SARS-CoV del 2003 e aiutate dall’uso della tecnologia degli acidi nucleici sintetici “. ( Eurosurveillance, 23 gennaio 2020, corsivo aggiunto).

Ciò che questa (errata) affermazione suggerisce è che l’identità di 2019-nCoV non era richiesta e che la “convalida” sarebbe stata abilitata dalla “stretta parentela genetica con il 2003-SARS-CoV”.

 

Le raccomandazioni dello studio Drosten ( supportato dalla Fondazione Gates ) relative all’uso del test RT-PCR applicato per rilevare 2019-nCoV sono state poi trasmesse all’OMS. Successivamente sono stati approvati dal  direttore generale dell’OMS, Tedros Adhanom. L’  identità del virus non era richiesta.

Quanto sopra spiega anche la successiva ridenominazione da parte dell’OMS del 2019-nCoV in SARS-CoV-2.

L’articolo di Drosten et al relativo all’uso del test RT-PCR in tutto il mondo  (sotto la guida dell’OMS) è stato contestato in uno studio del 27 novembre 2020  da un gruppo di 23 virologi internazionali, microbiologi et al. “La loro attenta analisi del pezzo originale [di Drosten] è  schiacciante . … Accusano Drosten e coorti di incompetenza scientifica “fatale” e di difetti nel promuovere il loro test “( Engdahl , dicembre 2020).

Secondo  Pieter Borger, Bobby Rajesh Malhotra, Michael Yeadon ,  Clare Craig, Kevin McKernan, et al

Alla luce di tutte le conseguenze derivanti da questa stessa pubblicazione per le società di tutto il mondo, un gruppo di ricercatori indipendenti ha eseguito una revisione punto per punto della suddetta pubblicazione [Drosten] in cui 1) tutti i componenti del progetto di test presentato sono stati sottoposti a controlli incrociati, 2) le raccomandazioni del protocollo RT-qPCR sono state valutate rispetto alla buona pratica di laboratorio e 3) i parametri esaminati rispetto alla letteratura scientifica pertinente che copre il campo.

Il protocollo RT-qPCR pubblicato per il rilevamento e la diagnostica di 2019-nCoV e il manoscritto soffrono di numerosi errori tecnici e scientifici, tra cui un design del primer insufficiente, un protocollo RT-qPCR problematico e insufficiente e l’assenza di una convalida accurata del test . Né il test presentato né il manoscritto stesso soddisfano i requisiti per una pubblicazione scientifica accettabile. Inoltre, non vengono menzionati gravi conflitti di interesse degli autori. Infine, il brevissimo lasso di tempo tra la presentazione e l’accettazione della pubblicazione (24 ore) significa che un processo sistematico di revisione tra pari non è stato eseguito qui o di scarsa qualità problematica. Forniamo prove convincenti di numerose inadeguatezze, errori e difetti scientifici. (27 novembre 2020 Articolo Critica di Drosten , enfasi aggiunta)

I risultati del test PCR applicato a SARS-2 sono palesemente errati. Drosten et al avevano raccomandato l’uso di una soglia del ciclo di amplificazione 45 , che è stata approvata dall’OMS nel gennaio 2020.

Secondo Pieter Borger, et al

Il numero di cicli di amplificazione [dovrebbe essere] inferiore a 35; preferibilmente 25-30 cicli. In caso di rilevamento di virus,> 35 cicli rilevano solo segnali che non sono correlati al virus infettivo come determinato dall’isolamento in coltura cellulare … (Critique of Drosten Study )

RT-PCR “Retraction” dell’OMS (20 gennaio 2021)

Il test RT-PCR è stato adottato dall’OMS il 23 gennaio 2020, seguendo le raccomandazioni dello studio Drosten sopra citato. Era stato commissionato e finanziato dalla Fondazione Gates. Lo studio Drosten aveva raccomandato una soglia massima del ciclo di amplificazione di 45 , che è stata ampiamente applicata dalle autorità sanitarie nazionali.

CHI “Mea Culpa”

Un anno dopo, il 20 gennaio 2021, l’OMS ha ammesso che i test PCR produrranno risultati distorti se condotti al di sopra di una certa soglia di ciclo utilizzata per l’amplificazione.

Di seguito è riportato il testo della “ritrattazione” dell’OMS che riconosce che i risultati dei test condotti dai governi nazionali sono errati e che è necessario un processo di ” ripetizione del test”: 

Guida dell’OMS Il test diagnostico per SARS-CoV-2 afferma che è necessaria un’attenta interpretazione dei risultati deboli positivi ( 1 ). La soglia del ciclo (Ct) necessaria per rilevare il virus è inversamente proporzionale alla carica virale del paziente. Se i risultati del test non corrispondono alla presentazione clinica, è necessario prelevare un nuovo campione e riesaminarlo utilizzando la stessa tecnologia NAT o una diversa.

L’OMS ricorda agli utenti IVD che la prevalenza della malattia altera il valore predittivo dei risultati dei test; al diminuire della prevalenza della malattia, aumenta il rischio di falsi positivi ( 2). Ciò significa che la probabilità che una persona che ha un risultato positivo (SARS-CoV-2 rilevata) sia veramente infetta da SARS-CoV-2 diminuisce al diminuire della prevalenza , indipendentemente dalla specificità dichiarata.

La maggior parte dei test PCR sono indicati come ausilio per la diagnosi , pertanto, gli operatori sanitari devono considerare qualsiasi risultato in combinazione con la tempistica del campionamento, il tipo di campione, le specifiche del test, le osservazioni cliniche, la storia del paziente, lo stato confermato di eventuali contatti e le informazioni epidemiologiche. (enfasi aggiunta)

Ciò che conferma questa ammissione dell’OMS è che la maggior parte delle stime positive covid attualmente condotte nell’ambito della cosiddetta “Seconda Onda” (con cicli di amplificazione superiori a 35) non sono valide.

Secondo Pieter Borger, et al (citato sopra):

“Se qualcuno viene testato dalla PCR come positivo quando viene utilizzata una soglia di 35 cicli o superiore, la probabilità che detta persona sia effettivamente infetta è inferiore al 3%, la probabilità che detto risultato sia un falso positivo è del 97% (Critique of Drosten Study  

La citazione precedente conferma inequivocabilmente che i test adottati dai governi per giustificare la destabilizzazione della loro economia nazionale sono viziati.  Inoltre il virus SARS-CoV-2 non è stato identificato.  SARS-CoV-1 è stato utilizzato come “proxy” per SARS-CoV-1.

E se non può essere identificato dal test PCR, questo invalida il test.

Se il virus SARS-2 non può essere identificato, ciò non ha anche un impatto sullo sviluppo di un vaccino SARS-CoV-2?

 

 

Articolo del professor Michel Chossudovsky per Global Research


Scopri di più da La voce Delle Voci

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento