PESTICIDI / 385 MILIONI CASI DI AVVELENAMENTO ALL’ANNO

Non solo le pandemie.

Ma anche le stragi per l’uso dei pesticidi.

C’è un gigantesco pericolo per la salute di tutti i cittadini e nessuno, a quanto pare, se ne frega più di tanto. Per rendere l’idea basta subito un dato: ogni anno si registrano al mondo 385 milioni di casi di avvelenamento da pesticidi.

Una cifra monstre, calcolata (per difetto, viene precisato) in uno studio condotto da ‘Pesticides Action Network International’ (PAN), ossia un’organizzazione a livello mondiale che monitora la situazione sull’uso dei pesticidi.

L’ultima, tragica cifra, pari appunto a 385 milioni di casi, è stata calcolata dai ricercatori di PAN sulla base di 157 pubblicazioni scientifiche uscite in 141 paesi del mondo, e servendosi anche dei dati censiti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità sulle cause di mortalità.

Una tale mole di casi di avvelenamento si è tradotta, per l’ultimo anno censito, il 2019, in 11 mila morti.

I dati sono stati pubblicati dalla rivista scientifica ‘BCM Public Health’, la quale ha voluto sottolineare cose si tratti di stime al ribasso dal momento – viene spiegato – che mentre l’Europa è piuttosto attenta a comunicare i dati circa le cause dei decessi all’OMS, ciò non sempre accade negli altri paesi.

Le indagini del PAN sono cominciate esattamente trent’anni fa, nel 1990. E nell’arco di 30 anni il consumo globale dei pesticidi è cresciuto dell’81 per cento. Un dato che comprende sia il calo che si è verificato in Europa che l’enorme aumento – pari addirittura al 484 per cento – in Sud America.

Cecile Stratonovitch

Alla base di tutto c’è una massa di 860 milioni di agricoltori sparsi per tutti i continenti che fanno uso dei pesticidi. Secondo lo studio, poco meno della metà sono vittime di avvelenamenti, anche gravi: la percentuale – incredibile ma vero – si attesta su un drammatico 43,6 per cento.

Spiega Cecile Stratonovitch, ricercatrice e membro dell’associazione ‘Alerte des medicins sul les pesticides’: “I pesticidi non arrivano pronti, devi mescolare diversi prodotti ed è nel fare questo che le persone si intossicano”.

Secondo l’ultimo rapporto di Greenpeace, nel 2018 i paesi dell’Unione Europea hanno approvato la spedizione di 81.615 tonnellate di pesticidi contenenti sostanze il cui uso è vietato nel proprio territorio. Il 90 per cento di questi veleni banditi in Europa e inviati all’estero sono prodotti nel Regno Unito, Italia, Paesi Bassi, Germania, Francia, Belgio e Spagna.

Per la serie: in Europa i livelli di avvelenamento sono molto contenuti, ma crescono in modo esponenziale proprio in quei paesi dove gli export dei nostri pesticidi avvelenati arrivano.

Per la serie: ti ammazzo per veder crescere i miei profitti.

Da rammentare che uno dei pesticidi più nocivi per la salute – come ormai acclarato da numerosi autorevoli studi – è il glifosato, e in prima linea in RoundUp, il prodotto di punta della corazzata Bayer-Monsanto. Sommerso sotto una montagna di richieste di risarcimento danni tanto da essere stato costretto, mesi fa, a stanziare ben 10 miliardi di dollari per una chiusura ‘tombale’ di tutti i contenziosi.

 

 

LEGGI ANCHE

 

https://reporterre.net/Pesticides-385-millions-d-intoxications-chaque-annee-dans-le-monde


Scopri di più da La voce Delle Voci

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento