ISRAELE / TRIANGOLAZIONE PERFETTA CON GRECIA E ITALIA

Una triangolazione perfetta. Non ne sono protagonisti Ronaldo, Morata e Dybala: ma Italia, Grecia ed Israele.

Non palloni come merce di scambio, ma velivoli dal sapore tutt’altro che ludico o pacifico.

Al centro dell’affaire una abbondante fornitura aerea, passata dall’Italia ad Israele o poi da Israele smistata in Grecia.

Possibile mai? Sembra proprio di sì, stando alle intese appena raggiunte, dopo cinque mesi di trattative, da Grecia e Israele.

Il ministero ellenico della Difesa, infatti, ha siglato un accordo con Elbit Systems Ltd, big dell’industria militare israeliana, per la fornitura di velivoli e simulatori avanzati che verranno utilizzati nella Scuola per l’addestramento al volo promossa dalla Aeronautica militare che sarà realizzata a Kalamata, nel Peloponneso.

I greci sborseranno alla Elbit 1 miliardo 680 milioni di dollari, in cambio di 10 caccia-addestratori tipo M-346, compresi ben 20 anni di addestramento e la fornitura di attività logistiche di supporto.

La sorpresa sta proprio nella provenienza di quel materiale: che in realtà è stato prodotto in Italia, negli stabilimenti di Leonardo-Finmeccanica, venduto otto anni fa (metà 2012) proprio alle forze armate israeliane.

Sorge spontanea la domanda: non sarebbe stato più semplice per la Grecia ordinare direttamente all’Italia? Forse, per motivi di risparmio, hanno optato per un usato sicuro.

Ma lo scenario più probabile è adesso questo: Israele farà partire un nuovo ordine in direzione Italia, per altrettanti caccia-addestratori. La fornitura originaria italiana, in realtà, era di 30 velivoli: per cui ora sarà necessario rimpiazzarne solo dieci, quelli girati alla Grecia.

Dettaglia il blogger antimilitarista Antonio Mazzeo: “Secondo quanto previsto dall’accordo, Elbit Systems fornirà alle forze armate elleniche pure un simulatore da combattimento denominato Mission Training Center. Attualmente l’azienda gestisce tutti i centri di addestramento aerei delle forze armate israeliane, assicurando inoltre la manutenzione dei velivoli utilizzati, 30 caccia-intercettatori M-346 acquistati in Italia e 10 Beechcraft t-6 ‘Texan II’ prodotti negli Usa dal colosso Raytheon Aircraft”.

E aggiunge: “Un paio di mesi fa Elbit Systems ha annunciato di aver vinto un contratto del valore di 95 milioni di dollari per fornire a ‘un paese europeo’ un Rotary-Wing Mission Training Center, cioè un centro di addestramento elicotteri e relativi servizi di addestramento per gli equipaggi dei velivoli. Anche se il cliente europeo è rimasto top secret, molti analisti ritengono che esso non sia altro che il Ministero della Difesa italiano. Il Centro d’addestramento, infatti, è stato prefigurato appositamente per gli elicotteri da guerra EH-101 ed NH-90 in dotazione alle forze armate italiane e prodotti ancora una volta da Leonardo-Finmeccanica. Come dire che i legami tra Roma e Tel Aviv si confermano più solidi che mai, nonostante i raid di morte delle forze armate israeliane a Gaza, Siria e Libano…”.

Lascia un commento